FILARMONICA DELLA SCALA

SEMYON BYCHKOV

Lasciata San Pietroburgo verso la metà degli anni Settanta, è stato ospite delle più importanti orchestre internazionali. Attivo sia nel repertorio operistico sia in quello sinfonico, vanta una lunga e fruttuosa collaborazione con le orchestre e i teatri d’opera più prestigiosi: Milano, Londra, Parigi, Vienna, Berlino, New York, Chicago.

Allievo del celebre pedagogo Ilya Musin, il suo nome è giunto all’attenzione internazionale quale Direttore Musicale della Grand Rapids Symphony Orchestra del Michigan e della Philharmonic Orchestra di Buffalo negli Stati Uniti. È stato poi invitato a dirigere la Philharmonic Orchestra di New York, i Berliner Philharmoniker e il Concertgebouw di Amsterdam.

Dopo il suo trasferimento a Parigi, è stato Direttore Musicale dell’Orchestre de Paris, Direttore  Ospite Principale della Filarmonica di San Pietroburgo e del Maggio Musicale Fiorentino, Direttore  Principale della WDR Sinfonieorchester e della Semperoper di Dresda.

Ha debuttato al Covent Garden di Londra nel 2003 con una nuova produzione di Elektra e nel medesimo anno vi ha diretto Boris Godunov di Musorgskij. In seguito ha diretto La donna di picche (2006), Lohengrin (2009) e Don Carlo (2007) al Metropolitan di New York. È tornato al Metropolitan per una nuova produzione di Tannhäuser (dicembre 2010) e vi dirigerà Otello e Rigoletto nel 2013.

In Italia ha diretto Tosca (1997) ed  Elektra (2005) al Teatro alla Scala; una nuova produzione di Don Carlo a Torino (2006); numerose produzioni al Maggio Musicale Fiorentino, comprese le premiate produzioni di Jenůfa di Janáček (1993), Fierrabras di Schubert (1995) e Una Lady Macbeth del distretto di Mcensk di Šostakovič (1997).

Ha debuttato a Parigi con Un ballo in maschera (2007) e vi è tornato per dirigere Tristan und Isolde (2009); a Vienna ha diretto Elektra (2000), Tristan und Isolde (2001), Daphne (2003) e Lohengrin (2005);  a Salisburgo Der Rosenkavalier di R. Strauss (2005).

La sua registrazione del Lohengrin di Wagner ha ottenuto il “Record of the Year 2010” da parte di Music Magazine, dopo le rappresentazioni alla Staatsoper di Vienna e le esecuzioni in forma di concerto a Colonia.

Alla recente registrazione di Eine Alpensinfonie unita a Till Eulenspiegels lustige Streiche di R. Strauss seguono altre registrazioni straussiane: Ein Heldenleben, Metamorphosen, Daphne con Renée Fleming ed Elektra con Deborah Polaski.  Sempre con la WDR Sinfonieorchester Köln (di cui è stato Direttore dal 1997 al 2010) ha registrato composizioni di Mahler,  Šostakovič, Rachmaninov, l’ ‘integrale’ delle Sinfonie di Brahms e la Messa da Requiem di Verdi. Sia le Sinfonie brahmsiane sia la Seconda Sinfonia, le Danze sinfoniche e The Bells (Le campane) di Rachmaninov sono pubblicate in dvd.

In questa stagione dirige in tournée la Filarmonica della Scala in Asia e in Europa, il Concertgebouw di Amsterdam in Europa e i Wiener Philharmoniker negli Stati Uniti. Inoltre è impegnato come Direttore Ospite con le orchestre di Cleveland, San Francisco, Philadelphia, Toronto, Monaco di Baviera, Amburgo, Barcellona, Madrid, Vienna, Atene, Parigi e Firenze.

EUROPEAN TOUR dei SUBSONICA

I Subsonica non accennano a fermarsi: Istantanee tour diventa europeo arrivando ad includere alcune importanti città. Non ci avrebbero scommesso in molti nel lontano 1997 , anno di pubblicazione di quel primo Subsonica, eppure dopo alcuni clamorosi sold out registrati all’estero negli ultimi anni,  i Subsonica sono ufficialmente diventanti una realtà internazionale. 

