Single italiani con l’ossessione dello smartphone

smartphone
smartphone

Oltre 9 italiani su 10 hanno lo smartphone sempre in mano, lo utilizzano sui mezzi pubblici e nel luogo di lavoro. Il 75% degli italiani dichiara inoltre che non rinuncerà a questa abitudine neanche in vacanza.

A metterlo in evidenza è un’analisi di SpeedDate.it, il portale che offre ai single il modo più veloce e divertente per incontrare gente nuova e molti nuovi potenziali partner, che ha realizzato un sondaggio coinvolgendo 2 mila uomini e donne single di età compresa tra i 18 ed i 50 anni.

Ad essere «vittime» della «sindrome da hand-phone» -così come è stata definita a livello internazionale questa dipendenza- sarebbero dunque 56 milioni di italiani.

«Il telefonino ha la capacità “ipnotizzare” le persone davanti ad uno schermo» commenta Roberto Sberna, direttore generale di SpeedDate.it, sintetizzando i risultati della ricerca.

«Gli italiani sembrano essere così tanto presi dal loro telefonino da riuscire ad utilizzare una sola mano per moltissime attività che prima eseguivano a due mani, pur di non staccarsi dal loro cellulare» aggiunge Giuseppe Gambardella, fondatore di SpeedDate.it e di SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi e delle crociere di gruppo per single.

«In Italia ci sono oggi quasi 90 milioni di smartphone attivi, che gli italiani utilizzano sempre di più per navigare su Internet e sui social network, oltre che per le tradizionali chiamate, che arrivano a sommare 50 miliardi di telefonate ogni anno: oltre 136 milioni di telefonate ogni giorno» sostengono gli analisti di SpeedDate.it.

«Per strada oggi sembra spesso di essere circondati da “zombie” assorti nei loro telefonini. La sfida dunque è quella di imparare a governare la tecnologia senza diventarne schiavi» sottolinea Roberto Sberna. E vero è infatti che molto spesso, invece di rimanere «appiccicati» allo smartphone, si potrebbe approfittare del tempo libero per fare tante altre attività più interessanti, dalla lettura di un libro alle passeggiate, dal cucinare al praticare uno sport.

Certo staccarsi dallo smartphone non è semplice, ma con le esperienze proposte da SpeedDate.it e da SpeedVacanze.it non è così difficile. Durante lo “Speed Date” certamente l’uso del telefonino non è consentito e durante le “Speed Vacanze” le attività sono così tante che si perde gradualmente l’interesse per il telefonino.

Quanto tempo dedicano gli italiani al telefonino? Secondo SpeedDate.it un italiano su 5 utilizza il telefonino addirittura oltre 8 ore al giorno e questa percentuale sale al 45% tra i più giovani. Nella media generale, un altro 25% utilizza il telefonino per 4 ore al giorno. Il 20% si limita invece a “solo” 2 ore ed il rimanente 10% lo utilizza meno di un’ora al giorno.

«Tra i single ad essere più dipendenti dal telefonino sono maggiormente le donne e ad esserlo sono soprattutto i più giovani: la percentuale sale al 96% nella fascia di età compresa tra i 18 ed i 24 anni» concludono gli analisti di SpeedDate.it.

“Temptation Island” – Quinta Edizione

Da sn Filippo Bisciglia Oronzo e Valentina (seduti) Francesco e Giada (in piedi) Lara e Michael (seduti) Gianpaolo e Martina (in piedi) Riccardo
Da sn Filippo Bisciglia Oronzo e Valentina (seduti) Francesco e Giada (in piedi) Lara e Michael (seduti) Gianpaolo e Martina (in piedi) Riccardo

E’ tutto pronto per lasciare la terraferma e farsi trasportare dalle onde sull’isola più calda dell’estate. Da lunedì 9 luglio, in prima serata su Canale 5, arriva Temptation Island, l’unico docu-reality che racconta i rapporti di coppia. Come di consueto, Filippo Bisciglia avrà il delicato compito di raccontare le storie dei protagonisti.

Tra novità e colpi di scena, il programma racconterà il viaggio tra le relazioni di 6 coppie, non sposate e senza figli in comune, che hanno deciso liberamente di mettere alla prova il loro rapporto e avere conferme sulla propria storia d’amore.

A ospitare i protagonisti per 21 giorni uno splendido resort nel cuore della Sardegna. Sbarcate sull’isola le coppie vivranno divise all’interno del villaggio, isolato dal resto del mondo: da una parte i fidanzati trascorreranno il loro tempo – tra sport ed escursioni – in compagnia di tredici giovani donne single, dall’altra, le fidanzate vivranno la loro esperienza insieme a tredici uomini single.

Tre settimane da vivere virtualmente liberi dai condizionamenti del loro legame sentimentale, nel tentativo di comprendere la reale profondità dei loro sentimenti e porsi domande sulla propria storia d’amore. Riusciranno a capire qualcosa di più del loro rapporto di coppia?

Complice la vicinanza del gruppo dei single, il clima rilassato e piacevole tra natura incontaminata e lunghe confidenze tra amici, le giornate a Temptation Island saranno, per i protagonisti l’occasione giusta per valutare i limiti e i punti di forza della propria relazione. A sciogliere ogni possibile dubbio sarà il Falò, momento fondamentale per vedere e valutare oggettivamente la propria relazione.

È in questo frangente infatti, che i protagonisti potranno ripercorrere tramite dei filmati stralci della vacanza del loro partner. Vedere la loro interazione con il resto del gruppo o la loro possibile malinconia, creando inevitabilmente riflessioni e reazioni che saranno la parte fondamentale del racconto.

