YogaFestival

yoga
yoga

YogaFestival, il più importante e autorevole network di eventi Yoga in Europa, celebra la Giornata Internazionale dello Yoga, con l’evento più Yogico dell’anno: una sessione collettiva aperta a tutti a Milano, che coinvolgerà la città in un’esperienza di Yoga e Meditazione dal vivo.

Cornice dell’evento l’Arena Civica Gianni Brera, un luogo simbolo della città per tutti coloro che si sentono sportivi.

Life is Yoga, Yoga is life. Il mood che ispira il 21 giugno targato YogaFestival regalerà un’occasione unica, gratuita e aperta a praticanti di ogni età e livello, per praticare guidati da due insegnanti di grande carisma ed esperienza: Anna Inferrera e Antonio Nuzzo.

In un “esperimento” mai provato prima fonderanno Tradizione e Innovazione con una doppia pratica facile ma intensa, coinvolgente e straordinaria.

Un momento per fermarsi, prendersi del tempo, uscire dai ritmi frenetici della città e della società e regalarsi una vera esperienza di Yoga, all’insegna dei suoi veri valori, dei benefici e del benessere psico-fisico che questa disciplina trasmette da millenni a chi la pratica.

La splendida cornice dell’Arena Civica offrirà un enorme prato allestito con palco dove migliaia di tappetini potranno comodamente distendersi per respirare la splendida energia che lo Yoga è in grado di creare.

Il programma prevede:
– dalle 17.00: musica indiana sul palco con i Maestri del Conservatorio di Vicenza che accompagneranno i presenti nelle melodie celebrative dei raga, un omaggio congiunto al potere straordinario del suono e dello yoga, in questa giornata che è anche la Festa della Musica. I monaci del Matha Gitananda Asram seguiranno con l’intonazione di inni alla pace, shanti mantra e con la potenza evocatrice della recitazione del Pranava Om. La ripetizione corale del mantra predispone la mente e il cuore alle pratiche di yoga che seguiranno. Poi i saluti del Console dell’India a Milano e una puja (cerimonia indiana) di buon auspicio.

– dalle 18.30 la pratica in due tempi: Yoga Flow con Anna Inferrera (una delle maggiori rappresentati in Italia dell’innovativo Prana Vinyasa Flow Yoga) una pratica ritmata da elementi musicali e di canto, rappresentando il “futuro dello Yoga”; Meditazione con Antonio Nuzzo (tra i rappresentanti più riconosciuti in Italia il cui insegnamento affonda le radici nelle origini dello yoga ) che condurrà il pubblico in uno yoga della lentezza, da “ascoltare” mentre si ascolta se stessi. Due insegnanti diversi ma uniti dallo stesso rigore e rispetto per il senso profondo dello yoga inteso come sistema di vita e di conoscenza.
Infine un arrivederci al prossimo anno con un drink per tutti i presenti.

Lo Yoga si è dimostrato nei millenni una pratica funzionale alla crescita della consapevolezza dell’umanità al punto che dal 2014 l’Assemblea Generale dell’Onu ha proclamato il 21 giugno – solstizio d’estate – Giornata Internazionale dello Yoga, riconoscendo che lo Yoga favorisce un approccio olistico alla salute e al benessere e che una più ampia divulgazione dei benefici che è in grado di apportare andrebbe a vantaggio della salute della popolazione mondiale. Non-religioso, apolitico, adattabile ad ogni genere di società, è praticato oggi da 36 milioni di americani (dei quali 1,7 mln di bambini nel 2012) e da oltre 3 milioni di persone in Italia ed è sempre maggiore l’interesse verso il contributo che può dare anche nel favorire una crescita sana ed equilibrata dei bambini.

“Il nostro Yoga Day vuole regalare un’esperienza intensa ma facile, gratuita ma preziosa perché può davvero migliorare la vita chi partecipa. Le 1.100 persone registrate lo scorso anno lo provano. – ha commentato Giulia Borioli, Presidente di YogaFestival – “Come per tutti gli eventi che organizziamo da oltre 10 anni, il nostro obiettivo è proprio quello di far conoscere a quanta più gente possibile, adulti e bambini, giovani e meno giovani, come lo Yoga sia uno strumento semplice ma potente per aiutarci a trovare un rinnovato benessere, a livello personale e di collettività. Siamo profondamente grati al Comune di Milano per il sostegno e al Console Indiano Mr. Singh riconoscere la serietà del nostro approccio e i nostri sforzi per diffondere veri valori dello Yoga, prima e oltre le mode”.

