Giuseppe Salsetta: “Per non perderti ancora”

Giuseppe-Salsetta-photo-credit-Sara-Galimberti
Giuseppe-Salsetta-photo-credit-Sara-Galimberti

Giuseppe Salsetta

Il nuovo singolo “Per non perderti ancora”

dal 6 marzo in radio e digitale

Da venerdì 6 marzo in radio, disponibile sulle piattaforme streaming e in digital download “Per non perderti ancora”, il nuovo singolo di Giuseppe Salsetta. Il brano intenso e toccante è stato scritto da Tiziano Orecchio e prodotto da Mimmo Mignogna.

«Ho scelto di interpretare questo brano perché mi ha colpito sin da subito, è stato amore al primo ascolto. La sua melodia fa vibrare l’anima e si sposa perfettamente con il testo e devo dire che, inciderla mi ha emozionato tantissimo» – afferma Giuseppe Salsetta – «É un amore che va oltre a tutto, che penetra sotto la pelle e che fa male, uno di quelli che segna e rimane dentro. Spero che, anche a voi arrivi questo».

Tiziano Orecchio, autore del brano commenta: «Le rughe nelle mani per sempre parlano di te… per non perderti ancora vive la trasposizione dell’amore, i riflessi di una storia mai veramente finita che vive di ricordi intensi legati su un doppio filo incollato all’anima».

Il brano “Per non perderti ancora” è accompagnato da un video (visibile al seguente link: https://youtu.be/b6HrMkYtTMk) per la regia di Cesare Maria Solito, girato a Taranto.

Giuseppe Salsetta arriva al grande pubblico nel 2007 partecipando alla 7° edizione del talent “Amici” di Maria De Filippi, raggiungendo la fase finale del programma televisivo. Finita l’avventura nella fortunata trasmissione televisiva di Canale 5, il cantautore si trasferisce definitivamente a Roma, lasciando a malincuore la sua amata terra e la propria famiglia alla quale lui è sempre legatissimo.

Comincia la sua tournée, mai finita, nelle piazze di tutta Italia.

Selezionato per girare un cortometraggio col regista Cristiano Celeste, subito dopo è scelto per ricoprire il ruolo di protagonista nel musical “Rimini anni ‘60” e nella commedia musicale “Miracoli di seta” con Danny Mendez, con regia a cura di Enrico Maria Lamanna. Dopo aver provato la scalata al Festival di Sanremo per mezzo del concorso Sanremo web (6°classificato), il 14 giugno 2010 pubblica l’album di esordio “Quello che Vorrei” con brani scritti in collaborazioni con grandi autori, tra i quali Nicco Verrienti, la produzione artistica è affidata a Francesco Musacco.

Nel 2012 voluto dal direttore d’orchestra Gianni Mazza e dall’Effegieventi diventa voce dello spettacolo dello stesso Maestro “Ma perché non ci ho pensato prima”.

Nello stesso anno entra a far parte della Nazionale Calcio Attori e insieme con loro sostiene numerosi eventi di beneficienza.

Nel 2013 ancora una volta in tour con “E adesso?”.

Il 9 aprile del 2014 ritorna al pubblico in veste di cantautore con un nuovo singolo “Non voglio ciò”.

A maggio dello stesso anno è contattato dalla FISE (Federazione Italiana Sport Equestre) per realizzare il loro inno ufficiale dal titolo “Soffio di vento”, presentato il 25 maggio in anteprima all’evento mondiale “Piazza di Siena” a Roma.

Nel 2015 in tournèe nello spettacolo del famoso comico romano Maurizio Battista “Ero felice e non lo sapevo” riesce così a coronare il sogno di calcare i più bei palcoscenici teatrali d’Italia.

Nel 2016 in tour nelle piazze con un suo one man show “Mi racconto in musica”.

Nel 2018 incontra il suo produttore Mimmo Mignogna e inizia a lavorare al suo secondo album arrangiato dal musicista Enzo Mignogna, avvalendosi della collaborazione di autori come Davide Di Maggio, Tiziano Orecchio, Salvatore Taormina e Giuseppe Giorgianni.

Il 6 marzo 2020 pubblica il nuovo singolo “Per non perderti ancora” che anticipa l’uscita del secondo disco.

 

Cynaro il nuovo singolo “Stupida”. Online il video

Cynaro-Stupida Copertina
Cynaro-Stupida Copertina

Cynaro il nuovo singolo “Stupida”. Online il video

In radio, sulle piattaforme streaming e negli store digitali “Stupida” (PlayAudio /Azzurra Music), il nuovo singolo dei Cynaro. Il brano è una critica leggera ma non troppo al mondo degli influencer. La produzione è di Mauro D’Angelo.

