Infermiere e Cantautore

usai
usai

Giovanni Usai

Da lunedì 25 maggio l’infermiere e cantautore regalerà 50 mascherine a chiunque doni fondi per il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Bazzano in provincia di Bologna

Dal 25 maggio GIOVANNI USAI, infermiere e cantautore, regalerà cinquanta mascherine insieme al download gratuito del suo singolo d’esordio “LA CANZONE DI DE LUCA” a chiunque donerà un’offerta libera tramite bonifico al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Bazzano (BO).

Giovanni Usai, giovane cantautore sardo residente da anni in provincia di Bologna, è un infermiere che ha lavorato in prima linea durante la fatidica fase di lockdown e che, proprio sul luogo di lavoro, ha precedentemente contratto il COVID-19. Poi Giovanni è guarito, ha pubblicato “La canzone di De Luca” come primo personale omaggio agli eroi moderni, quelli che guidano le ambulanze e salvano vite ogni giorno, e ora fa un passo in più donando cinquanta mascherine, insieme al download del suo inedito, a chiunque aiuti a sostenere economicamente il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Bazzano, struttura inclusa nella rete dei servizi del Dipartimento di Emergenza Urgenza dell’Azienda USL di Bologna. I fondi raccolti saranno utilizzati per l’acquisto di saturimetri.

Di seguito l’IBAN per donare un contributo alla struttura: IT91D0306902480100000300026.

Biografia

Giovanni Usai è un cantautore nato in Sardegna. A 12 anni inizia a cantare e a suonare il pianoforte, prende parte a concorsi musicali locali e a scrivere canzoni. Si trasferisce a Bologna all’età di 15 anni, ed è lì che prosegue gli studi di pianoforte e incontra Stefania Martin e Giuseppe Lopizzo, quest’ultimo insegnante di canto e vocal coach di Gaetano Curreri , Vasco Rossi e Ligabue tra gli altri. Giovanni si classifica per due volte tra i semifinalisti del Festival di Castrocaro, per altrettante volte al secondo posto per il Premio Luigi Fantelli, e arriva tra i finalisti del talent Vocal Selection. Nel 2017 pubblica il singolo “Cuori di domani”, i cui proventi andranno totalmente in beneficenza per Cuore Domani, fondazione per la prevenzione, ricerca e cura delle malattie cardiovascolari più importante d’Italia. Nel giugno 2019 pubblica il singolo “Tradita”. L’ultimo inedito di Giovanni Usai dal titolo “La canzone di De Luca” è stato pubblicato sulle piattaforme digitali lo scorso 27 marzo.

Facebook: https://www.facebook.com/giovanniusaioriginal/
Instagram: https://www.instagram.com/giovanni_usai_official/?hl=it

RED&BLUE MUSIC RELATIONS
www.redblue.it – info@redblue.it

Fb: RedBlueMusic
Ig: redblue_musicrelations
Tw: RedBlue_Music

 

Landini: gestire emergenza coronavirus

Maurizio Landini
Maurizio Landini

AIOP: Le dichiarazioni di Landini in TV, rispetto alla necessità di coinvolgere tutti gli operatori, siano essi di diritto pubblico che di diritto privato del SSN, nella gestione dell’emergenza del coronavirus, ci trovano pronti, essendo una parte di un unico sistema

Roma, 02 marzo 2020 – “Aiop ritiene, così come dichiarato dal Segretario Landini in TV, nel corso della trasmissione ‘½ Ora in più’, che per affrontare la situazione di emergenza generata dalla diffusione del coronavirus in Italia, sia necessario coinvolgere tutto il sistema, che al suo interno annovera gli operatori di diritto privato, una delle due componenti di un unico Servizio Sanitario Nazionale”, lo dichiara Barbara Cittadini, Presidente Nazionale AIOP (Associazione Italiana Ospedalità Privata).

“La rete degli ospedali di diritto privato presente in Italia – ricorda Barbara Cittadini – assicura un quarto di tutti i ricoveri ospedalieri. Senza questo contributo determinante, a maggior ragione nelle situazioni di emergenza, la sanità pubblica italiana non potrebbe assicurare a tutti i cittadini quel servizio universale che è contenuto nella nostra Costituzione. Nelle Regioni, come la Lombardia, dove il coinvolgimento è stato istituzionalizzato e coordinato, le nostre strutture sono già operative, con protocolli condivisi e regolarmente implementati, e pazienti ricoverati nelle nostre strutture. In quelle Regioni – conclude la Presidente Cittadini – dove il coinvolgimento non è ancora avvenuto, si è, comunque, proceduto a lavorare in base alle indicazioni ministeriali e regionali, continuando a ricoverare, quotidianamente, pazienti provenienti dai Pronto soccorsi”.