All’Atir Ringhiera: incontri Filosofie del Teatro

32 secondi e 16 Atir
32 secondi e 16 Atir

Il 17 novembre sarà il primo incontro del Laboratorio “Filosofie del Teatro”che vede la collaborazione tra l’Università Vita-Salute San Raffaele e l’Atir Teatro Ringhiera, con la prospettiva di offrire agli studenti e alla cittadinanza un’occasione unica di riflessione intorno alla relazione fra arte drammatica e ricerca filosofica.

Entrambe le istituzioni costituiscono la realtà ideale per inaugurare un confronto fra filosofia e teatro, intese come espressioni costitutive del nostro orizzonte culturale. Si ritiene essenziale, per la comprensione del presente, avviare un dialogo tra le figure filosofiche e artistiche più rilevanti della scena contemporanea.

Si tratta di un ciclo di incontri che vedranno affiancate una riflessione filosofica e una prospettiva artistica: l’intervento del filosofo sarà accompagnato dalla performance e da un dibattito con gli artisti. Si andrà così a costruire un dialogo sulla base di argomenti concordati e legati da un filo conduttore che accompagnerà il pubblico lungo l’intero ciclo.

Ore 18: breve performance degli artisti tratta dallo spettacolo in scena (32”.16)
Ore 18.15: presentazione degli ospiti e introduzione del tema attraverso la breve lettura di un passo di un testo filosofico o letterario
Ore 18.30: intervento del filosofo
Ore 19: intervento degli artisti e dibattito con il pubblico
Ore 19.30: conclusione
Ore 20.45: visione dello spettacolo

Il secondo appuntamento sarà il 1° dicembre con il filosofo Enrico Cerasi e Scena Verticale, dal titolo “Dimentico di me. Quando una malattia conduce all’oblio, che cosa resta della fede”seguito dallo spettacolo “Il vangelo secondo Antonio”

Seguiranno 5 appuntamenti da Gennaio a Maggio nel 2017

Ingresso libero.

COME RAGGIUNGERCI

MM2 Abbiategrasso / tram 3, 15 / bus 79 – Facilità di parcheggio vicino al teatro

ATIR TEATRO RINGHIERA

Piazza Fabio Chiesa / Via Pietro Boifava 17  – 20142 Milano – tel. 02.87390039

info@atirteatroringhiera.it – www.atirteatroringhiera.it

Piccolo Teatro Strehler: “Vangelo” di Pippo Delbono

DelbonoVangelo_fotoLucaDelPia
DelbonoVangelo_fotoLucaDelPia

Vangelo è un lavoro corale, creato a Zagabria con l’orchestra, il coro, i danzatori e gli attori del Teatro Nazionale Croato insieme agli attori della compagnia che da anni segue Pippo Delbono.

Pippo Delbono da molti anni abita la scena come luogo di ricerca, lavorando negli spazi fertili tra pubblico e personale, tra autobiografia e storia.

Vangelo segna un nuovo passo in questo percorso sovrapponendo, sul tracciato musicale di un compositore, Enzo Avitabile, che abita da sempre geografie sonore liminari, un’esperienza artistica intensamente collettiva con un’esperienza umana tragicamente collettiva, quella della guerra.

Lo spettacolo si nutre della memoria forte degli attori che hanno attraversato una guerra che ha cambiato la storia, i luoghi e i confini del loro paese. Confini che, proprio durante la creazione di Vangelo, sono stati sconvolti dall’arrivo di diecimila persone tra donne, uomini e bambini alla ricerca disperata di una terra promessa.

Piccolo Teatro Strehler (Largo Greppi – M2 Lanza), dall’8 al 13 novembre 2016
Vangelo, uno spettacolo di Pippo Delbono
con Gianluca Ballarè, Bobò, Margherita Clemente, Pippo Delbono, Ilaria Distante, Simone Goggiano, Mario Intruglio, Nelson Lariccia, Gianni Parenti, Alma Prica, Pepe Robledo, Grazia Spinella, Nina Violić, Safi Zakria, Mirta Zečević
con la partecipazione nel film dei rifugiati del centro di accoglienza PIAM di Asti
immagini e film Pippo Delbono
musiche originali digitali per orchestra e coro polifonico Enzo Avitabile
scene Claude Santerre, costumi Antonella Cannarozzi, disegno luci Fabio Sajiz
produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, HrvatskoNarodnoKazalište- Zagabria
coproduzione Théâtre Vidy- Lausanne,
Maison de la Culture d’Amiens – Centre de Création et de Production, Théâtre de Liège

Orari:martedì, giovedì e sabato, 19.30; mercoledì e venerdì 20.30; domenica 16. Lunedì riposo.

