Un Racconto chiamato Jazz:Premiazione

Un racconto chiamato jazz
Un racconto chiamato jazz

Giunge a conclusione la 1° edizione del concorso fotografico “UN RACCONTO CHIAMATO JAZZ, manifestazione dalle premesse originali ed attraenti ma, proprio per la sua peculiarità, sicuramente impegnativa, istituito dall’”AFIJ”, in collaborazione con “I-Jazz” (Associazione Italiana dei Festival Jazz).

L’iniziativa, varata nel giugno scorso e con iscrizione gratuita, si è conclusa il 30 Novembre 2019, termine ultimo per la consegna dei lavori fotografici che i giovani sotto i 35 anni, a cui il contest era esclusivamente riservato, dovevano effettuare.
Gli aspiranti fotografi si sono cimentati con il concorso che chiedeva di abbinare servizi fotografici (da 8 a 12 scatti) a pensieri scritti sui contenuti oggetto del proprio lavoro sino a redigere, il più compiutamente possibile, un vero e proprio “racconto” legato alla musica jazz; nei suoi vari contesti di espressione (festival, concerti, session, back stage etc.): “Un racconto chiamato jazz”, per l’appunto.

Gli esiti delle selezioni, con l’individuazione dei vincitori, sono stati ufficializzati i primi giorni di Gennaio 2020 dalla giuria composta da PINO NINFA (Presidente AFIJ), CORRADO BELDÌ (Presidente di I-Jazz), ENRICO STEFANELLI (Presidente Photolux Festival), ROBERTO MUTTI (critico di “Repubblica” e organizzatore del Photofestival di Milano).

Il vincitore è risultatoLUCA MATTEUCCI che si aggiudica il premio in denaro di € 500,00, a cui si aggiunge la stampa delle foto insieme, bonus condiviso ancheconALESSANDRO ANDREATINI,qualificato al secondo posto e conVALENTINA SURIANO e MICHELE BORDONI, terzi a pari merito per un’esposizione totale di 20 fotografie che verranno esposte.

La mostra verrà allestita al BLUE NOTE in via Pietro Borsieri 37 a Milano, sede della premiazione prevista per Martedì 3 Marzo alle 19.30e a cui siete tutti invitati. Il vincitore inoltre avràla possibilità di partecipare gratuitamente ad uno dei workshop che AFIJ organizzerà per l’anno in corso.

Le dichiarazioni di Pino Ninfa, Presidente di AFIJ e della Giuria,evidenzianola “…buona levatura dei partecipanti, con idee molto interessanti espresse non solo con il linguaggio fotografico ma con l’aggiunta di scritti della propria azione, a conferma della capacità di interazione della fotografia con altri linguaggi, come la narrazione richiesta dal concorso…”

J-AX: serata speciale a Milano

J-ax
J-ax

J-AX presenta il suo nuovo progetto discografico con un concerto unico previsto per mercoledì 22 gennaio 2020 al Blue Note di Milano.

Dopo i 10 concerti sold out al Fabrique di Milano dello scorso anno, in cui ha rivissuto i suoi 25 anni di carriera, J-AX è pronto a ritornare come uno dei più grandi protagonisti del 2020 con uno show prodotto da VIVO CONCERTI.

Biglietti disponibili su Ticketone.it a partire dalle ore 11.00 di venerdì 29 novembre 2019
e in tutte le rivendite autorizzate Ticketone dalle ore 11.00 di mercoledì 4 dicembre 2019
Maggiori informazioni su www.vivoconcerti.com

“Nel silenzio delle nostre parole” di Simona Sparaco

premio-simona spartaco
premio-simona sparaco

Simona Sparaco è la vincitrice della prima edizione del Premio letterario DeA Planeta, promosso da DeA Planeta Libri, con l’opera inedita Nel silenzio delle nostre parole, un romanzo corale sulle distanze invisibili che spesso ci separano dalle persone che abbiamo accanto.

Nel corso della cerimonia di premiazione, avvenuta al Blue Note di Milano, alla presenza del Sindaco Giuseppe Sala e di circa 300 ospiti della cultura, dell’imprenditoria e del giornalismo italiano, la giuria composta da Massimo Carlotto (scrittore), Marco Drago (presidente Gruppo De Agostini), Claudio Giunta (docente e scrittore), Rosaria Renna (conduttrice radiofonica e televisiva) e Manuela Stefanelli (direttrice Libreria Hoepli)

«È una doppia vittoria per me. La stesura di questo libro – spiega Simona Sparaco, vincitrice del Premio – mi ha accompagnato durante tutta la gravidanza. E non era un libro facile da scrivere in quelle condizioni. Ma quando ho saputo che la data di consegna dei manoscritti per il bando coincideva con la presunta data del parto, ho letto questa coincidenza come un segno e mi sono fatta coraggio. Tommaso è nato insieme al libro, due mesi fa, e insieme a suo fratello Diego mi ha suggerito il nome da scegliere per lo pseudonimo. Mi hanno fatto da cavalieri, per sostenermi qualora il romanzo non fosse stato notato, e mi hanno regalato l’emozione di essere letta dai giurati come se fossi un esordiente, e uomo. Sono davvero molto onorata ed emozionata! Le storie dei miei personaggi si ispirano ai fatti realmente accaduti nella Grenfell Tower di Londra, che nel 2017 prese fuoco, scioccando mezzo mondo, me compresa. Le mie storie però sono una finzione che mi è servita come pretesto per raccontare la difficoltà di comunicare tra genitori e figli, l’incapacità di mostrarci, proprio alle persone che ci sono più vicine, per quello che siamo.»

