Vittorio Sgarbi al teatro Manzoni: “Michelangelo”

vittorio sgarbi
vittorio sgarbi

Al Teatro Manzoni,

Dal 4 all’8 ottobre 2017

feriali ore 20,45 – domenica ore 15,30

VITTORIO SGARBI

in

MICHELANGELO
feriali ore 20,45 – domenica ore 15,30

Musiche composte, ed eseguite dal vivo da Valentino Corvino
Violino, viola, oud, elettronica

Scenografia e video di Tommaso Arosio

Messa in scena e allestimento
DoppioSenso

Dopo lo straordinario successo dello spettacolo teatrale “Caravaggio”, dove Vittorio Sgarbi ha condotto il pubblico in un percorso trasversale fra storia dell’artista ed attualità del nostro tempo, parte una nuova esplorazione sull’universo “MICHELANGELO”.

La stupefacente arte di Michelangelo Buonarroti si farà palpabile alle molteplicità sensoriali, attraversate dal racconto del Prof. Vittorio Sgarbi, contrappuntate in musica da Valentino Corvino (compositore, in scena interprete) e assieme alle immagini rese vive dal visual artist Tommaso Arosio. Verrà così ricomposto un periodo emblematico, imprescindibile ed unico nell’arte, e assieme all’ambizione di scoprire un Michelangelo inedito, non resterà che farci sorprendere.

DoppioSenso è un progetto di Valentino Corvino e Tommaso Arosio, dedicato allo studio delle relazioni profonde esistenti tra suono e immagine. Linguaggi, tecnologie e immaginari della contemporaneità rielaborati e messi alla prova nello sviluppo di opere sceniche, performance ed installazioni.

Produzione: Promo Music, in collaborazione con Comune di Foggia

BIGLIETTI
Poltronissima Prestige € 35,00 – Poltronissima € 30,00 – Poltrona € 25,00 – Under 26 € 20,00

Museo Omero: Notte dei Musei e Gran tour Musei Marche

notte-musei-omero
notte-musei-omero

Sabato 21 maggio, per Notte dei Musei, il Museo Tattile Statale Omero, dalle ore 21 fino alle 24, propone un’esperienza unica nel suo genere per riscoprire un contatto diretto con l’opera d’arte.

I visitatori saranno introdotti ad un percorso fatto di luci, ombre e sensazioni lungo il quale incontreranno le opere di alcuni scultori presenti in collezione: Michelangelo, Bernini, Tagliaferri, Annibali e Demetz. Cinque installazioni basate su altrettante opere, così da creare un itinerario multisensoriale, lungo il quale lo spettatore sarà chiamato ad interagire con la scultura tramite il proprio corpo.

A cura delle volontarie del Servizio Civile Nazionale Vanessa Fanelli e Francesca Santi e in collaborazione con i Volontari del Servizio Civile Regionale Garanzia Giovani 2016 – 2017: Thomas Giovagnoli, Ilaria Mazzieri, Giovanna Tadeu, Alessia Tronto.

L’esperienza sarà ripetuta domenica 22 maggio, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 16 alle ore 19, orari di apertura del museo in Occasione di Gran Tour Musei Marche 2016.

Ingresso libero al Museo e attività gratuita. Senza prenotazione.

 

La Pietà Rondanini ospite al carcere di San Vittore

di Stefany Sanzone –  La Pietà Rondanini di Michelangelo sarà esposta, in maniera temporanea dalla prossima primavera, nella cappella centrale del carcere di San Vittore e successivamente, durante il prossimo periodo natalizio, in Duomo.

È questa l’idea presentata dall’assessore alla Cultura Stefano Boeri e approvata oggi dalla Giunta comunale di Milano. La scultura, realizzata in marmo, fu iniziata nel 1553 e lasciata interrotta a causa della morte del maestro nel 1564. Dal 1952 fa parte delle Raccolte Civiche del Comune di Milano che la acquistò per 135 milioni di lire, raccolti grazie a una sottoscrizione popolare lanciata dall’allora sindaco Ferrari.

L’opera, tutt’ora esposta nella sala degli Scarlioni del Castello Sforzesco, traslocherà prima nella Cappella centrale del Panottico del carcere di San Vittore, «luogo di dolore», dove sarà visitabile dal pubblico e, dopo, all’interno del Palazzo di Giustizia di Milano, per arrivare in Duomo il prossimo Natale.

«In questo modo – ha affermato l’assessore Stefano Boeri – la Pietà si troverà temporaneamente in un contesto che sappia opportunamente comunicare il significato originario di un’opera su cui Michelangelo ha lavorato fino a poche ore prima della morte, con l’incessante sforzo di trasmetterle una concezione nuova del concetto di Pietà».

Tornerà poi definitivamente negli spazi dell’ex Ospedale spagnolo, al Castello Sforzesco, il cui restauro terminerà entro la fine del 2013. Oltre 600 metri quadri dentro le mura occidentali del Castello saranno destinati a un vero e proprio museo dedicato all’ultima opera di Michelangelo.Gli spazi adiacenti al museo saranno dedicati alla documentazione e alla divulgazione e vedranno la realizzazione di altre aree destinate a servizi per il pubblico.

«La Pietà Rondanini avrà un luogo dedicato – ha detto il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia – che valorizzerà l’opera e che permetterà a tutti i milanesi e ai turisti di ammirare questa scultura che è patrimonio della nostra città, per troppo tempo tenuta in ombra rispetto al valore storico e simbolico che rappresenta. Anche nelle sue collocazioni temporanee, San Vittore e Tribunale, l’opera sarà esaltata nel suo valore simbolico».