Luca Carboni

Luca Carboni

LUCA CARBONI

SI CHIAMA “SENZA TITOLO”

IL NUOVO ALBUM DI INEDITI IN USCITA IL 13 SETTEMBRE

Si chiama “SENZA TITOLO” il nuovo album di inediti di LUCA CARBONI, in uscita il 13 settembre (su etichetta RCA/Sony Music). L’album è stato anticipato dal primo singolo “Fare le Valigie”, in rotazione radiofonica da 17 giugno (e disponibile in tutti i negozi di musica digitale).

“Fare le Valigie” è un brano solare che spinge ad accettare con gioia e positività i cambiamenti, il tempo che passa e il rapporto con il futuro.

Scritto interamente da Luca Carboni, è stato prodotto da Mauro Malavasi e registrato negli studi Fonoprint di Bologna.

Il video del brano “Fare le Valigie” è stato girato tra le mille luci della ruota panoramica e l’autoscontro del Luna Park dell’Idroscalo di Milano, dal regista Leandro Manuel Emede.

Da pochi giorni il cantautore bolognese ha terminato la registrazione delle tracce che faranno parte del nuovo progetto discografico.

“SENZA TITOLO” esce a 5 anni dall’ultimo disco di inediti, “…Le Band Si Sciolgono”, e a 2 anni di distanza dalla pubblicazione di “Musiche Ribelli”, l’omaggio ai grandi cantautori italiani degli anni ’70.

Luigi Maieron

luigi maieron

LUIGI MAIERON

Il 27 giugno è uscito “VINO TABACCO E CIELO”,

il nuovo album del cantautore friulano

 

Domani esce VINO TABACCO E CIELO” (su etichetta PDT, distribuito da Universal), il nuovo disco del cantautore friulano LUIGI MAIERON, “una voce in grado di restarti dentro, come il crepitare di legna” (G. Maimone, Il Sole 24 Ore). Al suo quarto album in studio, LUIGI MAIERON confeziona un lavoro discografico composto da dieci brani inediti più “Done Mari”, rivisitazione di un brano tradizionale della Carnia (Friuli), un disco dalla triplice anima: quella poetica (della sintesi e dell’evocatività dei testi), quella cantautorale (delle ballate in italiano) e quella folk (delle canzoni in lingua friulana).

 

DAVIDE VAN DE SFROOS, a proposito del nuovo disco dell’amico LUIGI MAIERON, dichiara: Il potere più forte di questi brani è quello di essere inesorabilmente evocativi. Credibili. Solidi sulla loro strada e conficcati nella loro terra, una terra che dopo esserci lasciati attraversare dalle storie di Luigi Maieron, tutti quanti avremo molta più voglia di andare a vedere. Le sonorità di “Vino Tabacco e Cielo” sono un dono venuto dall’alchimia e dalla fermentazione, dalla mancanza di pruriti o di pressapochismi. Non fai in tempo a metterti a ballare che ti ritrovi con gli occhi lucidi e una perla commossa in gola, non finisci di asciugarti gli occhi che sei di nuovo in viaggio dentro altri luoghi e dentro altri occhi. Non credo che questo disco sia da ascoltare e basta, bisognerebbe avere il coraggio di berlo, come il vino, di fumarlo come il tabacco e di fischiettarlo guardando il cielo”.

 

Questa la tracklist di “VINO TABACCO E CIELO”: Vino Tabacco E Cielo”, “La Cidula”, “Cosa senti”, “Cramar-marochin”, “Questa Faccia”, “I Fantasmi Di Pietra”, “Trei  Puemas”, “Done Mari”, “Il Peso Della Neve”, “Filo Spinato” e “Argjentina”.

