Rovente estate Monegasca

estate-nel-principato-di-monaco
estate-nel-principato-di-monaco

L’estate non è solo una stagione ma anche uno stato d’animo. Estate significa felicità, spensieratezza e relax, staccare la spina dalla quotidianità e tuffarsi appieno in attività che donano emozioni e dolci ricordi. Una vacanza nel Principato di Monaco regala tutto questo con l’aggiunta del tipico charme monegasco che da sempre seduce il bel mondo.

Un arcobaleno di appuntamenti estivi e nuovi locali 100% chic faranno da cornice a un favoloso soggiorno nella perla del Mediterraneo. Glamour sì ma senza dimenticare il rispetto dell’ambiente, proprio come cita lo slogan del Principato “Green is the new glam”, con strutture, attività ed eventi eco-green che rivelano il cuore sostenibile della destinazione.

Per chi vuole arricchire il proprio bagaglio culturale, ogni estate il Grimaldi Forum organizza una grande esposizione tematica dedicata a un movimento artistico importante o a una civiltà.

Quest’anno il focus è sull’Egitto con la mostra “L’Oro dei Faraoni, 2.500 anni di oreficeria nell’Antico Egitto” inaugurata lo scorso 7 luglio è aperta fino al 9 settembre.

150 preziose opere provenienti dal Museo del Cairo in un percorso entusiasmante che presenta i tesori dell’epoca egizia facendo sentire il visitatore come un moderno principe egiziano. Costo del biglietto intero: 11 Euro

Estate è sinonimo di musica, live show e balli fino a tarda notte: nel Principato gli artisti di fama internazionale si incontrano in occasione del Monte-Carlo Sporting Summer Festival con favolose cene-spettacolo dal 6 luglio al 18 agosto.

Non c’è estate senza spettacoli pirotecnici! Anche quest’anno, i mesi di luglio e agosto a Monaco saranno illuminati dal Festival dei Fuochi d’Artificio piromelodici e Italia, Spagna, Portogallo e Bulgaria si contenderanno il concorso.

Il Festival è gratuito e tutti potranno godersi la magia dei fuochi che risplendono nella notte monegasca, dal 21 luglio al 11 agosto. Quale sarà la nazione vincitrice?

Tra le più celebri location notturne del panorama monegasco, il Twiga spicca grazie alla musica lounge in sottofondo, gli arredamenti in stile tribale e il mar Mediterraneo che fa da cornice alla dolce vita. Serate a tema, dj set fino all’alba e l’inconfondibile atmosfera super chic del Fairmont Monte-Carlo: al Nikki Beach, uno dei più noti locali dell’estate monegasca, si balla a bordo piscina dal mattino fino a notte fonda… attenzione ai paparazzi!

E infine, come non rinunciare a un cocktail rinfrescante nel favoloso Buddha Bar? Per quest’estate il celebre club monegasco propone dei cocktail rinfrescanti ispirati alla natura mediterranea. “Sun City”, “Med’Berry” e “Summer Cup” saranno le creazioni protagoniste dell’atmosfera soffusa e iconica del locale più famoso del mondo, accompagnate da squisiti piatti a base di sashimi, sake e sushi.

Giro Rosa 2018 in Valtellina

Giro Rosa Valtellina 11-12 luglio 2018
Giro Rosa Valtellina 11-12 luglio 2018

“Le tappe che fanno la differenza”. Questo lo slogan scelto per il Giro Rosa 2018 in Valtellina.
Due tappe, e due giornate di festa in provincia di Sondrio, quelle previste per l’11 e il 12 luglio, che si annunciano come momenti clou per indossare la maglia rosa.

Mercoledì 11 luglio la sesta tappa, lunga 114 km, da Sovico salirà in Valgerola per il primo arrivo in vetta.

Il lungo tratto pianeggiante del percorso di giornata sarà il preludio all’ascesa conclusiva, con pendenze costanti, verso Gerola Alta, con traguardo presso il Palagerola, a 1.050 metri di altitudine.
Una salita inedita per il Giro Rosa, dove le concorrenti potranno fare la differenza.

Giovedì 12 luglio un’altra tappa inedita per il Giro Rosa 2018 (la settima).
Una cronoscalata individuale che da Lanzada porta verso la diga di Campo Moro, ad oltre 2.000 metri di quota, ai piedi del Bernina.

