Il lago dei cigni al Duse di Bologna

Swan Lake
Swan Lake

Domenica 15 aprile  ore 16 al Duse, domenica pomeriggio, ancora un classico della danza: Il lago dei cigni. La versione nasce da un’idea che da molti anni il regista e coreografo Luigi Martelletta inseguiva e sperava di mettere in scena: la sua lunga ed intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell’Opera di Roma ed in tanti altri Teatri Italiani ed Europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto.

La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che in questa versione verranno esaminate e sviscerate, abbandonando la drammaturgia classica teatrale a favore di una forma di riappropriazione della realtà e dell’esperienza comune.

Fortemente legato alla tradizione accademica, Luigi Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico, mantenendo comunque le coreografie originali e quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: i cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto altro.

La particolarità di questo spettacolo consiste proprio nella capacità di unire fantasia e realtà, di proporsi vivo e attualissimo, pur dimorando in un suo pianeta espressivo che sa di antico, di già visto, di già vissuto. L’ideale neoclassico di una bellezza assoluta, regolata da un ordine imperturbabile, è l’obiettivo totalizzante della creazione.

Compagnia nazionale di Raffaele Paganini
IL LAGO DEI CIGNI

CON Sara Loro e Marco Marangio dal Teatro dell’Opera di Roma

COREOGRAFIE Luigi Martelletta
MUSICHE Peter Ilyich Tchaikovsky

BIGLIETTI

Platea intero € 29 ridotto € 26,5 mini € 23,5
Prima galleria intero € 25 ridotto € 23 mini € 20,5
Seconda galleria intero € 20,5 ridotto € 18,5 mini € 16,5

Informazioni e prenotazioni
Ufficio di biglietteria
Via Cartoleria, 42 Bologna
051 231836 – biglietteria@teatrodusebologna.it
teatrodusebologna.it

Danza al Regio: Il Lago dei cigni del Teatro Mariinskij

Anastasia Kolegova in Swan Lake by Natasha Razina State Academic Mariinsky Theatre
Anastasia Kolegova in Swan Lake by Natasha Razina State Academic Mariinsky Theatre

Dicembre, come da tradizione, è il mese che il Teatro Regio dedica completamente alla danza. Dal 13 al 19 dicembre il Balletto del Teatro Mariinskij di San Pietroburgo interpreta il “classico dei classici”: Il lago dei cigni, con la coreografia di Marius Petipa e Lev Ivanov su musica di Pëtr Il’ič Čajkovskij eseguita dall’Orchestra del Regio diretta dal maestro Gavriel Heine.

La produzione si avvale del sostegno di Leonardo, Partner del Teatro Regio.
Nel ruolo di Odette/Odile si alterneranno: Oksana Skoryk (13 e 16 dicembre ore 20), Anastasija Kolegova (14 e 17), Ekaterina Kondaurova (15 e 19 ore 20), Olesja Novikova (16 e 19 ore 14.30); nel ruolo del principe Siegfried danzeranno: Alexander Parish (13 e 16 ore 20), Evgenij Ivančenko (14 e 17), Timur Askerov (15 e 19 ore 20) e Filipp Stëpin (16 e 19 ore 14.30). L’adattamento della coreografia e la messa in scena sono firmate da Konstantin Sergeev, le scene sono di Igor Ivanov e i costumi di Galina Solov’eva.
Biglietti

Per i diciottenni che hanno il diritto di utilizzare il Bonus cultura al Regio, il costo del biglietto è di € 25, con la possibilità di un ulteriore biglietto a € 1. Biglietti in vendita alla Biglietteria del Teatro Regio, piazza Castello 215 – Tel. 011.8815.241/242, presso Infopiemonte-Torinocultura, nei punti vendita Vivaticket, on line su www.vivaticket.it e telefonicamente al n. 011.8815.270. Info – Tel. 011.8815.557

Teatro Giuditta Pasta: “Il lago dei cigni” apre la danza a Saronno

lago dei cigni
lago dei cigni

Come ormai tradizione anche la danza trova spazio nella nostra programmazione con quattro appuntamenti differenti nei generi. Ad aprire la rassegna un grande classico con la Compagnia di Raffaele Paganini, “Il lago dei cigni”.

Sabato 29 ottobre | ore 21.00
Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini in:

IL LAGO DEI CIGNI
coreografie di M. Petipa
regia di Luigi Martelletta
musiche di P.I. Tchaikovsky

Lo spettacolo nasce da un’idea che da molti anni il regista e coreografo Luigi Martelletta inseguiva e sperava di mettere in scena, la sua lunga e intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell’Opera di Roma e in tanti altri Teatri Italiani ed Europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto.

La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che però in questa versione vorremmo esaminare e sviscerare; la drammaturgia classica teatrale del balletto infatti è abbandonata a favore di una forma di riappropriazione della realtà e dell’esperienza comune basata sui particolari e sulle singole situazioni riunite tra loro in collage ampio e sfaccettato, secondo una metodologia di lavoro di ricerca e di graduale progresso.

Fortemente legato alla tradizione accademica, Luigi Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo tutti i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico, mantenendo comunque le coreografie originali presentando  tutte quelle danze e quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: i cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto altro.

La  particolarità di questo spettacolo consiste proprio nella capacità di unire fantasia e realtà, di proporsi vivo e attualissimo, pur dimorando in un suo pianeta espressivo che sa di antico, di già visto, di già vissuto. L’ideale neoclassico di una bellezza assoluta, regolata da un ordine imperturbabile, è l’obiettivo totalizzante della creazione.