Tra crisi di gelosia, errori di valutazione, conferme dei sentimenti ma anche tanti dubbi le sei coppie vivranno la loro storia a distanza e alla fine si ritroveranno davanti all’ultimo falò per rispondere alla domanda di rito di Filippo: “Vuoi uscire da qui con la persona con cui sei arrivato/a?”.

PEDALI-AMO

pedali-amo
pedali-amo

Un giro in bici per trovare l’amore? Perché no? L’appuntamento con Pedal-ate? Si, pedali-amo! è alle h 10,30 di domenica 17 giugno da Hug Milano (Via Venini, 83), l’ex fabbrica di cioccolato riconvertita in hub di quartiere, per partire in compagnia di tantissimi single alla scoperta dei segreti di NoLo, la zona più trendy della città, guidati dagli esperti ciclisti di Wonder Ride.

E dopo una bella pedalata di oltre due ore tra murales d’autore e scorci pittoreschi, si arriva in Martesana: ci si rilasserà sdraiati sull’erba ai bordi del naviglio e, tra decine di tovaglie a quadri bianchi e rossi, i single accorsi riceveranno una ghiottissima lunch box super healthy per pranzare tutti insieme e festeggiare con un giorno di anticipo l’International Picnic Day (previsto in tutto il mondo lunedì 18 giugno).

Come sempre, quando si parla di single dietro c’è Meetic: il servizio di incontri più affidabile d’Europa che solo in Italia ha già fatto nascere circa un milione di coppie non è solo online, dal 2014 a oggi sono almeno 300 gli eventi live organizzati per almeno 13 mila single di tutto lo Stivale.

E dopo diversi viaggi in Italia e all’estero, cene e aperitivi di ogni tipo, corsi di cucina e show cooking, eventi culturali e mostre, mancava solo una sana pedalata tra single.

Con l’estate alle porte e in vista della temuta prova costume, quale migliore occasione per unire l’utile al dilettevole? Ed ecco che una salutare passeggiata in bicicletta diventa il pretesto perfetto per fare nuove conoscenze e magari incontrare anche il partner ideale con cui iniziare un’avventura insieme.

D’altronde, spesso sono proprio i piccoli dettagli a far nascere le grandi storie…anche un semplice pic-nic!

A Verissimo Stefano De Martino: ‘Sono single’

stefano_de_martino_
stefano_de_martino_

“Non ho ancora fatto la valigia, la farò come sempre il giorno prima di partire. Starò via tre mesi e non sono mai stato lontano per così tanto tempo dai miei affetti”.
Queste le parole di Stefano De Martino che dal 22 gennaio sarà il nuovo inviato in Honduras dell’“Isola dei Famosi”.

Nell’intervista, in onda domani a Verissimo, il ballerino napoletano confida: “Per me fare L’isola è una sfida. Non è facile lasciare la famiglia di ‘Amici’, ma non mi piace vivere di rimpianti”.

A Verissimo Stefano smentisce inoltre i rumours, che lo vorrebbero fidanzato con la blogger Gilda Ambrosio, dicendo: “Sono single. Alla mia età i ragazzi pensano a mettere su famiglia, io ho già fatto tutto e ora me la godo come se fossi in pensione”.

Il ballerino riserva, però, parole d’affetto per l’ex moglie Belen Rodriguez dicendo: “Non credo che torneremo mai insieme, ma i rapporti tra noi sono civilissimi. Con Santiago ci siamo fatti il regalo più bello della nostra vita. Ci saremo sempre l’uno per l’altra”.

Quando un semplice “ciao” non basta per conoscere qualcuno

Durex Phrase Generator
Durex Phrase Generator

Durex, in linea con la sua mission di aiutare i single di tutto il mondo a incontrarsi, annuncia i risultati di una ricerca globale che mostra i più comuni fallimenti e passi falsi commessi sulle app di appuntamento.
Ispirata da questa ricerca, Durex lancia oggi in Italia un’iniziativa per fornire consulenza e assistenza agli utenti delle dating app proprio nel momento in cui ne hanno maggior bisogno: l’inizio della chat.

Quello che si dice e il modo in cui lo si dice è essenziale per riuscire ad avere un appuntamento da qualcuno, sia che si cerchi un approccio tramite delle app sia durante una serata fuori.
L’obiettivo è di aiutare a migliorare le loro capacità di flirtare nei DM (messaggi diretti o privati) e trasformare più facilmente un match (cioè una reciproca volontà di conoscersi) in un incontro..e forse anche in qualcosa di più.

La ricerca di Durex sulle abitudini e le esperienze dei single in tutto il mondo rivela che le app di appuntamento sono ormai la normalità: lampante il dato italiano, il 100% degli intervistati (il 70% sono uomini e donne compresi tra i 25 e i 35 anni) ha dichiarato di aver utilizzato almeno una volta nella vita una app o un sito per cercare partner.

Tuttavia, quando si tratta di passare la conoscenza ad un livello superiore, scrivere messaggi privati diventa un problema serio. Quasi il 90% degli italiani intervistati ha ammesso di aver perso la speranza di trovare l’amore a causa dei pessimi messaggi ricevuti proprio nei DM, e quasi la metà (46%) ammette di avere serie difficoltà nel pensare a cosa scrivere per cominciare un nuovo match con qualcuno.

La ricerca ha messo in evidenza le 5 abitudini che più probabilmente dissuadono le persone dal concedere un appuntamento: i messaggi privati troppo espliciti sono probabilmente la causa maggiore di non risposta, seguiti dai messaggi di cattivo gusto, scontati e noiosi. D’altra parte l’umorismo è stato definito la chiave