28.5 C
Milano
mercoledì, Maggio 18, 2022

Al Milan la Supercoppa italiana

 

Il Milan trionfa a Pechino

Pechino (Cina), 6 agosto 2011 di Fiorenzo Di Costanzo. Il derby d’Oriente che assegna la Supercoppa italiana si disputa nella splendida cornice del “Nido d’uccello”, lo stadio che ha ospitato la cerimonia d’apertura delle olimpiadi del 2008.
Il Milan, campione d’Italia, si schiera con la classica formazione: Abbiati tra i pali, difeso da Abate, Nesta, Thiago Silva e Zambrotta; in mediana trovano spazio Gattuso, Van Bommel, Seedorf e Boateng, che fa da collante tra il centrocampo e il duo d’attacco, Ibrahimovic e Robinho.
L’Inter risponde con un inedito 3-5-1-1: tra i pali ritorna Julio Cesar; i tre difensori sono Samuel, Ranocchia e Chivu; a metà campo Zanetti ed Alvarez trovano spazio sulle fasce mentre al centro troviamo il recuperato Stankovic, Thiago Motta e il giovane Obi; unico supporto a Eto’ò è Sneijder.
Il match, nonostante il gran caldo e l’elevato tasso di umidità, parte subito a mille e la prima occasione non tarda ad arrivare. Robinho al sesto minuto spara alto dopo una buona triangolazione con il partner d’attacco. L’Inter è ben messa in campo da Gasperini e pian piano impone il proprio ritmo alla partita, con una buona fluidità di manovra, soprattutto con buone azioni sulle fasce che poi portano a penetrazioni nella zona centrale del campo. La pressione dei neroazzurri porta alla conclusione prima Sneijder e poi Stankovic, ma non impensieriscono Abbiati. A metà del primo tempo si sblocca il risultato: Gattuso commette fallo su Obi all’altezza del vertice sinistro dell’area di rigore milanista, gli interisti protestano e vogliono la seconda ammonizione per il capitano rossonero ma l’arbitro è di diversa opinione. Sul punto di battuta si presenta lo specialista Sneijder che disegna una traiettoria imprendibile per Abbiati che riesce solo a toccare il pallone: è la rete dell’1 a 0. Dopo il vantaggio l’Inter tenta di gestire il risultato e così il Milan trova il coraggio di rendersi maggiormente pericoloso e al 40°minuto Ibrahimovic colpisce il palo su un buon assist di Abate.
Nel secondo tempo il copione della partita cambia radicalmente. Il Milan alza il proprio baricentro ma soprattutto Seedorf entra maggiormente nel vivo del gioco sfiorando al 52° minuto l’incrocio dei pali. L’Inter risponde con Sneijder che effettua una conclusione fotocopia del suo connazionale. Quando scocca l’ora di gioco il Milan trova il pareggio: la difesa neroazzurra è in palese difficoltà, a fine azione saranno vibranti le proteste per un presunto fallo subito, e regala palla a Robinho che con un perfetto lancio trova Seedorf sul secondo palo; l’olandese con un tocco geniale mette fuori causa sia Julio Cesar, in uscita disperata, sia il recupero di Chivu, trovando un solitario Ibrahimovic che in tuffo mette in rete il pallone dell’uno pari. Sul risultato di parità i due coach effettuano le prime sostituzioni: nel Milan entra Pato per Robinho, nell’Inter Faraoni per Alvarez. Il cambio di Gasperini è indice delle difficoltà della squadra nerazzurra in fase difensiva e il Milan è bravo ad approfittare dei svarioni interisti: Abate al 69° minuto con un lancio lungo trova Pato lanciato verso Julio Cesar e conclude in diagonale e il portierone brasiliano non può far altro che deviare sul palo; sulla respinta il più rapido è Boateng che in scivolata anticipa Chivu insaccando la rete del 2 a 1. L’Inter cerca di rimettere in piedi la partita con l’ingresso di Pazzini e Castaignos al posto di Stankovic ed Obi; il Milan risponde con l’ingresso di Ambrosiani e Emanuelson per Gattuso e Boateng. Il forcing dell’Inter non porta a nulla e l’unico pericolo corso dalla difesa rossonera è al 94° minuto quando Eto’ò mette la palla in rete ma precedentemente il guardalinee aveva segnalato il fuorigioco del camerunese.
Per il Milan è la sesta finale di Supercoppa vinta e nella classifica di tutti i tempi stacca proprio l’Inter nel numero di vittorie. Per i nerazzuri è la seconda sconfitta nello stadio Olimpico di Pechino, dopo quella subita contro la Lazio nel 2009, con lo stesso risultato di oggi.
Risultato finale: Milan 2 – Inter 1. Marcatori: Sneijder (22 p.t.); Ibrahimovic (13 s.t.); Boateng (24 s.t.)

0 Condivisioni

Articoli

“La fine del mondo” al teatro Franco Parenti di Milano

La grande questione da cui muove la storia è la totale indifferenza delle persone davanti al disastro ecologico: nonostante da decenni si parli di punto...

Edoardo II vs Elisabetta II: scopri di più!

Prima nazionale Dal 10 al 29 maggio 2022 EDOARDO II o IL MONDO INTERO PER NEMICO di Christopher Marlowe concept Ciro Ciancio e Andrea Piazza regia Andrea Piazza traduzione e adattamento Ciro...

“Capaci 30 anni dopo” al Teatro Carcano di Milano

Milano è memoria. Dieci giorni di iniziative per il trentennale della strage di Capaci Al via domani, 19 maggio, con "Capaci 30 anni dopo" al...

Resta Connesso

1,478FansLike
396FollowersFollow
137FollowersFollow
- Advertisement -

Ultimi Articoli

“La fine del mondo” al teatro Franco Parenti di Milano

La grande questione da cui muove la storia è la totale indifferenza delle persone davanti al disastro ecologico: nonostante da decenni si parli di punto...

Edoardo II vs Elisabetta II: scopri di più!

Prima nazionale Dal 10 al 29 maggio 2022 EDOARDO II o IL MONDO INTERO PER NEMICO di Christopher Marlowe concept Ciro Ciancio e Andrea Piazza regia Andrea Piazza traduzione e adattamento Ciro...

“Capaci 30 anni dopo” al Teatro Carcano di Milano

Milano è memoria. Dieci giorni di iniziative per il trentennale della strage di Capaci Al via domani, 19 maggio, con "Capaci 30 anni dopo" al...

Luchè feat. Marracash: “Le pietre non volano” il videoclip ufficiale

È finalmente disponibile su Youtube il videoclip ufficiale del singolo LE PIETRE NON VOLANO di LUCHÈ FEAT. MARRACASH, primo brano estratto dal grande progetto...

In Lombardia si può ricavare subito biometano per alimentare 200mila auto per un anno

70milioni di metri cubi di biometano, capaci di alimentare 200mila auto per 11mila km all’anno ciascuna, reperibili letteralmente a Km0, grazie ai soli rifiuti...