Sindrome Asperger: incontro gratuito a Milano

COVER_BULLIVANT_1000
COVER_BULLIVANT_1000

Uniche come me, Donne Asperger: le invisibili alla fine dello spettro
L’incontro presenta in anteprima il libro Autismo al femminile
di Fisher Bullivant F.

Con il patrocinio del Municipio 6 del Comune di Milano,
domenica 16 febbraio 2020,
in occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger
a Milano, presso Superstudio Più, dalle 9.00 alle 18.00,
un incontro gratuito

Essere donne Asperger spesso induce a vivere in uno stato di perenne invisibilità, creato da una parte dalle abilità di mascheramento sociale e dall’altra dalla calibrazione dei test diagnostici sulla base di caratteristiche strettamente maschili. L’Asperger al femminile presenta specificità che spesso sfuggono alla lente clinica, portando in alcuni casi a diagnosi sbagliate, con un carico seguente di sofferenza difficilmente sopportabile. Come spiega Tony Attwood, uno dei massimi esperti in materia: “Abbiamo urgente bisogno di elaborare una versione femminile dei test per la sindrome di Asperger, che identifichi le ragazze in base a come si presentano. L’Asperger non diagnosticato può portare a una devastante perdita di autostima nelle ragazze”. Allo stesso tempo gli interventi psicologici ed educativi, quando intrapresi, presentano le medesime fragilità, favorendo il senso di non adeguatezza, di incapacità e di insicurezza spesso condiviso da ragazze e donne di tutte le età. Riconoscersi ed essere riconosciute per le proprie specificità, abilità e fragilità, diventa quindi un momento fondamentale e irrinunciabile per ogni donna nello spettro.

Per questo motivo Spazio Asperger ONLUS, in collaborazione con Edizioni Edra e Superstudio Group, ha deciso di dedicare la Giornata mondiale della Sindrome di Asperger alle donne Asperger, organizzando un evento gratuito dal titolo “Uniche come me. Donne Asperger: le invisibili alla fine dello spettro”, durante il quale sarà presentato in anteprima il libro di Fisher Bullivant F. “Autismo al femminile. Una guida pratica per riconoscere, comprendere e lavorare con bambine e ragazze con autismo lieve e Sindrome di Asperger”, a cura di David Vagni e edito da Edizioni Edra.

L’evento, patrocinato dal Municipio 6 del Comune di Milano e introdotto dai saluti dell’Assessore alle Politiche sociali e abitative del Comune di Milano, Gabriele Rabaiotti, si svolgerà durante l’arco della giornata del 16 febbraio 2020, dalle 9.00 alle 18.00, e affronterà da un punto di vista scientifico ed educativo numerosi temi legati all’Asperger al femminile: dal camaleontismo sociale all’identità di genere e alla sessualità nelle donne Asperger, passando attraverso le possibili tipologie di intervento a sostegno di ragazze e donne nello spettro, insieme ad uno sguardo inedito sulle multi-eccezionalità che in alcuni casi caratterizzano le donne e le ragazze Asperger. Interverranno anche donne Asperger per raccontare la propria esperienza ed i propri vissuti. I relatori provengono da numerose e diverse realtà italiane che hanno intrapreso un pionieristico viaggio a riconoscimento e supporto delle specificità delle donne Asperger: Davide Moscone e David Vagni dell’Associazione Spazio Asperger ONLUS e del centro CuoreMenteLab di Roma; Patrizia Ventura e Concetta De Giambattista dell’Associazione DeltaEnne e del Policlinico di Bari; Letizia Cavalli e Sara Travaglione di CuoreMenteLab di Roma; Manuela Cianella e Giulia Cavallo dell’Officina Pedagogica altamente differente di Pisa, Cristina Parisi della Fondazione Sacra Famiglia di Varese. Sarà presente anche Francesca Mela, amministratrice del gruppo Asperger Adulti Italia che descriverà l’esperienza del gruppo e presenterà una app per aiutare le persone autistiche a gestire le proprie energie.

Obiettivo generale dell’incontro è la condivisione di esperienze di vita e di percorsi di intervento capaci di far emergere non solo le difficoltà esperite dalle donne nello spettro, ma anche le loro potenzialità, allo scopo di poterne vivere responsabilmente e consapevolmente.
Riportando al femminile quanto espresso da Hans Asperger: “Il positivo e il negativo in una persona, il suo potenziale di successo o fallimento, le sue attitudini e difficoltà – si condizionano reciprocamente e derivano dalla stessa fonte. Il nostro obiettivo terapeutico dovrebbe essere quello di insegnare alla persona come far fronte alle proprie difficoltà. Non come eliminarle. Dobbiamo educare la persona ad affrontare sfide speciali con strategie speciali; il nostro compito non è di rendere la persona consapevole di essere malata, ma quello di renderla responsabile della propria vita.”
Scheda dell’evento
Titolo evento: Uniche come me. Donne Asperger: invisibili alla fine dello Spettro
Luogo: Milano, Superstudio Più, via Tortona 27
Data e orario: domenica 16 febbraio 2020, dalle 9.00 alle 18.00
Accesso: gratuito, su prenotazione obbligatoria all’indirizzo
https://www.cuorementelab.it/evento/gmsa2020/
Evento promosso da: Spazio Asperger ONLUS, Edizioni Edra, Superstudio Group
Con il patrocinio di: Municipio 6 del Comune di Milano

Giornata Mondiale del donatore di sangue

GiornataMondialeDonatore
GiornataMondialeDonatore

“Alla vigilia della giornata mondiale del donatore di sangue voglio ringraziare i 245.385 lombardi che grazie alle 472.677 unita’ di sangue donato nel 2017 consentono alla nostra regione di contribuire efficacemente non solo al fabbisogno regionale, ma anche a quello nazionale. Un dato che conferma ancora una volta la straordinaria solidarieta’ e il grande altruismo dei cittadini della nostra regione”.

