Progetto europeo “Su-Eatable Life”

SU-EATABLE LIFE
SU-EATABLE LIFE

2.200 persone coinvolte in media ogni giorno in Italia (3.150 in totale comprese quelle in UK). 4 aziende e 3 università, fra Italia e Regno Unito. Un duplice obiettivo: risparmiare circa 5.300 tonnellate di CO2 equivalente e circa 2 milioni di metri cubi d’acqua in 3 anni, promuovendo nelle mense aziendali e universitarie dei menù sani e sostenibili. Sono questi gli ingredienti del progetto europeo SU-EATABLE LIFE, la cui fase sperimentale parte oggi anche nel nostro Paese e che vede Fondazione Barilla nel ruolo di capofila dell’iniziativa.

Al progetto collaborano i partner greenApes, Benefit Corporation che fornisce la piattaforma digitale usata per ingaggiare gli utenti nelle mense, la Wageningen University, responsabile insieme a Fondazione Barilla dell’elaborazione dei dati raccolti, e la Sustainable Restaurant Association, partner che supporta lo sviluppo dell’iniziativa in UK.

Dopo essere partita a gennaio in Gran Bretagna (City University of London, University of Worcester, e due mense aziendali gestite dalle società di catering Artizian e Fooditude le realtà interessate) è ora la volta dell’Italia, dove l’Università di Parma, il Gruppo Barilla (stabilimento di Novara) e Ducati Motor Holding daranno il via anche nel nostro Paese a SU-EATABLE LIFE. Operativamente, il progetto vedrà in Italia il contributo delle società di catering Felsinea Ristorazione e Camst Group – Società di ristorazione e facility management, e la partecipazione di ER.GO (Azienda Regionale Emilia-Romagna per il Diritto agli Studi Superiori).

“I nostri sistemi alimentari, le scelte che compiamo a tavola e – prima ancora – il modo in cui produciamo il cibo ci stanno allontanando dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU. Se da un lato più di 820 milioni di persone nel mondo non hanno cibo a sufficienza, dall’altro circa lo stesso numero soffre di obesità e di problemi di salute legati ad una scorretta alimentazione. I sistemi alimentari sono inoltre responsabili fino al 37% circa delle emissioni di gas a effetto serra globali e del 70%[2], in media, del prelievo e consumo di acqua dolce. Senza dimenticare che annualmente viene sprecato su scala globale circa un terzo del cibo prodotto. Adottando quotidianamente una dieta sostenibile potremmo apportare benefici alla nostra salute e a quella del Pianeta.

SU-EATABLE LIFE punta proprio a questo. Oggi la fase sperimentale parte anche nelle mense universitarie e aziendali italiane. Nelle mense verranno promossi menù sostenibili, attività educative e informative e una piattaforma digitale dedicata per coinvolgere gli utenti, con l’obiettivo di ridurre l’impronta di carbonio e l’impronta idrica connesse alla dieta quotidiana delle persone”, spiega il Prof. Riccardo Valentini, coordinatore del progetto.

SU-EATABLE LIFE vuole dimostrare che è possibile ispirare i cittadini dell’UE ad adottare quotidianamente diete sane e sostenibili. Una dieta sana e sostenibile è basata su pasti che risultino completi in termini nutrizionali, con una prevalenza di prodotti di origine vegetale (verdura, legumi e frutta) e cereali (es. farro, orzo, riso) o loro derivati (es. pasta, pane, couscous, polenta), meglio se integrali, privilegiando le materie prime di stagione.

In una dieta sana e sostenibile nessuna fonte nutrizionale viene eliminata completamente, ma queste vengono bilanciate durante la settimana limitando la frequenza degli ingredienti, come la carne rossa, meno vantaggiosi per salute e ambiente, a favore di quelli più sostenibili come ad esempio legumi, pesce e carni bianche.

La fase sperimentale di SU-EATABLE LIFE avrà un triplice obiettivo generale: aumentare la consapevolezza degli utenti delle mense circa i benefici che offre adottare un regime alimentare sano e sostenibile; valutare l’efficacia di differenti tipi di interventi pensati per incoraggiare scelte sane e sostenibili, misurandone gli effetti in termini di riduzione dell’impronta di carbonio e dell’impronta idrica; fornire raccomandazioni per un miglioramento nell’offerta di cibo delle mense.

