I LOVE GAI – Giovani Autori Italiani

I love GAI
I love GAI

Il concorso I LOVE GAI — Giovani Autori Italiani, nasce da un’iniziativa SIAE in collaborazione con Lightbox. Il concorso è dedicato ai giovani autori e registi italiani sotto i quarant’anni, è aperto a opere di qualunque formato e genere con una durata massima di 30′.

EVENTO DI LANCIO
11 settembre 2015 ore 11.00
Proiezione cortometraggi Sala Pasinetti, Palazzo del Cinema – Lido di Venezia

11 settembre ore 22.00
Grande festa di lancio I LOVE GAI – Aeroporto Nicelli – Lido di Venezia

CONCORSO
Il concorso ha come primo obiettivo quello di promuovere e dare visibilità ai giovani talenti, favorendone il contatto con i produttori e il pubblico.

La prima edizione del concorso verrà lanciata durante la Mostra del Cinema di Venezia 2015, inaugurando l’azione di promozione nei confronti dei giovani autori con una prima rassegna di lavori.

L’evento di lancio prevede una rassegna di cortometraggi di sette talentuosi videomaker italiani all’interno della Sala Pasinetti, nel Palazzo del Cinema del Lido di Venezia. Uno special party per celebrare i giovani autori italiani all’Aeroporto Nicelli. Il lancio di un concorso pluriennale che ha come obbiettivo quello di scoprire e promuovere i giovani talenti del nostro paese, per creare un circolo virtuoso tra creatività, produzione e industria cinematografica.

La rassegna dell’11 settembre, che si terrà dalle 11 alle 13 nella Sala Pasinetti del Palazzo del Cinema, presenta il lavoro di sette autori under 40, scelti dal comitato di selezione per originalità di linguaggio e contenuti. Ecco i nomi dei sette autori selezionati per la rassegna: Jonas Carpignano, nato il 16 Gennaio 1984, è un giovane italo americano, autore di “A Ciambra” storia di vita di un bambino rom, premiato al Festival del Cinema di Cannes nella sezione corti de La Semaine de la Critique. Nicolangelo Gelormini, classe 1978, autore di “All the Things” video clip sulla musica di David Lynch. Gelormini è regista e architetto pluripremiato, che ha collaborato con nomi noti del cinema, dell’arte, del teatro e della musica, quali appunto David Lynch, Giorgia, Luca Ronconi e Andres Neumann; Adriano Giotti, nasce a Firenze nel 1984, autore di “Piume”, ha rappresentato l’Italia al 48 Hours Film Festival di Los Angeles e il cui lavoro è apprezzato da Alessandro Baricco con il quale tuttora collabora; Tommaso Pitta, è nato nel 1984 a Milano, autore di “All the Pain in the World”, studia e vive in Inghilterra già in mostra con i suoi corti a festival internazionali quali Edinburgh, Austin, Aspen, Palm Springs, Shortshorts Film Festival & Asia, Moscow International. Fulvio Risuleo, è nato a Roma nel 1991, autore di “Lievito Madre” diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia e ad oggi autore di tre corti positivamente accolti dalla critica; Grazia Tricarico, nata a San Nicandro Garganico in Puglia nel 1986, videoartista che presenta il corto con il quale si è diplomata al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma e Tommaso Landucci, nato a Lucca nel 1989, che presenta anche lui il corto di diploma “Bloodhound”.

COMITATO DI SELEZIONE
La rassegna di corti è stata curata da un comitato di selezione composto da personaggi noti nel cinema e nella cultura italiani. Tra questi Nicola Giuliano, uno dei fondatori di Indigo Film, che ha prodotto tra gli altri La Grande Bellezza di Sorrentino, oltre che diretto la produzione e organizzato i film di Mario Martone, Stefano Incerti, Mimmo Calopresti, Pappi Corsicato, Antonio Capuano e Nanni Moretti; Andrea Purgatori, giornalista noto per le inchieste e i reportage su casi scottanti del terrorismo italiano, a cui è stato dedicato “Il muro di gomma” di Marco Risi, attualmente presidente di Greenpeace Italia e nel Consiglio di Gestione di SIAE; Mara Sartore, personaggio eclettico del panorama culturale, già direttrice per 14 anni del festival cult di cortometraggi Circuito Off, attualmente direttrice di Lightbox, società di comunicazione e casa editrice specializzata in arte contemporanea.