Biglietti:
intero € 30
ridotto over70 € 27
ridotto gruppi organizzati € 25
ridotto under26 € 15

Lago dei cigni compagnia Raffaele Paganini al Teatro Duse

lago dei cigni teatro
Torna la danza al Teatro Duse di Bologna con il Lago dei Cigni della Compagnia nazionale di Raffaele Paganini. Un lavoro snello ma che mantiene tutto quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: tra cigni, danza spagnola, danza russa, valzer e passi a due.

Il Lago dei Cigni che mercoledì sera sarà portato in scena dalla Compagnia nazionale di Raffaele Paganini al Teatro Duse di Bologna, nasce da un’idea che da molti anni il regista e coreografo Luigi Martelletta inseguiva e sperava di mettere in scena: la sua lunga ed intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell’Opera di Roma ed in tanti altri teatri Italiani ed Europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto.

La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che però in questa versione saranno esaminati e sviscerati; la drammaturgia classica teatrale del balletto, è abbandonata a favore di una forma di riappropriazione della realtà e dell’esperienza comune basata sui particolari e sulle singole situazioni riunite tra loro in collage ampio e sfaccettato, secondo una metodologia di lavoro di ricerca e di graduale progresso.

Fortemente legato alla tradizione accademica, Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo tutti i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico, mantenendo comunque le coreografie originali presentando tutte quelle danze e quell’itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: i cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto altro..

La particolarità di questo spettacolo consiste proprio nella capacità di unire fantasia e realtà, di proporsi vivo e attualissimo, pur dimorando in un suo pianeta espressivo che sa di antico, di già visto, di già vissuto. L’ideale neoclassico di una bellezza assoluta, regolata da un ordine imperturbabile, è l’obiettivo totalizzante della creazione.

Compagnia nazionale di Raffaele Paganini
IL LAGO DEI CIGNI
musiche Pëtr Il’ič Čajkovskij
coreografia M. Petipa
Regia Luigi Martelletta

PREZZI

Platea   intero € 29  ridotto € 26  mini € 24,5
Prima galleria intero € 24  ridotto € 21,5 mini € 20,5
Seconda galleria  intero € 19   ridotto € 17  mini € 16

Informazioni e prenotazioni
Ufficio di biglietteria
Via Cartoleria, 42 Bologna
051 231836 – biglietteria@teatrodusebologna.it
dal martedì al sabato dalle 15 alle 19
e da un’ora prima dell’inizio degli spettacoli
teatrodusebologna.it

IL LAGO DEI CIGNI al Teatro delle Muse

Tutto esaurito al Teatro delle Muse il 21 e 22 aprile (ore 20.30 il 21 aprile e alle ore 16.00 il 22 aprile) Il Balletto Accademico di Stato di San Pietroburgo, fondato da Leonid Jacbson, che si esibirà ne Il Lago dei Cigni, musica di Piotr Iľjič Čajkovskij e coreografie Marius Petipa e Lev Ivanov con la partecipazione della FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana diretta dal Maestro Mikhail Gertz.

I cast di danzatori, per quanto riguarda i solisti saranno due, uno si esibirà il sabato e l’altro nella seconda replica.

I solisti del cast di sabato 21 aprile sono: Artem Pyhacov, Principe Siegfried, Svetlana Smirnova, Odette/Odille, Maksim Tkačenko, Rothbart, Vladimir Dorohin, Il Giullare.

Domenica 22 aprile i ballerini solisti sono: Ivan Zajcev, Principe Siegfried, Alla Bočarova, Odette/Odille, Il’Ja Osipov, Rothbart, Vladimir Dorohin, Il Giullare.

Il lago dei cigni è stata nel 1877 la prima partitura di balletto scritta da un compositore sinfonico Piotr Iľjič Čajkovskij. Un salto qualitativo per il genere anche se è con la revisione della coreografia originale di Marius Petipa e Lev Ivanov nel 1895 che questo balletto diventa sinonimo della grande scuola russa e del balletto classico. Il lago dei cigni è basato su racconti tradizionali russi e la versione di Petipa riflette la perfezione etera della coreografia che esalta la bellezza del movimento, la fantasie e la magia di un classico indiscutibile. Considerato uno dei più famosi e acclamati balletti del XIX secolo Il lago dei cigni, fu rappresentato per la prima volta al Teatro Bolshoi di Mosca il 20 febbraio 1877, con la coreografia di Julius Wenzel Reisinger. Di quest’opera si sono succeduti, nel tempo, moltissimi diversi allestimenti, sebbene la maggior parte delle compagnie basi la propria messa in scena sul revival di Marius Petipa e Lev Ivanov per il Balletto Imperiale, presentato la prima volta il 15 gennaio 1895 al Teatro Imperiale Mariinskij a San Pietroburgo. Il libretto è basato su un’antica fiaba tedesca, Der geraubte Schleier (Il velo rubato) e la vicenda è costruita attorno all’amore tra il principe Siegfried e la bella Odette, costretta da un incantesimo a trasformarsi in cigno ogni giorno al sorgere del sole. Il giovane, dopo averle promesso amore eterno, viene irretito da Odile, figlia di Rothbart, il malvagio stregone che ha reso vittima del tremendo maleficio la protagonista della storia, e pare per un attimo tradire il giuramento fatto all’amata. La trappola ordita per lui dall’affascinante cigno nero, tuttavia, non potrà nulla di fronte al vero amore e la storia si concluderà con il trionfo dei buoni sui cattivi. Ancora una volta il Balletto Accademico di Stato di San Pietroburgo propone un capolavoro immortale, che unisce un’eccellente tecnica ad un’emozionante capacità espressiva

Info: 071.52525 biglietteria@teatrodellemuse.org, www.teatrodellemuse.org