Riabilitazione robotica nell’arto superiore

LOCANDINA ROBOTICA
LOCANDINA ROBOTICA

Si terrà venerdì 16 novembre prossimo, con inizio alle ore 9, presso il Centro “S. Maria alla Pineta” di Marina di Massa (via don Gnocchi 20) un

L’evento, che ha ottenuto il patrocinio della Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa (SIMFER) e della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica (SIRN), si svolgerà con la Direzione scientifica della prof.ssa Maria Chiara Carrozza, Direttore Scientifico della Fondazione Don Gnocchi.

La Segreteria scientifica vede la stretta collaborazione tra Fondazione Don Gnocchi (dott.ssa Francesca Cecchi, Responsabile riabilitazione neuromotoria Massa e Fivizzano), Scuola Superiore S. Anna di Pisa (ing. Stefano Mazzoleni, Istituto di BioRobotica), e Ospedale Versilia (dott. Federico Posteraro, Responsabile Area Nord, Dipartimento di Riabilitazione, ASL Toscana Nord Ovest).

I lavori saranno introdotti dal Direttore Generale della Fondazione Don Gnocchi, Francesco Converti e dal Direttore delle strutture toscane e ligure, Fabio Carlotti. Seguirà la relazione della prof.ssa Carrozza sugli sviluppi futuri della riabilitazione robot-mediata.

L’obiettivo è di stimolare un confronto aperto e collaborativo tra i diversi attori che entrano in gioco nella riabilitazione tecnologica, presentando un aggiornamento sugli sviluppi della progettazione di dispositivi robotici per la riabilitazione, sulla base dell’efficacia degli stessiattestata da studi clinici e sull’utilizzo di queste macchine per la riabilitazione di diverse patologie.

Momento pregnante sarà la presentazione di diverse esperienze da parte di fisioterapisti, ingegneri, fisiatri, principalmente provenienti da diverse strutture toscane e di Fondazione che utilizzano i robot.

Lo scopo è infatti quello di sviluppare un dialogo proficuo tra le tre figure cardine che, insieme al paziente, entrano in gioco nello sviluppo e l’implementazione di trattamenti robotici, come l’ingegnere, il medico e il terapista, per un passaggio efficace dalla ricerca all’implementazione pratica.

In alcune strutture toscane della Fondazione Don Gnocchi, come a Firenze e nella vicina Fivizzano (MS), da alcuni anni sono operativi robot esistemi tecnologici estremamente avanzati, che integrano il lavoro svolto dai fisioterapisti in palestra per la riabilitazione dell’arto superiore, in particolare in pazienti colpiti da ictus.

Il Centro di Marina di Massa, che è stato coinvolto in uno studio multicentrico di confronto tra riabilitazione robotica e riabilitazione tradizionale nei pazienti con esiti di Stroke, da poche settimane è stato dotato di un sistema robotico per la riabilitazione dell’arto superiore denominato MOTORE, che si è dimostrato utile sia per i pazienti con esiti di Ictus che per quelli affetti da altre patologie e che sarà utilizzabile sia per pazienti degenti che per trattamenti ambulatoriali.