Europei Torun2016 – II Giornata – Oro per Arianna Errigo nel fioretto femminile

Arianna Errigo
Arianna Errigo

Arianna Errigo è la campionessa europea 2016. E’ il verdetto più dolce che giunge dalla seconda giornata di gare dei Campionati Europei in corso a Torun, in Polonia.

L’azzurra conquista l’oro ed il titolo europeo, colmando una “lacuna” nel suo curriculum. La 28enne lombarda, ma oramai trasferitasi a Frascati, dopo due titoli mondiali, un argento olimpico e tre medaglie di bronzo agli Europei, mette in bacheca l’oro che mancava.

L’urlo di liberazione viene liberato al termine della finalissima contro la russa Aida Shanaeva, conclusasi col punteggio di 15-14 in favore dell’azzurra. Era stata lei a portarsi avanti nel punteggio, sino al 13-10. Da lì era iniziata la rimonta dell’avversaria che aveva portato lo score sul 14-14. All’ “a voi” dell’arbitro, Arianna Errigo ha piazzato la “zampata” decisiva che ha indicato la via dell’Italia alla medaglia d’oro di specialità.

“Grande soddisfazione per un titolo che sembrava non dovesse arrivare mai – dichiara a caldo Arianna Errigo -. In finale ho avuto un pizzico di “timore” di rovinare tutto, ma sul 14-14 mi sono detta: “lo vuoi quest’oro”? E mi sono risposta da sola! Non sono ancora al top della forma perché l’obiettivo è quello di farsi trovare pronti tra quaranta giorni. Oggi è stata difficile sin dalla mattina, ma ho stretto i denti ed ho vinto. Sono soddisfatta e soprattutto carica. E’ un risultato – conclude l’azzurra – che mi infonde tanta fiducia e mi dà ancora più carica per affrontare queste settimane che ci separano dal 10 agosto (giorno della gara olimpica di fioretto femminile individuale, ndr)”.

L’azzurra aveva conquistato il pass per la finalissima, dopo aver sconfitto per 15-10 in semifinale l’altra russa Larisa Korobeynikova. Il percorso di gara di Arianna Errigo era iniziato, dopo la fase a gironi, con il successo per 15-9 contro la greca Aikaterini Kontochristopoulou. A seguire la neo campionessa europea aveva superato l’ungherese Kreiss col punteggio di 15-5, per poi avere la meglio ai quarti di finale contro la coriacea francese Ysaora Thibus, per 15-11.

Si è fermata invece ai piedi del podio la campionessa europea uscente, Elisa Di Francisca. L’olimpionica azzurra ha subìto il 15-13 dalla russa Aida Shanaeva nell’assalto valido per l’accesso alla zona medaglia. Elisa Di Francisca, testa di serie numero 1 del tabellone dopo aver vinto tutti gli assalti del proprio girone, nel primo assalto di giornata aveva sconfitto per 15-5 la slovacca Micaela Cellerova, per poi vincere, con lo stesso punteggio, il derby del turno delle 16, contro l’altra azzurra Martina Batini. Quest’ultima, in precedenza, aveva superato 15-11 la polacca padrona di casa, Martyna Jelinska.

Stop nel turno delle 16, oltre a Martina Batini, anche per Alice Volpi. La senese, dopo avere sconfitto 15-3 l’ucraina Alexandra Senyuta, è stata eliminata dalla francese Ysaora Thibus per 15-13.

Si è conclusa invece alle porte dei quarti di finale l’esperienza degli azzurri nella gara di spada maschile individuale. Paolo Pizzo ed Andrea Santarelli sono stati infatti entrambi sconfitto nel turno dei 16. Il primo, dopo la fase a gironi, ha incrociato le lame con il quotato estone Nikolai Novosjolov, superandolo col punteggio di 15-14. Con lo stesso score, ha poi sconfitto nel turno dei 32 il portacolori del Lussemburgo, Flavio Giannotte, prima di essere fermato dall’ucraino Bogdan Nikishin, col punteggio di 15-6.