Il progetto SU-EATABLE LIFE intende non solo promuovere uno stile di consumo alimentare più sostenibile in mensa, ma mira anche al miglioramento complessivo delle abitudini alimentari delle persone. Per questo motivo, SU-EATABLE LIFE ha elaborato 8 consigli da applicare quotidianamente per migliorare la propria salute e “pesare” meno sul Pianeta, attraverso scelte alimentari sane e sostenibili:
1. Mangiare verdura, legumi e frutta fresca, frutta secca e cereali integrali.
2. Scegliere ingredienti di stagione, varietà locali o della tradizione.
3. Mangiare cibo fresco e quanto più possibile preparato naturalmente.
4. Bere molta acqua, se possibile del rubinetto, e non sprecarla.
5. Ridurre, riusare e riciclare i materiali usa e getta e gli imballaggi.
6. Non consumare troppa carne, soprattutto quella rossa, salumi e insaccati.
7. Non esagerare con formaggi, burro e latte.
8. Non sprecare cibo, mettendo nel piatto solo ciò che serve.

Piano City Milano 2020

PCM 2017 - Nyman _ ph Nicola Sacco_b
PCM 2017 – Nyman _ ph Nicola Sacco_b

A grande richiesta si prolunga di una settimana l’apertura delle iscrizioni alla nona edizione di PIANO CITY MILANO!
Le candidature al festival di pianoforte più atteso dell’anno, si estendono fino a domenica 9 febbraio sul sito www.pianocitymilano.it.

Il 22, 23 e 24 maggio Milano si trasformerà nella “casa della musica” dei pianisti di ogni genere musicale. La città risuonerà di note che spaziano dalla classica al jazz, dalle composizioni originali alla musica pop, rock e contemporanea.

È possibile iscriversi come singoli pianisti (in caso di selezione, potrete suonare in una delle splendide location scelte dall’organizzazione di Piano City Milano, dalle abitazioni milanesi a spazi non convenzionali della città), proporre la propria casa (già dotata di pianoforte) o cortile per ospitare un concerto, oppure candidarsi come guest (per realtà a vocazione culturale e/o organizzazioni senza scopo di lucro) con concerti autoprodotti, direttamente sul sito www.pianocitymilano.it/iscrizione.

Caratteristica che contraddistingue il festival di Piano City Milano è proprio quella di poter candidare anche le proprie case, spazi nuovi ed insoliti, spesso intimi, in grado di offrire al pubblico un’esperienza di ascolto inedita e stimolante.

Piano City Milano è un progetto di Associazione Piano City Milano con il Comune di Milano, a cura di Ponderosa Music&Art e Accapiù, che vanta la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini.

«Il festival si rinnova di anno in anno con programmi d’eccezione speciali, che prendono forma dalle proposte che riceviamo e seguono i movimenti di una Milano davvero viva e dinamica – dichiara Ricciarda Belgiojoso, direzione artistica di Piano City Milano – C’è spazio per tutti, giovani talenti e grandi maestri, per i generi musicali più vari e per luoghi di ogni tipo, unica regola il pianoforte. Piano City conferma la sua natura libera e partecipativa e vi invita a far parte della nona edizione di questa straordinaria festa in musica della città».

Giovanni Truppi: nuovo singolo

copertina_disco_5
copertina_disco_5

Oggi, venerdì 17 gennaio, esce sulle piattaforme streaming e in digital download “CONOSCERSI IN UNA SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ”, il nuovo singolo del cantautore e polistrumentista napoletano GIOVANNI TRUPPI (https://vir.lnk.to/ciusdd).

Il singolo anticipa la pubblicazione dell’EP “5” (Virgin Records/Universal Music), in uscita venerdì 31 gennaio sulle piattaforme streaming e in tutti gli store digitali, che oltre al precedente singolo “MIA” con CALCUTTA conterrà “CONOSCERSI IN UNA SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ” con NICCOLÒ FABI, “Due Segreti” con LA RAPPRESENTANTE DI LISTA, gli inediti “Procreare” con BRUNORI SAS e “Il tuo numero di telefono”.