Il launching event dell’11 settembre, articolato nella rassegna dei corti al mattino e nello special party alla sera, è l’evento ufficiale di lancio del concorso aperto a tutti i giovani autori italiani, che da settembre in poi potranno iscrivere i loro lavori.

Per partecipare alle proiezioni e alla festa scrivere a info@ilovegai.com

CONTATTI I LOVE GAI

Concorso per Giovani Autori Italiani
info@ilovegai.com
+39 041 2411265
Facebook

Arcade Fire: The Reflektor Tapes

ArcadeFire
ArcadeFire

Dai produttori di Nick Cave – 20.000 Days On Earth

Arriva al cinema “Aracade Fire: The reflektor Tapes

Un’esperienza cinematografica unica, un paesaggio sonoro e visivo caleidoscopico, un incrocio tra documentario, arte, musica e storia personale per narrare la creazione dell’ultimo album della band. Con la presentazione in anteprima assoluta per il cinema di un nuovo brano inedito

Solo mercoledì 14 e giovedì 15 ottobre nelle sale italiane

Ecco il teaser trailer  https://www.youtube.com/watch?v=P9xw_X-7NJA

“Ci sono immagini del “tour Reflektor” dove siamo stati davvero molto vicini a mettere in scena esattamente quello che immaginavamo nelle nostre teste. E siamo stati follemente fortunati perché avevamo accanto a noi Kahlil Joseph sin dall’inizio per documentare tutto questo”.

Arcade Fire

Come nasce l’album di una band amata in tutto il mondo? Come passa dalla testa degli artisti alla sala incisioni e ai palchi di tutto il pianeta? Con quali passaggi creativi e in che modo?

Arcade Fire: The Reflektor Tapes racconta tutto questo ed è l’affascinante spaccato della realizzazione di “Reflektor”, l’ultimo album dei pluripremiati Arcade Fire che ha conquistato un enorme consenso di critica e di pubblico raggiungendo i vertici delle classifiche dei dischi più venduti. Il film racconta l’esperienza dell’album trasportando lo spettatore in un paesaggio sonoro e visivo caleidoscopico e tracciando passo dopo passo il percorso creativo della realizzazione del disco, dalle prime fasi della scrittura in Giamaica alle sessioni di registrazione a Montreal, dal concerto improvvisato in un hotel haitiano la prima notte di Carnevale, fino al loro show mozzafiato nelle arene “imballate” di Los Angeles e Londra.

Diretto da Kahlil Joseph (vincitore nel 2013 del premio Grand Jury al Sundance Film Festival per il miglior cortometraggio), co-prodotto dalla pluri-premiata Pulse Films (‘20.000 Days on Earth’ e ‘Shut Up and Play the Hits’) e da What Matters Most, Arcade Fire: The Reflektor Tapes è un film del tutto diverso dagli altri e propone un’esperienza cinematografica autentica nella quale si incontrano documentario, musica, arte e storie personali. Un evento accolto dai fan del mondo con enorme entusiasmo e che arriverà nelle sale italiane solo per due giorni, mercoledì 14 e giovedì 15 ottobre (l’elenco dei cinema sarà a breve disponibile su www.nexodigital.it). Oltre a presentare i brani estratti da “Reflektor” e da altri album del loro storico catalogo, Arcade Fire: The Reflektor Tapes offrirà agli spettatori la possibilità di ascoltare per la prima volta un nuovo brano inedito, e gustarsi un esclusivo filmato di 20 minuti mai mostrato prima, girato appositamente per il pubblico delle sale cinematografiche.

