“Il cinema dei Papi” libro di Monsignor Viganò

Il cinema dei papi copertina libro
Il cinema dei papi copertina libro

Venerdì 6 dicembre alle 11 presso la Chiesa di San Gottardo in Corte, via F. Pecorari, 2 si terrà la presentazione del libro “Il cinema dei Papi.Documenti inediti dalla Filmoteca Vaticana” di Mons. Dario Edoardo Viganò, Vice-cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, edito da Marietti.

Avvalendosi di documenti in gran parte inediti provenienti dagli archivi della Segreteria di Stato Vaticana e della Gendarmeria Pontificia, il volume racconta la nascita, avvenuta 60 anni fa, della Filmoteca Vaticana, che con i suoi 8.000 titoli è un archivio unico nel suo genere e il principale deposito della memoria delle immagini in movimento dei pontificati novecenteschi.

Un punto di vista originale per comprendere le profonde trasformazioni intervenute nell’immagine del papato e nel rapporto tra Chiesa Cattolica e cinema.

Ingresso libero con prenotazione all’indirizzo: cinemadeipapi@gmail.com

Attica 02 di Giacomo Keison Bevilacqua

Attica 02
Attica 02

Arriverà in esclusiva nelle fumetterie italiane dal 12 dicembre il secondo volume di ATTICA di GIACOMO KEISON BEVILACQUA, che ci guida in quella che è considerata la città più bella e moderna del XXI secolo, circondata da un muro eretto sopra inganni, massacri e bugie. Quello che si sente leggendo questa storia è l’urlo rabbioso di Cinque ragazzi che fanno di tutto pur di abbattere quel muro…

Prossimi appuntamenti di l’Attica Tour:
Venerdì 29 novembre: Bevilacqua sarà ospite del Bonelli Point di via Marghera 28 a Milano (all’interno del Mondadori Megastore) a partire dalle ore 17:00. L’autore sarà disponibile per firme e dediche per chi acquisterà il primo volume di Attica. Sarà possibile prenotarsi a partire dalle ore 14:00 per avere anche un disegno.

Sabato 30 novembre: Bevilacqua sarà ospite della fumetteria Comix Revolution di Bergamo (in galleria Cosimo Fanzago 19) dalle ore 16:00. È consigliato arrivare in negozio intorno alle 14:00 per permettere un’organizzazione più fluida dell’evento. Anche qui, l’autore sarà disponibile per firme e dediche per chi acquisterà l’albo.

L’hashtag ufficiale dedicato alla serie è #AtticaLibera. Ogni mese Bevilacqua posterà sul suo profilo Instagram l’immagine di uno dei protagonisti del fumetto e lancerà una sfida rivolta a tutte le persone che amano disegnare. Ridisegnando il personaggio con il proprio stile, taggando Bevilacqua (@Keison22) nel disegno e inserendo nel testo l’hashtag #AtticaChallenge la vostra illustrazione potrebbe finire pubblicata tra le pagine di uno dei prossimi volumi di Attica.

“Musica migrante”

musicamigrante cover
musicamigrante cover

Prendendo spunto dalle drammatiche testimonianze dei migranti arrivati in Italia all’inizio del terzo millennio, l’autore di questo libro decide di partire alla scoperta delle musiche di un intero continente: l’Africa.

È un viaggio narrativo intrapreso con curiosità, entusiasmo e persino un pizzico di incoscienza che, tuttavia, riesce a mettere in evidenza alcuni aspetti umani, storici, culturali e finanche statistici di un universo musicale estremamente vasto e multiforme.

È il background di una nuova generazione costretta ad abbandonare la propria terra, giovani africani che hanno attraversato prima il deserto e poi il Mediterraneo nel rischioso tentativo di trovare un futuro migliore, portandosi dietro un bagaglio di suoni e memorie che viaggiano sempre di più sulla Rete.

Musica migrante è un libro sui generis che racconta e analizza con semplicità e leggerezza la “musica africana”, fra tradizione e nuove contaminazioni, alla luce di una società e di un mercato discografico sempre più globalizzati e digitali.

Le prefazioni:
«È veramente importante oggi raccontare la storia della nostra musica mentre si segue la migrazione dei popoli africani» Angélique Kidjo

«D’Ambrosio prova a occuparsi delle musiche di un bacino vasto come quello dell’Africa settentrionale e dell’Africa subsahariana. Parte, come giusto, dalle fondamenta per arrivare anche ai nuovi generi di musica popolare urbana. Si concede anche lo sfizio di approfondire alcuni temi apparentemente marginali come gli archivi digitali africani e i musicisti di seconda generazione in Italia» Valerio Corzani

L’autore:
Luca D’Ambrosio (Sora, 1970) è un blogger con la passione per la musica. Ideatore e responsabile di Musicletter.it e della Targa Mei Musicletter (Premio nazionale per il giornalismo musicale sul web), ha scritto per webzine (Sentireascoltare, Extra! Music Magazine) e riviste («Il Mucchio Selvaggio», «Gazzetta Italia», «La Rivista»).
È stato consulente musicale di due programmi radiofonici della Rappresentanza in Italia della Commissione europea. È membro della giuria delle Targhe Tenco. Nel 2018 ha pubblicato per Arcana La musica, per me.