Una salita molto ripida con oltre 1.000 metri di dislivello in soli 15 Km.
La maglia rosa tornerà quindi in Valmalenco 30 anni dopo la Bergamo – Chiesa in Valmalenco del 4 giugno 1988.

Fipe favorevole a Ministero dedicato al Turismo

lino-stoppani
lino-stoppani

“A ciascuno il suo. Fare turismo, che significa occuparsi di un’articolata filiera di imprese che vanno dall’accoglienza alla somministrazione di prodotti e, soprattutto, al servizio, è un mestiere complesso che richiede competenze, specializzazioni, cultura.
Le richiede agli imprenditori e ai lavoratori, ma anche a chi ha la responsabilità di costruire introno a questa filiera il “sistema” organizzativo e infrastrutturale e di definire le regole.
Per tutte queste ragioni siamo certi che sia importante istituire una struttura di governo con una delega ad hoc che valorizzi appieno il ruolo di questo settore nell’economia italiana. Questo sarebbe un vero segnale di cambiamento”.

Questo il commento del Presidente di Fipe – Federazione Italiana Pubblici Esercizi Lino Enrico Stoppani delle questioni inerenti il turismo, incluso tutto ciò che riguarda il fuoricasa e la ristorazione. “Stiamo parlando di un settore, quello della ristorazione e del turismo, che in questi anni – lo dimostrano le cifre – ha contribuito allo sviluppo del Paese in termini occupazionali e di fatturato: è un settore che non merita di essere penalizzato”.

“La partenza del nuovo esecutivo che si definisce governo del cambiamento deve essere accompagnata con i migliori auspici e la giusta dose di comprensione rispetto a possibili errori strategici dovuti a qualche deficit di esperienza – dichiara Stoppani -. In questo frangente come associazione di categoria esprimiamo grande preoccupazione riguardo ai rumors che parlano di collocare le politiche del turismo in una condizione accessoria rispetto ad altre competenze. L’autonomia del settore deve avere un’allocazione coerente e funzionale con la gestione dei beni artistici e culturali, attrattori di turismo”.

“Già nel corso della precedente legislatura era stato attribuito all’agricoltura un ruolo preminente nella definizione delle politiche sul cibo, trascurando settori molto più coerenti e competenti in materia in termini di occupazione e valore aggiunto, come la ristorazione e l’industria alimentare, settori che producono, trasformano, valorizzano, promuovono ed educano – prosegue Stoppani -. Al nuovo Governo chiediamo di non sottovalutare il fatto che per gestire flussi turistici, valorizzare le nostre eccellenze, promuovere il Paese servono competenze ed esperienze che non si inventano”.

Wizz Air inaugura la base austriaca, a Vienna

WizzAir_Flughafen Wien
WizzAir_Flughafen Wien

Wizz Air, una delle compagnie aeree europee a più rapida crescita e il più grande vettore low cost dell’Unione Europea, inaugura la base austriaca all’Aeroporto di Vienna con uno dei nuovi aeromobili Airbus A320.

Il nuovo aeromobile presso la base supporterà l’inizio delle operazioni di cinque nuovi collegamenti da Vienna verso le note destinazioni di Valencia, Roma Fiumicino, Malta, Bari e Tel Aviv.

Per festeggiare questo importante traguardo, WIZZ lancia una promozione speciale per i clienti che viaggiano per Vienna con uno sconto del 20% su tutte le 30 rotte disponibili da Vienna, per le nuove prenotazioni fatte entro la mezzanotte di oggi, giovedì 14 giugno.

La compagnia ha attualmente più di 33 voli alla settimana in partenza da Vienna e offre tariffe a partire da 19.99 EUR** su wizzair.com per i passeggeri italiani.

Quest’anno più di mezzo milione di posti sono già in vendita da/per l’aeroporto di Vienna sui voli WIZZ, offrendo così nuove opportunità di viaggio a prezzi contenuti, contribuendo all’economia locale, sostenendo il turismo e rafforzando allo stesso tempo partnership economiche tra i Paesi europei.