Andrea Santarelli, invece, ha dapprima avuto ragione del danese Patrick Jorgensen per 15-8 e poi ha affrontato e superato l’israeliano Yuval Freilich col punteggio di 15-11. A fermare la sua corsa è stato però il campione del Mondo in carica, l’ungherese Geza Imre, per 15-9.

E’ uscito di scena nel turno dei 32 Enrico Garozzo. L’azzurro, in pedana nel giorno del suo compleanno, dopo aver sconfitto nel primo assalto del tabellone ad eliminazione diretta, l’ostico ucraino Anatoliy Herey per 15-10, è stato eliminato per 15-13 dal polacco Radoslaw Zawrotniak.

Si era fermato nel turno dei 64 il quarto azzurro, Lorenzo Buzzi. L’atleta piemontese, chiamato a sostituire l’infortunato Marco Fichera, dopo una buona prestazione nella fase a gironi, era stato sconfitto per 15-6 dal romeno Adrian Dabja.

Fioretto maschile – Parigi- Giorgio Avola e Daniele Garozzo sfiorano il podio nella prova individuale

daniele_garozzo_fabio_galli_parigi2016
Si ferma ai piedi del podio l’avanzata di Daniele Garozzo e Giorgio Avola nella prova di Coppa del Mondo di fioretto maschile di Parigi vinta dallo statunitense Race Imboden.
I due azzurri, infatti, escono sconfitti dai rispettivi assalti dei quarti di finale, concludendo così l’esperienza azzurra nella prova individuale della tappa parigina.

Daniele Garozzo, dopo aver sconfitto dapprima l’austriarco Rene Pranz per 15-9 e poi a seguire il ceco Alexander Choupenitch per 15-12 ed il russo Dmitry Trofimov per 15-5, si ferma contro il portacolori degli States, Race Imboden per 15-10, poi vincitore finale della gara.

Giorgio Avola, dal canto suo, per la terza volta in quattro prove stagionali, si ferma ad un passo dalle semifinali. La giornata dell’azzurro era iniziata con la vittoria contro il padrone di casa, il francese Julien Martine per 15-12, per proseguire poi con i successi contro lo statunitense Jerry Chang per 15-9 e contro il tedesco Andre Sanita per 15-9. Ai quarti è però giunta la sconfitta ad opera del russo Dmitry Rigin col punteggio di 15-13.

Si era fermato nel turno dei 16 il terzo azzurro approdato agli ottavi di finale: Edoardo Luperi, sconfitto col punteggio di 15-11 dal tedesco Peter Joppich.

Il turno dei 32 è stato fatale per Lorenzo Nista, sconfitto dallo statunitense Gerek Meinhardt per 15-10, Damiano Rosatelli, eliminato per 15-11 dal tunisino Mohamed Samandi, e per Andrea Cassarà, sconfitto 15-13 dal tedesco Andre Sanita che, nel primo turno, aveva eliminato l’altro azzurro, Alessio Foconi, grazie alla vittoria per 15-11.

Oltre ad Alessio Foconi, ad uscire sconfitti nel turno dei 64 sono stati Alessandro Paroli, superato dal ceco Alexander Choupenitch col punteggio di 15-3, Tommaso Lari, eliminato per mano del francese Maxime Pauty per 15-13 e Luca Simoncelli fermato da cinese Jianfei Ma per 15-7.

Nella giornata di qualificazione,  erano usciti di scena Valerio Aspromonte ed Andrea Baldini. Il primo era stato fermato dal tedesco Georg Doerr per 15-13, mentre ad eliminare Andrea Baldini era stato il francese Jean-Paul Tony Helissey per 15-11.
Archiviata la gara individuale, si accendono i riflettori sulla gara a squadre che ha in palio punti importanti per la qualificazione ai Giochi Olimpici di Rio2016.

