Mercati di Traiano: installazioni di Sonia Andresano

Sonia Andreasani_Mercati di Traiano
Sonia Andreasani_Mercati di Traiano

LIVE MUSEUM, LIVE CHANGE
Sonia Andresano con Permesso di sosta e fermata
prosegue gli atelier artistici presso i Mercati di Traiano

Dal 21 febbraio 2020, h. 16.00 ai Mercati di Traiano, Via Quattro Novembre 94, Roma

Dopo le Voci di Dentro di Iginio De Luca, sarà l’artista Sonia Andresano a proseguire gli innovativi atelier artistici ai Mercati di Traiano per Live Museum Live Change, progetto di PAV, realizzato nell’ambito dell’Avviso Atelier Arte Bellezza Cultura della Regione Lazio (P.O.R. FESR Lazio 2014/2020 azione 3.3.1b), grazie anche alla collaborazione con Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Sonia Andresano è trai vincitori della call indetta da Live Museum Live Change con il progetto Permesso di sosta e fermata, un invito a viaggiare nel tempo e nello spazio tra le memorie, le storie e le bellezze narrate all’interno dei Musei dei Mercati di Traiano, per comprenderne meglio le stratificazioni culturali e sociali in dialogo con il presente.

“Sostare significa fermarsi in un luogo per un tempo più o meno lungo” spiega l’artista. “La sosta, il punto di vista collettivo, l’esplorazione, l’attesa e lo spostamento sono i temi che intende raccontare questo progetto. I mercati di Traiano si popolano di presenze che provengono da luoghi intimi e domestici: poltrone, sedie o sgabelli, traslocano dalle case dei loro donatori e giungono in uno spazio aperto dove verrà data ad ogni seduta una postazione, offrendo così nuovi punti di vista dello spazio. Le sedute inviteranno a guardare lo spazio dal punto di vista dell’artista, che accompagnerà la staticità dell’installazione con un’installazione sonora diffusa nello spazio: rumori di sedie e poltrone che si spostano, che strusciano sul pavimento, che urtano come durante un trasloco e che ci conducono in una dimensione diversa, dove l’attesa precede il movimento, in un tempo sospeso in transito. L’attesa come visione interiore si oppone all’azione, alla fatica, in un dialogo fra la dimensione privata e la dimensione pubblica, in un continuo bisogno di abitare”.

WIZZ Youth Challenge: premiati i vincitori

Vincitori WYC 2019
Vincitori WYC 2019

Wizz Air, una delle compagnie aeree a più rapida crescita in Europa, ha annunciato i vincitori e i secondi classificati del WIZZ Youth Challenge – la competizione studentesca annuale organizzata dalla compagnia aerea, che invita gli studenti universitari a dimostrare le proprie abilità in fatto acume negli affari, pensiero critico e problem-solving, rispondendo a una reale sfida aziendale definita dal gruppo dirigente di Wizz Air.

Quest’anno, la WIZZ Youth Challenge ha raggiunto un numero record di partecipanti, con oltre 1200 studenti iscritti provenienti da tutti i 44 Paesi del network WIZZ. La sfida dell’edizione di quest’anno era proporre un’idea innovativa che potesse essere integrata nella strategia di sostenibilità di Wizz Air, al fine di mantenere la propria posizione di compagnia aerea più verde d’Europa.

Su 220 squadre, 24 sono state invitate a Budapest per presentare le proprie idee alla direzione WIZZ in occasione della semifinale della competizione. Le squadre semifinaliste, provenienti da Ungheria, Polonia, Serbia, Paesi Bassi, Svezia, Austria, Svizzera, Regno Unito, Danimarca e Lettonia, hanno esposto le loro idee ad un gruppo di dirigenti WIZZ ed esperti consulenti.

Tra i giudici, erano presenti il Vice Direttore Generale di Wizz Air, Stephen Jones, e il CCO Marion Geoffroy, nonché l’esperta di sostenibilità Alexa Antal e Zsolt Ábrahám di CaseSolvers.