«”Stupida”, che lo sia o meno, è riferito comunque alla vita, e non, come si potrebbe fraintendere, alla influencer a cui il testo è dedicato» – commenta la band – «Ciò che però viene fuori verso la fine del brano è che in realtà la cosa più stupida di tutte è la solitudine, talmente stupida che si può avere anche in mezzo a milioni di followers».

Nel videoclip del brano – ideato e scritto dallo storyboard Nicola Cedro, per la regia di Pierluigi Patella – tre stupidi individui (i Cynaro) inseguono una influencer (Emily Delli Quadri) per sfogare le proprie frustrazioni derivanti dal crollo del mercato discografico e dal cambiamento radicale delle mode musicali. Il paradosso è che riversano il loro odio verso il web mettendo il video online, il quale ne assorbirà tutte le potenziali ricchezze.

«L’idea del videoclip nasce da una comune chiacchierata di 4 amici al bar e si sa che le idee migliori nascono sempre così. Poi, durante altri vari incontri, il soggetto ha preso man mano forma fino a diventare il videoclip “Stupida”» afferma il regista.

La fotografia del video, curata dal DOP Giacinto Sirbo, rimanda molto ai film anni 80 con diverse citazioni e riferimenti a pellicole che hanno segnato l’era dei cinema. È un mix di generi tra dramma-commedia-fantasy a tratti trash.

«La stupidità è il tema dominante del video. La si può interpretare ognuno a suo modo. L’avvoltoio rappresenta l’elemento ossessivo ricorrente che già nel primo video, “La legge degli avvoltoi” era apparso in modo determinante. L’avvoltoio è ispirato a un breve racconto di Franz Kafka pubblicato nel 1920. Rappresenta il destino avverso, l’avversario. Ma anche la stupidità di una vita onirica indecifrabile» dichiara il gruppo.

Sul canale ufficiale della band ci sono tracce dell’avvoltoio nel primo singolo “La legge degli avvoltoi”, in “Do you wanna dance” brano dei Senso, prima formazione dei Cynaro e in un trailer non ufficiale di “Stupida”.

L’intenzione di base dello storyboard Nicola Cedro, è quella di creare un concept che abbia elementi ricorrenti, decifrabili a pezzi nella stesura graduale del progetto.

Nicola Cedro, Nicola Ciccotosto e Daniele Salvatorelli sono tre musicisti di Vasto (CH) che collaborano in progetti musicali live e in studio da oltre 20 anni.

Il loro campo di azione finora si è concentrato soprattutto nella loro cittadina e nel suo vasto comprensorio. Il progetto che li ha visti artisticamente più coinvolti furono i “Senso”, band che contava loro tre più altri due elementi sempre del posto. Da qui hanno accumulato moltissime demo e un disco che in sostanza fa parte di un passato ancora da scoprire perché troncato nel momento più importante a causa di situazioni controverse che portarono allo scioglimento del gruppo. Ma la passione e forse il destino ha fatto riunire ancora tre dei cinque elementi dei Senso per creare un nuovo progetto con rinnovato entusiasmo: i Cynaro.

Attualmente il gruppo è composto da: Nicola Cedro (compositore e autore dei brani) voce, chitarra e basso, Nicola Ciccotosto tastiere, Daniele Salvatorelli batteria. Il genere in cui iniziano a muoversi e in linea di massima Pop Rock Italiano, l’ambizione futura è quella di evolvere le idee mischiando elettronica, funk e una psichedelica.

Nel Novembre 2018 hanno creato il loro canale Youtube per inserire nel dicembre dello stesso anno il loro primo brano “La legge degli avvoltoi”. Ancora il destino ha restituito un tassello del puzzle perso quando i Cynaro subito dopo la pubblicazione del primo brano incontrano di nuovo il vecchio manager dei Senso Mauro D’Angelo, con il quale stringono un legame rinnovato e ancora

più solido del precedente. D’Angelo fornisce loro in brevissimo tempo un accordo con Artist First che si occupa della pubblicazione del primo singolo. Sciolto l’accordo i Cynaro proseguono il cammino con il singolo “Stupida” in uscita il 28 febbraio 2020 per Azzurra Music.

Roberta Bonanno: nuovo singolo “Tanto è uguale”

Roberta-Bonanno-1-credito-Federica-Zavaleta
Roberta-Bonanno-1-credito-Federica-Zavaleta

Roberta Bonanno

da venerdì 28 febbraio

in radio

“Tanto è uguale”

il nuovo singolo

Da venerdì 28 febbraio arriva in radio, in digital download e su tutte le piattaforme streaming “Tanto è uguale” (Advice Music) il nuovo singolo di Roberta Bonanno, scritto per lei da Fabio Vaccaro e Mattia Foderà.

