“Sport-dipendenza”

content_bilanceri_donne_uomini
content_bilanceri_donne_uomini

Trascorrono oltre 10 ore in palestra e sono costantemente ossessionati dal rimettersi in forma per la prova costume e bruciare le calorie in eccesso.
Ma per il 63% dei casi, l’attività fisica si trasforma in una vera e propria ossessione.

Con la primavera alle porte, per molti è già cominciata l’ansia da prova costume e per tanti altri la priorità numero uno è stare comunque in forma adottando una dieta equilibrata e praticando dell’attività fisica.

Ma per 6 italiani su 10 lo sport è sinonimo di ossessione e stress, tanto da essere soggetti di quella che gli esperti definiscono ‘gym-a-holic’, ovvero la “sport-dipendenza” che porta migliaia di sportivi improvvisati a svolgere sport in modo errato e senza risultati, ma soprattutto in modo ossessivo. Una “patologia” che riguarda a sorpresa più le donne (48%) degli uomini (37%).

È quanto emerge da uno studio di Nutrimente condotto con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio web su circa 1500 italiani, su oltre 100 fonti fra testate, magazine, portali, blog e community nazionali e raccogliendo il parere di un pool di 20 esperti per comprendere il fenomeno dell’ossessione da sport che si registra in questo particolare periodo dell’anno.

“L’ossessione da sport, una sindrome che si concentra sul miglioramento della prestanza sportiva come se il livello fosse quello agonistico – afferma la Dr.ssa Sara Bertelli, psichiatra psicoterapeuta presidente dell’Associazione Nutrimente Onlus – porta la persona a cambiare totalmente lo stile di vita, partendo soprattutto dall’alimentazione. Il rischio è che si cerchi di controllare la perdita di peso e la rimessa in forma, aumentando un’attività fisica, già in partenza intesa e restringendo ancora di più l’alimentazione, con comportamenti scorretti come l’eliminazione dei carboidrati complessi a favore delle proteine o con l’assunzione di integratori, non sempre sicuri per la salute”.

Il nuovo album di Myss Keta: “Una vita in Capslick”

STICKER_Myss KetaRESIZE
STICKER_Myss KetaRESIZE

“UNA VITA IN CAPSLOCK” è il titolo del nuovo album di M¥SS KETA, in uscita il 20 aprile per Universal Music, con la collaborazione de La Tempesta. È attivo da oggi il pre-order in special price su iTunes per il digital, su Amazon per la copia fisica e il presave su Spotify https://umi.lnk.to/UVIC

E mentre cresce spasmodica l’attesa per il primo vero album della regina suprema dell’eccesso, è on line da oggi su VEVO https://www.youtube.com/watch?v=z79fmbVzZBc&feature=youtu.be il lyric video di “STRESS”, il secondo singolo già pubblicato su tutte le piattaforme digitali https://umi.lnk.to/STRESS

Il brano “STRESS”, una produzione del misterioso H-24, è la discesa in una metropoli del futuro immersa in una giungla senza nome. È un avventuroso viaggio psichedelico a bordo di una moto che sfreccia tra palazzi di vetro, che si dimenano per sfuggire alla presa di gigantesche felci tropicali.

È un beat oscuro, psichedelico e introspettivo che canta direttamente al cuore e fa ondeggiare la testa come solo una fresca dose di allucinogeni sa fare. Un pezzo dalle atmosfere afose ed esotiche, downbeat con sfumature trip-hop, noise ed accelerazioniste, in cui l’artista ripete come un mantra le proprie quotidiane paure cercandone quasi la catarsi.

Un ulteriore tassello, dunque, di quello che sarà l’album: un vero e proprio viaggio interiore che l’ha portata a esplorare nuove sonorità, mostrando la maturità acquisita in questi anni

“STRESS” segue il precedente “UNA VITA IN CAPSLOCK”, title-track e primo singolo che anticipa il nuovo disco della diva definitiva dal volto velato, brano che l’ha “catapultata direttamente nell’Olimpo della Musica”. (https://www.youtube.com/watch?v=QD3fAj2BLQo)

L’#UVIC TOUR prenderà il via giovedì 19 aprile dai Magazzini Generali di Milano, la città che l’ha vista nascere e diventare “la stella più brillante dello star system contemporaneo”.
Un live esagerato che inaugura il nuovo capitolo della vita di M¥SS KETA, che sceglie definitivamente la selva oscura e perde la retta via per trasformarsi “DA DOMATA A DOMATRICE, DIVENTANDO PROTAGONISTA DI UNA VITA SFRENATA, INCONTROLLABILE E SURREALE: UNA VITA IN CAPSLOCK.”