La Giornata Mondiale dello Yoga targata YogaFestival è patrocinata da Regione Lombardia, Comune di Milano, Consolato Generale dell’India a Milano e Unione Induista Italiana. Fra i Partner: Lenovo, LifeGate Energy, Orphea, Provamel, WAMI, Water with a Mission e WellBe.

‘M’illumino di Meno’ – quattordicesima edizione

m'illumino di meno
m’illumino di meno

Quest’anno Rai Radio2 e Caterpillar dedicano la quattordicesima edizione di ‘M’illumino di Meno’, la campagna sul risparmio energetico, alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Si comincerà a camminare insieme lunedì 29 gennaio, alle 18.30, dall’Arena Civica di Milano, Palazzina Appiani (Parco Sempione): in diretta su Radio2, insieme a ‘Caterpillar’, oltre a diversi esponenti del mondo dello sport e dello spettacolo, ci sarà il FAI – Fondo Ambiente Italiano, a cui è stata affidata, in concessione dal Comune di Milano, la gestione della Palazzina Appiani.

Il FAI è un generatore di energia: chi visita i beni del FAI “si illumina”, perché scopre storie nuove e interessanti in un contesto accessibile, libero, aperto, partecipato, che favorisce diverse attività per un tempo libero di qualità, speso bene tra cultura e natura, il che favorisce un benessere generale. Sarà la prima trasmissione radiofonica camminata della storia della radio: l’invito è rivolto a tutti coloro che corrono al parco la sera, che fanno yoga, calcetto, tango, o anche solo una passeggiata, tutti saranno indispensabili e sono chiamati a camminare con Radio2. Perché sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo.

‘M’illumino di meno’ 2018 è previsto per il 23 febbraio 2018, in prossimità dell’anniversario del Protocollo di Kyoto, tentativo dell’umanità di salvare la Terra dalla distruzione indotta dai cambiamenti climatici. L’obiettivo di questa edizione sarà raggiungere la luna a piedi: i passi da compiere sono 555 milioni, ecco perché ci sarà bisogno del contributo di tutti quegli ascoltatori che dal 2005 hanno accettato l’invito di ‘Caterpillar’ a spegnere le luci non indispensabili.

Un’iniziativa simbolica e concreta che è diventata subito molto partecipata: da tredici anni si spengono le piazze italiane, i monumenti – la Torre di Pisa, il Colosseo, l’Arena di Verona – i palazzi simbolo dell’Italia – Quirinale, Senato e Camera – e tante case dei cittadini. Si sono spenti per ‘M’illumino di Meno’ la Torre Eiffel, il Foreign Office e la Ruota del Prater di Vienna. In decine di Musei si organizzano visite guidate a bassa luminosità, nelle scuole si discute di efficienza energetica, in tanti ristoranti si cena a lume di candela, in piazza si fa osservazione astronomica approfittando della riduzione dell’inquinamento luminoso.

Dall’inizio di ‘M’illumino di Meno’ il mondo è cambiato, l’efficienza energetica è diventata un tema economico rilevante e le lampadine ad incandescenza che Caterpillar invitava a cambiare con quelle a risparmio energetico, non esistono più. ‘M’illumino di Meno’ è diventata anche la festa degli stili di vita sostenibili, quelli che fanno stare bene senza consumare il pianeta. C’è mancato poco che diventasse legge dello Stato: due proposte, alla Camera e al Senato, hanno chiesto l’istituzione della Giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili.

Per un giorno, il 23 febbraio, “pensiamo con i piedi”.
‘Caterpillar’ è in onda dal lunedì al venerdì alle 18.30, su Radio2, in streaming su radio2.rai.it, fruibile sulla app di RaiPlay Radio e con contenuti speciali su Faceook, Instragram e Twitter.

YogaFestival arriva alla Fabbrica del Vapore

YogaFestival-
YogaFestival-

Una nuova location e spazi più ampi, maestri di rilievo internazionale, 40 workshop per praticanti di tutti i livelli e 60 eventi aperti a tutti. Da venerdì 10 a domenica 12 novembre la Fabbrica del Vapore sarà il tempio dell’equilibrio psico-fisico con lo Yogafestival Milano.

