IL Volo tribute to Ennio Morricone

Il Volo_foto di Julian Hargreaves
Il Volo_foto di Julian Hargreaves

IL VOLO celebra il Maestro ENNIO MORRICONE in un evento eccezionale che si terrà il 5 giugno 2021 in Piazza Pio XII a Roma: “IL VOLO tribute to ENNIO MORRICONE”, un viaggio travolgente dentro l’arte di uno dei più grandi compositori del Novecento.

Per la prima volta Piazza Pio XII, concessa per l’occasione dal Comune di Roma, diventerà teatro di un concerto. La Basilica di San Pietro alle spalle della Piazza completerà la scenografia creando la quinta perfetta di uno spettacolo fuori dal comune.

Il Volo ripercorrerà le melodie del Maestro, impresse nei ricordi di tutti, in un’atmosfera sognante, accompagnato da una grande Orchestra che sarà diretta da una prestigiosa bacchetta.
Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble omaggeranno così il grande direttore d’orchestra, musicista, compositore, autore delle colonne sonore più belle del cinema italiano e mondiale, insignito del Premio Oscar, mancato il 6 luglio 2020.

Da sempre Il Volo è legato al Maestro, con il quale ha anche condiviso il palco nel 2011 in Piazza del Popolo a Roma, esibendosi con il brano “E più ti penso” su un medley delle colonne sonore dei film “C’era una volta in America” e “Malèna” firmate da Ennio Morricone. Anche nei numerosi concerti in tutto il mondo, il trio italiano ha spesso presentato “E più ti penso”, come omaggio a una delle grandi eccellenze italiane che merita di essere patrimonio culturale di tutti.

Oltre all’evento speciale “IL VOLO tribute to ENNIO MORRICONE, il prossimo anno Il Volo si esibirà in concerto in Italia secondo il seguente calendario.

Date estive:
29 agosto 2021 all’Arena di Verona (recupero della data del 30 agosto 2020)
30 agosto 2021 all’Arena di Verona (recupero della data del 31 agosto 2020)
4 settembre 2021 al Teatro Antico di Taormina (recupero della data del 4 settembre 2020)
5 settembre 2021 al Teatro Antico di Taormina (recupero della data del 5 settembre 2020)

Date nei Palasport:
16 ottobre 2021 al Pala Alpitour di Torino (recupero del 26 novembre 2020)
20 ottobre 2021 al Palazzo dello Sport di Roma (recupero del 4 dicembre 2020)
23 ottobre 2021 al Mediolanum Forum di Assago, Milano (recupero del 30 novembre 2020)

Martin Mystère

Martin Mystere
Martin Mystere

In libreria e fumetteria dal 27 agosto la raccolta di storie che vedono il Detective dell’Impossibile alle prese coi misteri  del mondo della musica e dei grandi musicisti

Martin Mystère è certo una figura eclettica: archeologo, antropologo, esperto d’arte, collezionista di oggetti inusuali, uomo d’azione e instancabile viaggiatore; è statunitense di nascita ma si è formato culturalmente in Italia. Trovandosi faccia a faccia con i “grandi enigmi” della storia dell’umanità, li ha sempre affrontati con grande autoironia, a mitigare la sua smisurata sapienza.

Ora, il Detective dell’Impossibile creato da Alfredo Castelli torna in libreria e in fumetteria con MARTIN MYSTÈRE. MUSICA, MAESTRO!, il volume che raccoglie storie dedicate alla musica, ai grandi musicisti e a certi strabilianti misteri che mettono a rischio addirittura la sopravvivenza dell’umanità.

La prefazione è firmata da Alfredo Castelli, autore anche delle postfazioni assieme a Paolo Colombo.

MARTIN MYSTÈRE. MUSICA, MAESTRO!

Soggetto: Alfredo Castelli et al.

Sceneggiatura: Alfredo Castelli et al.

Disegni: Giancarlo Alessandrini et al.

Copertina: Giancarlo Alessandrini

Formato: 16 x 21 cm, b/n

Pagine: 496

ISBN code: 978-88-6961-522-1

 Prezzo: 16 euro

Online e sui social:

https://www.facebook.com/MartinMystereSergioBonelliEditore/

https://shop.sergiobonelli.it/martin-mystere/2020/07/24/libro/martin-mystere-musica-maestro-1008501/

Fierrabras : la prima volta alla Scala

PROVE FIERRABRAS
PROVE FIERRABRAS

Gemma della Stagione scaligera 2017/2018 è la prima volta alla Scala del capolavoro operistico di Franz Schubert, Fierrabras, in scena dal 5 al 30 giugno con la direzione di Daniel Harding, un maestro che dopo aver inaugurato la Stagione 2005/2006 con Idomeneo ha legato il suo nome alla Scala con diverse memorabili produzioni e che manca da Milano con un’opera dal 2014.