Lo ha detto l’assessore regionale al Welfare di Regione Lombardia nel corso della conferenza stampa organizzata, questa mattina, in occasione della Giornata mondiale del donatore di sangue, che si celebra domani, nella rinnovata sede dell’Avis di Milano, con il presidente regionale dell’Associazione Oscar Bianchi e del presidente onorario e dg di Milano Sergio Casartelli. L’assessore al Welfare ha approfittato dell’occasione per effettuare, prima dell’incontro, la donazione del sangue.

“Se la Lombardia e’ un’eccellenza sanitaria – ha sottolineato l’assessore -, se le nostre strutture sono in grado di effettuare interventi chirurgici altrove non realizzabili, lo dobbiamo senza dubbio alla grande professionalita’ dei professionisti, ma anche grazie alle scorte di sangue che i donatori ci forniscono e che costituiscono una garanzia per chi si sottopone ad un’operazione”.

“Non dobbiamo pero’ abbassare la guardia – ha proseguito – perche’
sebbene il trend delle donazioni sia aumentato dell’1,14% rispetto al 2016, e’ diminuito dell’8% il numero degli aspiranti donatori. Significa che e’ opportuno intensificare la comunicazione e la sensibilizzazione affinche’ non si perda questa grande ricchezza che abbiamo. Per questo, come ho fatto anch’io oggi, doniamo tutti prima di partire per le vacanze”.

“Nell’azione di sensibilizzazione – ha concluso il titolare regionale della Sanita’ – e’ fondamentale il ruolo svolto dalle associazioni di volontariato e in particolare dall’Avis che e’
quella piu’ autorevole del panorama regionale, con il 92% di sangue raccolto nella nostra regione. Non a caso la consideriamo nostro partner e insieme stiamo collaborando all’interno di una cabina di regia della quale fa parte anche Areu, per la definizione degli indirizzi strategici che i tecnici dovranno seguire per il nuovo Piano sangue”.

Giornata Mondiale contro la malaria

giornata-mondiale-contro-la-malaria-
giornata-mondiale-contro-la-malaria-

Con 216 milioni di casi nel mondo e 445.000 decessi, la malaria rimane tutt’oggi la principale causa di mortalità infantile e di infermità in 91 Paesi tropicali .

Dal 2010, ingenti investimenti internazionali (circa 2.7 miliardi di dollari all’anno) hanno consentito la distribuzione di centinaia di milioni di terapie basate sull’artemisinina , di kit diagnostici e di zanzariere impregnate di insetticidi portando ad una diminuzione del 18% del tasso di incidenza globale della malaria.

Tuttavia, a partire dal 2014 il tasso di riduzione ha subito un arresto e, in alcuni Paesi, ha addirittura invertito il suo andamento. Oggi, l’80% del peso globale di questa malattia è sostenuto da 15 Paesi, tutti situati nell’Africa sub-sahariana, fatta eccezione per l’India.

I bambini sotto i 5 anni sono particolarmente suscettibili all’infezione e a sviluppare la malattia in forma grave. Oltre il 70% di tutti i decessi per malaria si verificano, infatti, in questa fascia di età di cui oltre l’80% in Africa sub-sahariana.

In questa regione solo il 19% dei bambini colpiti da malaria riesce a ricevere un trattamento a base di artemisinina e ogni 2 minuti muore un bambino a causa di questa malattia.

Uno dei cardini della strategia di controllo ed eliminazione globale della malaria è il controllo delle zanzare Anopheles che trasmettono i parassiti malarici all’uomo.

L’ottimizzazione delle strategie di controllo anti-vettoriale richiedono una profonda conoscenza della biologia di queste specie di zanzare che in Africa sub-sahariana sono particolarmente efficienti nella trasmissione del plasmodio della malaria e sono pertanto responsabili del maggior numero di casi in questa zona rispetto alle altre regioni tropicali.

Il Consorzio internazionale Anopheles gambiae 1.000 genomes (Ag1000G) – creato nell’ambito del Network internazionale sulla genomica ed epidemiologia della malaria (MALARIAGEN) – è nato per studiare il genoma delle due specie di zanzare, Anopheles gambiae e Anopheles coluzzii, responsabili della maggior parte della trasmissione di malaria in Africa e per connettere le variazioni genetiche con l’epidemiologia della malattia.

L’obiettivo è ottimizzare le strategie di controllo basate sull’impiego di insetticidi e svilupparne di nuove basate sull’ingegneria genetica.

Aids – “Impegno in Comune”

 

ministerosalute
348 Sindaci dei Comuni italiani, o loro delegati, si sono impegnati a promuovere le iniziative di comunicazione e prevenzione del ministero della Salute in occasione della Giornata Mondiale contro l’AIDS.

La disponibilità è stata sottoscritta a Torino in occasione della XXII Assemblea annuale dell’ANCI.

Il prossimo 1 dicembre, i Comuni che hanno aderito all’invito riceveranno materiale informativo da diffondere attraverso tutti i loro canali istituzionali.

Dopo l’enorme successo conseguito con la campagna di adesione all’iniziativa “Donazione in Comune”, per promuovere la dichiarazione di volontà riguardanti la donazione di organi da introdurre in Carta d’Identità, si rinnova dunque la collaborazione tra ministero della Salute e Comuni italiani.