Quattro squadre sono state selezionate per la finale, tra cuisolo una sarebbe stata decretata la vincitrice. Il team Goldsmith+, un gruppo di studenti della CorvinusUniversitydi Budapest e della Central EuropeanUniversityin Ungheria, si è posizionato al primo posto con una soluzione semplice ma creativa che offre ai passeggeri l’opportunità di compensare la propria impronta ecologica attraverso la piattaforma di prenotazione di Wizz Air in differenti modi eco-friendly.

L’idea del team include anche il lancio di una fondazione ecologica e una strategia per la costruzione di una comunità di passeggeri impegnata e attenta all’ambiente, in veste di “Green Ambassador”.

I fortunati vincitori hanno ricevuto in premio la possibilità di viaggiare illimitatamente per un anno intero sulla vasta rete Wizz Air, composta da 700 rotte su152 destinazioni. I team posizionati al secondo e terzo posto hanno invece ricevuto in premio un biglietto aereo di ritorno gratuito da una destinazione della rete WIZZ a loro scelta.

Rock Targato Italia: i vincitori

vincitori_testatina
vincitori_testatina

“….Che Rock Targato Italia sia, da ormai trent’anni, un incrollabile punto di riferimento per la musica emergente del nostro Paese è cosa risaputa. Anche la storia della manifestazione, con lo stuolo enorme di nomi transitati, come artisti in gara o come ospiti, sul palco del concorso appena prima di diventare grandi è un fatto piuttosto noto.

Ciò che però può sapere solo chi ha respirato di persona l’aria di almeno una delle serate dell’evento è che Rock Targato Italia è soprattutto un punto di ritrovo: un crocevia umano prima ancora che musicale in cui confrontarsi, conoscere persone e assaporare la passione e il desiderio di comunicare che continua a circolare nel sottobosco musicale più estremo, sempre più lontano dalle webzine alla moda o dai media mainstream.

Un concorso anomalo, in cui la gara c’è, offre premi importanti e porta ogni anno alla luce realtà significative, ma viene vissuta in modo estremamente umano, senza le ansie da tritacarne dei talent show e permettendo a tutti di esibirsi in un clima sereno e costruttivo, proprio come accaduto anche al Legend Club di Milano nelle tre belle serate dal 10 al 12 settembre in occasione delle finali nazionali della trentunesima edizione della rassegna…” (Roberto Bonfanti scrittore e artista).

Al termine di tre serate pienissime di musica e incontri, sono stati i pavesi IL PESCE PARLA e i romani berlinesi di EDUCTA FAIS a essere incoronati vincitori del Gran Premio Rock Targato Italia 2019 e aggiudicarsi una campagna promozionale a cura dell’Ufficio Stampa Divi In Azione

I favori del pubblico in sala sono andati ai milanesi GEYSER e al loro rock trascinante grintosi dalle sonorità internazionali mentre lo speciale riconoscimento intitolato a Stefano Ronzani, che da sempre premia la proposta che sa distinguersi per originalità o importanza dei contenuti, è andato ai TREROSE per la loro proposta minimale, ben sostenuta dalla voce femminile, capace di unire un approccio musicale moderno e tematiche ampiamente presenti nel sociale e nella società civile

Oltre agli artisti già citati, altri gruppi finalisti sono stati selezionati dalla giuria di qualità per partecipare alla storica compilation della rassegna in uscita a dicembre: i pugliesi ANACONDA, i veneti EVOLVE ALBA, i piemontesi MAU NERA, i toscani REVOLUTION 0 il catanese RICCARDO AUTORE e i palermitani ROOFSIZE.

.

“Giuditta Pasta” – 1° Concorso lirico

giuditta pasta
giuditta pasta

Il Comune di Saronno promuove, in collaborazione con la Fondazione Culturale Giuditta Pasta e l’Associazione CulturalMente & MusicalMente un grande evento culturale per l’anno 2019.

Dal 21 al 25 maggio la città di Saronno sarà la sede del 1° CONCORSO INTERNAZIONALE DI CANTO LIRICO intitolato a “Giuditta Pasta”.
Centinaia di concorrenti provenienti da tutto il mondo si sfideranno a colpi di “Do di Petto” e di virtuosistici acuti.