“Siamo orgogliosi di festeggiare l’apertura della nuova base in Austria all’Aeroporto di Vienna. I primi voli di Wizz Air da Vienna sono cominciati ad aprile e adesso stiamo inaugurando altre cinque nuove rotte” ha dichiarato George Michalopoulos, Chief Commercial Officer di Wizz Air in occasione della conferenza stampa a Vienna “per il 2019, le operazioni della nuova base a Vienna genereranno più di 200 posti di lavoro a livello locale con WIZZ e le nuove destinazioni si aggiungeranno al network ampliando le possibilità di scelta per i passeggeri italiani che potranno esplorare l’Europa a tariffe davvero bassissime attraverso un network di 30 rotte in 22 Paesi.“

L’impegno in Austria
L’apertura della base a Vienna rappresenta un maggiore investimento in Austria da parte di WIZZ, generando più di 200 posti di lavoro diretti con la compagnia per il 2019.

Con un investimento di $ 570 milioni***, nei prossimi 9 mesi la compagnia continuerà ad accrescere le operazioni all’Aeroporto Internazionale di Vienna mirando a diventare il secondo vettore in Austria nel 2019 con una flotta locale di 5 nuovi aeromobili Airbus, operando in un network di 30 rotte da Vienna verso 22 Paesi e mettendo a disposizione nel complesso più di 2.2 milioni di posti all’anno.

Con l’espansione delle operazioni, il team locale di Wizz Air a Vienna diventerà sempre più corposo, tenendo conto che le prossime sessioni di reclutamento sono previste per il 21 giugno a Vienna.

WIZZ è la pioniera di un nuovo modo di viaggiare in Austria, offrendo tariffe e servizi a prezzi realmente contenuti, la massima possibilità di scelta per i clienti e un sistema semplice di prenotazione online.

Wizz Air darà ai passeggeri austriaci e italiani la possibilità di viaggiare verso un’ampia rete di destinazioni a prezzi realmente bassi, con interessanti voli Wizz Air che includono alcune destinazioni di grande attrattiva e poco frequentate dal turismo di massa e offrendo la possibilità di esperienze davvero memorabili.

Sono inoltre già attive da febbraio le rotte da Milano Malpensa (giornaliero) e da Catania (martedì, giovedì, sabato) per Vienna.

Torre Boldone: nuovo tratto pista ciclabile

la-ciclabile-della-valle-seriana--torre-boldone
la-ciclabile-della-valle-seriana–torre-boldone

“Un ulteriore tassello per la promozione del turismo della Bergamasca e la valorizzazione di un territorio”.

Cosi’ l’assessore regionale al Turismo, marketing territoriale e moda, intervenuta all’inaugurazione del nuovo tratto di pista ciclabile di Torre Boldone, che rientra nei lavori di completamento della ciclovia della Val Seriana, che da Bergamo permette di arrivare sino a Clusone in bicicletta, e che ha visto il coinvolgimento di numerosi Comuni della zona (capofila Ranica, poi interventi specifici a Gorle, Torre Boldone, Alzano, Villa di Serio, Nembro, Pradalunga, Albino, Cene e Gazzaniga), con un contributo regionale di 397 mila euro per l’infrastrutturazione dei percorsi ciclabili.

“Il completamento del tratto di pista ciclabile di Torre Boldone dimostra ancora una volta l’attenzione di Regione Lombardia nei confronti del cicloturismo – ha rimarcato l’assessore – convinta che scoprire la Val Seriana e la Bergamasca su due ruote sia un’avventura fantastica e che puo’ avere risvolti economici importanti, un valore aggiunto per le strutture ricettive, la ristorazione, l’occupazione e in generale tutto il ‘Sistema Turismo’ della provincia”.

“Un impegno nei confronti del cicloturismo che ha visto, grazie ad un bando del 2017, finanziamenti per oltre 9 milioni, dei quali 1 milione e 700 mila euro per il completamento, la riqualificazione e la realizzazione di percorsi cicloturistici nel territorio di Bergamo”, ha specificato l’assessore al Turismo.

“Le due ruote e il turismo – ha concluso l’assessore regionale – costituiscono un connubio ideale per apprezzare le eccellenze ambientali, culturali ed artistiche della nostra Lombardia, regione ideale da percorrere in bicicletta, con i suoi 4 mila chilometri di percorsi ciclabili”.