Paolo Rossi Pane o libertà. Su la testa

paolo rossi-pane e liberta
paolo rossi-pane e liberta

Nell’ambito di Spazi di Teatro, la Stagione Estiva 2020 del Piccolo Teatro, Paolo Rossi porta in scena Pane o libertà,  il suo nuovo spettacolo per raccontare, tra parole e musica, l’incontro fortunato con grandi maestri del passato – come Jannacci, Gaber, De André, Fo – e rievocare, attraverso le loro idee e i suoi sogni, storie che aiutano a resistere, a scegliere, a sperare.

«Il titolo Pane o libertà l’ho ripreso da un libro – spiega Paolo Rossi –. Lo trovo molto emblematico: si impone la scelta tra mangiare, vivere o avere la libertà». Mentre il sottotitolo, Su la testa, è stato coniato dall’attore nel 1992 per la trasmissione che lo consacrò come “il più rock tra i comici italiani”.

Lo spettacolo sarà in scena al Chiostro Nina Vinchi, da martedì 7 a giovedì 9 luglio (prima rappresentazione in diretta sul grande schermo di mare culturale urbano), per poi spostarsi al Chiostro della Certosa di Milano (venerdì 10 luglio) e al Giardino delle Culture (sabato 11 luglio). In caso di maltempo, le recite del Chiostro si sposteranno nella sala del Teatro Grassi, mentre quelle dei Municipi saranno annullate.

Nota del Sindaco Sala

Sergio Escobar
Sergio Escobar

Nota del Sindaco Sala

Milano, 28 giugno 2020 – “Sergio Escobar ha segnato con il suo lavoro e la sua presenza la seconda fase storica del Piccolo Teatro, mantenendo una profonda lealtà alla missione originale designata dai fondatori Strehler e Grassi di un “teatro d’arte per tutti”, e innovando profondamente la dimensione progettuale e produttiva del Teatro.
I successi degli spettacoli, dei quali moltissimi legati al magistero di Luca Ronconi, chiamato proprio da Escobar alla guida artistica del teatro, e gli importantissimi conseguimenti gestionali ed economici, ottenuti grazie alle proprie capacità organizzative, hanno permesso al Piccolo Teatro di ottenere il riconoscimento di autonomia quale Teatro d’Europa per il nostro Paese, traguardo che ha sancito l’assoluta unicità dell’esperienza del Piccolo. In tutti questi anni Sergio Escobar non ha fatto mai mancare una costante cura di ogni aspetto della complessa vita di un teatro, riuscendo a gestire saldamente anche questa difficilissima fase della chiusura per l’emergenza sanitaria. Il Piccolo Teatro ha sempre saputo parlare a Milano e al mondo intero, coniugando la propria vocazione di palcoscenico internazionale con quella di vera e propria assemblea cittadina; con senso di responsabilità per questa storia e questa tradizione, sono certo che verrà individuato, dal CdA di concerto con i Soci del Teatro, il modello di gestione e la figura più adatta a raccogliere e proseguire il lavoro di Escobar, a cui va espressa la più profonda gratitudine per tutto ciò che ha saputo dare al Teatro della nostra città”. Così il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala.

“Il cielo non è un fondale”

un fondale Dietrich Steinmetz
un fondale Dietrich Steinmetz

Piccolo Teatro Studio Melato (Via Rivoli, 6 – M2 Lanza), dal 2 al 6 maggio 2018
Il cielo non è un fondale
di Daria Deflorian, Antonio Tagliarini

Una scena scarna e il cielo del titolo evocato da un dialogo tra sogno e realtà. Il duo Deflorian/Tagliarini, per la prima vola al Piccolo Teatro, sul palco con Francesco Alberici e Monica Demuru.

I sogni, dice il filosofo George Didi-Huberman, ci lasciano soli. Nella solitudine dei nostri sogni gli altri, come attori su un palcoscenico, sono e non sono sé stessi.

Il cielo non è un fondale parte da un sogno che è a sua volta generato da una canzone. È lì, tra il buio e il corpo della musica che inizia il vero, paradossale, lavoro del teatro: sognare gli altri assieme a loro, in uno spazio scenico vuoto che si ingrandisce e si restringe, come l’architettura, a un tempo contratta e smisurata, della nostra mente.

In questo luogo sospeso, Antonio racconta di aver sognato Daria nei panni di una barbona e, pur avendola riconosciuta, di essere passato oltre; quel gesto innesca una ritmica di incontri e di misconoscimenti, di cadute e di incidenti, di parole e di canzoni, scandita da due sentimenti contraddittori: la paura di essere noi stessi l’altro, l’escluso, “l’uomo che mentre tutti sono al riparo resta da solo sotto la pioggia” e il desiderio di metterci, per una volta, al suo posto.