Il progetto sarà accompagnato da “CINQUE”, un fumetto edito da Coconino Press con tutte le canzoni illustrate, disponibile dal 30 gennaio con in allegato il CD contenente i 5 brani. Sarà possibile acquistare il Fumetto + CD nelle librerie tradizionali e negli store online.

Ad ideare ed illustrare il progetto 6 differenti disegnatori: Fulvio Risuleo e Antonio Pronostico per “Mia”, Cristina Portolano per “Conoscersi in una situazione di difficoltà”, Piero Scarnera per “Due segreti”, Mara Cerri per “Procreare” e Zuzu per “Il tuo numero di telefono”.

Nel frattempo, GIOVANNI TRUPPI è tornato con la sua band (Paolo Mongardi alla batteria, Giovanni Pallotti al basso, Daniele Fiaschi alla chitarra, Duilio Galioto alle tastiere e Nicoletta Nardi alla voce e tastiere) a calcare i principali palchi italiani per un tour che proseguirà fino a fine febbraio.

Queste le prossime date del tour “POESIA E CIVILTÀ 2019/2020”, organizzato da Ponderosa Music&Art:

23 Gennaio – Magazzini Generali – MILANO
25 Gennaio – Teatro Bibiena – S. AGATA BOLOGNESE (BO)
7 Febbraio – Studio Foce – LUGANO (CH)
28 Febbraio – Teatro Socjale – PIANGIPANE (RA)

Le prevendite dei biglietti sono disponibili sul sito ufficiale dell’artista www.giovannitruppi.com.

L’ultimo album di TRUPPI “POESIA E CIVILTÀ” (Virgin Records Italia/Universal Music), da cui questo nuovo progetto prende spunto, contiene 11 brani inediti scritti da Giovanni Truppi, tra cui “L’UNICA OLTRE L’AMORE” e “BORGHESIA”, testo che si ispira al romanzo di Edoardo Albinati “La scuola cattolica”.

Piano City Palermo – terza Edizione

Piano City Palermo_ph Luca Savettiere
Piano City Palermo_ph Luca Savettiere

Da venerdì 27 a domenica 29 settembre torna PIANO CITY PALERMO, il festival di pianoforte che trasforma Palermo in un grande palcoscenico. Oltre 50 ore di musica riempiranno le strade, le piazze e i quartieri del capoluogo siciliano, proponendo percorsi urbani e itinerari tematici nei luoghi più suggestivi della città.

Giunto alla terza edizione, Piano City Palermo è un progetto di Associazione Piano City Milano, della Fondazione Teatro Massimo e del Comune di Palermo, in collaborazione con il Conservatorio di Musica “Alessandro Scarlatti” già Vincenzo Bellini di Palermo.

«Il programma di Piano City Palermo di quest’anno ci mostra quanto questa rassegna sia in sintonia con la città – dichiara il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando – I due percorsi tematici “Ci pensa il mare” e “Piano Quartieri” danno subito il senso di una presenza che ha messo radici in città. Ci pensa il mare, e non poteva essere altrimenti a Palermo, la città “tutta porto”, la città dell’accoglienza. E Piano Quartieri, con una presenza diffusa, non solo nel centro storico ma anche a Danisinni e a Brancaccio, al Castello di Maredolce, luoghi importanti e simbolici di Palermo tanto quanto lo sono il Teatro Massimo o Palazzo Abatellis».

«Con questa terza edizione – afferma il sovrintendente del Teatro Massimo Francesco Giambrone – Piano City Palermo si conferma come un appuntamento regolare, ormai entrato nelle abitudini della città e dei palermitani. Piano City Palermo è una perenne ricerca di nuovi scenari e nuovi interpreti, un viaggio alla scoperta di palcoscenici e percorsi nuovi o insoliti della nostra città. Il pianoforte si trasforma così in una scatola nera che registra spazi e tragitti della nostra città, le emozioni di una intera collettività».

Con la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso, Piano City Palermo si conferma una manifestazione capace di adattarsi ai cambiamenti della città e, allo stesso tempo, di trasformarne attivamente i luoghi più importanti a livello sociale e simbolico. Innovazione, sostenibilità e desiderio di scoperta sono le parole chiave di un festival che ha fondato le sue radici in una città che mai come ora è simbolo dell’accoglienza, nel cuore del Mediterraneo.

