Ron live con due imperdibili concerti

Ron_foto di Riccardo Ambrosio_
Ron_foto di Riccardo Ambrosio_

RON torna live con due imperdibili concerti: il 6 maggio al Teatro dal Verme di Milano e il 7 maggio all’Auditorium Parco della Musica di Roma (Sala Sinopoli).
Le prevendite saranno disponibili da venerdì 26 gennaio (ore 16.00) su Ticketone.it e da lunedì 29 gennaio (ore 16.00) nei punti vendita abituali.

L’artista sarà in gara al 68° Festival di Sanremo con “ALMENO PENSAMI”, brano inedito del grande LUCIO DALLA, che gli è stato assegnato personalmente dal Direttore Artistico Claudio Baglioni attraverso gli eredi che lo hanno custodito in questi anni e ne hanno autorizzato la pubblicazione al Festival.

“ALMENO PENSAMI” è una canzone d’amore ricca di suggestioni che farà rivivere sul palco dell’Ariston la poetica e l’anima musicale del cantautore bolognese attraverso l’interpretazione del suo storico collega e amico. Da “Il gigante e la bambina” ad “Attenti al lupo” passando per “Piazza Grande”, questi sono solo alcuni dei più grandi successi della musica italiana che testimoniano l’importante sodalizio artistico tra Ron e Lucio.

Camera ardente di Gualtiero Marchesi

Maestro-Gualtiero-Marchesi
Maestro-Gualtiero-Marchesi

Sarà aperta domani giovedì 28 dicembre e venerdì 29, la camera ardente di Gualtiero Marchesi al Teatro Dal Verme, messo a disposizione dal Comune di Milano.
Sarà possibile accedere al teatro di via San Giovanni sul Muro 2 nei seguenti orari:
– giovedì 28 dicembre, dalle ore 10 alle ore 20
– venerdì 29 dicembre, dalle ore 9 alle ore 10

Al Teatro dal Verme: Igudesman & Joo

Igudesmanandjoo_Silent_Night_.j
Igudesmanand joo_Silent_Night 

Proseguono gli appuntamenti della stagione “SERATE MUSICALI OFF” al Teatro dal Verme di Milano il 2 dicembre con IGUDESMAN & JOO, duo di musicisti dotati di grande virtuosismo che si divertono a trasgredire ogni regola e rigore esecutivo per lasciare il posto a una comicità surreale e alla dissacrazione più raffinata e colta.

Il loro spettacolo “A Little Silent Night Music” è un esilarante mix di “strazianti” interpretazioni delle musiche di Natale e divertentissime rivisitazioni dei classici di tutti i tempi.

I musicisti Aleksey Igudesman e Hyung-ki Joo hanno travolto il pubblico di tutto il mondo con i loro straordinari spettacoli teatrali che combinano la comicità con la musica classica e la cultura popolare. I loro video su YouTube, ad oggi, hanno ottenuto oltre 38 milioni di visualizzazioni!

IGUDESMAN & JOO sono a loro agio tanto in una classica sala da concerto, quanto in mezzo a uno stadio da 18.000 persone. Prendono a calci tutti i cliché della musica classica, mescolando generi e stili con abbondanti dosi di umorismo e teatralità.

Eppure, anche se la loro performance può essere irriverente, portano sempre massimo rispetto per la musica. Perché le risate sono solo il tramite per raggiungere la loro missione, molto seria,di conquistare un nuovo pubblico per questa forma d’arte che entrambi amano così tanto.

Dopo tutto, fa notare Igudesman: ”Mozart era famoso per essere esilarante. Diciamo sempre che noi non ci beffiamo della musica. Facciamo divertire con la musica.”

E sta funzionando. In un momento critico per l’industria, il duo sta conquistando un pubblico più giovane nell’ambito della musica classica.

Milioni di studenti universitari e bambini che non sanno nulla di Bach considerano IGUDESMAN & JOOdelle vere e proprie stars e partecipano ai concerti del duo in tutto il mondo insieme agli intenditori musicali.

