CONCERTI ACCADEMIA CANTANTI LIRICI

Giovedì 19 aprile alle 17, presso il Ridotto dei Palchi del Teatro alla Scala, i cantanti solisti dell’Accademia saranno gli interpreti di un intenso programma liederistico, accompagnati al pianoforte dagli allievi del corso per maestri collaboratori.

Na Hyun Yeo, Letitia Vitelaru, Jaeyoon Jung e Mikheil Kiria, con Marco Borroni, Claudia Foresi e Paolo Troian, esploreranno il repertorio della musica vocale da camera da Mozart a Rachmaninov, toccando i più noti compositori di questo genere: Schubert, Schumann, Brahms.

 

Il concerto sarà replicato sabato 21, alle 16.

 

Per i giovani allievi si tratta dell’ultimo impegno con “I concerti dell’Accademia” ospitati al Ridotto prima del loro ritorno sul palcoscenico del Piermarini: il 3 giugno li attende il tradizionale concerto istituzionale con l’Orchestra dell’Accademia per la direzione di Marco Angius.

INGRESSO GRATUITO

previo ritiro di un biglietto di ingresso presso la Biglietteria Centrale del Teatro alla Scala – Duomo, dalle ore 12 alle 18 a partire da una settimana prima del concerto. A partire da un’ora prima dell’inizio dell’evento i biglietti ancora eventualmente disponibili potranno essere ritirati presso la Biglietteria Serale, via Filodrammatici 2.

“TOSCA”

Sesto appuntamento del ciclo

 “Prima delle prime”

Stagione 2011/2012 – organizzato dagli Amici della Scala

TOSCA

di Giacomo Puccini

libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

TEATRO ALLA SCALA

RIDOTTO DEI PALCHI “A. TOSCANINI”

MERCOLEDI’ 18 APRILE 2012 ORE 18

Tosca nasce a Roma, al Teatro Costanzi, nel gennaio 1900. Cattura la trama dal più abile teatrante francese del momento, Victorien Sardou, e attraverso la recitazione grandiosa, estremizzata dell’attrice Sarah Bernardt. Puccini osa il passo poliziesco da cinema nascente, il corteggiamento greve e il delitto a vista, cupezze di tortura e fucilazione. Osa la crudeltà dei tempi nuovi, il rischio che ribalta le attese, coglie la fragilità dei protagonisti, l’ora che fugge. Sa equilibrare lo sgradevole col respiro, lo spessore del suo teatro di vita. C’è la Storia, la campagna di Napoleone nel giugno 1800, che scompiglia la vicenda: mette a rischio i sostenitori della libertà e del Bonaparte (Angelotti, Cavaradossi) a fronte dei legittimisti dei Borboni-Asburgo (Scarpia, la Regina), mette in azione Te Deum e Cantate alla notizia d’una vittoria, presto capovolta. Ci sono i luoghi di Roma, uno per atto, a scandire il percorso. La Chiesa di Sant’Andrea della Valle dove tutti approdano: il pittore e Tosca che viene a trovarlo, il fuggiasco patriota, il capo della polizia coi suoi sbirri, la folla per il solenne Te Deum. Palazzo Farnese dove Scarpia cena e trama e dal piano nobile della Regina arriva a folate la voce di Tosca impegnata a festeggiare la vittoria austriaca, dove si tortura e si patteggia l’amore. E dove Tosca uccide. La piattaforma di Castel Sant’Angelo, slanciata nello spazio, fra voci e suoni del giorno che si sveglia, illusione di libertà dove si sale per morire. I protagonisti hanno modernamente una identità professionale: Cavaradossi dipinge, Tosca cantatrice ha misura scenica in ogni gesto e pensiero, Scarpia poliziotto potente e passionale sa porgersi in modi signorili e adescare brutalmente. Amano: Tosca con slancio assoluto, pronto a tutto, e gelosia, Cavaradossi con dolcezza appassionata e ideali che lo trascinano, Scarpia con bramosia dispotica, raffinata e sensuale. Si confidano in arie famose, duetti e soprattutto dialogano, conversano fra loro e con l’orchestra, in un linguaggio moderno, inquieto, affascinante e nervoso, scattante sui pensieri o sulle tensioni drammatiche, smagliante di colori, trepido di sogni, tenerezze, folgorante di presagio tragico. (F.C.)

