Strutture Gonfiabili per eventi e fiere

Gonfiabile
Gonfiabile

Per arredare al meglio e rendere più attuali e moderni gli eventi, fiere e concerti dei nostri giorni, si ricorre sempre di più all’utilizzo di strutture gonfiabili al fine di dare maggiore visibilità al proprio brand e farsi riconoscere da clienti e visitatori.
Ad esempio sempre più spesso quando andiamo ad un concerto, partecipiamo ad una fiera o assistiamo alla presentazione di una nuova macchina, ci troviamo davanti delle strutture gonfiabili con la forma ad igloo sotto cui potremo trovare il personale da cui ritirare/comprare i biglietti, un punto di ristoro ed accoglienza dei clienti oppure la macchina stessa che verrà presentata durante l’evento: queste strutture si chiamano igloo gonfiabili e vengono sempre più utilizzate sia per il loro ottimo impatto visivo che per la facilità con cui possono essere installati e smontati.

Gli igloo gonfiabili possono essere customizzati sulla base delle richieste del cliente e su di essi può essere impresso il logo dell’azienda che vuole farsi pubblicità così come qualsiasi slogan o messaggio pubblicitario: oltre che nella classica forma con le aperture ai lati e davanti e dietro, se ne vedono molti anche identici a veri e propri igloo con la struttura chiusa da tutti i lati e aperti solo all’ingresso.
Qualora invece si partecipi ad eventi e manifestazioni sportive quali ad esempio gare di ciclismo, di sci o di moto ormai da diversi anni il traguardo è quasi sempre rappresentato da un arco gonfiabile: queste strutture hanno sostituito ormai quasi ovunque il classico traguardo in legno o in ferro che veniva utilizzato in precedenza. Queste strutture, rispetto a quelle precedenti, hanno il vantaggio di essere molto più attuali e di permettere di dare più visibilità dal punto di vista pubblicitario ai brand che lo utilizzano.

Anche partecipando ad eventi di portata nazionale o internazionale, l’utilizzo delle strutture gonfiabili è divenuto sempre più preponderante contribuendo a rendere più spettacolari gli eventi durante cui vengono utilizzati: quando si assiste ad esempio a spettacoli quali X Factor o programmi simili, si noterà che l’utilizzo di strutture gonfiabili è molto diffuso in vari punti dell’evento.

È anche normale ormai vedere l’utilizzo di strutture gonfiabili durante eventi quali i mondiali di calcio o le olimpiadi.

Anche quando si partecipa a fiere e eventi di settore (quali ad esempio Mercanteinfiera, Cibus o Vinitaly) si noterà che molte aziende negli ultimi anni hanno preferito utilizzati stand gonfiabili piuttosto che i vecchi stand tradizionali: gli stand gonfiabili, oltre ad essere più attuali e d’impatto, rappresentano una soluzione molto più comoda dal punto di vista dell’installazione e della rimozione degli stessi (e inoltre possono essere riutilizzati). Per installarli e rimuoverli infatti richiedono tempi molto più brevi e meno forza lavoro rispetto a quella che viene richiesta per installare uno stand tradizionale.

Muse: aggiunta nuova data italiana

Muse
Muse

Dopo il clamoroso successo di San Siro nel 2010 e dello Stadio Olimpico nel 2013 – da cui è stato anche realizzato l’incredibile film concerto Muse – Live at Rome Olympic Stadium diretto da Matt Askem, i Muse torneranno a suonare nei due più grandi e prestigiosi stadi italiani, rispettivamente venerdì 12 e sabato 13 luglio a Milano e sabato 20 luglio a Roma.

La band, pluripremiata ai Grammy Awards, icona del rock “multiplatino”, sarà live negli Stati Uniti, in Canada, nel Regno Unito e in Europa (altre date saranno annunciate in seguito), per presentare il nuovo album “Simulation Theory”

Per i MUSE, conosciuti in tutto il mondo per i loro spettacoli live “incendiari” e “rivoluzionari” questo tour non farà eccezione e si preannuncia epico e ambizioso per dare ai propri fan – ormai abituati a veri e propri concerti evento – un’esperienza sempre più “totale”, dal suono alle luci, dal palco ai video.

