Teatro Litta di Milano:The Sense of life for a single man

Alessandro Quattro, Alessandro Mor
Alessandro Quattro, Alessandro Mor

The Sense of life for a single man, in scena per la prima volta in Italia e per la prima volta sarà sul palco del Teatro Litta di Milano (dal 5 al 15 aprile), uno spettacolo dove il sentimento infinito di solitudine diverrà il padrone assoluto del suo essere. L’unica persona a renderlo presente nel mondo l’ha lasciato per sempre.

Sinossi:
George Falconer è un professore inglese di letteratura all’università di Los Angeles. Siamo nei primi anni 60 del secolo scorso e George, seduto nella sua solita poltrona, in una delle tante serate passate in attesa dell’arrivo del suo amato, apprende una “novità” che si presenta al suo cospetto senza possibilità di replica: il suo compagno è morto in un incidente stradale! Incapace di reagire al lutto e all’afflizione, di un amore che durava da sedici anni, si mette a riordinare carte, oggetti e sentimenti. Tenta persino di togliersi la vita con un colpo di pistola ma senza riuscirci.

Charley, una vecchia amica delusa e disillusa, prova a tirarlo fuori dalla malinconia che ormai l’ha pervaso.
La vita di George si è raggruppata in una serie di oggetti e di gesti che gli permettono di ricordarsi che è ancora in vita, mentre il senso della banalità del vivere, si fa sempre più nauseante.

A single man è un mélo intessuto di atti mancati e infiniti (rim)pianti. Il professore, portatore di un dolore universale, vive (e muore) nell’attesa del ricongiungimento all’amato. Sarà proprio il lutto, lo spirito della scena.

Giovanni Falcone

Giovanni-Falcone
Giovanni-Falcone

“Il 23 maggio del 1992, 24 anni fa, l’Italia perdeva Giovanni Falcone, un grande uomo e un grande giudice. Ma questo lutto infinito, seguito di lì a breve da quello di Borsellino, non ci ha fermato. Anzi, il ricordo di quei giorni drammatici è stato e sarà per tutti noi italiani un motivo in più per non mollare. Lo Stato non darà tregua alla Mafia.  Voglio ricordare una frase di Guglielmo Bufalino: “la Mafia sarà sconfitta da un esercito di maestre elementari”. Perché essa è un fattore culturale: è dentro gli animi, non fuori. Solo se agiamo sulle coscienze potremo davvero debellarla. Contro la Mafia #ConNoi”.

Così in un post su Facebook Dorina Bianchi, sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali e del Turismo e deputato calabrese del Gruppo Area Popolare (Ncd-Udc).

Annullamento celebrazioni 2 giugno

Alla luce dei terribili e tristi avvenimenti che hanno colpito l’Emilia Romagna e la sua popolazione, l’Amministrazione Comunale di Arona, in segno di rispetto e di lutto, ha deciso di sostituire la prevista parata in occasione della ricorrenza del 2 giugno con una Messa che avrà luogo presso la chiesa parrocchiale di Mercurago alle ore 10.30, officiata da don Paolo Bellussi alla presenza dei prelati della città.

I soldi risparmiati dall’annullamento della parata, insieme ad  una raccolta fondi promossa durante la celebrazione della Santa Messa, verranno devoluti alle popolazioni colpite dai terribili terremoti.