In libreria “Zombicide Invader”

 

Zombicide Invader
Zombicide Invader

SERGIO BONELLI EDITORE E CMON

sono orgogliose di annunciare una grande collaborazione

ARRIVA IN LIBRERIA E FUMETTERIA

ZOMBICIDE INVADER

di LUCA ENOCH E STEFANO VIETTI

Dai creatori dell’universo di Dragonero e Senzanima

Dal 28 gennaio al via la prima collaborazione tra SBE e CMON – ovvero CoolMiniorNot – società leader nel settore dei giochi da tavolo

TRAILER https://youtu.be/iszy-JJf4sE

Arriva in libreria e in fumetteria ZOMBICIDE INVADER, il primo frutto della collaborazione tra Sergio Bonelli Editore e la società CMON, leader nel settore dei giochi da tavolo. Dalla serie fantascientifica del boardgame di successo mondiale Zombicide Invader, questa graphic novel racconta il suo incredibile mondo e i suoi eroici protagonisti.

Quando il capitano Kane giunge sul piccolo pianeta minerario di PK- L7, si trova coinvolto in una battaglia tra i suoi abitanti e una misteriosa razza di esseri mutanti emersi dal sottosuolo. Kane è un combattente nato e, con la sua squadra, non si tirerà indietro, ma lo scontro si rivelerà un vero e proprio incubo. Il destino di PK-L7 non sarebbe del resto un loro problema, ma il capitano Kane, il sergente Yuko e il tenente Bogrov dovranno vendere cara la pelle accanto agli altri coloni per sopravvivere e cercare di nascondere la verità su se stessi, perché non sono esattamente chi dicono di essere…

Il soggetto di ZOMBICIDE INVADER è di Luca Enoch e Stefano Vietti, che firma anche la sceneggiatura. I disegni e la copertina sono di Giancarlo Olivares. Il volume è inoltre arricchito di uno speciale Sketch Book che presenta i diversi protagonisti.

Una speciale versione variant con cover dedicata realizzata da Adrian Smith sarà disponibile sullo shop online Bonelli e nelle librerie del circuito Manicomix.

“Tutti i giochi targati CMON raccontano storie emozionanti popolate da personaggi iconici con personalità uniche che emergono durante le sessioni di gioco”, commenta David Preti, Chief Operating Officer, CMON. “Ogni esperienza ludica racconta una storia e siamo estremamente orgogliosi e felici di avere un grande partner quale Sergio Bonelli Editore che ha immediatamente compreso il mondo e lo spirito di Zombicide Invader “.

ZOMBICIDE INVADER

Soggetto: Luca Enoch, Stefano Vietti

Sceneggiatura: Stefano Vietti

Disegni: Giancarlo Olivares

Copertina: Giancarlo Olivares

Colori: Paolo Francescutto

Formato: 17 x 26 cm, colore

Pagine: 144

Prezzo: 21 euro

Online e sui social:

https://www.facebook.com/SergioBonelliEditoreUfficiale

https://shop.sergiobonelli.it/libri/2020/12/23/libro/zombicide-invader-benvenuti-all-inferno-1009060/

VARIANT: https://shop.sergiobonelli.it/libri/2020/12/23/libro/zombicide-invader-benvenuti-all-inferno-variant-1009061/

 

Novità Raffaello Cortina febbraio 2021

Raffaello Cortina Editore
Raffaello Cortina Editore

NOVITÀ FEBBRAIO 2021

Philippe Descola

Oltre natura e cultura

Solo l’Occidente moderno si è impegnato a costruire una contrapposizione fra natura e cultura. L’antropologia perpetua nella definizione stessa del proprio oggetto – la diversità culturale sullo sfondo dell’universalità della natura – una distinzione che i popoli che studia hanno invece evitato. Philippe Descola, uno dei più importanti antropologi contemporanei, propone qui, a partire da tratti comuni che si corrispondono da un continente all’altro, un approccio nuovo ai modi di ripartire le continuità e le discontinuità esistenti fra l’uomo e il suo ambiente: il totemismo, che sottolinea la continuità fisica e interiore fra umani e non umani; l’analogismo, che postula fra gli elementi del mondo una rete di discontinuità strutturata da relazioni di corrispondenza; l’animismo, che presta ai non umani l’interiorità degli umani, ma li distingue per i loro corpi; il naturalismo, che ci associa ai non umani per continuità fisiche ma ci separa in virtù delle nostre capacità culturali.
Ogni modo di identificazione consente configurazioni particolari che ridistribuiscono gli esistenti in collettivi dalle frontiere differenti rispetto a quelle a cui le scienze umane ci hanno abituato. È a una ricomposizione radicale di queste scienze che il libro invita.