 

Italo e Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale

Teatro nazionale torino
Teatro nazionale torino

Da sempre Italo riconosce alla Cultura la capacità non solo di creare economia e coesione sociale, ma anche di offrire un senso di benessere, per questo tra le tante iniziative ha deciso di collaborare per tutto il 2018 con il Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale.

Grazie alla nuova partnership tutti i viaggiatori di Italo iscritti al programma Italo Più che si recheranno a Torino potranno usufruire di uno sconto sull’abbonamento a sette spettacoli a scelta sia per l’acquisto in biglietteria che per l’acquisto online.*

La nuova messa in scena del “Mistero Buffo” di Dario Fo diretto da Eugenio Allegri, “Re Lear” interpretato da Ennio Fantastichini, “Il senso della vita di Emma” di Fausto Paravidino, la saga familiare di “Lingua Madre Mameloschn” per la regia di Paola Rota, “Enrico IV” interpretato da Carlo Cecchi, “Wikipiera” l’intervista – spettacolo con Piera degli Esposti e Pino Strabioli e “Il Padre” di e con Gabriele Lavia sono solo alcuni dei grandi spettacoli che debutteranno sui palcoscenici torinesi.

Ma le agevolazioni per i viaggiatori di Italo non finiscono qui: anche per tutti gli spettacoli di Torinodanza festival 2018 verrà infatti riservata una riduzione. Ottenerla è facilissimo: basterà esibire in Biglietteria del Teatro Stabile, o la sera stessa a teatro, la propria tessera Italo Più o email di iscrizione con relativo codice, insieme ad un biglietto con destinazione Torino e una data di viaggio antecedente al massimo 3 giorni lo spettacolo.

Per raggiungere il capoluogo piemontese Italo offre quotidianamente 18 servizi che collegano la città a Milano, Reggio Emilia, Bologna, Firenze, Roma, Napoli e Salerno e a partire dal 1 maggio arriverà progressivamente a 26 servizi al giorno grazie alla trasversale Torino-Milano-Venezia, tra le numerose offerte imperdibile è quella del Carnet Special MI-TO, il carnet mensile per acquistare 20 viaggi, un’occasione unica per chi viaggia spesso tra le due città.

Italo è orgoglioso di sostenere il Teatro promuovendo e valorizzando tutte le forme di attività espressiva che abbiano come fine l’arricchimento e la crescita dei propri viaggiatori/spettatori.

*Modalità per l’acquisto. La Fondazione del Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale riconosce ai possessori della tessera Italo Più per la stagione teatrale 2017/2018 le seguenti riduzioni: in Biglietteria (via Rossini 8, Torino dal martedì al sabato, dalle 13.00 alle 19.00 – tel. 011 5169555 Numero Verde 800 235 333) Abbonamento – Sette spettacoli a scelta ridotto € 136,00 anziché € 154,00/Abbonamento Sette spettacoli a scelta giovani (nati dal 1992 in poi) € 102,00. Acquisto on-line (potrà essere richiesta la tessera Italo Più all’entrata in teatro) Abbonamento Sette spettacoli a scelta ridotto € 120,00*/ Abbonamento Sette spettacoli a scelta giovani (nati dal 1992 in poi) € 95,00*.
*escluse commissioni

Programmazione del Teatro Regio dal 12 al 18 gennaio 2018.

