Fare gli italiani

A cura di Mario Martone e Giovanni De Luna

Torino, febbraio – novembre 2011

La rassegna è organizzata dalla Fondazione del Teatro Stabile di Torino

nell’ambito di Esperienza Italia 150°

con il sostegno di Iren

in collaborazione con Il Circolo dei Lettori,

Festival delle Colline Torinesi – Torino Creazione Contemporanea,

il Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà

Per la rassegna Fare gli italiani – Teatro, organizzata dalla Fondazione del Teatro Stabile di Torino – con il sostegno di Iren – nell’ambito delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, per la sezione dedicata alla “Seconda Guerra Mondiale” alla Cavallerizza Reale – Maneggio (via Verdi 9, Torino), martedì 17 e mercoledì 18 maggio 2011 andrà in scena AGOSTO ’44. La notte dei ponti uno spettacolo scritto da Ugo Chiti con Massimo Salvianti e diretto dallo stesso Chiti.

Sempre alla Cavallerizza Reale – Maneggio, venerdì 20 e sabato 21 maggio 2011 debutterà MORSO DI LUNA NUOVA di Erri De Luca, con la regia Giancarlo Sepe.

 A completare questo nucleo tematico, l’incontro – realizzato in collaborazione con Il Circolo dei Lettori di Torino – che si terrà al Circolo dei Lettori – sala grande, giovedì 19 maggio 2011, alle ore 21.00, e a cui parteciperanno Ugo Chiti, Giovanni De Luna, Giancarlo Sepe.

SECONDA GUERRA MONDIALE

Cavallerizza Reale – Maneggio | 17 – 18 maggio 2011 – ore 20.45

AGOSTO ’44

la notte dei ponti

uno spettacolo scritto da Ugo Chiti con Massimo Salvianti

con Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali, Massimo Salvianti, Lucia Socci

ideazione dello spazio e regia Ugo Chiti

costumi Giuliana Colzi

luci Marco Messeri

Arca Azzurra Teatro

in collaborazione con La Ribalta – Centro Studi Enrico Maria Salerno/Regione Toscana/

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali/Comune di San Casciano Val di Pesa

con il contributo del Festival Benevento Città Spettacolo XXX Edizione e del Comune di Firenze

Ugo Chiti e Massimo Salvianti portano in scena la memoria e l’orgoglio di un popolo, quello di Firenze che nell’estate del 1944 combatté in prima linea per liberarsi dall’occupazione nazifascista, senza attendere l’arrivo degli alleati americani. Al centro della narrazione la notte in cui i tedeschi fecero saltare tutti i ponti di Firenze, risparmiando solo il Ponte Vecchio, per ostacolare l’avanzata degli Alleati. In uno stile ormai inconfondibile, Chiti sceglie di scandire la narrazione alternando testimonianze e storie che trasformano la cronaca dei fatti in un racconto a metà strada tra l’epico e il popolare: Gina e Giovanna cercano delle candele per farsi luce nel buio del coprifuoco, Galliano, partigiano, accorre dalle campagne e piange per il male che è stato fatto alla sua amata città. Una civile e intensa rappresentazione che fa pensare, ricordare, riflettere, attenta alla verità storica degli accadimenti, ma anche piena di sincera passione e tenerezza verso le vicende individuali di quel terribile agosto.

Circolo dei Lettori – sala grande | 19 maggio 2011 – ore 21.00

INCONTRO con Ugo Chiti, Giovanni De Luna, Giancarlo Sepe

Cavallerizza Reale – Maneggio | 20 – 21 maggio 2011 – ore 20.45

MORSO DI LUNA NUOVA

di Erri De Luca
con (in ordine alfabetico) Giovanni Esposito, Antonio Marfella, Luna Romani, Antonella Romano, Giampiero Schiano, Antonio Spadaro, Simone Spirito, Pino Tufillaro

regia Giancarlo Sepe

scene e costumi Bruno Buonincontri

musiche a cura di Harmonia Team

con la collaborazione di Davide Mastrogiovanni

disegno luci Rocco Giordano

Gli Ipocriti

Scritto da Erri De Luca Morso di luna nuova si svolge a Napoli nel 1943. Il fascismo è appena caduto e le truppe americane sono sbarcate in Sicilia. In un rifugio antiaereo otto persone condividono il terrore. Nelle loro voci si riflette il clima di un intero paese e di una guerra che non accenna a finire. Sanno che gli americani arriveranno a liberarli e intendono fare qualcosa per salvare Napoli dai tedeschi. «Alla lettura del testo di De Luca – scrive il regista Giancarlo Sepe – ho avuto come il presentimento che la storia della mia famiglia trovasse in quelle parole, nelle situazioni raccontate, il naturale proseguimento di percorso». La macchina della storia con la esse maiuscola, si chiude sulle singole vite, ma nonostante ciò sono sussulti in cui le singole esistenzeì spezzano la camicia di forza e inventano la libertà.

INFO BIGLIETTERIA:

Biglietti: Intero € 16,00

Abbonamenti e biglietti in vendita presso:

Biglietteria Teatro Regio / Teatro Stabile – piazza Castello 215,

da martedì a venerdì orario 10,30 – 18,00; sabato 10,30 – 16,00.

Biglietteria on-line: www.teatrostabiletorino.it

Vendita singoli biglietti: presso le Biglietterie dei teatri, a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo

INFOPIEMONTE piazza Castello 165 – Torino, orario continuato tutti i giorni 10,00 – 18,00