Milano: aperte iscrizioni scuole d’infanzia

scuola dell'infanzia
scuola dell’infanzia

EDUCAZIONE. DAL 22 FEBBRAIO AL 6 MARZO APERTE LE ISCRIZIONI A NIDI, SEZIONI PRIMAVERA E SCUOLE DELL’INFANZIA

Sono aperte da oggi e fino alle 12 del 6 marzo le iscrizioni online ai nidi, alle sezioni Primavera e alle scuole dell’infanzia del Comune di Milano.

La domanda si potrà presentare solo accedendo con il Sistema pubblico di identità digitale (SPID) alla pagina dedicata del sito del Comune di Milano. L’ordine cronologico di presentazione delle domande non costituirà in alcun modo diritto di priorità nelle graduatorie.

Non possono utilizzare la normale procedura online le famiglie che sono prive di una iscrizione anagrafica oppure hanno in itinere un trasferimento di residenza da altro Comune verso il Comune di Milano. In questi casi, i genitori dovranno contattare il numero 02.02.02, attivo dal lunedì al sabato dalle ore 8 alle ore 20. L’operatore del contact center li guiderà attraverso una procedura dedicata.
Procedura ad hoc, come di consueto, anche per le famiglie dei bambini non ancora nati e la cui nascita è prevista entro il 31 maggio: i genitori dovranno compilare e inviare entro il 6 marzo il modulo “raccolta dati per iscrizione nascituri” disponibile sul sito del Comune, nella pagina dedicata alle iscrizioni. Gli uffici esamineranno la documentazione inviata e contatteranno i richiedenti per completare la domanda.

Si invita a leggere con attenzione il Comunicato 1/2021 relativo alle iscrizioni che si trova nella sezione “Allegati” al link.
Per scoprire le strutture più vicine alla propria residenza è sempre attivo il servizio Geoschool.

Sul sito del Comune di Milano sono disponibili ulteriori informazioni nelle aree tematiche di nidi e sezioni Primavera o in quelle dedicate alle scuole dell’infanzia.

 

Spid, Comune e MM

Spid
Spid

SPID, COMUNE E MM SPA INSIEME PER UNA CAMPAGNA DI ATTIVAZIONE TRA GLI INQUILINI DELLE CASE POPOLARI

Per agevolare e semplificare l’accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione, il Comune di Milano e MM SpA promuovono una campagna di registrazione a Spid rivolta agli inquilini del patrimonio abitativo comunale gestito da MM (compresi i locatari degli spazi ad uso diverso).
L’attivazione, che si può eseguire presso gli sportelli delle sedi territoriali di MM senza alcun costo per i richiedenti, consentirà l’utilizzo di Spid in modo gratuito.

Spid è l’acronimo di Sistema pubblico d’identità digitale. Con una coppia di credenziali (username e password) personali, ogni cittadino può accedere ai servizi online dell’Amministrazione pubblica e dei privati aderenti, tra cui il Fascicolo digitale del cittadino (Comune di Milano), il Fascicolo sanitario elettronico (Regione Lombardia), bonus e contributi vari statali.

L’accesso a Spid, semplice e sicuro, potrà essere fatto da qualsiasi dispositivo: computer, tablet e smartphone, ogni volta che, su un sito o una app di servizi, si trova il pulsante “Entra con Spid”.

“Grazie alla campagna di MM vogliamo incrementare la diffusione di Spid tra i cittadini milanesi – dichiara l’assessora Roberta Cocco (Trasformazione digitale e Servizi civici) -. Spid è lo strumento di riconoscimento digitale indispensabile per accedere a molti servizi della Pubblica Amministrazione, tra cui il Fascicolo del Cittadino del Comune di Milano. Lo scorso ottobre abbiamo reso disponibile l’attivazione del sistema pubblico di identità digitale presso gli sportelli anagrafici di via Larga, registrando una richiesta record di appuntamenti. Iniziative come questa ci permettono di rispondere a una domanda sempre più crescente e allo stesso tempo di ampliare la platea di cittadini che possono accedere ai nostri servizi digitali, sia attraverso il portale istituzionale sia attraverso l’app dedicata”.

“È importante – aggiunge l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti – che le tecnologie siano al servizio dei nostri inquilini, se questo può semplificare e facilitare l’accesso ai servizi comunali e alle prestazioni pubbliche, anche perché nel prossimo futuro verranno ulteriormente incrementate. Apprezzo anche che MM si sia messa a disposizione con i suoi operatori e si sia organizzata per dare un supporto concreto e gratuito agli inquilini che vorranno attivare Spid”.