 

Luigi Maieron ha ereditato dal nonno e dalla madre la passione per la musica, iniziando a suonare fin da bambino nella sua Carnia. Ha vinto due edizioni del Festival del canto friulano (1993 e 1995) e il Premi Friùl (1997). Il suo primo CD, “Anime Femine” esce nel 1998. Nel 2000 pubblica una raccolta di poesie dal titolo “Orepresint”. Nel 2002 esce l’album “Si Vif”, prodotto da Massimo Bubola, autore di indimenticabili canzoni con Fabrizio De Andrè. Il cd ottiene un sorprendente successo di critica e ottiene l’attenzione del Premio Tenco che lo colloca al terzo posto nazionale. Nel 2004 esce il romanzo autobiografico “La neve di Anna” (Premio “Leggimontagna” 2005). La sua rilettura in chiave musicale de “I turcs tal Friul” di Pier Paolo Pasolini va in scena nel 2006 al Mittelfest, diventa un cd a cui è assegnato il premi “Atôr” 2009. Maieron collabora con Bruno Lauzi traducendo in friulano la canzone “Lo Straniero”. Elabora una rilettura in lingua friulana del “Vangelo di Marco” e avvia una collaborazione artistica con Mauro Corona, con lo spettacolo “Due uomini di parola”, che va in scena in diverse città d’Italia. Nel 2007 esce il cd “Une primavere” con musicisti, del calibro di Ellade Bandini, Giorgio Cordini e Michele Gazich. L’album viene giudicato la migliore produzione discografica del Friuli del 2007 (Targa Deganutti) e fa parte della cinquina dei finalisti del Premio Tenco 2008. Gianni Mura su “La Repubblica” inserisce Maieron tra i “100 personaggi dell’anno”. Nel 2008 Luigi presenta al Mittelfest e alla Rassegna  Tigullio a Teatro lo spettacolo “Con il cielo e le selve”, dedicato a Mario Rigoni Stern, assieme a Pino Petruzzelli, voce recitante e regista. Sempre nel 2008 nasce l’idea di “Tre uomini di parola…”, uno show dove Mauro Corona e Luigi Maieron vengono affiancati da Toni Capuozzo. Poeta delicato e profondo, “una forza della natura” per Massimo Bubola, “una voce in grado di restarti dentro, come il crepitare di legna” (G. Maimone) ma soprattutto un cantautore che con il suo friulano riesce a farsi ascoltare oltre i confini della regione. Gianni Mura  ha definito Maieron “un albero che canta”. Nel 2010 nella scelta dei 100 cd da premiare nella canzone d’autore in Italia secondo le votazioni arrivate al sito delle Brigate Lolli,  Maieron vede premiati entrambi i suoi cd,  3° e 7° posto, la canzone “Mago Tiraca”  vince il primo posto quale canzone del decennio. Recentemente si è esibito a Torino per i festeggiamenti del 150° Unità d’Italia davanti a 150.000 persone.

 


Rieti guitar festival

Ralph Towner

RIETI GUITAR FESTIVAL

DALL’1 AL 4 SETTEMBRE A RIETI

Un festival dedicato ai giovani appassionati di chitarra

con concerti, masterclass ed esposizioni

Si terrà dall’1 al 4 settembre a Rieti la prima edizione del RIETI GUITAR FESTIVAL – Festival Internazionale di Chitarra Città di Rieti, voluto ed organizzato dalla Fondazione di Demodossalogia Perini – Bembo di Santa Ternita, con la direzione artistica del Maestro Roberto Fabbri (chitarrista e compositore romano).

Il Festival vedrà la partecipazione di stelle internazionali della chitarra (dalla classica al jazz), come il francese Roland Dyens, lo statunitense Ralph Towner e lo spagnolo Carles Pons. A loro si affiancheranno icone italiane ed autorevoli Maestri di Conservatorio che alterneranno il flamenco al rock, il pop al liuto e al fingerstyle: Carlo Carfagna, Massimo Delle Cese, Giovanni Grano, Francesco Russo, Riccardo Rocchi, Michi Piperno, Sabino De Bari, Nicola Puglielli, Francesco Taranto, Giovanni Palombo, Juan Lorenzo, Andrea Damiani, Leonardo Gallucci, Luigi Sini, Giandomenico Anellino.