 

“Yes! Yes! Yes!”: Mnozil Brass al Teatro Dal Verme

Mnozil_Brass
Mnozil_Brass

Il secondo appuntamento della stagione “SERATE MUSICALI OFF” è al Teatro dal Verme di Milano il 25 novembre conMnozil Brass, originale gruppo austriaco celebre in tutto il mondo per i suoi spettacoli che combinano abilmente comicità e virtuosismo.

Mnozil Brass è uno dei principali ensemble di ottoni al mondo. Con oltre 130 esibizioni all’anno, sempre  esaurite, ha suonato in tutta Europa, Cina, Giappone, Australia, Canada e Stati Uniti.

La band suona, canta e si esibisce in esilaranti sketch nei quali passano con disinvoltura attraverso argomenti e generi musicali diversissimi tra loro: folk, jazz, tango, opere di grandi compositori come Bach, Mozart, ma anche i Queen, per giungere sino al rap.

Mnozil Brass prende il nome dalla “Gasthaus Mnozil” (Taverna Mnozil), un ristorante che si trova di fronte al Conservatorio di Vienna dove, nel 1992, i sette giovani musicisti iniziarono la loro carriera.

Da allora, il gruppo ha abbracciato un vasto repertorio adatto a tutte le età: dal folk al classico, dal jazz al pop. Tutto è eseguito con lo stesso coraggio, con la stessa grandissima capacità tecnica e col tipico “schmäh” viennese.

Il loro nuovo spettacolo“Yes! Yes! Yes!”, accolto dalla critica come “seriamente divertente” e “capricciosamente sfacciato”, mescola composizioni originali con brani classici, pezzi jazz e hit popolari.

Il repertorio è presentato con un’astuzia scenica e un umorismo tali da essere degni dei più famosi sketch dei MontyPython.

Il programma è composto da irresistibili cover version condite con talento d’improvvisazione e un’abile comunicatività che renderanno l’evento indimenticabile per tutto il pubblico.

LA MILANESIANA 2012

La Milanesiana 2012, dedicata quest’anno a L’imperfezione, ha in cartellone 127 appuntamenti e sarà contraddistinta ancora una volta da una multiforme proposta artistica internazionale (che spazia tra vari saperi e Paesi) e da una forte volontà di diffusione sul territorio. Accanto agli storici luoghi della città di Milano che da sempre ospitano la Milanesiana,  e precisamente la Sala Buzzati della Fondazione Corriere della Sera, il Teatro Dal Verme e lo Spazio Oberdan, molti altri saranno infatti gli spazi cittadini inediti dove la rosa sboccerà: Villa Reale, l’Auditorium HQ Pirelli, e due biblioteche comunali: la biblioteca Affori-Villa Litta e la Biblioteca Valvassori Peroni.  Inoltre, dopo il successo della scorsa edizione, la rosa della Milanesiana tornerà a sbocciare a Torino nel cortile di palazzo Carignano, con una serata speciale il 4 luglio e una mostra aperta al pubblico dal 4 al 14 luglio.

Ma la principale novità dell’edizione 2012 è la città di Bergamo, dove la rosa sboccerà per la prima volta inaugurando la XIII edizione presso l’I.Lab di Italcementi – Kilometro Rosso, dove si intrecceranno per tre giornate (30 giugno, 1 e 2 luglio) scienza, musica e letteratura.

Daranno vita a La Milanesiana 2012 oltre 140 ospiti internazionali in rappresentanza di 15 Paesi: Bosnia ed Erzegovina, Cina, Colombia, Egitto, Francia, Germania, Grecia, Gran Bretagna, India, Islanda, Israele, Moldavia, Russia, Trinidad e Tobago, Usa.

