La vita che si ama tour – Roberto Vecchioni

Roberto Vecchioni 1 or foto Paolo De Francesco
Roberto Vecchioni 1 or foto Paolo De Francesco

Approda mercoledì 27 giugno al Teatro Romano di Fiesole (ore 21,15) il tour di Roberto Vecchioni “La vita che si ama” – ispirato all’ultimo libro dell’artista edito da Einaudi di cui sono state vendute 100.000 copie – nell’ambito dell’Estate Fiesolana 2018.

Sul palco Roberto Vecchioni alterna dialoghi e canzoni per condurre il pubblico nello spazio della felicità che – come spiega l’artista – “vuol dire avere tutto in un solo istante… quando vedete una cosa, la vedete per l’ultima volta. Ogni persona che incontrate, appena la incontrate, è per l’ultima volta”.

Il filo conduttore dello spettacolo è costituito dai frammenti della memoria personale racchiusi in 45 anni di canzoni, da quelle meno consuete come “Stelle” e “Figlio, figlio, figlio” a “Sogna ragazzo sogna”.

La scelta è quella di prediligere i brani più personali rispetto a quelli intellettuali per raccontare attraverso la musica e le parole l’urgenza di felicità, le gioie vissute, i momenti dimenticati e superati che appartengono a quel tempo definito da Vecchioni “verticale”, che ci si porta sempre addosso.

Il cantautore in questo spettacolo gioca con l’ironia, si immerge nel ricordo, rincorre la sua passione per costruire un bilancio in cui i giorni che sembravano più neri hanno lasciato il posto a quelli più luminosi.

Vecchioni lascia da parte il repertorio costituito da personaggi mitici e storici che frequenta solitamente per creare un clima intimista, ed attingere dalle cose belle della propria vita, come il ricordo della mamma descritta in “Dimentica una cosa al giorno” e “Un lungo addio” dedicato alla figlia. Non mancheranno i classici da Luci a San Siro a Chiamami ancora amore.

I biglietti (35/25 euro, posti numerati, esclusi diritti di prevendita) sono disponibili nei circuiti di Box Office Toscana www.boxofficetoscana.it/punti-vendita (tel. 055.210804) e online su www.ticketone.it (tel. 892.101).

Il tour “La vita che si ama” è realizzato dalla D.M. produzioni di Danilo Mancuso e proseguirà in alcuni dei luoghi più suggestivi del Paese, dalle piazze agli anfiteatri.

Frana Gallivaggio

Frana-Gallivaggio-
Frana-Gallivaggio-

Proseguono in Valchiavenna le attività del Centro di monitoraggio geologico di Arpa Lombardia per una ridefinizione e una migliore osservazione dei punti rilevabili con il radar da terra.
uesto in relazione al fatto che la frana del 29 maggio ha naturalmente modificato la morfologia della parete. I dati disponibili relativi ai punti ancora rilevabili indicano che al momento i movimenti residuali sono estremamente contenuti.

Si stanno, inoltre, elaborando le immagini acquisite ieri con il volo del drone per una definizione più precisa della volumetria crollata e dell’estensione dell’area di caduta di massi e frammenti di roccia.

Domattina, i tecnici effettueranno un sopralluogo al vertice della parete, per approfondire ulteriormente le dimensioni e le dinamiche del fenomeno franoso.

Cimeli della Grande Guerra in Alto Garda

adrian italiano
adrian italiano

Il Museo della Carta ospita nelle sue sale una mostra realizzata dal Gruppo Ricerca, associazione gardesana, che per la prima volta presenta al pubblico una collezione di cimeli e testimonianze della Prima Guerra Mondiale

L’associazione Gruppo Ricerca, nata nel 2015, si occupa di riportare alla luce reperti che testimoniano i grandi eventi storici che hanno lambito il territorio gardesano e il suo entroterra nel Novecento. La mostra è composta principalmente da ritrovamenti effettuati sulle montagne dell’Alto Garda, successivamente restaurati e conservati dai componenti dell’associazione.

In questo particolare luogo – l’Alto Garda – che ha vissuto la condizione di zona di confine e cerniera tra identità nazionali, con tutte le complessità e conseguenze che hanno caratterizzato tale status in termini di trasformazioni territoriali, sociali e politico-istituzionali, l’esposizione affonda le radici nel primo conflitto mondiale per porlo all’attenzione del visitatore con lo scopo di indurlo alla riflessione e consegnare frammenti di storia alle future generazioni.

