9.9 C
Milano
lunedì, Gennaio 30, 2023

“Un’endometriosi per amica, impariamo ad ascoltarla”

Una giornata intesa come dono, che fa conoscere l’endometriosi, consente di anticipare l’eventuale diagnosi e stare vicino a coloro che ne sono affette. Ma anche come cultura, che promuove la salute al femminile e il prendersi cura di sé. Raccontare l’endometriosi indagandone tutti gli aspetti, dalla medicina alla psicologia fino alle ripercussioni che ha sulla società, e creare consapevolezza sulla malattia a partire dalla scuola per fare prevenzione, è stato al centro dell’evento organizzato dall’AGENAS – Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali, in collaborazione con l’A.P.E. Associazione Progetto Endometriosi, associazione formata da pazienti volontarie, da 17 anni in prima linea a sostegno delle donne, grazie ad un importante progetto finanziato dal Ministero della Salute.

Una campagna di sensibilizzazione

Un incontro che si è svolto a Cesena il 24 novembre 2022 ed ha visto protagonisti gli studenti delle classi terza, quarta e quinta di 6 scuole secondarie di secondo grado in presenza, e circa 8mila alunni di 72 istituti scolastici collegati tramite il web. Ginecologi, psicologi, pazienti, hanno svelato l’endometriosi, malattia cronica che colpisce circa 3 milioni di donne in Italia, circa 80 milioni nel mondo, e tra il 5% e il 10% della popolazione femminile in età fertile, sotto tutti i punti di vista, allo scopo di dare il via ad una campagna di sensibilizzazione e informazione sull’endometriosi, per promuovere la cultura della comunicazione sanitaria in termini di prevenzione, coinvolgendo ragazze e ragazzi, docenti, medici e associazioni.

A.P.E. - Conferenza AGENAS - Locandina
A.P.E. – Conferenza AGENAS – Locandina

Spegnere “l’incendio”, quel dolore che spesso le donne hanno durante il ciclo o durante i rapporti sessuali, tra i sintomi più comuni che indicano la possibile presenza della malattia. Prendersi cura della propria salute, ascoltare, riconoscere, abbattere lo stigma, per far capire che “il dolore non è normale”.

«Il nostro ruolo è importante nelle vite degli altri – ha sottolineato Annalisa Frassineti, presidente dell’A.P.E., che ha moderato l’evento -. Sapere cos’è l’endometriosi consente di aiutare un’amica, una madre, una figlia, comprenderla e darle i giusti consigli, per accorciare i tempi della diagnosi e rivolgersi ai centri specializzati in cui intraprendere un percorso di cura. Nessuno deve sentirsi un alieno».

#ICare

I ragazzi, che hanno rivolto domande agli esperti, sono stati coinvolti utilizzando l’hashtag dedicato #ICare. E sono stati loro a scegliere il titolo dell’evento: “Un’endometriosi per amica. Impariamo a conoscerla”. Taggando @apendometriosi e @endometriosi_agenas possono continuare a fare corretta informazione anche per coloro che non sono stati presenti.

«Spesso la parola malattia si associa a paura – ha commentato Lorena Martini, direttore formazione di Agenas -. Obiettivo del progetto endometriosi Agenas è informare e formare sulla patologia. Oggi abbiamo informato in maniera efficace e continueremo a farlo, in collaborazione con l’A.P.E., proseguendo a comunicare con il sorriso che di fronte al dolore lo stesso non va taciuto. Spesso le donne si prendono cura degli altri e non di loro stesse».

Fondamentale il ruolo delle pazienti dell’A.P.E. che vivono in prima persona la malattia e sono impegnate in tutta Italia in attività di divulgazione, di sostegno e di formazione, per aiutare concretamente le donne. «Essere collaboratori di Agenas in questo progetto dedicato all’endometriosi è per noi un grande onore – ha detto Annalisa Frassineti -. Agenas ha portato informazione e formazione, ma non solo, ha dato voce alle donne affette da endometriosi. È per noi molto emozionante entrare nelle scuole a fianco delle istituzioni. In una sola giornata siamo riuscite a portare informazione corretta in tantissimi istituti italiani».

Il ritardo diagnostico

Tra i principali problemi legati all’endometriosi e dunque alle difficoltà nel procedere con le giuste terapie, c’è il ritardo diagnostico, che varia dai 5 agli 8 anni. «Una delle principali cause di questo ritardo diagnostico è la mancanza di informazione – ha spiegato Marcello Ceccaroni, direttore di Ginecologia e Ostetricia dell’IRCCS Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar di Valpolicella-, che non riguarda soltanto la figura del medico ma anche quella delle persone, che sono spesso all’oscuro dell’esistenza della malattia o delle conseguenze talora gravi a cui essa porta.