Il pubblico avrà dunque l’opportunità di rivivere sul grande schermo i concerti sbalorditivi del Reflektor tour, concepiti per garantire la migliore definizione cinematografica e un potente audio surround. Il film offrirà inoltre a tutti i fan la rara opportunità di esplorare sotto la superficie della musica per avvicinarsi ancora di più alla band. Gli Arcade Fire hanno infatti concesso al regista un accesso totale e senza precedenti alle proprie giornate con lo stupefacente risultato di unire in modo fluido filmati personali inediti, interviste, testimonianze del processo di registrazione e momenti catturati dalla band stessa.

Arcade Fire: The Reflektor Tapes è distribuito in Italia da Nexo Digital in collaborazione col media partner Radio DEEJAY.

 

 

Ecco il “Film a sorpresa” di esterno notte

Circo cinema
Circo cinema

Siamo pronti a svelarvi il titolo del “film a sorpresa”, che come da tradizione della fortunata rassegna varesina “esterno notte”, ideata da FilmStudio 90, viene rivelato poco prima del termine della manifestazione.

Quest’anno Giulio Rossini ha scelto di valorizzare un film che è stato co-prodotto da una realtà varesina: la 23&20 di Sonia Milani e, in collaborazione con l’Associazione 23&20, ha organizzato una serata-evento: “CircoCinema”.

“Non sarà solo la proiezione di un film, ma una vera e propria serata, ricca di molte sorprese” – rivela Giulio Rossini “abbiamo deciso di sfruttare l’opportunità di un lavoro prestigioso, realizzato anche grazie al contributo di una realtà varesina e di sposarlo così con la nostra rassegna. Si tratta de “L’equilibrio del cucchiaino” di Adriano Sforzi, un film che – proiettato in anteprima mondiale al Biografilm Festival di Bologna – ha vinto il premio del pubblico e ricevuto una menzione speciale dalla giuria Italia. Una storia straordinaria” continua Rossini “un docufilm, che parla del più grande giocoliere dei nostri tempi, Bertino Sforzi, della sua straordinaria quanto sfortunata vita e della sua grande storia d’amore con Ghisi Casartelli, figlia del capostipite del Circo Medrano. Una storia che riempie gli occhi e tocca il cuore”

“Sono estremamente orgogliosa e onorata dell’opportunità offertami da FilmStudio 90 e dal prestigio di questa proiezione” dichiara Sonia Milani titolare di 23&20 e co-produttrice del film “Per me sarà l’occasione di far conoscere alla mia città un lavoro che ho amato fin dal primo frame e in cui ho creduto fortemente, Sarà una bella serata, per tutta la famiglia, perché abbiamo pensato anche ai bambini, che potranno essere coinvolti in una festa che li trascinerà ed avvolgerà nel mondo del circo: verrà infatti proiettato anche “Jody delle giostre”, un cortometraggio sempre di Adriano Sforzi, che ha vinto il David di Donatello come miglior cortometraggio italiano nel 2011, poi ci saranno dei fantastici giocolieri de “Il circo delle stelle” che si esibiranno sul palco prima della proiezione e, dalle 21:30, per i bambini uno spazio a loro dedicato con un “assaggio di circo”, mentre i genitori potranno godersi la proiezione de “l’equilibrio del cucchiaino”, 62’ di storia intensa ed emozionante. Una serata speciale da non perdere, avvolti nella meravigliosa cornice dei nostri giardini Estensi.

Alla serata sarà presente anche il registra, Adriano Sforzi e gli organizzatori promettono altre sorprese. Non resta quindi che appuntarsi in agenda l’appuntamento di fine estate: 3 settembre, ore 21:00, Giardini Estensi per il Gran Galà Circo Cinema.

Il costo della serata, che rientra nella rassegna Esterno Notte, è di € 6,00 per il biglietto intero e di 4,50 per il ridotto.