Duccio Demetrio

All’antica

Una maniera di esistere

Scriveva Leopardi nelle Operette morali: “Un uomo fatto all’antica” è un uomo “dabbene e da potersene fidare”. Oggi questa immagine virtuosa è andata smarrendosi. Attribuire tale qualità morale a qualcuno può significare accusarlo di essere un conservatore, se non un reazionario. Nel migliore dei casi, si è tacciati di non stare “al passo con i tempi”, di non saperne vedere i vantaggi. Questo libro mostra invece che l’essere all’antica implica alcune delle nostre qualità migliori. Fra queste, la sensibilità per le memorie personali e altrui, per la conoscenza storica, per virtù e valori che paiono dimenticati. E poi, si è tali per modi di fare, parlare, desiderare, non volti nostalgicamente al passato ma orientati a sentimenti in controtendenza, ostili verso ogni forma di volgarità. Piuttosto propensi alla pratica della lealtà, della generosità, dell’amicizia. L’essere all’antica, su cui il libro sfata i pregiudizi più frequenti, arricchisce e non sminuisce il nostro modo di esistere. Per non vivere di solo presente e non esserne troppo contagiati.

Alfred Gell

Arte e agency

Una teoria antropologica

Che cos’è l’arte? Qual è la sua forza? Queste le domande che Alfred Gell solleva in Arte e agency, che il lettore legge qui nella sua prima traduzione italiana e che è lo studio cui l’autore deve la propria duratura fama. Secondo Gell, l’origine del potere che gli oggetti artistici esercitano su di noi dipende dal modo in cui sono stati costruiti. Veniamo incantati dalla tecnica con cui altri uomini trasformano i materiali. L’antropologo inglese abbandona tanto l’idea occidentale e reazionaria di opera d’arte bella quanto quella etnografica di manufatto funzionale, e sostiene che entrambi sono parimenti capaci di incorporare le nostre intenzioni e di agire come persone in carne e ossa. Testo all’avanguardia all’epoca della sua stesura, torna a esserlo oggi tanto per comprendere processi artistici à la Damien Hirst e installazioni che mettono in scena corpi viventi, artefatti d’uso comune e dispositivi tecnologici, quanto per dialogare proficuamente con recenti posizioni filosofiche come la actor-network theory di Bruno Latour, le teorie dell’embodiment e i nuovi materialismi.

Paolo Inghilleri

I luoghi che curano

Un malessere diffuso sembra oggi essere presente: insoddisfazione, insicurezza, timore per il futuro che possono diventare ansia, depressione, apatia. Il libro descrive le cause psicosociali di questo stare male: dalla troppa possibilità di scelta al doversi confrontare con altre culture, dalla crisi economica al destino incerto del pianeta. Ma ognuno di noi possiede, biologicamente e come specie, fattori protettivi: la capacità, attraverso l’empatia, di comprendere l’altro e di collaborare, la predisposizione alla resilienza, la tendenza innata a raggiungere stati esperienziali positivi.
Partendo da queste premesse, l’autore affronta il tema della cura, non in generale ma rispetto agli effetti terapeutici dei luoghi, degli oggetti e della natura e illustra come devono essere i paesaggi, le città o le costruzioni architettoniche che possono “curare” e farci star bene. Lo fa percorrendo casi reali, dagli slums di Mumbai alle opere di grandi architetti come Aravena, Boeri e Piano, dall’uso dei beni comuni a quello della propria casa. Una parte importante è dedicata agli effetti benefici della natura sulla psiche e sul comportamento e a come tutto questo si interseca con il futuro ambientale del pianeta e con ciò che ci ha insegnato la pandemia del coronavirus.

 

