Dolche: “Universal Gloria”

Dolche_ph Ivon Wolak
Dolche_ph Ivon Wolak

Da venerdì 20 novembre, è online su YouTube il video di “UNIVERSAL GLORIA”, brano della cantautrice e polistrumentista italo-francese DOLCHE, tratto dal suo ultimo album di inediti “Exotic Diorama” (già disponibile in digital download e su tutte le piattaforme digitali https://ffm.to/dolche-exotic-diorama).

Il videoclip di “Universal Gloria”, visibile al seguente link https://youtu.be/iRtp9uTcAPM, raccoglie una serie di immagini forti che raccontano un mondo che sta vivendo un momento difficile e che sta cercando di combattere importanti battaglie, quella contro il razzismo, l’omofobia, la discriminazione, la violenza contro esseri umani e animali, il rispetto per la natura. Temi fortemente sostenuti da Dolche e che la vedono quotidianamente impegnata attraverso molte campagne social.

“Universal Gloria” è una canzone attuale di denuncia, dallo spirito natalizio, attraverso cui Dolche presta la sua voce a tutti coloro che chiedono maggiori diritti e un mondo migliore. Un Gloria universale che accomuna un grido di aiuto, un richiamo all’amore incondizionato e alla fede nelle persone.

«Amo i grandi suoni e i cori. Amo la tradizione soul, il gospel e gli inni della chiesa che cantavo quando ero molto piccola. C’è un potere, qualcosa di magico nel suono di molte voci che si armonizzano in una – racconta Dolche – Con Universal Gloria ho composto e cantato personalmente tutte le diverse voci per mostrare che in ognuno di noi ci sono così tante potenzialità e lati diversi. Volevo scrivere un Gloria che non fosse religioso ma universale e potesse parlare di valori che tutti condividiamo».

XI Festival della Diplomazia

Diplomacy XI
Diplomacy XI

Reset Control ovvero “Azzerare tutto” è questa la frase chiave che racchiude il concept dell’undicesima edizione del Festival della Diplomazia, Diplomacy2020 pronto a tornare dal 19 al 30 ottobre 2020 on line e presso Spazio Europa di Via IV Novembre 149 a Roma, adeguandosi alle direttive di contenimento del Covid 19 in tutto il mondo.

Azzeriamo, ricominciamo da capo, cercando di trovare la bussola che ci conduca fuori dall’incertezza verso porti più rassicuranti. È in queste due parole che si condensa Diplomacy 2020, che racconterà la sfida sostenuta tramite il confronto diplomatico nell’era della pandemia.

Un tavolo unico di dialogo sui grandi temi: Green Deal, Scuola, Global governance, Clima e Salute nella Covid Era e tanto altro.

Un viaggio tra i temi più urgenti dell’attualità, affrontati da alcuni dei principali protagonisti del settore, con classici incontri dal vivo e, per la prima volta, attraverso 4 inediti diplo-channel per 10 ore no-stop quotidiane di approfondimenti, interviste e confronti, insieme a sessioni speciali e retrospettive esclusive, per un totale di 90 ore di full immersion tra comprensione del passato e del presente, riflessione e riprogettazione collettiva del futuro e dei suoi scenari.

Green Deal. Il green deal europeo e la sostenibilità economica con un importante incontro in presenza presso Spazio Europa lunedì 26 ottobre a Roma su “Sostenibilità ed Innovazione” in cui parteciperanno tra gli altri il Commissario Europeo all’ambiente Virginjius Sinkevicius. E ancora un webinair il giorno dopo, martedì 27 ottobre su transizione energetica e ruolo dell’energia per la ripresa economica post covid19 che vedrà la partecipazione del Commissario Europeo all’Energia Kadri Simson.