In scena, artisti pluripremiati, fra cui 1 Premio Nobel per la Letteratura, 2 Premi Pulitzer per la Letteratura, 1 Premio Pulitzer per la Saggistica,  3 Premi Strega, 1 Premio Principe delle Asturie, 1 Premio Nonino, 1 Premio Médicis,1 premio Oscar, 1 Golden Globe, 1 Palma d’oro, 1 Leone d’oro, 4 David di Donatello, 1 Coppa Volpi, 2 Premi Ubu, 1 Medaglia Fields. 

Presentato il programma della tredicesima edizione de LA MILANESIANA – Letteratura Musica Cinema Scienza Arte Filosofia e Teatro che prenderà il via sabato 30 giugno.

Il tema della XIII edizione è L’imperfezione.

Alla presentazione sono intervenuti: il Presidente della Provincia di Milano Guido Podestà, il Vicepresidente e Assessore alla Cultura della Provincia di Milano Novo Umberto Maerna, l’Assessore alla Cultura Moda e Design del Comune di Milano Stefano Boeri, l’Assessore all’Istruzione, Formazione e Cultura della Regione Lombardia Valentina Aprea, il Presidente della Fondazione I Pomeriggi Musicali Riccardo Bertollini, il Direttore artistico e ideatrice della manifestazione Elisabetta Sgarbi.

Il Festival, promosso dalla Provincia di Milano, con il sostegno del Comune di Milano, in collaborazione con la Regione Lombardia e organizzato dai I Pomeriggi Musicali/Teatro dal Verme con il contributo di Fondazione Corriere della Sera, Il Gioco del Lotto e Pirelli propone 19 serate dedicate alla cultura internazionale dal 30 giugno al 18 luglio.

In cartellone proiezioni, concerti, letture, spettacoli teatrali,  mostre, oltre, come da tradizione, l’Aperitivo con gli Autori delle ore 12  presso la Sala Buzzati e presso le due biblioteche comunali Affori-Villa Litta e Valvassori Peroni a cura della Fondazione Corriere della Sera. Qui gli ospiti delle serate precedenti affiancati da altri scrittori, giornalisti, scienziati, intellettuali, saranno chiamati a un confronto su temi centrali della vita culturale.

Nata da un progetto di Elisabetta Sgarbi per far incrociare i protagonisti internazionali delle diverse discipline artistiche e della cultura, La Milanesiana ancora una volta scompone e moltiplica la sua struttura e si sviluppa in sette direzioni d’arte e cultura, differenti e convergenti allo stesso tempo, offrendo al pubblico una rete fittissima di incontri e occasioni uniche di confrontarsi con gli esponenti di maggior spicco della cultura mondiale.

“Ogni anno la Milanesiana è capace di regalarci momenti di grande cultura e di approfondimento letterario da un lato pieni e gratificanti, dall’altro leggeri e carichi di nuovi spunti di riflessione. Milano, come Torino e Bergamo, insieme ad altre città del mondo rappresentate dai loro autori, saranno protagoniste di un calendario da non perdere”, afferma Guido Podestà, Presidente della Provincia di Milano.

“Perfetto e imperfetto, perfezione e imperfezione, sono concetti attorno ai quali l’uomo e la civiltà si interrogano da millenni” afferma il Vice Presidente e Assessore alla Cultura della Provincia di Milano, Novo Umberto Maerna. “La Milanesiana ideata e diretta da Elisabetta Sgarbi ci condurrà, ancora una volta, in un viaggio affascinante attorno a questi due concetti, che si riveleranno grazie ad un confronto capace di assumere i tratti dello scontro, salvo poi ricondurre il tutto ad unità e soluzione. O meglio ad armonia, se consideriamo l’armonia- nel solco della lezione impartita da Dante e Virgilio nella Commedia- requisito indispensabile, morale anzitutto, della Bellezza autenticamente piena. E quindi della Perfezione, come superamento e sintesi finale dell’Imperfezione.”

