La lanterna de “La Ragazza con la Pistola”, di nuovo accessibile

Presidente_Giampieri_Assessore_IdaSimonella_AssPaoloMarasca
Presidente_Giampieri_Assessore_IdaSimonella AssPaoloMarasca

La Lanterna è, da sempre, sinonimo di storia, mare, pescatori e ispiratrice di artisti e poeti. E così la Lanterna Rossa del Porto di Ancona, fu scelta dal celebre regista Mario Monicelli come set per alcune scene del film cult “La ragazza con la pistola”.

Sita all’interno del Porto Antico, La Lanterna Rossa sigla il punto estremo del Molo nord del Porto di Ancona e da  martedì 22 marzo, potrà essere raggiunta, vissuta e immortalata grazie al termine dei lavori della messa in sicurezza, a quasi 50 anni dal suo “debutto” cinematografico e a oltre 230 anni dalla sua costruzione.

Un set a cielo aperto, non solo punto di riferimento storico ma anche utilizzato nel celebre film del 1968, che si guadagnò la nomination agli Oscar come Miglior film italiano, oltre a due David di Donatello e un Nastro d‘Argento, che vide tra gli interpreti, Monica Vitti, Carlo Giuffrè e Stefano Satta Flores, che fu, proprio per la Vitti, una svolta attoriale nella sua carriera.

Fu proprio nell’epilogo della pellicola che diventò protagonista la Lanterna Rossa, quando il siciliano Vincenzo Macaluso (Carlo Giuffrè) rincorre il traghetto che porterà lontana la sua amata Assunta Patanè (Monica Vitti).
I lavori dell’Autorità Portuale in collaborazione con la Sovrintendenza, sono stati studiati e determinati con il minor impatto visivo per mantenere integra la visibilità del paesaggio rendendolo il più fedele possibile all’originale.

Il camminamento superiore del molo che porta alla lanterna, circoscritto nel perimetro con parapetti di protezione, consentiranno di godere di questo scorcio fantastico e per gli amanti del cinema sarà occasione di proiettarsi nelle scene del film.

Il Porto di Ancona, grazie ai suoi suggestivi e unici squarci paesaggistici e per la forte persuasione e connotazione storica, non è insolito ad essere attrattiva del grande cinema. Ricordiamo “Ossessione”, tra i 100 film più importanti del cinema italiano, diretto da un altro grande regista, Luchino Visconti, che vide protagonisti Clara Calamai e Massimo Girotti e, per arrivare ai nostri giorni, “Un’anima divisa in due” di Silvio Soldini (del 1993) e “La stanza del figlio”, del 2001, di Nanni Moretti.

La Lanterna fu originalmente eretta nel 1784 dall’architetto romano Carlo Marchionni su un disegno di Luigi Vanvitelli, con duplice funzione civile e militare. Lo scopo era quello di indicare ai naviganti l’imboccatura del porto, ma divenne ben presto opera di difesa con la sua batteria che chiudeva verso nord il fronte di difesa marittima.

Il Porto di Ancona ha al suo attivo oltre un milione di transito di passeggeri durante l’anno che avranno la possibilità da oggi, attraverso la visita della Lanterna Rossa, di godersi un panorama speciale ed entrare in un tassello della storia del cinema italiano.