Giunto alla sua 12esima edizione, il grande appuntamento annuale lascia gli storici spazi di via Tortona per ampliarsi e poter accogliere un pubblico sempre più numeroso con il tema “Yoga: suono, musica, vibrazione”: un’esplorazione degli effetti che gli elementi vibratori hanno sul nostro equilibrio fisico, psichico, intimo e per insegnare a trovare quel personale suono interiore a cui la vita moderna lascia poco spazio di ascolto.

L’obiettivo dello Yogafestival Milano è, infatti, proprio quello di coinvolgere non solo chi già conosce questa disciplina ma anche neofiti, appassionati o curiosi ed avvicinarli ad una delle più antiche pratiche dell’India, riconosciuta dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità proprio per la sua lunga tradizione e per i benefici che può regalare a chi la pratica e alla società. Una disciplina semplice ed efficace, alla quale ci si può avvicinare ad ogni età.

“Siamo una città che ama correre – ha detto l’assessore al Turismo, Sport e Qualità della Vita, Roberta Guaineri -, abbiamo un calendario di running che ci invidiano in molti, anche per il gran numero di partecipanti che ogni anno riesce a coinvolgere. Ma il benessere fisico e mentale hanno bisogno anche di altro: il rilassamento e l’equilibrio che possono essere raggiunti in un’ora di Yoga sono di inestimabile valore. La crescita di pubblico di questo Festival dimostra come l’Italia e Milano sappiano valutare e apprezzare tutti gli aspetti che migliorano la qualità della vita; la nostra speranza è che sempre più milanesi si avvicinino anche a questa disciplina”.

“Noi crediamo nello Yoga – ha aggiunto la presidente e fondatrice di Yogafestival, Giulia Borioli, –: pensiamo che avvicinarsi a questa straordinaria e antichissima tecnica di riequilibrio possa aiutare le persone a stare meglio con sé stesse e quindi nel mondo. Credo che lo Yoga possa essere uno strumento efficace e perfetto per i nostri tempi, per regalarci momenti di consapevolezza, equilibrio e benessere, convinti che la sua pratica possa davvero migliorare la nostra società”.

Nella nuova sede della Fabbrica del Vapore, il Festival metterà a disposizione del pubblico più spazi per i workshop, più raccolti ed intimi ed ospiterà un programma ricco di occasioni per conoscere lo Yoga e praticare insieme. Ma anche tante altre inedite e suggestive esperienze per (ri)prendersi il proprio tempo, ascoltarsi, stare bene. Tre giorni di vero Yoga per tutti.

VOLANDIA

Avete mai pensato di andare in tuta al Museo? Di fare yoga in un Parco tra aerei ed elicotteri? Di prendere spunto dal volo di un uccello per far volare la mente proprio come fa una mongolfiera?

 

Sabato 16 giugno tutto questo è possibile al Parco e Museo del Volo più grande d’Europa. A partire dalle 16.00 sono in programma mini lezioni per bambini (a partire dai 3 anni – 30 minuti) e per adulti (45 minuti) per scoprire una disciplina che ha numerosi riferimenti con il volo, l’aria, il respiro.

Con esercizi e posture proprie dello yoga sarà infatti possibile provare a sentirsi sospesi tra terra e cielo, a gestire le tensioni del corpo e scaricare lo stress, lasciandosi attraversare da una sensazione di benessere psico-fisico.

A Volandia a librarsi sarà infatti la mente e i visitatori potranno cimentarsi a diventare leggeri e poi ad ‘atterrare’ rilassati e distesi grazie alla sequenza degli uccelli, alle visualizzazioni e alle tecniche di respirazione che consentono il congiungimento del corpo, della mente e dell’anima.