“Il buio intorno”, il romanzo d’esordio di Elena Rebecca Ode

Buio Intorno copertina
Buio Intorno copertina

Dal 14 novembre disponibile in tutte le librerie e nei book store digitali “Il buio intorno”, il romanzo d’esordio di Elena Rebecca Odelli, pubblicato da Fanucci Editore per Leggereditore.

 La tematica è attualissima e richiama la storie di tante donne che sono state vittime di violenza fisica e psicologica da parte di uomini che non le amavano veramente. Il romanzo esplora le fragilità e le insicurezze che ognuno di noi tiene dentro di sè e la cattiveria dell’animo umano, troppo spesso nascosta dietro falsi sentimenti e promesse infrante.

TRAMA: L’amore non esiste. Sofia se lo ripete ogni giorno da quando è piccola. Lei che ha sempre vissuto una vita solitaria e con pochi contatti con il mondo esterno, con una sola amica e un lavoro che le permette di rimanere anonima e invisibile al mondo esterno. Finché una ventata d’aria fresca arriva a spazzare via le sue insicurezze. Matteo è bello, famoso, divertente, in mezzo a mille occhi vuole e cerca solo lei. Matteo, che le dedica canzoni d’amore e interi concerti dal vivo. Matteo, che ha bisogno di sentirla vicina per sentirsi felice.
Allora, forse, l’amore esiste davvero. Ed esiste anche quando lui sparisce per giorni, si dimentica di un viaggio deciso insieme o di un appuntamento? Esiste anche quando torna da lei ubriaco e violento? Esiste anche se diventa possessivo e geloso? Nonostante tutto, Matteo dice di continuare ad amarla ma allora perché tanta rabbia? È forse colpa di Sofia? Eppure lei sa che le cose belle per rimanere tali non devono trasformarsi in catene e prigioni perché l’amore è un sentimento che deve lasciarti libera per comprendere la pienezza della vita.

“C’era come un fuoco ardente”

paolo-alliata-cera-come-un-fuoco-ardente-
paolo-alliata-cera-come-un-fuoco-ardente-

L’amicizia e la nostalgia, la superbia e il canto, il coraggio e la pigrizia. Ma anche la guerra e la gloria, il dubbio e la noia, l’ospitalità, il rischio, il mistero. Viviamo pervasi da «silenziose forze» che ci fanno rimpiangere e soffrire, amare e disperare, spegnere o accendere il fuoco che brucia dentro di noi.

Forze che solo noi possiamo accogliere e trasformare, fuochi che solo noi possiamo custodire e alimentare, tenendo viva la bellezza, aprendo all’imprevisto, all’esplosiva fioritura dell’immaginazione. Quella che si oppone all’ottusità del potere e cerca ostinatamente la grazia per le strade, tra i libri, negli scantinati della nostra anima, tra le pieghe di una società avida e triste, perfino nella leggerezza dolce dell’effimero.

La grande lezione del Cristianesimo parla a tutti coloro che non si accontentano ma cercano l’intensità del desiderio e dell’incontro, interrogano la realtà senza farsi bloccare dal sospetto, dal vittimismo, dalla diffidenza.

Immergendosi nelle Scritture, attraversando il cinema, la letteratura, la tradizione popolare, l’arte, don Paolo Alliata ci invita a squarciare il velo della banalità e a fidarsi della forza delle domande. Anche di fronte alla paura del diverso, alla violenza del giudizio, alla solitudine della morte. «È la grande avventura di ogni figlio di Adamo nella storia. E vale la pena di affrontarla».

I rabbini dicevano: “Dio ha creato il punto di domanda e l’ha posto nel cuore dell’uomo”. La domanda è lo spazio dell’incontro, del dialogo, del confronto. Le domande aprono lo spazio del cammino, per la ricerca; le domande sincere permettono di respirare, di far circolare vita e sapienza. Ci si avvicina a Dio più con le domande che non con le risposte, perché la domanda ha una forza che spesso la risposta non ha già più.

Don Paolo Alliata

L’AUTORE: Paolo Alliata (Milano, 1971), dopo la laurea in Lettere classiche all’Università degli Studi di Milano, viene ordinato prete dal cardinale Martini nel 2000 e dal 2016 è vicario della comunità pastorale per la parrocchia milanese di Santa Maria Incoronata.