L’Italia, testa di serie numero 4 del tabellone, sarà in pedana alle 9.30, nel turno degli ottavi di finale, contro la vincente del match tra Polonia ed Ungheria.

COPPA DEL MONDO – FIORETTO MASCHILE – Parigi, 15-17 Gennaio 2016
Finale
Imboden (Usa) b. Joppich (Ger) 15-9

DOMANI LA PROVA OLIMPICA INDIVIDUALE DI FIORETTO FEMMINILE

Elisa Di Francisca

LONDRA2012 – Il primo giorno dell’edizione numero 30 dei Giochi Olimpici vedrà alzarsi il sipario sulle prove olimpiche di scherma. All’ExCel di Londra, il programma olimpico prevede la prova individuale di fioretto femminile. L’Italia affida le proprie speranze a Valentina Vezzali, Elisa Di Francisca ed Arianna Errigo, rispettivamente numero 1, 3 e 4 del ranking mondiale. Nel pomeriggio di ieri (26 luglio) si è svolto il sorteggio del tabellone di gara, dove il software informatico ha stabilito le teste di serie: Valentina Vezzali sarà testa di serie numero 2 ed esordirà nel turno delle 32, alle ore 13.20, contro la vincente tra la giapponese Nishioka e Po Li, portacolori di Singapore.

Elisa Di Francisca è invece la numero 4 del tabellone e salirà per la prima volta sulla pedana olimpica anche lei alle 13.20, nel turno delle 32, contro la vincente dell’assalto tra la libanese Shaito e l’egiziana Shaimaa El Gammal.

La prima azzurra in pedana sarà la testa di serie numero 3, Arianna Errigo, alle 11.50, nel turno delle 32, che sarà chiamata ad affrontare una tra l’egiziana Eman El Gammal e la venezuelana Johana Fuenmayor Choles.

“Sappiamo bene che molte luci saranno puntate su di noi – dice il Commissario tecnico del fioretto azzurro, Stefano Cerioni – ma il ruolo di favoriti è quello che recitiamo sempre in tutte le prove di Coppa del Mondo ed in tutte le competizioni internazionali, come Mondiali ed Europei”. Niente paura, dunque, nè pressione eccessiva ma anzi “tranquillità e consapevolezza. Anche perchè – prosegue Cerioni – abbiamo preparato nel migliore dei modi questa competizione olimpica. Il sorteggio del tabellone ha escluso incontri tra le ragazze se non, eventualmente, in zona medaglia. Questo è un vantaggio che dobbiamo essere bravi a sfruttare”.

Dello stesso avviso anche Elisa Di Francisca. “Ammetto che l’emozione c’è – dice senza remore la campionessa del Mondo 2010 e vicecampionessa mondiale 2011 -. E’ la mia prima Olimpiade ed arrivando al Villaggio Olimpico, ti sembra di essere catapultata in una realtà fantastica. Ma non c’è tempo per distrarsi, perché la gara è alle porte. Sicuramente ci sarà un po’ di tensione, ma sono tranquilla perché so che ho fatto tutto quanto era necessario per arrivare pronta a questo appuntamento che, per me, è storico!”.

Esordio olimpico ed immancabili emozioni anche per Arianna Errigo. “E’ un susseguirsi di sensazioni molto belle e positive – ammette la 24enne azzurra -. E’ la mia prima volta in un’Olimpiade, quindi è normale, credo, provare emozioni molto particolari. L’unica cosa che mi auguro per la gara di domani – dice – è di divertirmi. Per me questo è stato sempre importante nella mia attività schermistica e spero possa essere così anche in questa gara olimpica individuale”.