Covid Era. Salute, ricerca e società nella “CovidEra” argomenti di stretta attualità considerato l’andamento dei contagi nel mondo e quello che stiamo vivendo ormai da mesi. Il tutto contenuto in mostre fotografiche, docufilm e rassegne che parlano direttamente ed indirettamente dell’attualità legata alla pandemia. Tra cui: una mostra fotografica dedicata alla “Vita ai tempi del COVID” realizzata da Roma Fotografia con il contributo di fotografi di oltre 30 Paesi; il docufilm “COVID HOTEL” realizzato da Sergio Ramazzotti e Andrea Monzani per Parallelozero in collaborazione con OSA Operatori Sanitari Associati che racconta a colpi di testimonianze toccanti la vita e il vissuto nei mesi scorsi dei pazienti covid ricoverati nella struttura alberghiera trasformata in presidio sanitario del Winter Garden Hotel di Grassobbio alle porte di Bergamo.

Scuola. La scuola parte integrante del nostro paese e non solo. Ospited’onore dell’edizione 2020 è l’Arabia Saudita che quest’anno organizza il G20, e a questa assise internazionale è dedicata la simulazione, organizzata insieme al Ministero dell’Istruzione, che vedrà 20 Istituti Superiori di tutta Italia interpretare il ruolo dei 20 Paesi partecipanti, dibattendo sulle stesse tematiche che saranno oggetto di discussione e negoziazione il prossimo novembre a Riad. Il tutto potrà essere seguito on line a distanza sul diplo-channel 3 del Festival. Largo spazio alla scuola e ai suoi protagonisti: agli studenti sono dedicate le Lezioni di Diplomacy che ogni giorno dalle 9.30 alle 12.00 sul diplo-channel One, offriranno ai professori spunti da approfondire nelle materie di Storia, Filosofia, Economia, Geografia, Storia della Diplomazia, lotta alle diseguaglianze, letteratura e politica.

Fra i protagonisti dei lavori dell’undicesimo Festival della Diplomazia ci saranno voci autorevoli del mondo della diplomazia e del mondo politico italiano ed estero come: i Commissari Europei Paolo Gentiloni, Virginijus Sinkevicius e Kadri Simson, gli analisti politici Parag Khanna, Brian Klass, John Ikenberry, William Davies, Trita Parsi, Sheila Redzepi vice presidente della World Bank, e fra gli italiani, gli ambasciatori Giampiero Massolo, presidente ISPI, Nelli Feroci, presidente Istituto Affari Internazionali, Pietro Sebastiani, ambasciatore presso la S. Sede, Piero Benassi, consigliere diplomatico del Presidente del Consiglio, Luca Sabatucci, Giorgio Marrapodi, Vincenzo Celeste e Enzo Angeloni, rispettivamente Direttore generale della Mondializzazione, della Cooperazione, degli Affari Europei e del Sistema Paese Italia. E ancora Carlo Corazza, capo dell’Ufficio Informazioni del Parlamento Europeo, Antonio Parenti, capo della rappresentanza della Commissione Europea, Maria Chiara Malaguti presidente Unidroit, Pasquale Salzano Presidente della Simest, Luigi Paganetto Vice Presidente CDP, Domenico Fanizza, Executive Director dell’Fondo Monetario Internazionale, Franco Frattini Presidente SIOI.

Tavolo metropolitano: i temi affrontati

Arianna Censi
Arianna Censi

Oggi si è tenuta in videoconferenza la riunione del Tavolo Metropolitano. La Città metropolitana di Milano e i rappresentanti delle principali categorie di portatori d’interesse presenti sul territorio (da Assolombarda ai Sindacati, da Confcommercio a Coldiretti, alle Cooperative, alle Università, al mondo dell’artigianato e il terzo settore) si sono confrontati sulla fase due dell’emergenza covid-19 con una particolare attenzione ai temi della mobilità, del lavoro e dell’economia.

Gli oltre cinquanta soggetti coinvolti hanno condiviso esperienze e informazioni per costruire un percorso condiviso che consenta all’area metropolitana milanese una ripartenza quanto più possibile graduale, ordinata e in sicurezza per tutti i cittadini.