Durata: 1 ora e 40 minuti
Prezzi: platea 33 euro, balconata 26 euro

G! come Giocare – Salone del giocattolo

G COME GIOCARE
G COME GIOCARE

G! come Giocare, l’appuntamento più atteso d’Italia dedicato al gioco, ai giocattoli e alle famiglie sta preparando una nona edizione davvero incredibile.

Per tre giorni, dal 18 al 20 novembre 2016, presso il Padiglione 3 di FieraMilanoCity (Via Colleoni), si daranno appuntamento più di 100 tra le più importanti aziende nazionali e internazionali del settore del giocattolo per mettere a disposizione del pubblico i loro prodotti e tutte le novità in vista del prossimo Natale animando la “stanza dei giochi più grande che c’è”.

Più di 10.000 metri quadri letteralmente tappezzati di piste di automobiline, trenini, videogames, costruzioni, macchinine a pedali, bambole, peluches e giochi da tavolo tra classici senza tempo e ultimissime novità interattive. In mostra il puzzle più grande del mondo con oltre 40.000 pezzi e non mancheranno le Winx, ospiti attesissime di questa edizione.

Per gli amanti delle epiche battaglie spaziali c’è invece la Star Wars Arena animata dagli eroi di Star Wars con cui scattarsi incredibili foto ricordo. E ancora, tornei di giochi da tavolo, dimostrazioni e laboratori per tutti.

Non solo giochi: molte saranno le iniziative dedicate ai genitori con esperti pronti a rispondere a tutte le domande sul valore del gioco e su come riconoscere i giocattoli contraffatti da quelli originali.

Fieramilanocity – Padiglione 3
Ingresso Porta Colleoni (Viale Scarampo – MM Portello)
Orari: dalle 10.00 alle 20.00

Ingressi: intero adulto 10 euro, ridotto con iscrizione alla newsletter 6 euro.
Bambini fino a 14 anni  1 euro – Gratis per i bambini sotto i 2 anni

Festival: “Il senso del ridicolo”

Il senso del ridicolo Livorno 23-25 settembre 2016_1
Il senso del ridicolo Livorno 23-25 settembre 2016_1

Anche quest’anno un numeroso pubblico ha seguito con grande partecipazione il festival IL SENSO DEL RIDICOLO, diretto da Stefano Bartezzaghi, promosso e sostenuto da Fondazione Livorno, gestito e organizzato da Fondazione Livorno – Arte e Cultura, con la collaborazione del Comune di Livorno e il patrocinio della Regione Toscana.

“Al termine della seconda edizione del festival e prima di qualsiasi riflessione approfondita – sottolinea il direttore del festival Stefano Bartezzaghi – l’impressione che condivido con gli organizzatori è che IL SENSO DEL RIDICOLO abbia un senso, per la città e forse anche in un orizzonte più grande. Ma lo dico con prudenza e consapevolezza della buccia di banana che è sempre possibile incontrare sulla propria strada.”

Un pubblico attento e entusiasta ha partecipato a eventi, mostre, proiezioni cinematografiche, laboratori per bambini e ragazzi, ascoltando filosofi, scrittori, giornalisti, radio-star, letterati, storici dell’arte e del cinema e naturalmente comici, che si sono interrogati sul significato del riso e sulla straordinaria funzione rivelatrice dell’umorismo, della comicità e della satira.

Riccardo Vitti, presidente di Fondazione Livorno, e Luciano Barsotti, presidente di Fondazione Livorno – Arte e Cultura, dichiarano “Siamo soddisfatti della risposta del pubblico che in questa edizione è aumentato in modo considerevole. Il festival deve continuare e possiamo garantire che ci sarà un impegno forte da parte della Fondazione. Siamo entusiasti della collaborazione dei volontari; in futuro dobbiamo rivolgere la nostra attenzione in particolare ai giovani, affinché frequentino sempre più numerosi il festival.”