 

 

 

Breaking Tales

BT PROMO
BT PROMO

Plurime le idee, svariati i progetti in divenire della Falcicchio Production, impegnata in autunno prossimo con due produzioni:

“Breaking Tales” la serie televisiva che affascinerà di gran lunga adulti e bambini per l’action originale in serbo. Difatti B.T. dalla regia di Gabriel Cash, ha l’obiettivo di calare i personaggi delle fiabe più famose, in un’ambientazione moderna, con riferimenti legati ad attuali fatti di cronaca e caratterizzati da una violenza che mira ad esasperare la realtà, esaltandone la crudezza. Il concetto è che le fiabe non sono state create per inculcare un senso morale nei bambini, ma per ravvederli e salvaguardarli dai problemi che dovranno affrontare nella vita. Multiple le storie, tra cui due quelle principali che si mescoleranno tra loro in un avvicendarsi di intrecci amorosi, vendette e colpi di scena ai limiti del pulp. Ad interpretare i personaggi della serie B.T., vi sveliamo un anteprima, ci saranno noti ed imperdibili attori del cinema americano famosi soprattutto per la loro partecipazione in casa MARVEL.

“Domus Amoris”scritto e diretto dalla regista Maria Verde che attraverso quest’opera prima vuole trasmettere e condividere esperienze di vita terrena di taluni soggetti, adattando al linguaggio cinematografico, storie di vita, d’amore e di squallore.

Un bordello di un vecchio palazzo sito in un vicolo napoletano degli anni 40/50, in pieno periodo post fascista, fa da cornice a brevi ed intense storie di uomini (prostituti) e di ricche donne (clienti).

La scelta atipica di invertire ruoli, immaginando l’universo maschile che si cala in specifici situazioni, nasce dal personale convincimento che, l’essere umano, venda il proprio corpo, ed in primis la sua anima, esattamente allo stesso modo di quello femminile che invece nel cortometraggio compera, dando così alla vista dello spettatore un senso di frivola leggerezza, senza mai abbandonare però la propria mascolina virilità. Una garantita opera divertente quanto riflessiva che la Falcicchio Production intende presentare oltalpe, ai festival internazionali, a partire da Cannes.

 

 

The Visit

The Visit
The Visit

UN INCONTRO RAVVICINATO

Il film di Michael Madsen che documenta il primo incontro dell’uomo con gli alieni sarà nei cinema italiani con

I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection

Evento speciale di lancio mercoledì 2 settembre

Nelle sale dal 3 settembre

«THE VISIT osa arrivare là dove nessun film di fantascienza è mai giunto prima.»

Huffington Post

THE VISIT – UN INCONTRO RAVVICINATO, il nuovo documentario di Michael Madsen (Into Eternity, Cattedrali della Cultura 3D: il carcere di Halden), presentato in anteprima mondiale al Sundance 2015 e in anteprima italiana a Biografilm 2015, sarà distribuito nelle sale italiane da I Wonder Pictures e Unipol Biografilm Collection a partire dal 3 settembre 2015 con evento di lancio mercoledì 2 settembre.

Il film documenta un evento finora mai avvenuto: il primo incontro dell’uomo con una forma di vita intelligente extra-terrestre. Grazie alla collaborazione dell’Ufficio per gli Affari dello Spazio Extra-atmosferico dell’ONU e al coinvolgimento di militari ed esperti delle principali agenzie aerospaziali, THE VISIT esplora l’ipotetico scenario di un primo contatto con gli alieni partendo dalle domande più semplici: perché siete qui? Cosa pensate? Cosa vedete negli esseri umani che noi non siamo in grado di scorgere in noi stessi?

Un viaggio al di là delle prospettive terrestri, che rivela le paure, le speranze e i rituali di una specie costretta non solo a confrontarsi con forme di vita aliena, ma anche con l’immagine che ha di se stessa.

THE VISIT – UN INCONTRO RAVVICINATO

Regia di Michael Madsen

Danimarca, Austria, Irlanda, Finlandia, Norvegia – 94’

Gli alieni ci guardano? Ci ascoltano? E che idea si sono fatti di noi? In THE VISIT Michael Madsen ci racconta cosa succederà quando queste domande avranno una risposta: ovvero quando Loro verranno a trovarci. Un fanta-documentario, una finta storia vera che testimonia un evento mai accaduto, usando questo apparente controsenso per scardinare i nostri pregiudizi su noi stessi. Perché forse guardandoci da una distanza siderale riusciremo a vedere meglio ciò che siamo diventati. E immaginare di spiegare i nostri errori a un’intelligenza aliena sarà un modo per tentare di non ripeterli.