Il-pubblico-al-Teatro-Regio-di-Torino
Il-pubblico-al-Teatro-Regio-di-Torino

STAGIONE D’OPERA • NOSEDA DIRIGE TURANDOT, IL CAPOLAVORO INCOMPIUTO DI PUCCINI. PODA FIRMA UN NUOVO, SPETTACOLARE ALLESTIMENTO
Dal 16 al 25 gennaio il Teatro Regio mette in scena un nuovo allestimento di TURANDOT di Giacomo Puccini. Sul podio dell’Orchestra e Coro del Regio il Direttore musicale del Teatro Gianandrea Noseda. La nuova produzione del capolavoro pucciniano è firmata da Stefano Poda per la regia, scene, costumi, coreografia e luci: un allestimento spettacolare, uno dei più interessanti della Stagione. Nel cast spiccano grandi artisti di fama internazionale: nel ruolo della protagonista il soprano Rebeka Lokar; il tenore Jorge de León in quello del principe Calaf e il soprano Erika Grimaldi come Liù. Completano il cast: In-Sung Sim (Timur), Antonello Ceron (Altoum), Marco Filippo Romano (Ping), Luca Casalin (Pang), Mikeldi Atxalandabaso (Pong), Roberto Abbondanza (un mandarino) e Joshua Sanders (il principe di Persia). Nei giorni 17, 19, 23, e 25 gennaio il ruolo di Turandot sarà sostenuto da Teresa Romano e quello di Calaf da Diego Torre (il 23 da Gaston Rivero), mentre Liù sarà interpretata da Natalia Pavlova. Regista collaboratore e assistente è Paolo Giani Cei. Il Coro del Teatro Regio e il Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi” sono istruiti da Claudio Fenoglio.
Questa Turandot è anche il primo contributo del Regio al progetto europeo OperaVision, la piattaforma video interamente dedicata all’opera. Turandot sarà visibile in streaming gratuito per sei mesi a partire dal 25 gennaio su www.operavision.eu. Proseguendo la collaborazione con Unitel Classica/CMajor, dell’opera verrà realizzato un DVD, e “Prima della Prima” (Rai Tre) dedica una puntata a questa nuova produzione. La recita di martedì 16 gennaio ore 20 sarà inoltre trasmessa in diretta da Rai-Radio3.

IL REGIO IN PIEMONTE • SABATO 13 GENNAIO I REGI CORNI PER CHIVASSO IN MUSICA
Per Il Regio itinerante, rassegna di concerti in Regione eseguiti da formazioni di Artisti del Teatro Regio, questa settimana è previsto un concerto, in programma sabato 13 gennaio: alle ore 21 presso il Teatro dell’Oratorio di Chivasso (in via don Dublino), l’ottetto I Regi Corni esegue musiche di Händel, Bach, Rossini, Weber, Wagner e altri autori. Posti a € 10. Info: Associazione Culturale Contatto – Tel. 011.2075580 e www.chivassoinmusica.it.

AL REGIO DIETRO LE QUINTE • VISITE GUIDATE ATTRAVERSO ITINERARI SEGRETI E CURIOSI DI UN GRANDE TEATRO D’OPERA
Le visite guidate al Teatro Regio, nel periodo in oggetto, sono previste alle ore 15.30 di venerdì 12, martedì 16 e giovedì 18 gennaio: l’ingresso costa € 6 per gli adulti; durata: 90 minuti. Sabato 13 gennaio sono in programma 2 visite, alle ore 11, 11.45; le visite del sabato durano 45 minuti e il prezzo di ingresso è di euro 5. Le visite sono a ingresso gratuito per gli under 16 e per i possessori dell’Abbonamento Musei Torino e Piemonte. Sono anche previste – solo su prenotazione – visite in lingua francese, spagnola e tedesca. Info e prenotazioni: tel. 011.8815.209.

IL BOTTEGHINO DEL REGIO

Per iniziativa degli Amici del Regio, è in corso un’imperdibile offerta legata a tre importanti titoli della Stagione d’Opera: acquistando un biglietto per Salome di Richard Strauss o per L’Orfeo di Claudio Monteverdi, oppure per il dittico di opere Il segreto di Susanna di Ermanno Wolf-Ferrari e La Voix humaine di Francis Poulenc, gli Amici del Regio ti regalano un secondo biglietto. Si può usufruire dell’offerta alla Biglietteria del Teatro Regio e a quella di Infopiemonte-Torinocultura.