Ne parlerà Virgilio Bernardoni, docente di Musicologia e Storia della musica all’Università degli studi di Bergamo, nell’incontro “Dimenticare Dio”, al pianoforte e con ascolti.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti

Supporto per l’ospitalità Brera Hotels

Violoncellisti della Scala

Attivi dal 2003, nel tempo hanno costituito un proprio repertorio fatto di nuove commissioni ad autori contemporanei italiani e di interessanti riletture di autori classici in  trascrizioni dedicate all’ensemble di violoncelli. Un repertorio che mira a illuminare la tavolozza dei colori propri del violoncello e a esaltarne la resa armonica e timbrica.

Nasce così il desiderio di rivisitare un repertorio che risale alla nobile tradizione degli ensemble di viole da gamba del XVI secolo, per spostarsi di secolo in secolo alla scoperta di cosa è rimasto sedimentato da allora nella tradizione musicale.

Tra i compositori più “visitati” dai Violoncellisti della Scala: Henry Purcell, Giovanni Battista degli Antonii, Antonio Vivaldi, Georg Philipp Telemann, Johann Sebastian Bach, fino ad autori contemporanei come György Ligeti, Alfredo Piatti, Jimi Hendrix.

Una menzione particolare meritano autori come Carlo Galante, Carlo Boccadoro, Wolfgang Marschner, Nicola Campogrande, Giovanni Sollima, che hanno scritto e dedicato ai Violoncellisti nuove composizioni che sono state eseguite al Teatro alla Scala nelle scorse stagioni.

Il ritorno di Ulisse in patria

Teatro Alla Scala

Tragedia di lieto fine in un prologo e tre atti

Libretto di Giacomo Badoaro

Musica di CLAUDIO MONTEVERDI

(Copyright e Edizione: Bärenreiter-Verlag, Kassel;

rappr. per l’Italia Casa Musicale Sonzogno di Piero Ostali, Milano)

Edizione ‘Urtext’ di Rinaldo Alessandrini

Nuova produzione Teatro alla Scala in coproduzione con Opéra National de Paris

Direttore RINALDO ALESSANDRINI

Regia, scene e luci ROBERT WILSON

Collaboratore alla regia GIUSEPPE FRIGENI

Collaboratore alle scene SERGE VON ARX

Costumi JACQUES REYNAUD

Collaboratrice ai costumi YASHI TABASSOMI

Lighting designer AJ WEISSBARD

Drammaturgia ELLEN HAMMER

Personaggi e interpreti

L’humana fragilità / Primo Feacio         Andrea Arrivabene

Il Tempo / Nettuno                      Luigi De Donato

La Fortuna / Melanto                  Monica Bacelli

Amore / Minerva                          Anna Maria Panzarella

Penelope                                           Sara Mingardo

Ericlea                                                Marianna Pizzolato

Eurimaco / Secondo Feacio      Mirko Guadagnini

Giove / Anfinomo                          Emanuele D’Aguanno

Terzo Feacio / Antinoo               Salvo Vitale

Ulisse                                                  Furio Zanasi

Eumete                                               Luca Dordolo

Iro                                                      Gianpaolo Fagotto

Telemaco                                            Leonardo Cortellazzi

Pisandro                                              Krystian Adam

Giunone                                               Raffaella Milanesi

Lunedì 19 settembre 2011 ore 20 ~ prima rappresentazione turno F

Mercoledì 21 settembre 2011 ore 20 ~ turno B

Venerdì 23 settembre 2011 ore 20 ~ turno C

Lunedì 26 settembre 2011 ore 20 ~ turno A

Mercoledì 28 settembre 2011 ore 20 ~ turno E

Venerdì 30 settembre 2011 ore 20 ~ turno D

Prezzi: da 187 a 12 euro

Infotel 02 72 00 37 44

www.teatroallascala.org