Il Teatro Flavio Vespasiano (Via Giuseppe Garibaldi 104) e l’Auditorium di Santa Scolastica (Via Terenzio Varrone 57) ospiteranno concerti, masterclass di chitarra e di liuteria, interviste agli artisti condotte dagli allievi, un convegno sulla formazione musicale e sulla riforma dei conservatori, una conferenza sulle tecniche costruttive delle chitarre, una mostra di liuteria e il Concorso per chitarristi “Città di Rieti” che darà riconoscimento ai migliori allievi.

Il  RIETI GUITAR FESTIVAL – Festival Internazionale di Chitarra Città di Rieti, propone una fitta trama d’appuntamenti per tutti i gusti e per tutte le età, ma rivolta soprattutto alla sensibilità e alle esigenze dei giovani, studiosi di oggi e artisti di domani. Un occasione, permusicistimaestri ed insegnanti, cultori ed appassionaticuratorimusicologiproduttori, di fare musica insieme, confrontandosi con le istanze dei giovani, le tendenze che muovono la musica d’oggi, l’alta formazione e l’approccio alla musica e con gli esiti occupazionali.

Un “cenacolo” per musicisti accomunati dall’interesse di “accendere un faro” sul fare musica oggi. Per informazioni:info@fondazioneperinibembo.org

«L’organizzazione di un Festival internazionale di chitarra è una grande sfida. Una sfida avvincente, capace di coinvolgermi con entusiasmo ed in maniera totale – spiega il direttore artistico Roberto Fabbri – Questa sfida avviene ormai da più di venti anni, da quando organizzai il mio primo festival di chitarra nel 1989. Così, quando la Fondazione di Demodossalogia Perini-Bembo, nella persona del presidente dott.sa Giuliana Cipriani, mi ha contattato affinché organizzassi un evento dedicato alla chitarra, nonostante i molti impegni concertistici, editoriali ed organizzativi di altre simili manifestazioni, ho aderito subito senza esitazioni».

www.rietiguitarfestival.com

CONCERTI (INGRESSO LIBERO)
GIOVEDÌ 1 SETTEMBRE
Auditorium di Santa Scolastica (20.30): Andrea DamianiRoland Dyens (Francia)
VENERDÌ 2 SETTEMBRE
Auditorium di Santa Scolastica (18.30):Giandomenico Anellino (Dai Beatles a Battisti)
Auditorium di Santa Scolastica (20.30): Francesco TarantoGiovanni Grano Carles Pons (Spagna)Nicola Puglielli
SABATO 3 SETTEMBRE
Teatro Flavio Vespasiano (20.30): Roberto Fabbri ed il RF Guitar Quartet (“NO WORDS” TOUR)Giovanni PalomboRalph Towner (USA)
DOMENICA 4 SETTEMBRE
Auditorium di Santa Scolastica (18.00): Riccardo RocchiMassimo delle CeseMichele PipernoJuan Lorenzo
ALTRI APPUNTAMENTI (INGRESSO LIBERO)
GIOVEDÌ 1 SETTEMBRE
Auditorium di Santa Scolastica (16.30-18:30): Conferenza: “La Riforma dei Conservatori”. Nel corso della conferenza verrà proiettato il video dell’intervista a ROMAN VLAD.
VENERDÌ 2 SETTEMBRE
Auditorium di Santa Scolastica (10.00-12.30):Conferenza di Liuteria: panoramica sulle tecniche costruttive delle chitarre classiche, acustiche ed elettriche.Mastri liutai:  Franco Di Filippo e Leonardo Petrucci
SABATO 3 e DOMENICA 4 SETTEMBRE
Auditorium di Santa Scolastica (10.00-18:30): Rieti Guitar Expo: esposizione di: Liuteria, Import, Editoria Musicale, Riviste, Accessori, Management, Festival.Esposizione di chitarre antiche della collezione del M° Francesco Russo: “La Chitarra Romantica”
DOMENICA 4 SETTEMBRE
Auditorium di Santa Scolastica (16.30):Orchestra di Chitarre: esibizione dei partecipanti al festival

 

Spiaggia 101

Spiaggia 101

 