La giuria di chiara fama internazionale selezionerà i migliori cantanti attraverso una prova eliminatoria ed una semifinale.

La finale si terrà in forma di concerto lirico sinfonico con l’Orchestra Lake Como Philarmoniker.

Per i vincitori in palio un montepremi complessivo di € 8000; sono previsti anche concerti e produzioni operistiche per importanti teatri europei.

Il Concorso Lirico Internazionale intitolato a Giuditta Pasta, nasce come scommessa sul territorio, dalla ambiziosa idea di coniugare finalità culturali-artistiche alla creazione ed allo sviluppo dell’immagine della Città di Saronno che ha dato i natali a questa grande interprete lirica.

Rock Targato Italia 2018: I Vincitori

VINCITORI granpremio
VINCITORI granpremio

Che Rock Targato Italia sia, da ormai trent’anni, un incrollabile punto di riferimento per la musica emergente del nostro Paese è cosa risaputa. Anche la storia della manifestazione, con lo stuolo enorme di nomi transitati, come artisti in gara o come ospiti, sul palco del concorso appena prima di diventare grandi è un fatto piuttosto noto.
Ciò che però può sapere solo chi ha respirato di persona l’aria di almeno una delle serate dell’evento è che Rock Targato Italia è soprattutto un punto di ritrovo: un crocevia umano prima ancora che musicale in cui confrontarsi, conoscere persone e assaporare la passione e il desiderio di comunicare che continua a circolare nel sottobosco musicale più estremo, sempre più lontano dalle webzine alla moda o dai media mainstream.

Un concorso anomalo, in cui la gara c’è, offre premi importanti e porta ogni anno alla luce realtà significative, ma viene vissuta in modo estremamente umano, senza le ansie da tritacarne dei talent show e permettendo a tutti di esibirsi in un clima sereno e costruttivo, proprio come accaduto anche al Legend Club di Milano nelle tre belle serate del 24, 25 e 26 settembre in occasione delle finali nazionali della trentesima edizione della rassegna.

Al termine di tre serate pienissime di musica e incontri, sono stati i pavesi Nylon e i milanesi Lo Stato Delle Cose a essere incoronati vincitori del gran premio Rock Targato Italia 2018 e aggiudicarsi una campagna promozionale a cura dell’ufficio stampa Divi In Azione.

I primi hanno il dono di saper ammaliare e al tempo stesso divertire con una proposta in cui una fortissima verve teatrale si sposa con una musicalità notturna, arricchita dal suono del violoncello, in cui si fondono folk, rock, e canzone d’autore.

I secondi invece sanno conquistare grazie a una grande spontaneità e al dono tutt’altro che trascurabile di saper scrivere canzoni apparentemente semplici ma profondamente intelligenti, spruzzate di pop e new wave, in cui riescono a riflettere sul mondo di oggi e sulle dinamiche dei rapporti umani raccontando storie intrise di quotidianità.

I favori del pubblico in sala sono andati ai varesini The Foool e al loro pop trascinante fatto di sonorità anni ’80 e richiami anni ‘90, permettendo così alla band di aggiudicarsi il premio Città di Milano, mentre lo speciale riconoscimento intitolato a Stefano Ronzani, che da sempre premia la proposta che sa distinguersi per originalità o importanza dei contenuti, è andato agli abruzzesi Organico Ridotto e al loro affascinante progetto in dialetto che capace di unire un approccio musicale moderno e ricchissimo di influenze con la riscoperta delle radici della loro terra d’origine.

Oltre agli artisti già citati, altri cinque fra i gruppi finalisti sono stati selezionati per partecipare alla tradizionale compilation celebrativa in uscita a dicembre: i marchigiani Blank, i milanesi Under The Snow, i veneziani Rolling Carpets e i torinesi Andrea Marzolla e VXA Rockband.

Un’edizione senza dubbio positiva da cui sono emerse ancora una volta energie positive, entusiasmo e contenuti importanti a testimonianza di una scena musicale ancora viva, combattiva e meritevole di essere scoperta e valorizzata.

Roberto Bonfanti, scrittore e artista