Samantha Cristoforetti ospite di F Design Week 2019

F Design Week-
F Design Week-

Prosegue la F Design Week, il programma di talk ideato e organizzato da F, il settimanale femminile di Cairo Editore diretto da Marisa Deimichei che questa mattina, nella sua terza giornata di appuntamenti, nel corso della conversazione dal titolo “SPACE IS CLOSER: LO SPAZIO CHE TI MIGLIORA LA VITA” ha visto Samantha Cristoforetti incantare gli ospiti con le sue dichiarazioni: “Ognuno di noi deve seguire la strada che gli è più affine, quella in cui si sente più a suo agio. La mia è quella del cielo e dello spazio: ho guidato aerei per l’esercito e l’idea di andare nella stazione spaziale non mi è sembrata molto differente. A noi astronauti spesso ci viene chiesto se abbiamo paura ad andare in orbita: In realtà siamo selezionati proprio perché in quelle situazioni riusciamo a gestire le nostre emozioni. Io mi sentirei a disagio se dovessi esplorare grotte sotto il mare, nella stazione aerospaziale mi sento invece a casa”.

A cinquant’anni dal primo allunaggio, AstroSamantha ha incontrato il pubblico, in un dialogo con Giulio Ranzo, CEO di Avio, Stefano Bianchi, responsabile lanciatori ESA con la conduzione di DANIELE BOSSARI. Quasi 200 giorni di esperienza a bordo della Stazione Spaziale Internazionale occupandosi di ricerca scientifica in relazione alle risposte del corpo umano in condizione di microgravità, di cui ricorda: “Mi sono emozionata quando ho visto la stazione spaziale per la prima volta. La prima cosa che ho visto sono stati i pannelli solari che in quel preciso momento riflettevano la luce del tramonto. Mi sono lasciata sfuggire un ‘Oh my God’ e il video è finito in rete. Su Google si trova! […] In orbita mi sono portata tre libri: “PILOTA DI GUERRA” di Antoine de Saint-Exupéry, “PALOMAR” di Italo Calvino e “GUIDA GALATTICA PER GLI AUTOSTOPPISTI” di Douglas Adams, non perché potessi leggere in orbita, ma perché sono i miei preferiti! Ascoltavo la musica di Katy Dunstan e sotto la doccia “BARTALI” di Paolo Conte. Non so perché, neanche mi piaceva particolarmente prima, ma poi è diventata un rituale”.

E a proposito di come si vede la terra vista dal cielo racconta: “Dallo spazio è come un sasso a cui tutti noi siamo attaccati. Di notte noti solo le luci che indicano la presenza umana, di giorno vedi la natura, catene montuose, ghiacciai plasmati da milioni di anni. Quindi ti rendi conto di quanto la storia dell’uomo sia recente. Non bisogna andare nello spazio per capire che c’è in atto un cambiamento climatico: i satelliti in orbita ci permettono di seguire le variazioni del clima, non solo con la vista, ma anche studiando le temperature degli oceani, le direzioni dei venti. […] Tutti dobbiamo fare le nostre piccole azioni quotidiane ma la differenza la fa la politica. Si deve parlare di più di cambiamento climatico”.

Samantha Cristoforetti è la prima donna italiana ad aver volato nello Spazio, e in occasione di quest’appuntamento rivela anche i progetti su cui sta lavorando, dal Lunar Orbital Platform-Gateway, la stazione che orbiterà intorno alla Luna, a ExoMars, la missione robotica di esplorazione del pianeta rosso che ha l’obiettivo di portare l’uomo su Marte. Un obiettivo che si trova anche nelle sue parole: “i limiti ci aiutano a essere creativi, a innovare. Sono lo stimolo a dare di più”.

Tito e gli Alieni – Anteo Palazzo del Cinema

locandina
locandina

Proseguono gli incontri all’Anteo Palazzo del Cinema!
Sabato 9 giugno la regista Paola Randi incontra il pubblico dopo la proiezione delle ore 21.30 del suo ultimo film TITO E GLI ALIENI, presentato in Selezione Ufficiale al 35 Torino Film Festival.
Modera l’incontro la giornalista Alessandra De Luca.