DAL 22 AL 24 LUGLIO A VASTO (CH)

R101 DIVENTA LA PROTAGONISTA DELL’ESTATE CON SPIAGGIA 101

SECONDA TAPPA DEL TOUR

Animazione, musica, concerti live e grandi ospiti:

Gene Gnocchi, Francesco Baccini ed Edoardo Bennato

Milano, 18 luglio 2011 – Spiaggia 101 si ferma a Vasto (CH), la seconda tappa del tour di R101 che animerà le vacanze degli italiani con tanta musica, giochi e divertimenti per tutti in alcune fra le più frequentate località balneari d’Italia.

In Abruzzo Spiaggia 101 si fermerà dal 22 al 24 luglio. Le dirette live racconteranno dal truck rosso di R101 (frequenze 100.500-107.3) con ai microfoni Tamy T., uno fra i più amati speaker della radio che trasmetterà in diretta coinvolgendo anche il pubblico: venerdì 15 dalle 15 alle 17; sabato 16 dalle 15 alle 18; domenica 17 dalle 10 alle 13. La disco music anni’70, ’80, ’90 sarà il lite motiv del week end.

Sul Lungomare Duca Degli Abruzzi tra lido Acapulco e Lido S. Giorgio sarà allestito il villaggio di Spiaggia 101 con un grande palco sul quale il venerdì si alterneranno per uno show di cabaret Gene Gnocchi e in concerto dal vivo Francesco Baccini, mentre al sabato si esibirà in live Edoardo Bennato proponendo il meglio del suo repertorio e alcune anticipazioni del nuovo album. Tutte le attività sono gratuite e i concerti ad ingresso libero.

Dopo il successo delle passate edizioni, l’iniziativa Spiaggia101, organizzato da GM Communication di Milano, continua ad essere sostenuta da numerosi partner che arricchiranno ogni tappa con molte attività aperte a tutti.

 

Durante il giorno sul palco assieme ai coinvolgenti giochi ci saranno sfilate di moda della nuovissima collezione Parah Black Sun estate, si potranno imparare i passi della Inblu dance e vincere tante ballerine, sandali e infradito Inblu partecipando al concorso. Gli eventi saranno trascinanti per grandi e piccini che si potranno cimentare nelle sfide sportive proposte da Che Banca! o in giochi d’abilità offerti da Shilogistic – CD Group (leader nella logistica). Chi subisce il fascino della tecnologia potrà fermarsi allo stand di NGM Mobile, dove scoprire le novità della telefonia mobile e ritirare gadget da spiaggia. Per testare i propri limiti basterà cavalcare sulla sabbia le MTB top di gamma della Capriolo Cicli, mentre i più pigri staranno a guardare dal salotto allestito con i mobili Grand Soleil.

Passione per le auto? Sarà appagata con i test drive dei modelli KIA più recenti.

Al gazebo Polase si potranno reintegrare i sali minerali persi e festeggiare i 50 anni del prodotto tutti insieme partecipando a uno splendido concorso. Per spegnere l’arsura da solleone e mantenersi in salute ci penseranno la buona frutta di Dole e Lipton Ice Tea che vi aspetta con il concorso Join the Dance e il nuovissimo tè verde al mango, novità dell’estate 2011.

Lacoste Footwear sarà partner tecnico del tour e fornirà il materiale per lo staff.

Spiaggia 101 vuole anche offrire spunti di riflessione e sensibilizzare nei confronti del consumo di energia nei gazebo Edison, dove si possono scoprire le proposte per un risparmio tangibile sulle bollette domestiche, e da Corepla (Consorzio nazionale per la raccolta e il recupero degli imballaggi di plastica) che ricorderà i vantaggi della raccolta differenziata nella palestra ecologica.

Sui siti www.r101.it  e www.spiaggia101.it  si potranno reperire le frequenze radio e dettagli della manifestazione.