Dopo Milano, “la più grande icona pop dei nostri tempi”, sarà il 20 aprile allo Smav di Caserta, il 30 aprile al Monk di Roma, Il 4 maggio al Locomotiv di Bologna, il 5 maggio al The Cage di Livorno e il 26 maggio all’Eremo club di Molfetta (Ba). Il tour è organizzato da DNA Concerti.

Appuntamenti musicali ai Magazzini Generali

foto Modeselektor
foto Modeselektor

In occasione dell’attesissima Milano design week Magazzini Generali apre le porte alla grande musica con tre imperdibili appuntamenti. Giovedì 19 Aprile sul palco arriva M¥SS KETA, Venerdì 20 i Modeselektor, mentre sabato 21 sarà la volta di Join The Gap.

Giovedì 19 Aprile protagonista sarà M¥SS KETA la diva dal volto velato, trionfo di carica ed energia, icona del pop ma anche rapper dall’attitudine punk. L’artista che infiamma i palcoscenici italiani con la sua musica, per la speciale occasione ai Magazzini presenterà in anteprima live il nuovo album in uscita il 20 Aprile, senza dimenticare i suoi maggiori successi come “Milano Sushi & Coca”, “In gabbia” e “Burqa di Gucci” e i recenti singoli “Una vita in capslock” e “Stress”.

Nella serata di Venerdì 20 Aprile i riflettori saranno puntati sui Modeselektor, eccentrico e inimitabile duo pronto a far ballare la movida milanese in una serata che si prospetta essere incredibile. La coppia di artisti ama rompere i limiti dell’ordinario, anche grazie ad un groove che mescola una varietà di generi musicali concepibili.

Tra i nomi più importanti del panorama musicale internazionale i Modeselektor sono sempre stati ambiziosi e sono pronti ad esplorare le strade della dancefloor ancora inesplorate. La speciale serata ai Magazzini sara’ occasione esclusiva italiana per ascoltare la.compilation Modeselektion Vol.4.

Durante l’evento accanto ai Modeselektor in line up anche anche il DJ romano Lory D, e la new comer Berlinese rRoxymore .

Sabato 21 Aprile sarà invece la volta dell’appuntamento con JOIN the GAP, il più famoso party Gay & Friends d’Italia. Per l’occasione il noto locale milanese sarà trasformato in un piccante Motel del Red District con PLAY HARD.

Ospiti internazionali Massimo Piano & Klein Kerr. In consolle solo il meglio del PoP – Commerciale & Rn’B che vedrà alternarsi sul palco Miss Moira Dj e Brezet Dj.
Le sorprese non finiscono qui Dancers, GoGo Boys e DragQueen vi stupiranno con Show ed effetti speciali.

Tre esclusivi live show che nascono con l’obiettivo di celebrare Milano Design Week che si terrà dal 17 al 22 Aprile, un’occasione unica per coniugare il design e la musica, ma anche un’evento per vivere a fondo le proposte che Milano oggi è in grado di offrire a chiunque.

I biglietti per assistere agli eventi sono già disponibili in prevendita o acquistabili direttamente in loco.

Per info e biglietteria:
info@magazzinigenerali.it

Natale, 6 italiani su 10 soffrono di ansia da regalo

dott_ Michele Cucchi ansia regali

Sono sempre più costosi, difficili da scegliere e richiedono intere giornate in giro per negozi. I regali di Natale per il 61% degli italiani rischiano di diventare un vero e proprio incubo, che porta con sé il rischio di soffrire della tipica “ansia da regalo”. Lo psichiatra Michele Cucchi, Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano, spiega i motivi di questa problematica e rivela come superarla.