Stagione d’Opera e di Balletto: alla Biglietteria del Teatro Regio sono in vendita i biglietti per tutti i titoli della Stagione: Turandot, Salome, L’Orfeo, Il barbiere di Siviglia, I Lombardi alla prima crociata, Evita, Il segreto di Susanna / La Voix humaine, Le nozze di Figaro, Don Giovanni e Così fan tutte. I biglietti sono in vendita anche presso Infopiemonte-Torinocultura (via Garibaldi 2 – ore 10.30-18) e on line su www.vivaticket.it.

Stagione I Concerti: alla Biglietteria del Teatro Regio sono in vendita i biglietti per tutti gli appuntamenti della Stagione concertistica.

Al Regio in famiglia: vendita dei biglietti per tutti gli spettacoli e i concerti per le famiglie: La favola di Natale, Il carnevale degli animali, Il mio primo Barbiere, Ciottolino, Tutti dal Barbiere! e Riccioli di Barbiere.

Orari della Biglietteria: da martedì a venerdì 10.30-18; sabato 10.30-16: un’ora prima degli spettacoli
Biglietteria – Tel. 011.8815.241/242. Info – Tel. 011.8815.557.

“Maestro! Memorie di un guitto” al teatro Studio Melato

Foto de Luca
Foto de Luca

Un monologo teatrale nel quale l’attore e regista Stefano de Luca racconta i dieci anni trascorsi al fianco di Giorgio Strehler. Un Maestro, con la “m” maiuscola, che gli ha insegnato “la vita del guitto” e a offrire al teatro tutto se stesso.

In un racconto sfacciatamente autobiografico, che passa dall’aneddoto alla citazione, dal ricordo alla riflessione, l’attore e regista Stefano de Luca ci trasporta nel cuore di una preziosa e irripetibile esperienza teatrale ed umana: l’incontro con il grande maestro del teatro, Giorgio Strehler.

Lo spettacolo racconta – tra coincidenze, innamoramenti e segni premonitori – la storia di un giovane attore giunto a Milano sul finire degli anni ’80, alla scuola del famoso regista europeo, del suo indimenticabile incontro con il grande Maestro e di alcune grandi lezioni di teatro e di vita da lui apprese nei modi più curiosi e imprevedibili.

Lo spettacolo, a vent’anni di distanza dalla scomparsa di Giorgio Strehler, è un omaggio, un dichiarato atto d’amore, ma è anche una riflessione sulla trasmissione dei saperi, sulla necessità della relazione umana, sull’insegnamento come arte nobilissima e fondamentale.

Stefano de Luca, allievo e assistente di Giorgio Strehler in numerosi spettacoli, si diploma nel 1990 al primo corso, intitolato a “Jacques Copeau”, della Scuola di Teatro del Piccolo Teatro di Milano. Approfondisce la sua formazione alla scuola del Teatro Maly di S. Pietroburgo, sotto la guida di Lev Dodin, e in altri teatri europei, tra cui la Royal Shakespeare Company, ai corsi di Cicely Berry.

È l’unico regista italiano ad aver diretto gli attori del prestigioso Teatro Maly di Mosca in ben tre produzioni. Ha insegnato e tenuto workshop per attori e registi nelle più prestigiose istituzioni internazionali. Dal 2004 ad oggi è curatore, assieme a Ferruccio Soleri, della messa in scena dell’Arlecchino servitore di due padroni, regia di Giorgio Strehler, in tournée mondiale. Dal 2008 dirige la compagnia teatrale LupusAgnus, con la quale mette in scena testi contemporanei tratti da drammaturgie originali.

Piccolo Teatro Studio Melato (Via Rivoli, 6 – M2 Lanza), giovedì 21 dicembre 2017 ore 19.30
MAESTRO!
Memorie di un guitto