Il brano parla di come spesso sia difficile accettare la fine di una storia d’amore, al punto da cercare inutilmente abbracci falsi per ingannare sé stessi.

“Tanto è uguale” è accompagnato da un videoclip (visibile al seguente link: https://youtu.be/mYw5bFhXyzM) per la regia di Luca Giordano, girato in due luoghi incantevoli e romantici come il lungo lago di Como e Cernobbio con le sue ville.

«Il video è stato pensato come sfogo romantico attraverso le immagini, la sensualità e la rabbia che può avere una donna verso un uomo. Esprime uno stato d’animo, delle emozioni, un periodo particolare.» – commenta il regista – «Roberta è stata molto brava ad entrare nella parte, dal ritornello dove l’ira e le emozioni si svelano fino alle strofe, dove la dolcezza prende il sopravvento nelle emozioni».

Roberta Bonanno, ha partecipato alla settima edizione di “Amici di Maria De Filippi”nella stagione 2007-2008, arrivando seconda. L’anno successivo ha esordito nel mercato discografico con l’EP “Non ho più paura”, piazzandosi alla decima posizione della classifica FIMI e al primo posto nella classifica ITunes. Nel 2010 ha pubblicato l’album omonimo “Roberta Bonanno”, all’interno del quale si trovano singoli di successo come “Sorelle d’Italia”, “Mat3matico” e “A Natale puoi”,contenuto nella riedizione natalizia “Roberta Bonanno – Christmas Edition”. Gli importanti risultati di vendita online le valgono il Premio “Miglior Artista Zimbalam dell’anno”, che le viene conferito in occasione del MEI (Meeting degli Indipendenti) nel novembre 2010. Gli anni successivi vedono la pubblicazione in digitale di diversi singoli: “Per un attimo”, “Devi dirmi di sì” e “It’s oh so quiet”, brano che nel 2013 le vale il Premio FIM (Fiera Internazionale della Musica) “Miglior Interpretazione”.

Tra il 2016 e il 2017 pubblica per l’etichetta Advice Music i brani “Ad un passo (Baciami)”, “Ridere di me” e “Le cose più belle”, che segnano l’inizio dei lavori per il nuovo album.

Il primo giugno del 2018 esce il singolo “Controtendenza”, quarto singolo estratto dal nuovo album “Io e Bonnie” (etichetta Advice Music, prodotto da Carlo Delor, Alberto Boi) disponibile in tutte le piattaforme digitali dall’8 giugno. Il 12 luglio pubblica “Osa” il quinto singolo.

Dopo aver vinto la 24esima edizione del Premio Mia Martini, e aver partecipato all’edizione 2018 di “Tale e quale show” su Rai1, dove è stata ritenuta la migliore rivelazione grazie alle sue eccellenti interpretazioni tra le quali ricordiamo in modo particolare quelle di Aretha Franklin, Amy Winehouse, Mina e Katy Perry, torna in radio con il brano “Un Buon Motivo” contenuto nell’album “Io e Bonnie ”.

Nell’Ottobre 2019 riceve a Venezia il Premio alla Musica assegnato dalla Fondazione Mazzoleni che premia l’eccellenza Made in Italy. A Novembre torna a “Tale e Quale Show 2019″, partecipando alle puntate finali dello show televisivo con buon risultato e riscontro del pubblico.

“Giovane Stupida” il nuovo singolo di Cesare Cremonini

Cesare Cremonini
Cesare Cremonini

Cesare Cremonini

Dal 28 febbraio in tutte le radio il nuovo singolo “Giovane Stupida”

Da giugno in tour negli stadi: 7 concerti per celebrare 20 anni di una carriera straordinaria

Il 18 luglio un evento speciale all’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola

Milano, 18 febbraio 2020

Sarà in radio dal 28 febbraio “Giovane Stupida”, il nuovo singolo di Cesare Cremonini : “Giovane Stupida” è una canzone scritta per una ragazza meravigliosa” spiega Cesare “ma anche una piccola commedia sentimentale sull’amore: 23 anni lei, 39 io.
Il messaggio di questa canzone che potrebbe essere un film, capovolge gli stereotipi e spiega che come sempre l’amore è capace di rendere accettabile e positivo tutto ciò che al mondo può sembrare a prima vista sbagliato o criticabile.
“Giovane Stupida” poteva nascere solo oggi, nel pieno di un’epoca di trasformazioni senza precedenti, in cui la digitalizzazione sta creando un nuovo universo culturale. Eppure, incredibilmente, l’amore non tiene conto di queste distinzioni e vince su tutto.
Il testo è un omaggio e uno sguardo divertito alle differenze che emergono quando due persone di generazioni diverse si incontrano come opposti ma alla fine non sanno fare a meno l’uno dell’altra. Oggi è una “Giovane Stupida” a insegnarci che con l’età si imparano molte cose, chi siano Mick Jagger ed Elton John ad esempio, ma a volte ci si dimentica semplicemente per strada la felicità, che è fatta anche di disordine, leggerezza e spontaneità. In questi tempi in cui le parole delle canzoni tornano ad essere importanti, prima di dar loro un peso è bene ricordarne il senso: “stupido” nel mio vocabolario dell’amore assume quasi sempre il suo significato originario: stupēre, stupìre”.

Dopo “Al Telefono”, “Giovane Stupida” è il secondo singolo estratto dal disco “Cremonini 2C2C The Best Of”, la prima grande raccolta di una produzione ventennale, un repertorio unico che ha regalato al pubblico successi indimenticabili. Con 6 brani inediti, 32 singoli di successo rimasterizzati, un album intero di 16 interpretazioni in versione pianoforte e voce, 15 brani strumentali realizzati dal 1999 ad oggi , 18 rarità tra cui tracce demo originali, home recording e alternative takes mai pubblicate, “Cremonini 2C2C the best of” è un vero e proprio forziere che contiene tutto il presente, il passato e una bella parte del prossimo future di Cesare.

Sarà un anno indimenticabile il 2020 per Cremonini che, dopo il grande successo dei tre concerti estivi del 2018 negli stadi di Milano, Roma e Bologna, tornerà per la seconda volta sul palco degli stadi italiani con 7 grandi concerti in cui ripercorrerà la sua carriera partita nel 1999, con la pubblicazione di “Squerez” album d’esordio da oltre un milione e mezzo di copie vendute. Il Tour 2020 si chiuderà con un evento straordinario il 18 luglio in una location iconica: l’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola.
“Quello di Imola – spiega Cesare- sarà un evento straordinario, nato dalla fortissima esigenza di creare uno show indimenticabile in Emilia-Romagna per ripercorrere questi miei primi 20 anni di carriera. Mi hanno proposto di celebrare tutto questo in un luogo speciale, nel cuore stesso della mia terra, l’Emilia, che è la mia vita, la mia seconda pelle e il mio DNA. L’autodromo di Imola è un luogo magico, reso immortale dalla storia della Formula Uno, dal ricordo commovente e senza tempo di Ayrton Senna, e nella musica, naturalmente da Vasco Rossi che lo ha trasformato in un tempio leggendario della musica italiana e internazionale.“

Cesare Cremonini Tour 2020

21 giugno Lignano • Stadio Teghil

27 giugno Milano • Stadio San Siro

30 giugno Padova • Stadio Euganeo

4 luglio Torino • Stadio Olimpico

7 luglio Firenze • Stadio Artemio Franchi

10 luglio Roma • Stadio Olimpico

14 luglio Bari • Arena della Vittoria

18 luglio Imola • Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari

Il Cremonini Stadi 2020 è organizzato da Live Nation Italia, media partner è Radio Italia Solo Musica Italiana.

 

Francesco Bif “Il suono delle Parole” feat Fabrizio Bosso

fabrizio-bosso-e-francesco-bif-.
fabrizio-bosso-e-francesco-bif-.

In radio è disponibile sulle piattaforme digitali il nuovo singolo di Francesco Bif “Il suono delle Parole” feat Fabrizio Bosso (Senza Dubbi/ Believe Digital) Il brano raffinato e riflessivo, racconta l’amore per la parola, il parlare di una storia e la creatività che sorprende improvvisamente durante la giornata.

La canzone scritta da Francesco Bif è impreziosita dal featuring del trombettista Fabrizio Bosso, che ha colorato con il suo splendido e unico suono questo brano.

Il singolo accompagnato dal video ufficiale per la regia di Fabio Bastianello (visibile al seguente link https://youtu.be/dkpQpZwRvDE), è stato girato a Milano. La clip realizzata con la tecnica del piano sequenza, vede come protagonista un bambino che insegue il sogno di comunicare attraverso la musica e compie il passaggio dalla tromba giocattolo allo strumento vero.

Nei prossimi mesi Francesco Bif sarà impegnato in un tour e in uno spettacolo teatrale in cui è coinvolto anche Tricarico, insieme al quale sta scrivendo una canzone.