La gioia e la spensieratezza che contraddistinguono le festività natalizie sono messe a rischio dall’elemento che più di ogni altro caratterizza il giorno in cui tutti sono più buoni: il regalo di Natale. La ricerca dei doni infatti è fonte di un senso di sfinimento e rassegnazione, un’autentica ansia da regalo che pervade il 61% degli italiani, che nasce al solo pensiero di dover affrontare code interminabili alle casse (87%), le corse dell’ultimo secondo (67%) e le infinite ricerche del regalo perfetto (54%). Ma non è tutto: a peggiorare la situazione intervengono le difficoltà economiche, la fine di una relazione o i litigi in famiglia.

Il Natale quindi rischia di passare da giorno più bello dell’anno, a incubo dal quale risvegliarsi il più presto possibile. Gli italiani infatti ammettono di sentirsi stanchi (67%), ansiosi (64%) e depressi (21%) dopo le lunghe giornate alla ricerca del presente ideale.

I più sensibili al problema? Gli uomini (71%) a sorpresa battono le donne (51%).
È quanto emerge da un’indagine promossa da Found!, condotta su circa 1800 italiani, uomini e donne di età compresa tra i 18 e i 60 anni, realizzato con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community dedicate, per scoprire quale rapporto hanno gli italiani con la ricerca e l’acquisto dei regali di Natale.

“La ricerca spasmodica dei regali può essere un fattore di stress – spiega lo psichiatra Michele Cucchi, Direttore Sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano – Anche qui subentrano il tema delle aspettative e di una sorta di psicosi collettiva: il regalo sembra diventare un mantra, il fulcro della festività, pesante come una scadenza importante di un progetto lavorativo. Siamo troppo condizionati dal dover fare qualcosa che dovrebbe rappresentare un piacere anche per chi lo fa, il piacere di pensare all’altro, empatizzare con lui per cercare di capire cosa gli piacerebbe, sentirci vicini a lui”.

Ma chi viene colpito maggiorente dall’ansia da regalo in questo periodo dell’anno? Sorprendentemente dallo studio è emerso che gli uomini sono più soggetti (71%) rispetto alle donne (51%), principalmente perché non sanno quale dono scegliere (80%). A livello anagrafico, le più ansiose sono le persone tra i 30 e i 40 anni (75%) mentre gli adulti nella fascia d’età che va dai 50 ai 60 anni sono meno soggetti a questa problematica (33%). A livello geografico invece i più stressati dai doni sono gli abitanti del Nord (63%), che precedono quelli del Centro (60%) e i cittadini del Sud e delle isole (57%).

INFINE I 5 CONSIGLI DELLO PSICHIATRA PER VINCERE L’ANSIA DA REGALO:
1. LA PERFEZIONE NON ESISTE
E’ fondamentale approcciarsi alla ricerca dei regali senza pretendere la perfezione e pensare di essere per forza in totale sintonia con il partner o con un parente che magari non si vede da mesi.

2. ABBASSO LO STRESS
Quando il regalo diventa un pensiero troppo pesante significa che si è troppo condizionati dal dover fare qualcosa che dovrebbe essere un piacere anche per chi lo fa: in realtà è sufficiente empatizzare con l’altro per cercare di capire cosa gli piacerebbe e sentirci vicini a lui.

3. VA DOVE TI PORTA IL CUORE
Non pensare troppo è importante. Bisogna imparare a lasciarsi guidare dal cuore e dalle emozioni, facendosi condurre dalla propria intelligenza emotiva, in grado di cogliere elementi che l’occhio umano non nota.

4. SIATE ORIGINALI!
Fondamentale è non cedere agli stereotipi: prendere regali ogni anno simili o poco originali a lungo andare può provocare malessere anche nei rapporti famigliari come in quelli di coppia.

5. VIVETE LA MAGIA DEL NATALE TORNANDO BAMBINI
Un aspetto da non sottovalutare è lo stupore provato dai bambini che scartano i propri regali. Osservando questa magia che si ripete ogni anno si potrà capire come affrontare la ricerca e la consegna dei doni: con la tipica gioia del Natale!