Dalla necessità di informare le adolescenti e gli adolescenti, in futuro potenziali pazienti, amiche, partner, madri di ragazze affette da endometriosi, è nata questa iniziativa che il Ministero della Salute con AGENAS e A.P.E. ha organizzato.

Le scuole sono spesso il primo crocevia di situazioni, sintomi, stati emotivi che anticipano di poco tempo o molto tempo la diagnosi di endometriosi. Un dolore pelvico che causa assenze da scuola, mestruazioni che nei mesi o negli anni si fanno sempre più dolorose, dolori durante il rapporto sessuale ed altre sintomatologie sono i “campanelli di allarme” che anche gli insegnanti e gli studenti (siano essi maschi o femmine) devono essere in grado di cogliere, per avere la percezione di un potenziale problema e quindi chiedere aiuto nel modo corretto.

Una migliore conoscenza dell’endometriosi da parte di familiari, adolescenti, medici, personale sanitario e anche da parte di tutta la società, può portare ad una diagnosi precoce e a una “vittoria” su questa malattia, che, presa in tempo, potrà essere “domata” con trattamenti medici, evitando importanti (e spesso ripetuti) interventi chirurgici. È soltanto conoscendo il proprio “potenziale nemico” che lo si può meglio affrontare, l’unica cura è la cultura».

L’endometriosi

È una malattia infiammatoria cronica che colpisce in Italia circa il 10% della popolazione femminile in età fertile, anche se i dati sono estremamente parziali e probabilmente sottostimati. I sintomi più diffusi sono: forti dolori mestruali ed in concomitanza dell’ovulazione, cistiti ricorrenti, irregolarità intestinale, pesantezza al basso ventre, dolori ai rapporti sessuali, infertilità nel 35% dei casi. Per una malattia di cui non si conoscono ancora le cause, per la quale non esistono cure definitive né percorsi medici di prevenzione, per limitare i danni che l’endometriosi provoca, è fondamentale fare informazione per creare consapevolezza!

L’A.P.E. è una realtà nazionale che da 17 anni informa sull’endometriosi, nella consapevolezza che l’informazione sia l’unica prevenzione ad oggi possibile. Sul sito dell’APE – www.apendometriosi.it – ci sono tutte le informazioni utili e i progetti per aiutare concretamente le donne affette da endometriosi e per entrare a far parte della rete nazionale.

Per informazioni: A.P.E. – Associazione Progetto Endometriosi www.apendometriosi.it

Altri articoli di salute su Dietro la Notizia

Articoli

Franco Mussida: 14 aprile in concerto all’Auditorium San Fedele di Milano

Il 14 aprile FRANCO MUSSIDA torna in concerto all’Auditorium San Fedele di MILANO (Via Ulrico Hoepli, 3/b – ore 21.00), per presentare live i...

Gué a Milano all’Ippodromo SNAI San Siro

Gué, Con il suo ultimo album Madreperla, ha già raggiunto la certificazione come disco d'oro, ha debuttato al primo posto della classifica FIMI-GfK in...

Casa Sanremo writers 2023: selezionati 12 scrittori della SBS Comunicazione

Una vetrina letteraria Nazionale, tra le più ambite nel panorama letterario italiano ospita, dal 6 al 10 febbraio, al Palafiori, ben 12 scrittori della...
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Franco Mussida: 14 aprile in concerto all’Auditorium San Fedele di Milano

Il 14 aprile FRANCO MUSSIDA torna in concerto all’Auditorium San Fedele di MILANO (Via Ulrico Hoepli, 3/b – ore 21.00), per presentare live i...

Gué a Milano all’Ippodromo SNAI San Siro

Gué, Con il suo ultimo album Madreperla, ha già raggiunto la certificazione come disco d'oro, ha debuttato al primo posto della classifica FIMI-GfK in...

Casa Sanremo writers 2023: selezionati 12 scrittori della SBS Comunicazione

Una vetrina letteraria Nazionale, tra le più ambite nel panorama letterario italiano ospita, dal 6 al 10 febbraio, al Palafiori, ben 12 scrittori della...

A Roma i vertici dello sport italiano al Meeting del Centro Sportivo Italiano

Con il saluto affettuoso al presidente Carlo Tavecchio si è aperto sabato mattina a Roma il Meeting nazionale dei dirigenti CSI, circa in 400...

«Legally Blonde», la rivincita delle bionde, il musical al TAM di Milano

Al Teatro Arcimboldi di Milano, «LEGALLY BLOND», i musical del riscatto delle bionde di tutto il mondo! Da mercoledì 1 fino a giovedì 5...