Accanto a equipaggiamenti, armi e materiale bellico (bombe a mano, baionette, elmetti ) saranno esposti molti oggetti di vita quotidiana utilizzati dai soldati ( tazze, contenitori di vari materiali, fibbie, anelli,monete… ).

L’intento è quello di ricreare un vero e proprio percorso, nel centenario della fine della Grande Guerra, che racconti le vicende storico-militari nazionali e al contempo il quotidiano dei soldati impegnati al fronte attraverso gli oggetti rinvenuti.

La mostra prevede inoltre una sezione fotografica che raccoglie scatti effettuati durante la fase di ricerca, di restauro e di attimi successivi a ritrovamenti.

CIMELI DELLA GRANDE GUERRA IN ALTO GARDA
a cura dell’Associazione Gruppo Ricerca

inaugurazione: domenica 8 aprile ore 15

8 aprile -24 giugno 2018

Sede:
Museo della carta
Via Valle delle Cartiere
25088 Toscolano Maderno (BS)
Tel. 0365 641050 – 0365 546023
info@valledellecartiere.it
www.valledellecartiere.it

Orari:
tutti i giorni dalle 10,00 alle 18,00
Biglietto
intero: € 7,00 ridotto: € 5,00 (gruppi composti da minimo 20 persone, 6-18 anni, over 65)
Residenti nel Comune di Toscolano Maderno: € 3,00
Gratuità: disabili e loro accompagnatori, bambini di età inferiore ai 6 anni

Teatro Libero: Rassegna “Liberi d’Estate”

fenice rifiuti 2
fenice rifiuti 2

Forte del riscontro avuto nelle precedenti edizioni, Teatro Libero ripropone anche quest’anno LIBERI D’ESTATE, la rassegna per i cittadini che durante l’estate pur restando a Milano vorranno continuare a vivere le emozioni del teatro.

Ecco allora un cartellone di spettacoli pensati per tutte le fasce di pubblico e accomunati, in questo caso, dalla cifra del fantastico. Un’apertura di stagione straordinaria dal 21 al 26 luglio con titoli inconsueti presentati in anteprima assoluta e con alcuni dei nostri migliori artisti ad un prezzo d’ingresso scontatissimo.  In più un fresco aperitivo offerto dal teatro nella sala condizionata metterà al riparo dalla calura estiva.

Si partirà il 21 e 22 luglio con Frammenti passeggeri, uno spettacolo prodotto da Teatri Possibili e dalla Palestra dell’Attore e composto da più autori per la regia di Chiara Bertazzoni ambientato all’aeroporto di Parigi dopo il furto della Gioconda: otto personaggi, otto vite, otto frammenti che si sviluppano contemporaneamente nell’arco di soli otto minuti e che metteranno lo spettatore in contatto con una piccola storia sospesa fino all’annuncio successivo.

Si proseguirà il 23 e 24 luglio con Equilibri Universali scritto e diretto da Alessandro Veronese, una produzione della compagnia Fenice dei Rifiuti, molto amata dal nostro pubblico. Un racconto grottesco che mescola il teatro al fantasy e alla denuncia sociale.

Infine, il 25 e 26 luglio, un’altra compagnia tanto apprezzata dai nostri affezionati spettatori, Chronos3, porterà in scena La leggenda di Maraam e dei diavoli della Zisa di Maria Concetta Gravagno con la collaborazione drammaturgica di Jacopo Zerbo e Manuel Renga, anche regista dello spettacolo. Una favola moderna a due voci, narrata come nella tradizione della Commedia dell’Arte, i cui protagonisti sono Orphè, diavolo che fu capocomico, e Maraam, una coraggiosa avventuriera poliglotta.

Teatro Libero
Via Savona, 10 – Milano

BIGLIETTERIA

PREZZI BIGLIETTI
Prezzo unico € 12,00

ORARIO SPETTACOLI
Ore 21.00

ORARIO APERITIVO
Ore 20.00

ORARI BIGLIETTERIA
Da lunedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00

Nei giorni di spettacolo:
Da lunedì a venerdì fino alle 21.30
Sabato e domenica dalle 19.00 alle 21.30

CONTATTI
02 8323126
biglietteria@teatrolibero.it

ACQUISTI ONLINE
www.teatrolibero.it