Hanno partecipato a questa edizione del festival Giulia Addazi, Marianna Aprile, Marco Ardemagni, Stefano Bartezzaghi, Fabrizio Bondi, Matteo Caccia, Andrea Cane, Fabio Canino, Gianni Canova, Mario Cardinali, Sara Chiappori, CollettivO CineticO, Geppi Cucciari, Adrea Daninos, Claudia de Lillo (Elasti), Gianni Farneti, Davide Ferrario, Maurizio Ferraris, Bruno Gambarotta, Gabriele Gimmelli, Aldo Grasso, Paolo Nori, LaLaura, Ottavia Piccolo, Alessio Viola, Aldo Vitali.

Il pubblico ha visitato e apprezzato anche le mostre allestite alla Fortezza Nuova, “Bruno Munari: un personaggio in cerca d’aurore”, e alla Bottega del caffè, “Se i quadri potessero parlare”. Bambini e ragazzi sono stati inoltre coinvolti nei divertenti laboratori curati da Giulia Addazi.

Sono partner della manifestazione Trenitalia e Aedes Siiq, con il supporto di Pictet e Rai Radio2 è media partner.

Si ringrazia l’Associazione Lavoratori Comunali della Bottega del Caffè, CliccaLivorno e Porto di Livorno 2000.

IL SENSO DEL RIDICOLO – Livorno, 23-25 settembre 2016

www.ilsensodelridicolo.it

Facebook: Il senso del ridicolo | https://www.facebook.com/ilsensodelridicolo/

Twitter: @sensoridicolo | https://twitter.com/sensoridicolo

Instagram: @ilsensodelridicolo

Teatro Libero: l’Estate a Milano parte con Iliade

teatro libero -milano
teatro libero -milano

In Iliade tutto parte da un banchetto, il simposio degli dei durante il quale Eris, la dea della discordia, getta sul tavolo la fatidica mela che sarà la causa scatenante della guerra. E quante tavolate, conviti, cene fino a tarda notte si raccontano in Iliade.

Eccoci dunque a chiudere la nostra stagione con un momento di convivialità.

In occasione di tutte le repliche di ILIADE infatti, a partire dalle ore 20.30, Corrado d’Elia e gli altri artisti della Compagnia accoglieranno il pubblico nella sala piacevolmente rinfrescata, festeggiando con un aperitivo l’ultimo spettacolo di Corrado d’Elia a Teatro Libero, di cui è stato direttore e anima artistica per 18 anni. Ci prepareremo così al meglio ad ascoltare un emozionante racconto senza tempo.

Inoltre il regista e attore incontrerà gli spettatori dopo la replica di lunedì 4 luglio per approfondire le tematiche del suo nuovo lavoro e rispondere a domande e curiosità. Un’opportunità imperdibile per conoscere da vicino e salutare di persona l’artista tanto amato dal pubblico.

PRIMA NAZIONALE

Dall’1 al 16 luglio 2016

ILIADE

progetto e regia di Corrado d’Elia

ideazione scenica e grafica Chiara Salvucci
assistenza tecnica Alessandro Veronese
foto di scena Angelo Redaelli produzione Compagnia Corrado d’Elia
Essere miti, questo vuol dire essere forti (Omero, Iliade)

Ultimo spettacolo della stagione a Teatro Libero. Ultimo sentito, appassionato “album” di Corrado d’Elia in questo teatro che è stato per tanti anni casa della creazione e luogo di partenza e di incontro per spettacoli indimenticabili.

Teatro Libero

Via Savona, 10 – Milano

BIGLIETTERIA

PREZZI BIGLIETTI

Intero € 21,00

Ridotto under26 e over60 € 15,00

Studenti universitari con tesserino € 10,00

Prevendita € 1,50

Allievi Teatri Possibili con TPCard € 10,00

Ultimo spettacolo di CARTALIBERA e di INVITO A TEATRO

ORARIO SPETTACOLI

Da lunedì a sabato ore 21.00

Domenica: riposo

ORARI BIGLIETTERIA

Da lunedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00

Nei giorni di spettacolo:

Da lunedì a venerdì fino alle 21.30

Sabato e domenica dalle 19.00 alle 21.30

CONTATTI

02 8323126

biglietteria@teatrolibero.it

ACQUISTI ONLINE

www.teatrolibero.it