13.5 C
Milano
giovedì, Febbraio 29, 2024

ActionAid: “Sconvolti dal pesante bombardamento su Rafah”

ActionAid dichiara: “Siamo sconvolti dal pesante bombardamento di ieri sera su Rafah, che secondo quanto riferito ha ucciso almeno 67 persone, tra cui donne e bambini. Anche se siamo sollevati nell’apprendere che due ostaggi sono stati restituiti alle loro famiglie, l’uccisione indiscriminata di civili per raggiungere questo obiettivo può costituire un’altra grave violazione del diritto umanitario internazionale su una popolazione civile che ha sopportato mesi di bombardamenti indiscriminati e decenni di punizioni collettive. Un cessate il fuoco immediato e permanente è l’unico modo per garantire l’incolumità della popolazione di Gaza e degli ostaggi, e per consentire i negoziati sul loro rilascio e l’avvio di conversazioni su un processo di pace”.

ActionAid continua “Rimaniamo inorriditi dalla prospettiva di un’invasione totale di terra a Rafah, che sarebbe catastrofica oltre ogni dire per l’oltre milione di sfollati che cercano rifugio lì, aggiungendosi a mesi di attacchi indiscriminati e sotto gli occhi del mondo su civili, ospedali, personale medico, operatori umanitari, giornalisti e infrastrutture civili che dovrebbero essere protetti dal diritto internazionale. Qualsiasi attacco provocherebbe senza dubbio un numero enorme di morti, considerando l’enorme sovraffollamento dell’area. Inoltre, è probabile che le operazioni di aiuto umanitario a Gaza si interrompano completamente, contro il recente ordine della Corte internazionale di giustizia, poiché Rafah è il principale punto di ingresso e centro operativo per gli aiuti. Ciò avrebbe conseguenze inimmaginabili per una popolazione che è già sull’orlo della fame e che sopravvive a stento in condizioni di vita disumane”.

“Chiediamo che i governi di tutto il mondo facciano tutto ciò che è in loro potere per prevenire un ulteriore attacco a Rafah e spingano tutte le parti ad accettare un cessate il fuoco immediato e permanente. La comunità internazionale ha in mano il destino delle persone a Rafah. Deve prenderne le difese”.

bombardamento
bombardamento

Altri articoli di Attualità su Dietro la Notizia

Articoli

Il ritorno di Ele a, con il brano“Dafalgan”

"Dafalgan", un brano tra disillusione e desiderio di pace Nell’ultimo anno Ele A si è fatta conoscere e si è guadagnata, con il suo talento...

A La Bolla Teatro: “Tutto l’amore che ho”, omaggio a Jovanotti

Giovedì 7 marzo, alle ore 21, il primo appuntamento serale del mese di marzo a LaBolla Teatro. In scena, “Tutto l’amore che ho”, un omaggio musicale a...

Francesco Maria Mancarella: uscita la seconda parte dell’Ep “Nord”

Continua il viaggio introspettivo di Francesco Maria Mancarella Dopo l’uscita dei primi 4 brani, da ieri, mercoledì 28 febbraio, è disponibile in digitale la seconda...
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Il ritorno di Ele a, con il brano“Dafalgan”

"Dafalgan", un brano tra disillusione e desiderio di pace Nell’ultimo anno Ele A si è fatta conoscere e si è guadagnata, con il suo talento...

A La Bolla Teatro: “Tutto l’amore che ho”, omaggio a Jovanotti

Giovedì 7 marzo, alle ore 21, il primo appuntamento serale del mese di marzo a LaBolla Teatro. In scena, “Tutto l’amore che ho”, un omaggio musicale a...

Francesco Maria Mancarella: uscita la seconda parte dell’Ep “Nord”

Continua il viaggio introspettivo di Francesco Maria Mancarella Dopo l’uscita dei primi 4 brani, da ieri, mercoledì 28 febbraio, è disponibile in digitale la seconda...

Gruppo CAP al Social Innovation Campus

Social Innovation Campus: innovazione sociale dedicato ai giovani delle scuole superiori La transizione verde e quella digitale sono le grandi sfide che attendono i giovani...

Bollate: il programma dei prossimi appuntamenti Culturali, in Biblioteca

Si torna in Biblioteca con diversi appuntamenti culturali. Ecco cosa prevede il programma per il periodo dal 2 al 9 marzo. Sabato 2 marzo 2024, ore...