Maria Gadù prosegue i suoi live del Tour “Pelle”

G_horiz
G_horiz

Riconosciuto talento della musica brasiliana, la cantautrice e chitarrista sopraffina MARIA GADÙ prosegue i suoi live nelle principali città italiane con il nuovo tour PELLE, con cui, sola sul palco, coinvolge il pubblico con un emozionante spettacolo chitarra e voce.

Il tour farà tappa a Milano con 4 imperdibili appuntamenti nelle serate di venerdì 10 e sabato 11 novembre al BLUE NOTE MILANO (Via Pietro Borsieri, 37 – apertura porte ore 19.30). Per le serate di venerdì e sabato gli spettacoli saranno alle ore 21.00 e alle ore 23.30

Canzoni nelle loro forme nude e crude, improvvisazione, ritmo e eleganza del sound brasiliano … questo è molto altro ancora caratterizzerà il nuovo tour della cantautrice brasiliana che per l’occasione eseguirà live i suoi più grandi successi e grandissimi successi dei più importanti cantanti brasiliani, da Caetano Veloso a Chico Buarque, da Gilberto Gil a Marisa Monte.

MARIA GADÙ inizia giovanissima a imbracciare la chitarra tra i bar di San Paolo, la sua città natale. A ventidue anni firma un contratto discografico per realizzare il suo primo omonimo album. Il disco “Maria Gadù”, certificato oro, viene pubblicato in Italia dalla Sony Music e arriva ben presto alla posizione numero cinque della classifica degli album più venduti, mentre il singolo “Shimbalaiê”, scritto dall’artista brasiliana all’età di dieci anni, oltre ad essere disco di platino in digital download, resta al primo posto nelle classifiche italiane per cinque settimane. Il suo talento ha ammaliato i più grandi suoi conterranei, come Milton Nascimento e Caetano Veloso, con cui realizza insieme un tour di concerti per voce e chitarra. Nel 2010 riceve due nomination ai Latin Grammy Award, nelle categorie “Miglior Artista Rivelazione” e “Miglior Album di un Cantautore”. I suoi due intensi dischi successivi, “Nós” (2013) e “Guelã” (2015) vantano le illustri collaborazioni di Caetano Veloso, Gilberto Gil, Chitãozinho & Xororó, Milton Nascimento, Ana Carolina, Sandra de Sá, Ivan Lins. Grazie all’album “Guelã”, inoltre, Maria riceve la terza nomination ai Latin Grammy Awards nella categoria “Best MPB Album”.

Le sorelle Marinetti al Blue Note Milano con “La Famiglia Canterina”

Le Sorelle Marinetti
Le Sorelle Marinetti

Domani, domenica 5 marzo il trio vocale LE SORELLE MARINETTI porterà in scena al BLUE NOTE MILANO (Via Borsieri, 37) lo spettacolo “LA FAMIGLIA CANTERINA”.

I tre attori-cantanti accompagneranno gli spettatori in un’atmosfera dal sapore vintage di fine anni Trenta, fatta di ottima musica, sketch, coreografie e aneddoti sul costume e la cultura del tempo.
Nel corso della serata le sorelle Turbina, Elica e Scintilla Marinetti si esibiranno con canzoni quali “Ma le gambe”, “Maramao”, “Pinguino Innamorato”, “Appuntamento Con La Luna”, “La Famiglia Canterina”, “Vieni In Riva Al Mare”, “La-dà-dà” e molte altre, che hanno reso intramontabili nomi come Silvana Fioresi, Maria Jottini, Lina Termini, Dea Garbaccio, Alberto Rabagliati, Odoardo Spadaro, Enzo Aita, Oscar Carboni, Gianni Di Palma e Alfredo Clerici.

Proprio come il Trio Lescano si è sempre accompagnato con le migliori voci femminili e maschili di quegli anni, il trio Marinetti salirà sul palco del Blue Note insieme a Francesca Nerozzi e Jacopo Bruno, co-protagonisti con le Sorelle della commedia musicale “Risate Sotto Le Bombe”.
Si esibiranno insieme a loro anche alcuni dei musicisti dell’Orchestra Maniscalchi, sotto la direzione musicale del M° Christian Schmitz.

Lo spettacolo al Blue Note anticipa l’uscita di “La Famiglia Canterina” (prodotto da Giorgio Bozzo per la P-Nuts, con la direzione artistica e musicale di Christian Schmitz), il disco che raccoglie 18 brani (di cui 3 strumentali) presentati dal vivo da quella che è stata definita “la prima famiglia allargata dello swing italiano”.