“Luce della notte” in libreria

Copertina
Copertina

Da oggi in libreria
LUCE DELLA NOTTE
di ILARIA TUTI
«Ci parli del sogno» disse Marini.
Giulia si asciugò le guance con la manica della felpa. Dall’orlo spuntavano solo
le dita. Le unghie erano mangiate fino alla carne viva.
«Chiara ha descritto la macchia di acacie dietro casa. Ogni dettaglio era così
preciso… Era buio.» Chiuse gli occhi, liberando altre grosse lacrime. «Il solito
buio. Ha detto di aver seguito un lamento nella nebbia. Di essere arrivata a
uno degli alberi e aver trovato…»
Attesero che continuasse, ma sembrava incapace di andare avanti.
Teresa temeva d’istinto la risposta, ma glielo chiese lo stesso.
«Che cosa?»
Giulia la guardò.
«La tomba di un bambino.»
Con Luce della notte torna l’amatissimo personaggio di Ilaria Tuti, il commissario Teresa Battaglia, dal
carattere fiero e indomito, a tratti brusco, sempre compassionevole. Sullo sfondo di una natura fatta di
boschi, di valli isolate e bellezze insospettabili, ancora una volta Teresa Battaglia si mette dalla parte dei
bambini per aiutarli a trovare i colpevoli dei loro incubi.
I diritti d’autore di Luce della notte saranno devoluti al Centro di Riferimento Oncologico di Aviano a
favore della ricerca sul sarcoma di Ewing.
Chiara ha fatto un sogno. E ha avuto tantissima paura. Canta e conta, si diceva nel sogno, ma il buio non
voleva andarsene. Così, Chiara si è affidata alla luce invisibile della notte per muovere i propri passi nel
bosco. Ma quello che ha trovato scavando alle radici dell’albero l’ha sconvolta. Perché forse non era
davvero un sogno. Forse era una spaventosa realtà. Mancano pochi giorni a Natale, il giorno in cui Chiara
compirà nove anni. Anzi, la notte: perché la bambina non vede la luce del giorno da non sa più quanto
tempo. Ci vuole un cuore grande per aiutare il suo piccolo cuore a smettere di tremare. È per questo che, a
pochi giorni dalla chiusura di un faticosissimo e pericoloso caso e dalla scoperta di qualcosa che dovrà
tenere per sé, Teresa Battaglia non esita a mettersi in gioco. Forse perché, nonostante tutto, in lei batte
ancora un cuore bambino. È l’inizio di un’indagine che sembra folle e insensata. Già, perché come si può
anche solo pensare di indagare su un sogno? Però Teresa sa, anzi, sente dentro di sé, che quella fragile,
spaurita e coraggiosissima bambina ha messo le mani su qualcosa di vero, di autentico e di terribile.

Universo Marvel: Wanda e Visone

Wanda & Visione
Wanda & Visione

WANDA E VISIONE
LA PIÙ INCREDIBILE COPPIA DELL’UNIVERSO MARVEL,
TANTO FUORI DAL NORMALE QUANTO SPECIALE!

I volumi imperdibili per scoprire tutta la loro storia,
perfetti per accompagnare la visione di WandaVision
la nuova serie Marvel Studios su Disney+

Lei è una supereroina dotata del potere di manipolare e alterare la realtà, lui è un “sintezoide”, metà uomo e metà robot, con dei poteri straordinari, tra cui la capacità di volare e di modificare la propria densità e passare attraverso le cose. Sono Wanda e Visione, la più incredibile coppia dell’Universo Marvel nonché due dei più importanti e amati Avengers, di cui è possibile scoprire nei volumi editi da Panini Comics le origini e le vicende più appassionanti in occasione dell’arrivo di WandaVision su Disney+ da domani, 15 gennaio.

Non si può non iniziare con Visioni del Futuro, capolavoro di Tom King e Gabriel Hernandez Walta (premiato col prestigioso premio Eisner) in versione completa. Visione ha un solo desiderio: essere umano. E cosa c’è di più umano del farsi una famiglia? E così, letteralmente, Visione va in laboratorio e si costruisce una moglie e due figli, tutti con la stessa ambizione… ma cosa succede quando il bisogno di essere umani diventa un’ossessione?

Come afferma King (Mister Miracle, Batman) nella prefazione del volume, Visioni del Futuro “è un incrocio fra «Breaking Bad» e «Gli Incredibili»: una nuova, innovativa, serie nella tradizione di «Occhio di Falco» e «Batgirl». È una serie giocosa e con importanti conseguenze, che elettrizzerà i nostri vecchi fan e ne attrarrà di nuovi, affrontando il grande tema Marvel – «i super eroi siamo noi» – rovesciandolo e giocandoci fino a quando tutti i lettori non rimarranno col fiato sospeso, aspettando che cosa succederà dopo. […] Attraverso questo fumetto restituiremo a Visione, un personaggio con quasi cinquant’anni di storia, il proprio legittimo posto come top player del Marvel Universe, affermandolo come eroe degno di avere una serie TV e un film”.

Prezzo: € 27,00
Pagine: 280
Rilegatura: Cartonato
Formato: cm 18,3×27,7
Interni: A colori
Distribuzione: Libreria, fumetteria, online

Per conoscere meglio il mondo di Visione e di Wanda, però, non mancano altri titoli imperdibili. Come Wanda & Visione, un volume che raccoglie alcune delle storie più iconiche con protagonista questa “coppia insolita”, tanto fuori dal normale quanto speciale. Wanda & Visione è pensato per tutti coloro che vogliono scoprire la storia d’amore più affascinante dell’Universo Marvel, avvicinarsi alle loro storie e assistere ad alcuni dei momenti più importanti della loro vita.

