Silvia Toffanin intervista Daria Bignardi

DARIA BIGNARDI
DARIA BIGNARDI

“VERISSIMO”
DARIA BIGNARDI:
“Mia figlia segue appassionatamente il Grande Fratello Vip”

“Con la sua ansia ossessiva mia madre mi ha rovinato,
ma anche salvato, la vita”

SABATO 28 NOVEMBRE, ORE 16.00, SU CANALE 5.

“Purtroppo negli anni non ho più rivisto il ‘Grande Fratello’, ma mia figlia Emilia, che è molto esigente, sta seguendo appassionatamente questa edizione del ‘Gf Vip’, quindi se piace a lei vuol dire che è divertente”.

Queste le parole di Daria Bignardi, in un’intensa intervista a Verissimo, parlando del re dei reality, di cui lei fu la prima conduttrice nel 2000.

Tornata negli studi Mediaset dopo ben quindici anni, Daria racconta: “Ho lavorato a Mediaset per 10 anni e ho molti bei ricordi qui. Mi ricordo che mentre conducevo un programma dal titolo ‘Corto Circuito’ ero incinta di mio figlio Ludovico”.

Parlando della sua famiglia e del rapporto con sua madre, Daria confida: “Adoravo mia mamma. Con la sua ansia ossessiva mi ha rovinato e salvato allo stesso tempo la vita. Alle 9:00 esatte di ogni mattina, lei è sempre riuscita a chiamarmi, ovunque io fossi, financo a Sarajevo durante la guerra. Io – prosegue – ho ereditato la sua ansia, ma ho provato a salvare i miei figli trasformandola in altro, mettendola nel lavoro e nella mia creatività”.

Fresca di stampa del suo ultimo romanzo ‘Oggi faccio azzurro’, che significa oggi non lavoro, a Silvia Toffanin che le chiede cosa ami fare nelle sue giornate libere, la scrittrice risponde: “Sto molto nella natura e guardo il cielo. Leggo e passo del tempo con i miei figli”.

Verissimo di sabato 28 novembre

Daria_Bignardi
Daria_Bignardi

Alle 16 su Canale 5, nuovo appuntamento con le emozioni e i racconti di vita di Verissimo.

Il pubblico è abituato a vederla nel ruolo di intervistatrice e conduttrice. In esclusiva a Verissimo Silvia Toffanin incontra Daria Bignardi, che torna negli studi Mediaset dopo ben quindici anni.

Ospiti del talk show, inoltre: Giorgio Panariello, che ripercorrerà la sua lunga carriera e la sua vita intensa, Valeria Marini, che parlerà della truffa subita da sua madre Gianna e l’inviato di “Striscia la notizia” Vittorio Brumotti, sempre in prima linea per denunciare, con i suoi servizi, lo spaccio di droga nelle città italiane.

E ancora, Francesco Totti e Lapo Elkann ricorderanno uno dei più grandi talenti che il calcio abbia mai avuto: Diego Armando Maradona, appena scomparso a 60 anni.

E infine, Massimiliano Morra, reduce da “Gf Vip”, racconterà per la prima volta la sua verità.

Paolo Di Paolo dialoga con Daria Bignardi

copertina libro
copertina libro

In occasione dell’uscita di

“Che ore sono da voi?”

dal 12 novembre in tutte le librerie

Paolo Di Paolo

e

Daria Bignardi

dialogano su

Antonio Tabucchi

Venerdì 20 novembre alle ore 18:30
In diretta sui canali social Feltrinelli Editore e Librerie Feltrinelli

www.feltrinellieditore.it

 

Massimo Galli, a “L’Assedio” di Daria Bignardi

lassedio-diretta-21-ottobre-ospite
lassedio-diretta-21-ottobre-ospite

Il direttore del reparto Malattie Infettive del Sacco di Milano Massimo Galli, ospite in studio a “L’Assedio” di Daria Bignardi sul Nove, sulla particolare situazione di difficoltà che sta vivendo la Lombardia afferma: “Cercherò di non buttarla in politica, ma da più di un ventennio a questa parte è stato buttato alle ortiche tutto quello che sta attorno alla parola prevenzione e intervento di prevenzione sul territorio. Validissimi colleghi che si occupano di vaccinazione sono nelle condizioni di non avere avuto, prima di questa crisi, le strutture sufficienti per garantire le vaccinazioni dell’anziano, dell’adulto, della persona fragile e a far fatica a garantire quelle dell’infanzia”.

Il professore continua: “Se l’approccio è privilegiare in modo netto la medicina in ambito privato, le grandi eccellenze, fai un numero di cardiochirurgie che non ha nemmeno tutta la Francia …ma ti dimentichi della prevenzione ( questo riguarda tutta l’Italia e un periodo lungo di interventi mancati) non è possibile. Non si può avere un’assistenza sanitaria di qualità senza la componente fondamentale della prevenzione e degli interventi a livello di territorio e del coordinamento del territorio.”

Aggiunge anche:“ Questo è un virus che muta parecchio. Prima o poi arriviamo ad avere un vaccino, credo sia ragionevole essere ottimisti…però prima i dati poi le date. Inutile continuare a dire alla gente ce l’avremo in quella data o in quell’altra, vediamo di avere delle certezze”

Le scuse di Mauro Corona a Bianca Berlinguer

mauro-corona
mauro-corona

Dopo le polemiche suscitate dal suo comportamento, Mauro Corona – che nei giorni scorsi in tv si è rivolto a Bianca Berlinguer zittendola e chiamandola ‘gallina’ – ha deciso di scusarsi pubblicamente al telefono con Daria Bignardi, nel corso del suo nuovo programma radiofonico “L’Intrusa” su Radio Capital, in onda dal lunedì al venerdì alle 10.00 : “Mi sono accorto la notte stessa di aver esagerato, di essermi espresso da maleducato, cafone e rozzo… però chiamarla subito poteva sembrare una cosa di comodo per cui ho lasciato un po’ sedimentare. E’ stato un istinto, non trovo scuse, non era il caso di reagire in quel modo, soprattutto in televisione. Chiedo scusa alle persone che hanno sentito e soprattutto a Bianca Berlinguer non perché ho paura di ritorsioni, ma perché la mia coscienza mi ha detto: sei un cretino e un maleducato…”

Lo scrittore continua: “Non è stata una reazione sessista, io ho tre figlie…in tutti i miei libri la donna ne esce con dignità e onore, figuriamoci se nelle mie intenzioni volevo offendere le donne. Comunque se si sono sentite offese chiedo scusa a tutte quante” . Alla richiesta sulle motivazioni di un tale comportamento da parte di Daria Bignardi – che tornerà in tv con quattro puntate speciali de ‘L’Assedio’ sul Nove dal 21 ottobre – Corona chiosa: “Non ci sono giustificazioni ma sono abbastanza nervoso, l’hanno detto anche i miei figli, i miei amici, perché da 40 giorni non tocco una goccia d’alcol e, dopo anni e anni di bevute, ho degli scompensi…mi accorgo di essere oggi abbastanza aggressivo e intollerante”