Così ha commentato la Vicesindaca Arianna Censi: “Stiamo vivendo una situazione straordinaria a cui si può dare una risposta efficace solo attraverso l’attivazione di meccanismi di collaborazione innovativi, è questo quanto emerso nelle riflessioni e nelle proposte fatte alla riunione odierna. I temi di area vasta del trasporto, della salute e del lavoro saranno centrali nella ripartenza e dovranno necessariamente vedere il protagonismo della Città metropolitana, un Ente nato per governare la complessità. Anche nella cosiddetta fase due lo smart working rimarrà utilizzato in larga misura dalle grandi imprese e dagli Enti Pubblici con rientri graduali. La sfida che ci troveremo ad affrontare sarà implementare il livello di integrazione dei diversi mezzi di trasporto per garantire un sistema efficiente e spostamenti in sicurezza agli utenti, alle lavoratrici e ai lavoratori. Per fare ciò serviranno risorse aggiuntive per il trasporto pubblico locale, si dovranno individuare nuove aree di sosta, e sarà necessario progettare e realizzare nuove piste ciclopedonali anche di raccordo tra Comuni di prima e seconda fascia. Un ringraziamento particolare deve essere fatto a Siria Trezzi, consigliera delegata alla mobilità della Città metropolitana, e a Luca Tosi, Direttore dell’Agenzia di bacino del TPL, per il prezioso lavoro che stanno svolgendo in queste settimane difficili.”

“Oltre la soglia”, la nuova fiction Mediaset

Pession
Pession

Da mercoledì 6 novembre, in prima serata su Canale 5, al via la nuova serie medical “Oltre la soglia” con Gabriella Pession.

“Oltre la soglia” è una fiction dai toni asciutti e ironici, che ha il coraggio di affrontare ed esplorare temi duri e scottanti, rompendo il muro di silenzio che circonda le malattie psichiatriche, soprattutto quando colpiscono i giovani. Una serie che ruota intorno a un tema fondamentale: che cosa fa di noi quello che siamo?

Qual è il limite oltre il quale il disagio, la patologia ci privano della cosa più preziosa, la nostra identità? O, viceversa, quando la diversità diventa, se non una ricchezza, un’occasione di guardare alla realtà con altri occhi? Un racconto senza retorica, che mette al centro diagnosi appassionanti, un mondo di ragazzi sorprendenti e un personaggio affascinante ma ostico, Tosca Navarro sempre pronto ad agire fuori dagli schemi pur di aiutare i suoi pazienti. Perché lei è stata come loro…

 

Festival del Lavoro 2018

festival del lavoro
festival del lavoro

Meno di un mese all’apertura del Festival del Lavoro 2018, che quest’anno si terrà dal 28 al 30 giugno presso il centro congressi MiCo di Milano. Idee, proposte e dibattiti animeranno la tre giorni milanese, che sarà ricca di eventi in contemporanea e di personalità.

A partire dai rappresentanti del nuovo Governo, dai preziosi contributi di professionisti, accademici ed esperti di diritto del lavoro e dalla partecipazione attiva dei cittadini. I dialoghi sul futuro dell’Italia saranno il filo conduttore di questa nona edizione, caratterizzata dall’hashtag #lavoroefuturo.

I temi che animeranno i dibattiti del MiCo rappresentano gli obiettivi da perseguire subito: occupazione, scuola, politiche attive, lavoretti, pensioni, innovazione, welfare, talento, crescita.

Riflessioni sulle riforme che possono cambiare le prospettive del Paese e su come farsi spazio nel mondo del lavoro e tornare a crescere, che saranno stimolate anche attraverso il confronto con i protagonisti della “Libreria” del Festival: gli autori di pubblicazioni dedicate a queste tematiche.

Dai giornalisti Luciano Fontana, Alan Friedman, Massimo Gaggi, Walter Passerini all’ex Ministro del Lavoro Tiziano Treu; dall’imprenditore Jacopo Perfetti al prof. Francesco Perrini.

Il Festival sarà come sempre aperto a tutti, ma per partecipare è necessario iscriversi su www.festivaldellavoro.it.