 

Le lezioni si svolgono in collaborazione con la scuola Rhamni fondata da Laura Dajelli, allieva diretta del Guru Maharishi Sathyananda ed istruttrice di fitness, Personal Trainer CONI, iscritta all’albo YANI, Ass. Naz. Insegnanti di Yoga. Per l’insegnamento dello yoga ci si avvale della collaborazione di Insegnanti professionisti Personal trainer e Isef. www.rhamni.it

 

Proseguono inoltre DOMENICA 17 e 24 GIUGNO gli incontri al PLANETARIO (pad. SPAZIO) per diventare ‘esperti spaziali’. Nel pomeriggio di domenica è la volta del focus su LE GALASSIE e quella successiva sul SISTEMA SOLARE. Dopo le ‘lezioni spaziali’ si può proseguire la visita nei 1.600 mq di allestimento dedicati al tema. Numerosi gli spunti e le curiosità tra cui il diorama del suolo lunare e marziano, 4 Satelliti, 2 sonde spaziali, 1 sala 3d,  1 ologramma dello Space Shuttle, 2 repliche della tuta spaziale indossata sull’Apollo 11, 2 postazioni ‘space work’ per simulare la difficoltà di lavorare nello spazio e la riproduzione fotografica degli interni di un modulo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) in scala 1:1.

 

Le attività ‘benessere’ e nel Planetario sono gratuite ed incluse nel biglietto di ingresso al Parco e Museo. 

 

Volandia è aperto con orario estivo e continuato dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 18.00, sabato domenica e festivi dalle 10.00 alle 19.00.

INFOLINE 0331 230007  – www.volandia.it

 

Festival Teatro e Spiritualità

Dal 2 al 6 maggio, ore 20.45 – domenica 6  ore 16

Con la pace nel cuore, COMBATTI! Bhagavad Gita 5000 a.C. – 2012 d.C.

ideazione e adattamento drammaturgico di Giorgio Minneci e Cristina Tuscano, ispirato al commento di Sri Sri Ravi Shankar alla Bhagavad Gita, regia di Giorgio Minneci, con Federica Armillis, Francesco Maria Cordella, Giorgio Minneci, Roberto Chiari (dilruba e hansa veena).

sabato 5 maggio, ore 16.30 per i più piccoli

Madre Natura racconta…

di Cristina Tuscano, a cura di Federica Armillis, con Federica Armillis ed Emilio Zanetti.

domenica 6 maggio, ore 18.30

Mantra in Musica

a cura di Giorgio Minneci, con Claudio Beccaceci (chitarra), Roberto Chiari (dilruba e hansa veena),  Giorgio Minneci (chitarra e voce).

Prima dello spettacolo

Yoga in Poltrona per lo spirito & per il corpo Assaggi di Saggezza, aperitivo vegetariano.

Al Teatro Out Off di Milano, dall’ 2 a 6 maggio 2012, il Festival Teatro e Spiritualità, alla sua III edizione, propone cinque giornate in cui teatro e musica si incontrano per riflettere con leggerezza sul senso della vita. Yoga e meditazione entrano in teatro per allontanare lo stress e ritrovare il silenzio.

Un primo passo verso una disciplina antica che mantiene giovani.

“Non-violenza non vuol dire non combattere.

Per questo ti dico: combatti! Combatti per la tua vita, per la tua dignità!

Con la pace nel cuore, combatti!”

Sri Sri Ravi Shankar

Sri Sri Ravi Shankar, leader spirituale tutt’ora vivente, attraverso il suo esempio e la sua vita, porta un messaggio di pace universale e insegna tecniche scientificamente dimostrate per ridurre il livello di stress e imparare a gestire le proprie emozioni. La sua saggezza e la sua ironia hanno cambiato la vita di milioni di persone in tutto il mondo, dall’India alla Bosnia, dall’Olanda al Sud Africa, dal Tamil Nadu a New York.

Giorgio Minneci, insegnante di yoga e meditazione, è un allievo diretto di Sri Sri Ravi Shankar che si dedica al volontariato sia nelle carceri italiane che nelle zone rurali dell’India; apprezzato attore milanese, ha lavorato in numerose produzioni teatrali, tra cui al Piccolo Teatro di Milano. Ha lavorato tra gli altri con Roberto Herlizka, Franco Branciaroli, Stephane Braunschweig e ha partecipato a molte delle produzioni del Teatro Out Off con Lorenzo Loris. Come regista si è dedicato alla messa in scena di testi tratti dalla tradizione vedica, dall’Ashtavakra Gita allo Yoga Vasishta.

Per informazioni e prenotazioni

riferimento benefits of yoga for stress

Teatro Out Off, via Mac Mahon 16, Milano – 02.34532140

teatro@artofliving.it –  www.teatrooutoff.it

Ingresso 12euro. Riduzioni per scuole e associazioni.