Chi volesse registrarsi tramite l’aiuto dell’operatore di MM dovrà recarsi presso una delle sedi territoriali dopo avere concordato un appuntamento, chiamando il numero verde gratuito 800013191.
In occasione dell’appuntamento, saranno necessari alcuni documenti:
• Documento d’identità rilasciato in Italia, in corso di validità: carta d’identità cartacea o elettronica / patente formato tessera / passaporto.
• Tessera sanitaria (anche se scaduta). Se non si è in possesso della tessera sanitaria, è possibile presentare uno dei seguenti documenti: certificato di attribuzione del codice fiscale, certificato provvisorio della tessera sanitaria, codice fiscale rilasciato dall’agenzia delle entrate.

Occorre infine comunicare il numero di telefono cellulare e l’indirizzo di posta elettronica che verranno utilizzati per l’inserimento dei dati utili alla profilazione. Una volta registrato, il richiedente riceverà una mail contenente una password temporanea e il link attraverso il quale, in autonomia e seguendo una serie di step consecutivi, potrà completare le operazioni e ottenere le credenziali Spid.

Spid obbligatorio?

SPID
SPID

Spid obbligatorio?
Il progetto #Gemma ti aiuta!

Riprendono in completa sicurezza, i percorsi di alfabetizzazione digitale del progetto #Gemma che, faranno perno sullo SPID, credenziale unica di accesso ai servizi INPS e della Pubblica Amministrazione, colmando il divario che rischia di tagliare fuori dall’innovazione digitale migliaia di cittadini

Ripartono in aula, i laboratori gratuiti del progetto #Gemma – Il sapere è prezioso, con un ricco calendario di incontri che, alla luce delle recenti novità stabilite dal decreto Semplificazione e Innovazione digitale, avranno come argomento centrale lo Spid, il Sistema Pubblico di Identità Digitale.

“Lo Spid sarà protagonista della trasformazione digitale del paese”. Queste le parole usate dalla Ministra dell’Innovazione tecnologica e della Digitalizzazione Paola Pisano alla conferenza stampa INPS sul passaggio, dal 1° ottobre, allo Spid come credenziale unica di accesso per i servizi INPS. Lo Spid entro la fine di febbraio 2021 sarà la credenziale unica di accesso non solo per i servizi Inps, ma anche per tutti i servizi della Pubblica Amministrazione, che diventeranno tutti fruibili anche da smartphone.

Questa trasformazione digitale del modo di accedere ai servizi pubblici sta rischiando di tagliare fuori tutti coloro che non hanno dimestichezza con gli strumenti digitali. Ad oggi in Italia, possiedono l’identità Spid quasi 11 milioni di cittadini, di cui appena 400 mila hanno più di 65 anni. I “non nativi digitali” sono i soggetti più a rischio di essere esclusi da questa semplificazione, ma non solo loro, perché molto spesso anche persone più giovani trovano difficoltà a districarsi nelle procedure in rete.
È per agevolare i cittadini nell’adeguarsi a questa importante digitalizzazione dei servizi che coinvolge tutta l’Italia, che lavora #Gemma. #Gemma nato in Umbria, oltre venti anni fa come progetto di alfabetizzazione informatica, è oggi finalizzato ad accrescere la qualità della vita, il benessere delle persone e la cultura digitale, promuovendo un uso attivo e consapevole del digitale.
Nonostante la pandemia, il recente lockdown ed il conseguente periodo di distanziamento, #Gemma ha continuato a restare vicino ai cittadini grazie a una serie di dirette facebook, pillole digitali e lo “sportello a distanza” tramite whatsapp, sempre “aperto”, sostenendo le attività quotidiane divenute inevitabilmente digitali, a causa dell’emergenza sanitaria.
Ora #Gemma è pronto a riprendere i laboratori in presenza e in tutta sicurezza. Oltre all’ottenimento dello Spid, tante saranno le tematiche toccate dagli incontri in programma, a partire dall’ABC digitale per i più inesperti, per passare alla conoscenza dei social più aggiornati; ai servizi digitali del Sistema Sanitario Nazionale; visitare virtualmente musei, siti archeologici e città d’arte; fare video e selfie con il proprio smartphone; conoscere i servizi musicali digitali e creare proprie playlist musicali. Diversi gli incontri anche su argomenti di attualità e di interesse generale come ad esempio quelli rivolti al riconoscimento di linguaggi sessisti, dei messaggi di odio on line.

#Gemma, il sapere è prezioso, è un progetto finanziato dalla Regione Umbria con le risorse del POR-FSE 2014-2020 nell’ambito del programma #OpenUmbria. Il progetto è stato presentato da un partenariato di enti pubblici e privati quali il Comune di Montone (soggetto capofila), Anci Umbria, Comune di Spello, Comune di Giano dell’Umbria, Fondazione Golinelli, Ic Togiano-Bettona, Liceo Properzio Assisi e Giove In Formatica Srl.

Per maggiori informazioni sui corsi e prenotazioni:
Tel. 075 5997340
www.progettogemma.it – https://www.facebook.com/gemmaprogetto