«Pensiamo a programmi appositi e opere prime spaziando tra i generi, con grandi maestri e giovani talenti, per riscoprire la città e percorrerla giorno e notte a suon di musica – commenta la direttrice artistica Ricciarda Belgiojoso – Un grazie di cuore a tutti coloro che partecipano con vivo entusiasmo alla realizzazione di questa grande festa del pianoforte che racconta Palermo e i suoi movimenti».

Progetto ‘Genoma 21′

Progetto Genoma 21
Progetto Genoma 21

Il vicepresidente di Regione Lombardia e assessore alla Ricerca, Innovazione, Universita’, Export e Internazionalizzazione delle imprese Fabrizio Sala e Gerry Scotti, ambasciatore del progetto ‘Lombardia e’ Ricerca’ hanno visitato l’associazione ‘Vola con Martin oltre il 21′ per sostenere la ricerca scientifica finalizzata a migliorare la qualita’ della vita dei bambini con trisomia 21.

L’associazione fondata nel 2018 da Davide e Ombretta Orio promuove la ricerca scientifica per migliorare la qualita’ della vita dei bambini con Sindrome di Down.

Tra le finalita’ di ‘Vola con Martin oltre il 21’anche la divulgazione di ricerche scientifiche. La loro voce e’ giunta a Gerry Scotti, che ha raggiunto Davide e Ombretta nella loro casa facendo una sorpresa al piccolo Martin e a tutti gli amici e sostenitori dell’associazione. A supporto della loro causa ha inoltre deciso di dare un suo personale contributo di 5.000 euro.

“L’attenzione per la ricerca scientifica e per le fasce piu’ deboli rappresentano da sempre un punto cardine nelle politiche di Regione Lombardia – ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala – Ringrazio il nostro ambasciatore per la Ricerca Gerry Scotti con cui vogliamo continuare a promuovere progetti di impatto concreto per lo sviluppo del territorio. Un ringraziamento anche a ‘Vola con Martin oltre il 21′ per il coraggio e la determinazione nel sostenere ricerche scientifiche come questa che costituiscono il nostro futuro. In questa impresa non siete soli” ha concluso Sala.

‘Genoma 21′ rappresenta il principale tra i progetti che l’Associazione Vola con Martin supporta. Si tratta infatti della piu’ ampia ricerca clinico sperimentale condotta in Italia sulla sindrome di Down, il cui referente clinico e’ il prof. Guido Cocchi dell’Ospedale Sant’Orsola a Bologna.

“La storia della famiglia di Martin mi ha toccato nel profondo – ha detto Gerry Scotti – Sia per la forza di questi genitori che invece di farsi sopraffare dallo sconforto hanno raddoppiato i loro sforzi per individuare una strada che possa portare alla cura dei problemi di Martin, sia per i benefici che questi studi potrebbero portare a tutti i bambini affetti dalla sindrome di Down” .

Al momento sono 200 i bambini con trisomia 21 tra i 3 e i 16 anni ad essere coinvolti nel progetto “Genoma 21″, che potra’
avere ricadute positive su tutte le persone con Sindrome di Down, circa 38.000 solo in Italia.

“Ringraziamo con sincera riconoscenza Gerry Scotti e Regione Lombardia per l’attenzione e l’umanita’ dimostrata verso la nostra piccola ma coraggiosa associazione – hanno aggiunto Davide e Ombretta Orio – Quello che ci ha resi felici e’
soprattutto la condivisione di un sogno che potrebbe diventare realta’, cioe’ quello di cambiare il destino delle persone con sindrome di Down e delle loro famiglie grazie alla ricerca scientifica”.

“Vedere istituzioni del territorio e persone molto amate come Gerry Scotti che si dimostrano disponibili anche per le realta’
piu’ piccole come la nostra – hanno concluso i genitori di Martin
– ci da’ la forza per continuare questa avventura difficile e molto impegnativa, ma piena di voglia di farcela e di cambiare cio’ che sembra impossibile”