Ma come conciliare la compassione e un’obesità dell’io che non resiste alla tentazione di sostituire a ogni storia la propria?

Piccolo Teatro Studio Melato, Socrate il sopravvissuto

socrate_pistola_stretta_stampa_ph_Giulio_Favotto
socrate_pistola_stretta_stampa_ph_Giulio_Favotto

Dopo Virgilio brucia, presentato al Piccolo nel gennaio 2016, il Teatro Studio torna a ospitare una produzione Anagoor, Socrate il sopravvissuto/come le foglie, una riflessione sulla scuola e la formazione delle coscienze attraverso il filtro della filosofia e della tragedia. La compagnia ha vinto il Leone d’Argento per il Teatro 2018 della Biennale di Venezia.

Sulle tracce del romanzo di Antonio Scurati “Il sopravvissuto”, la compagnia Anagoor, con Socrate il sopravvissuto, entra all’interno di una classe come tante dal punto di vista dell’educatore senza ricalcare la vicenda in un adattamento teatrale. Solo alcune tra le pagine più emblematiche del libro si intrecciano ad altre vicende, altre parole, altre dimensioni temporali: in questo caso gli ultimi momenti di vita di Socrate attorniato dai suoi discepoli prima della condanna a morte.

Tra le ore che precedono la morte di Socrate per ingiunzione della città, così come sono raccontate da Platone nel “Fedone”, e l’ora in cui lo studente Vitaliano Caccia massacra a colpi di pistola l’intera commissione di maturità, lasciando in vita il solo insegnante di storia e filosofia, si consuma tutta la battaglia al pensiero occidentale dalle sue origini ai suoi inevitabili e tragici esiti storici, come una vera e propria Gigantomachia.
Attraverso le analogie di queste due vicende si rinnovano due eterni interrogativi: la domanda di senso, ingombrante punto di domanda rivolto al maestro, e la questione stessa della posizione del maestro rispetto al sapere e ai discepoli.

L’incontro
In occasione delle repliche di Socrate il sopravvissuto/come le foglie, il Piccolo Teatro organizza un incontro per parlare dei temi e approfondire i contenuti dello spettacolo. Filosofia e tragedia sono i due cardini dello spettacolo, che intreccia brani del Fedone – uno dei più celebri dialoghi di Platone – con la vicenda raccontata da Antonio Scurati ne Il sopravvissuto, in cui si ipotizza una strage in una scuola, con uno studente che massacra una commissione di maturità salvando solo il professore di storia e filosofia.

Oltre a questi, pagine dal filosofo e mistico armeno Georges Gurdjieff e da La storia seguente dello scrittore olandese contemporaneo Cees Nooteboom. A fare da comune denominatore il ruolo dei Maestri, nel passato e nel presente.

Di questi temi, della poetica di Anagoor e della messa in scena dello spettacolo si parlerà nell’incontro con la compagnia, al quale intervengono lo scrittore Antonio Scurati e il critico Oliviero Ponte di Pino.
Ingresso gratuito con prenotazione su www.piccoloteatro.org

Piccolo Teatro Studio Melato (Via Rivoli, 6 – M2 Lanza), dall’11 al 15 aprile 2018
Socrate il sopravvissuto/come le foglie
dal libro di Antonio Scurati “Il sopravvissuto”
con innesti liberamente ispirati a Platone, Cees Nooteboom e Georges I. Gurdjieff
regia di Simone Derai

Doppio appuntamento letterario al Piccolo Teatro

t_chiostro-850-libreria_original.
t_chiostro-850-libreria_original.

In attesa dello spettacolo (Teatro Studio Melato, dal 2 al 6 maggio), alle ore 17, al Chiostro Nina Vinchi, Daria Deflorian e Antonio Tagliarini presentano il libro Il cielo non è un fondale edito da Cue Press.
Intervengono Rossella Menna, autrice della prefazione, l’editore Mattia Visani e Attilio Scarpellini, collaboratore letterario della compagnia.
(ingresso gratuito con prenotazione su www.piccoloteatro.org)

Alle ore 20.30, Nando dalla Chiesa è al Teatro Studio Melato per presentare il suo libro Per fortuna faccio il prof, edito da Bompiani Overlook.
Una dichiarazione d’amore di un professore per l’università, un inno alla bellezza dell’insegnare. Intervengono Lamberto Bertolè, Lucia Capuzzi, Alberto Martinelli, Gianluca Vago; presenta Massimo Cirri. Letture di Sergio Leone.
(ingresso gratuito con prenotazione su www.piccoloteatro.org)