La proposta di Fierrabras è importante per la qualità assoluta della partitura schubertiana ma anche per la sua storia recente: l’opera, composta nel 1823 e mai eseguita vivente l’autore, ha avuto una rinascita novecentesca grazie all’entusiasmo di Claudio Abbado che, sollecitato da Maurizio Pollini che ne era già allora un acceso sostenitore, la propose in uno storico allestimento di Ruth Berghaus al Theater an der Wien nel 1988 nell’ambito delle Wiener Festwochen, alla cui guida era allora Alexander Pereira.

Questa edizione di Fierrabras è per la Fondazione Abbado e per il Teatro alla Scala l’occasione per ricordare Claudio Abbado che il prossimo 26 giugno avrebbe compiuto 85 anni.

Proprio il 26 giugno alle ore 18 le due istituzioni organizzano nel Ridotto dei Palchi con il sostegno di Fedora – The European Circle of Philanthropists of Opera and Ballet l’incontro “Claudio Abbado e la riscoperta di Fierrabras”.

L’incontro ripercorrerà momenti e aspetti della rinascita moderna dell’opera a partire dallo spettacolo di Ruth Berghaus con la partecipazione tra gli altri di Daniele Abbado, Alexander Pereira e contributi di Daniel Harding e del tenore Josef Protschka, che interpretava Fierrabras nel 1988.

Presentare per la prima volta al Teatro alla Scala un’opera di Franz Schubert è un invito a riconsiderare la figura di un musicista che pur essendo noto soprattutto per le Sinfonie, i Lied e le pagine per pianoforte, scrisse ben undici lavori per il teatro, lasciandone incompiuti altri sette: una produzione copiosa di cui Fierrabras, ultimo titolo commissionato per il Teatro di Porta Carinzia a Vienna dal direttore Domenico Barbaja e dal segretario del teatro, Josef Kupelwieser che speravano in un crescente successo dell’opera tedesca dopo i trionfi di Der Freischütz di Weber.

Concerti Filarmonica della Scala

Filarmonica della Scala  Direttore: Christoph von Dohnányi
Filarmonica della Scala Direttore: Christoph von Dohnányi

Lunedì 30 aprile, giovedì 3 e sabato 5 maggio sarà il maestro tedesco Christoph von Dohnányi a salire sul podio della Filarmonica della Scala per una terna di concerti nell’ambito della Stagione Sinfonica.

In apertura di programma la celebre Ouverture dall’Egmont di Ludwig van Beethoven, introduzione alle musiche di scena ispirate alla tragedia goethiana composte tra il 1808 e il 1809.

Segue il brillante Concerto n. 22 in mi bem. magg. per pianoforte e orchestra composto da Wolfgang Amadeus Mozart nel 1785 a Vienna; solista al pianoforte è Rudolf Buchbinder, punto di riferimento per il repertorio classico tedesco e austriaco sia come interprete sia come studioso.

Nella seconda parte del concerto von Dohnányi dirige l’emozionante Sinfonia n. 3 in fa magg. di Johannes Brahms, composta a Wiesbaden nel 1883, che la Filarmonica non esegue alla Scala dal 2013.

Stagione Sinfonica 2017~2018

Lunedì 30 aprile 2018 ore 20 ~ turno A
Giovedì 3 maggio 2018 ore 20 ~ turno B
Sabato 5 maggio 2018 ore 20 ~ turno C

FILARMONICA DELLA SCALA

Direttore
CHRISTOPH VON DONHÁNYI

Pianoforte
RUDOLF BUCHBINDER

Ludwig van Beethoven
Egmont, ouverture in fa min. op. 84

Wolfgang Amadeus Mozart
Concerto n. 22 in mi bem. magg. KV 482
per pianoforte e orchestra
(cadenze del primo e terzo movimento di Rudolf Buchbinder)

Johannes Brahms
Sinfonia n. 3 in fa magg. op. 90

Prezzi: da 6,50 a 85 euro
Infotel. 02 72 00 37 44
www.teatroallascala.org

Camera ardente di Gualtiero Marchesi

Maestro-Gualtiero-Marchesi
Maestro-Gualtiero-Marchesi

Sarà aperta domani giovedì 28 dicembre e venerdì 29, la camera ardente di Gualtiero Marchesi al Teatro Dal Verme, messo a disposizione dal Comune di Milano.
Sarà possibile accedere al teatro di via San Giovanni sul Muro 2 nei seguenti orari:
– giovedì 28 dicembre, dalle ore 10 alle ore 20
– venerdì 29 dicembre, dalle ore 9 alle ore 10