“La Milanesiana torna anche in questa edizione ad offrire al pubblico, eterogeneo per età e per affinità culturali, la possibilità di confrontarsi con alcuni dei più autorevoli rappresentanti della cultura internazionale all’insegna della compresenza delle arti e delle scienze e conferma, anche quest’anno, lo spirito di ricerca e innovazione culturale che contraddistingue Elisabetta Sgarbi,” commenta Valentina Aprea, Assessore Istruzione, Formazione e Cultura della Regione Lombardia.

“In questo momento difficile, raccogliere con tenacia le forze per far sbocciare una nuova edizione del Festival è stata una corsa in salita. 

Riuscirci è la prova che se le motivazioni sono forti è necessario non desistere.  E arricchire La Milanesiana in termini di contenuti, luoghi e durata è la prova della sua vocazione a moltiplicarsi e diffondersi,” sostiene Elisabetta Sgarbi, Direttore artistico e ideatrice della Milanesiana

LA MILANESIANA 2012 è composta da tre sezioni e preceduta da un Prologo che si terrà a Bergamo. 

La prima (da lunedì 2 a sabato 7 luglio) è rappresentata dalle  serate presso il Teatro Dal Verme a cui sono gemellati i tradizionali Aperitivi con l’Autore che si tengono presso la Sala Buzzati.

La seconda sezione del festival (8 – 14 luglio) corrisponde invece a Orario continuato, una sezione pensata per connettere con continuità gli appuntamenti giornalieri e quelli serali. Le prime 3 giornate (domenica 8, lunedì 9 e martedì 10 luglio)  sia negli appuntamenti della mattina che in quelli serali  sono dedicate al tema del viaggio, italiano ed europeo. Le altre 4 giornate (mercoledì 11, giovedì 12, venerdì 13 e sabato 14 luglio) vedono protagoniste invece la musica e la filosofia: alla prima sono dedicati

gli appuntamenti del mattino presso la Villa Reale dall’11 al 14 luglio, con il programma sulla musica da camera del ‘700 a cura di Paolo Terni; alla filosofia sono invece dedicati gli appuntamenti serali dell’11, 12, 13 luglio, presso l’Auditorium HQ Pirelli, dopo il grande successo delle serate ad essa dedicate lo scorso anno.

14 – 18 luglio: Il Gioco delle Arti (in collaborazione con Il Gioco del Lotto). L’ultima sezione si svolgerà presso la Sala Buzzati, e pur riprendendo la divisione fra appuntamenti serali e Aperitivi con l’autore, presenterà negli appuntamenti di mezzogiorno forme inedite per il Festival. Per perseguire il desiderio di portare La Milanesiana in luoghi nuovi per il pubblico e gli ospiti, e di abitare la città in modo differente, due degli Aperitivi (7 e17 luglio) si svolgeranno nelle Biblioteche di Milano.

Sempre in nome del decentramento, a queste tre principali sezioni del Festival, si aggiungono due importanti momenti a Bergamo e Torino:

 A Bergamo dove la rosa sboccia per la prima volta, e dove tutto avrà inizio il 30 giugno:  presso l’I.Lab di Italcementi – Kilometro Rosso si incontreranno e si intrecceranno per tre giornate (30 giugno, 1 – 2 luglio) scienza, musica e letteratura.

 A Torino, nel cortile di Palazzo Carignano, dopo il successo e l’accoglienza riservata al Festival lo scorso anno, il 4 luglio si terrà un’ulteriore prima del Festival con contenuti esclusivi e una mostra dedicata al regista Nicholas Ray (dal 4 al 14 luglio), curata dalla moglie Susan Ray e da Alberto Pezzotta, con materiali fotografici inediti. 

Per tutte le 19 giornate del festival gli ospiti si confronteranno negli ambiti della letteratura, cinema, scienza, teatro e filosofia, creando ancora una volta quel dialogo fra arti e saperi che è la cifra costante della Milanesiana e che, più di ogni altra cosa, rappresenta la sua identità.  Un intenso tour fra le arti, all’insegna della contaminazione e del bisogno inesauribile di costanti sollecitazioni e riflessioni critiche, andando ancora una volta oltre i confini milanesi