Prezzo: € 9,90
Pagine: 112
Rilegatura: Brossurato
Formato: cm 15×23
Interni: A colori
Distribuzione: Libreria, fumetteria, online

Chi invece vuole rivivere il matrimonio tra il sintezoide e Wanda Maximoff davanti agli Avengers riuniti troverà in Visione & Scarlet Witch un porto sicuro. Questo amore, seppur all’apparenza improbabile, è cresciuto gradualmente nelle avventure a fumetti sfociando nel matrimonio e in una vita coniugale poi durata molti anni. Visione e Wanda, dopo il lieto evento, si presero anche del tempo per loro, cercando con fatica di abbandonare la vita eroica negli Eroi più potenti della Terra, alla ricerca di una tranquillità che in un universo così avventuroso come quello Marvel ovviamente non poteva essere concessa. È del 1982, sette anni dopo il loro matrimonio, la miniserie dedicata a questa pausa e che costituisce il piatto forte del volume. I testi sono di Bill Mantlo (Incredible Hulk) e Steve Englehart (Captain America), i disegni di Rick Leonardi (Spider-Man 2099) e Don Heck, il cocreatore di Iron Man.

Prezzo: € 17,00
Pagine: 136
Rilegatura: Cartonato
Formato: cm 17×26
Interni: A colori
Distribuzione: Libreria, fumetteria, online

Infine, per chi volesse approfondire il personaggio di Wanda Maximoff, c’è Scarlet Witch: La Strada delle Streghe. Per la prima volta in un unico volume la serie scritta da James Robinson (Fantastic Four) che ha ridefinito il personaggio di Wanda e il suo ruolo nell’Universo Marvel. A rendere il tutto ancora più straordinario, i disegni di un team di artisti di primissimo piano tra cui Vanesa Del Rey (Daredevil), Steve Dillon (Punisher), Javier Pulido (She-Hulk) e Marguerite Sauvage (The Life Of Captain Marvel), e le copertine originali di David Aja (Hawkeye).

Prezzo: € 35,00
Pagine: 344
Rilegatura: Cartonato
Formato: cm 18,3×27,7
Interni: A colori
Distribuzione: Fumetteria, online

Per maggiori informazioni: www.panini.it
www.facebook.com/PaniniComics
Instagram: @panini_comics

“L’ombra del cattivo” a cura di Marina Lenti

L'ombra del cattivo
L’ombra del cattivo

L’OMBRA DEL CATTIVO

L’ antagonista in 10 saghe del fantastico, tra letteratura, cinema e televisione

a cura di Marina Lenti

L’ombra del cattivo

Da Terramare a Narnia, da Harry Potter a Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, passando per Il Signore degli Anelli, in ogni saga che si rispetti oltre al protagonista non può mancare l’antagonista, il cattivo di turno che si oppone all’eroe. Le qualità dell’eroe emergono proprio grazie al suo naturale contraltare: l’antagonista, ossia il Cattivo per eccellenza. Tuttavia, non basta essere solo il nemico del protagonista per diventare un Cattivo capace di restare impresso nella mente del lettore o dello spettatore e, soprattutto, di tramandarsi per generazioni, entrando a volte a far parte dell’immaginario collettivo. Quali sono, dunque, gli ingredienti che trasformano un tale personaggio nell’essenza del Male o della Paura per antonomasia?
Questa antologia di saggi prova a rispondere a questa domanda esaminando come l’antagonista sia stato sviluppato in dieci famose opere di genere fantastico e nelle loro relative traduzioni su piccolo e grande schermo.
A cura di Marina Lenti.

Saggi
Maria Cristina Calabrese, Scegliere di essere cattivo (Harry Potter)
Paola Bruna Cartoceti, La triade oscura delle quattro terre (La saga di Shannara)
Cristina Donati, Alla ricerca del più cattivo (La Spada della Verità)
Pia Ferrara, I nemici della Polvere (Queste Oscure Materie)
Martina Frammartino, Avversari ed estranei: quando i nemici non sono tutti uguali (Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco)
Luca Fumagalli, Il volto oscuro di Narnia (Le Cronache di Narnia)
Paolo Gulisano, Nella terra di Mordor, dove l’ombra cupa scende (Il Signore degli Anelli)
Marina Lenti, Mulgarath, il parente povero della genìa orchesca (Le Cronache di Spiderwick)
Chiara Nejrotti, Le tenebre come ombra e doppio (Terramare)
Luisa Paglieri, Mondi di inchiostro e ombre punitive (Cuore d’Inchiostro)

ISBN 978-88-6872-2524

EURO 16,00