Il film
Il Professore (Valerio Mastandrea) da quando ha perso la moglie, vive isolato dal mondo nel deserto del Nevada accanto all’Area 51. Dovrebbe lavorare ad un progetto segreto per il governo degli Stati Uniti, ma in realtà passa le sue giornate su un divano ad ascoltare il suono dello Spazio. Il suo solo contatto con il mondo è Stella, una ragazza che organizza matrimoni per i turisti a caccia di alieni.

Un giorno gli arriva un messaggio da Napoli: suo fratello sta morendo e gli affida i suoi figli, andranno a vivere in America con lui.
Anita 16 anni e Tito 7, arrivano aspettandosi Las Vegas e invece si ritrovano in mezzo al nulla, nelle mani di uno zio squinternato, in un luogo strano e misterioso dove si dice che vivano gli alieni…

Nuova nursery all’Aeroporto di Milano Bergamo

Nursery BGY Airport ingresso orizz
Nursery BGY Airport ingresso orizz

L’Aeroporto di Milano Bergamo ha aperto, all’interno del terminal partenze, la nuova nursery dedicata alle famiglie con neonati e bambini in tenera età, collocata alla fine del percorso che si snoda attraverso l’area commerciale retail. Lo spazio è stato interpretato in modo più estensivo rispetto al tradizionale vano con fasciatoio, integrando i servizi che rispondono alle necessità delle persone che viaggiano con i piccoli.

In tale ottica è stato realizzato un ambiente accogliente e confortevole, con richiami al tema del viaggio attraverso i disegni di aerei dalla forma arrotondata con la loro simbolica scia sulle pareti d’ingresso, un grande specchio che amplifica la sensazione dello spazio interno, un planisfero stilizzato e retroilluminato con luci a led e incastonato nel legno che sormonta l’ampio fasciatoio, che può ospitare fino a tre neonati contemporaneamente e con annesso portapannolini, spazi sottostanti per le valigie, wc adatti all’uso da parte di bambini piccoli, due lavabo con ripiani in corian (detto anche “pietra acrilica”) di cui uno basso per consentire anche ai piccoli di praticare in modo autonomo l’igiene delle mani e del viso.

La nursery è stata progettata con l’intento di ricreare l’atmosfera casalinga,
mettendo a disposizione l’accessibilità e la praticità di cui le mamme hanno
bisogno e permettendo ai piccoli passeggeri di farsi catturare
dall’atmosfera dell’incanto e dell’immaginazione.

Quality Living: “Letteratura ai fornelli”

Quality Living_esposizione Corinna Ferrarese2
Quality Living_esposizione Corinna Ferrarese2

Sarà Quality Living, il concept store veronese che si propone come spazio di esperienza sull’abitare di qualità, il palcoscenico che venerdì 15 aprile alle ore 19.30 ospiterà “Letteratura ai fornelli”, con l’artista Maria del Pilar Pérez Aspa, dedicato ai sensi del gusto e dell’olfatto. Un incontro che unisce la lettura con la realizzazione e la degustazione dei cibi e dei piatti dell’epoca di Cervantes, il cosiddetto “Siglo de Oro”.

La manifestazione “En un lugar del Véneto”, che ha avuto inizio il 17 febbraio e si prolungherà fino al 27 aprile 2016, è stata organizzata dall’Istituto Internazionale per l’Opera e la Poesia (I.I.O.P) in collaborazione con l’Associazione Culturale Italo Spagnola (A.C.I.S.), nata grazie all’interesse del Viceconsole Onorario di Spagna a Verona, per ricordare Miguel de Cervantes a 400 anni dalla sua morte.

Un ricco calendario di incontri – con ospiti e relatori illustri per rendere omaggio allo scrittore – che vede la trasposizione geografica dell’incipit del Don Chisciotte “En un lugar de la Mancha…”, proponendo un viaggio nell’opera di Cervantes attraverso i cinque sensi.