Valentina Vezzali invece è alla sua quinta Olimpiade “eppure – assicura – nonostante questo ogni volta è una emozione unica e molto particolare. La mia concentrazione è ovviamente sulla gara di sabato, ma non posso non pensare a quanto sarà emozionante portare la bandiera nella cerimonia inaugurale. Ovviamente però sarà una parentesi, sebbene dall’altissimo valore simbolico. Il mio obiettivo è sempre stata la gara olimpica ed ho lavorato in questi anni per arrivare su queste pedane. Adesso ci siamo e siamo chiamate non solo a dimostrare il nostro valore ma anche a mettere a frutto i sacrifici, sperando di rappresentare l’Italia sempre al meglio”.

 

GIOCHI OLIMPICI LONDRA2012 – FIORETTO FEMMINILE – Prova individuale – 28 Luglio

Tabellone dei 32:

Di Francisca (ITA) – (Shaito(Lib) – El Gammal S. (Egy)) – ore 13.20

Errigo (ITA) – (El Gammal E. (Egy) – Fuenmayor Choles (Ven)) – ore 11.50

Vezzali (ITA) – (Nishioka (Jpn) – Po Li (Sin))  – ore 13.20

CAMPIONATI EUROPEI ASSOLUTI LEGNANO2012 SECONDA GIORNATA

LEGNANO2012

LEGNANO2012 – Rimane a quota zero il medagliere azzurro dopo le prime due giornate di gara dei Campionati Europei Assoluti Legnano2012. Nessuno degli atleti azzurri infatti sale sul podio finale sia della prova di fioretto maschile, dove a vincere è il russo Alexey Cheremisinov sul campione olimpico Benjamin Kleibrink per 15-7, e sia nella prova di sciabola femminile, dove l’ucraina Olga Kharlan si conferma campionessa europea vincendo la finale contro la sorprendente greca Vassiliki Vougiouka.

Per l’Italia, il miglior risultato arriva proprio dalla sciabola rosa, dove Ilaria Bianco chiude al quinto posto, dopo aver subìto la sconfitta ai quarti di finale per mano della francese Stoltz col punteggio di 15-12. La stessa transalpina, nel turno delle 16, aveva fermato la corsa dell’altra azzurra, Alessandra Lucchino, per 15-13. Sconfitta nel turno delle 16 anche Irene Vecchi, superata dalla polacca Socha col punteggio di 15-10, dopo che aveva vinto nelle 32 sull’ucraina Khomrova per 15-8. Gioia Marzocca si è invece fermata nelle 32, essendo stata superata per 15-14 dalla romena Bulica.

Si conclude invece nel turno dei 16 l’avventura del fioretto azzurro nella prova individuale. L’ultimo degli italiani ad uscire di scena è stato il Campione del Mondo, Andrea Cassarà, sconfitto nell’assalto contro il polacco Majewcki per 15-12, dopo che l’azzurro era riuscito a rimontare un passivo di ben otto stoccate.

Su Cassarà erano riposte tutte le speranze azzurre dopo che, nel turno dei 64 era stato sconfitto Valerio Aspromonte, per mano del ceco Kundera per 15-14 e, nel turno dei 32 si erano fermati sia Andrea Baldini, superato dall’altro ceco Choupenitch per 15-10, e sia Giorgio Avola, fermato dal croato Jovanovic per 15-14.

Cassarà, ammesso di diritto dopo la fase a gironi al turno dei 32, aveva affrontato e vinto col netto punteggio di 15-6, il tedesco pluricampione del Mondo, Peter Joppich.

Domani, il programma delle gare, prevede le prime prove a squadre. A salire in pedana saranno i quartetti di spada femminile, con l’Italia in gara con la squadra composta da Bianca Del Carretto, Nathalie Moellhausen, Mara Navarria e Rossella Fiamingo, e di sciabola maschile, dove a difendere i colori azzurri ci saranno Diego Occhiuzzi, Giampiero Pastore, Luigi Samele e Massimiliano Murolo.

Diretta su SkySport 2 HD dalle 17.30. Diretta web su FederSchermaTV a partire dalle 9.30.