 

Le tappe del tour:

Bellaria Igea Marina (FC) dal 15 al 17 luglio – R101 frequenza 107.300

Vasto (CH) dal 22 al 24 luglio – R101 frequenza 100.500-107.3

Lignano Pineta (UD) dal 29 al 31 luglio – R101 frequenza 99.300-104.400

Cefalù (PA) dal 5 al 7 agosto – R101 frequenza 93.700

Pozzallo (RG) dal 12 al 15 agosto – R101 frequenza 106.400

Margherita di Savoia (BT) dal 19 al 21 agosto – R101 frequenza 107.400
Ascea (SA) dal 26 al 28 agosto – R101 frequenza 98.900

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

 

Milano, 7 luglio 2011 – Elisa Zini – Giovanni Lindo Ferretti ritorna sui palchi italiani con il tour “A cuor contento” presentando un repertorio cantautorale che abbraccia i trent’anni della sua carriera, a partire dai CCCP Fedeli alla Linea, passando attraverso CSI e PGR fino ad arrivare agli ultimi progetti solisti.

Ad accoglierlo a Villa Arconati un pubblico fedele, ristretto, che lo ha seguito nel corso degli anni e che ritrova il piacere di ascoltarlo dal vivo. Sul palco lo accompagnano Ezio Bonicelli e Luca Rossi, entrambi ex componenti degli Ustmamò. E’ stato definito artisticamente come uno dei padri del punk italiano (“punk filo-sovietico e musica melodica emiliana”), e con i CCCP un punto di riferimento per il mondo della musica alternativa in Italia. Cantautore eclettico può ritrovare un pubblico che ha vissuto con lui i tempi, la storia, i mutamenti.

Difficile avvicinarsi se non lo si è mai seguito: voce roca, elettrica come la chitarra che stride al suo fianco. Ritmo ripetitivo, scandito, regolare. Atmosfera e suggestioni punk-rock per l’intera durata del concerto. Un omaggio a Gianna Nannini con un riarrangiamento molto personale di “Amami ancora” applaudito e apprezzato dal suo pubblico. Si alternano brani cantautorali composti trent’anni fa fino a composizioni recenti, mai eseguite dal vivo, per la gioia dei fans.

Per gli affezionati Giovanni Ferretti vive nel suo paese natale, Cerreto Alpi in provincia di Reggio Emilia. Assiste sua madre anziana, scrive, compone musica, collabora con la Comunità Montana e le associazioni culturali locali allevando i suoi cavalli. In alcune delle sue interviste ha dichiarato:

· Anche una sega va fatta bene. Lei, che non è come dire niente. Niente? Niente, va bene, se fatta bene. (dall’intervista a rudepravda.net)

· Fanculo qualsiasi tecnica, ciò che importa è l’animadi chi suona e non la qualità dello strumento. (da Radio Popolare, in CCCP live in Punkow)

· Non scambiate la vostra prima genitura per un piatto di lenticchie. (nenia ripetuta a la notte della taranta 2004)

· Internet? Fottiti! (dal booklet di Noi non ci saremo – vol. 1)

· Votavamo PCI perché ci governava bene, ma la mia famiglia è sempre stata antifacista ed anticomunista, alle ultime elezioni ho votato centrodestra; è stato per me un ritorno alle mie radici familiari cattoliche. (dall’intervista alla trasmissione televisiva Otto e Mezzo, 13 novembre 2006)

· Sono i miscredenti che mi hanno fatto ritornare cattolico, non sono i preti. (dall’intervista alla trasmissione televisiva Otto e Mezzo, 13 novembre 2006)

· Sono le donne che fanno il mondo, gli uomini sono sempre lì per distruggerlo. (dall’intervista alla trasmissione televisiva Otto e Mezzo, 13 novembre 2006)

· Dato il luogo e il tempo sono stato un giovane estremista sciocco, stupido e di buon cuore. Non mi rinnego né mi consolo, per quello che oggi sono non posso che accettare quello che sono stato. Infinitesimale, irripetibile individualità, incrocio significante di altri tempi in questo spazio essenziale, solo un valore aggiunto. (Dall’autobiografia di Giovanni Lindo Ferretti Reduce, Mondadori, 2006)