L’attrice spagnola Maria del Pilar Pérez Aspa – che dopo la laurea breve in Filologia Ispanica nel 1992 si trasferisce in Italia dove frequenta la Scuola D’Arte drammatica Paolo Grassi di Milano e lavora con i più famosi attori e registi internazionali – intratterrà gli ospiti con una performance live presso l’Anfiteatro di Quality Living, con la lettura e l’interpretazione di brani incentrati sul senso del gusto e, contemporaneamente, si cimenterà nella preparazione di un piatto tipico della tradizione antica spagnola: Paella de conejo, una pietanza a base di riso e coniglio che a performance conclusa, verrà poi gustata dagli ospiti nell’ambito di una tipica cena iberica.

Un incontro tra cultura e qualità culinaria, da sempre punti di forza di Quality Living. Numerosi, infatti, i corsi promossi e organizzati presso lo showroom, dedicati al design, alla ricerca del proprio stile di vivere la casa e al piacere della cucina, alla scoperta di ricette e storie che raccontano la tradizione gastronomica del nostro paese.

“LETTERATURA AI FORNELLI”
Venerdì 15 aprile 2016, ore 19.30
QUALITY LIVING
Via Mantovana, 83E – VERONA

Evento a pagamento (€ 25,00 per i soci A.C.I.S, € 30,00 per i non soci) con prenotazione obbligatoria – posti limitati.
Per prenotazioni rivolgersi a:
QUALITY LIVING
Via Mantovana 83/e – Verona
Tel. 045 597776 – info@qualitylivingverona.it

Teatro delle Arti: “Frane/Home”

Frane/Home
Frane/Home

Danza protagonista venerdì primo aprile al Teatro delle Arti di Lastra a Signa (ore 21 – biglietti 15/13/10 euro) in occasione dell’ultimo appuntamento della rassegna “Resi_dance” organizzata dalla Compagnia Simona Bucci.

In programma due recenti produzioni recenti della compagnia. Apre la serata “Frane”, narrazione per immagini in cui le figure, lo spazio e il suono, appaiono, scompaiono e si depositano come i frammenti di un terreno che frana. Di e con Eleonora Chiocchini, lo spettacolo – premio Toscana Factory Dance 2011 – sovrappone gesti che si snodano di colpo in una serie, racconti residui di romanzo non scritto. Voce recitante di Giulia Zeeti, Gilles Dubroca firma l’elaborazione sonora, luci di Andrea Margarolo.

Il concetto di casa come luogo di origine e dell’accoglienza è invece al centro di “Home”, spettacolo ideato e diretto dalle coreografe/registe Rita Petrone e Valentina Romito. Su musiche originali di Paki Zennaro danzano Amina Amici, Eleonora Chiocchini, Daria Menichetti, Chiara Michelini, Sara Orselli. L’ambiente domestico si trasforma in spazio fisico ed emotivo in cui trovare il conosciuto e portare il nuovo, in un mescolarsi continuo di idee, relazioni, stati fisici ed emotivi. Produzione Dance Gallery, Compagnia Simona Bucci, TSU/Teatro Cucinelli.

Entrambi gli spettacoli sono realizzati con il sostegno di MiBACT e Regione Toscana. Appuntamento nell’ambito della stagione in abbonamento del Teatro delle Arti in collaborazione con la Fondazione Toscana Spettacolo onlus.

APERITIVO TEATRALE – Per chi lo desidera alle ore 20 il Teatro delle Arti propone l’Aperitivo teatrale con buffet e drink a 6 euro.

Biglietti
Posto unico intero 15 euro – ridotto 13 euro (10 euro ridotto under 21)
Riduzioni: under 21, over 65, soci Coop, soci BCC, soci Biblioteca Comunale e Amici del Museo Caruso, abbonati stagione teatrale 2014/2015

Info e prevendite
Teatro delle Arti – viale Matteotti 5/8, Lastra a Signa (FI)
tel. 055 8720058 – 331 9002510
teatrodellearti.lastraasigna.fi@gmail.com – promozione@tparte.it – www.tparte.it
Orari biglietteria: martedì 10-13, mercoledì e venerdì 17-20
La biglietteria sarà aperta inoltre in tutte le serate di spettacolo e di proiezione film