 

Dopo la partenza in Svizzera a Mendrisio (15 marzo), la band torinese si esibirà nei club di Bruxelles (17 marzo), Berlino (19 marzo), Londra (27 marzo), Parigi (28 marzo), Barcellona (30 marzo) per chiudere a Madrid sabato 31 marzo.  

 

Sette date importanti a dimostrazione del fatto che la musica italiana cantata in italiano può accettare il confronto senza complessi d’inferiorità con il pubblico di tutto il mondo.

 

Dopo l’Europa i Subsonica torneranno in Italia per cinque uniche date per festeggiare i quindici anni dall’uscita del primo omonimo album: il tour partirà da Mantova sabato 21 aprile per continuare a Milano (23 aprile), Torino (26 aprile), Bologna (27 aprile) e concludersi a Roma sabato 28 aprile.

Una tappa importante nella carriera dei Subsonica, una serie di concerti-evento che mescoleranno i più recenti successi con le canzoni di quel primo lungimirante cd, capace di intrecciare melodia italiana e codici sonori internazionali. All’interno del concerto verrà ricreata una parentesi “storica” fatta di canzoni di quel primo album suonate con la strumentazione dell’epoca, per ricreare fedelmente il sound di quegli anni. Sul palco la spettacolare scenografia integrerà due strumentazioni complete, una “vintage” e una contemporanea.

 

 

Ecco le date:

 

GIOVEDI’ 15 MARZO 2012
MENDRISIO @ Arena

 

 

SABATO 17 MARZO 2012

BRUXELLES @ VK Club

 

LUNEDI’ 19 MARZO 2012
BERLINO @ SO36

 

MARTEDI’ 27 MARZO 2012
LONDRA @ Koko

 

MERCOLEDI’ 28 MARZO 2012
PARIGI @ La Bellevilloise

 

VENERDI’ 30 MARZO 2012
BARCELLONA @ Razzmatazz

 

SABATO 31 MARZO 2012

MADRID @ Arena

The Coast of Utopia

 

the coast of utopia

 

The Coast of Utopia

rappresentata in numerose città tra le quali Londra, New York, Mosca e Tokyo: negli Stati Uniti ha vinto il

maggior numero di Oscar teatrali mai assegnati.

Su progetto di Michela Cescon e Marco Tullio Giordana il capolavoro di Tom Stoppard debutta ora in Italia,

prodotto da Fondazione Teatro Stabile di Torino, Teatro di Roma, Zachar Produzioni di Michela Cescon, con

la regia di Marco Tullio Giordana, nella traduzione firmata da Marco Perisse e dallo stesso regista.

La trilogia ripercorre trentacinque anni di storia russa (1833-1868); i protagonisti sono l’anarchico Michail

Bakunin, il rivoluzionario scrittore e filosofo Aleksandr Herzen, il critico letterario Vissarion Belinskij e lo

scrittore Ivan Turgenev. Stoppard racconta i loro sogni utopici e le loro storie private, le loro passioni, gli

innamoramenti, le delusioni, i dolori, con una levità e una profondità che ha fatto paragonare l’opera alle

grandi commedie di

Čechov. La storia intreccia un grande fallimento ideologico con gli altrettanto grandifallimenti personali. Un susseguirsi di emozioni, colpi di scena, battute fulminanti, dialoghi ironici e anche

momenti struggenti, sempre con un ritmo vivacissimo e incalzante. È una comunità in viaggio quella

raccontata da Stoppard: l’azione comincia nella campagna russa, continuando a Mosca, per poi seguire i

protagonisti nel loro esilio europeo tra Parigi, Londra e l’Italia.

Una messa in scena impegnativa, che il regista Marco Tullio Giordana condivide con una compagnia di

trentuno attori, supportata da un considerevole staff tecnico-artistico, in un progetto che coinvolge circa

settanta persone. Dopo tre mesi di lavorazione e di prove la

trilogia debutterà in prima nazionale al TeatroCarignano di Torino dal 20 marzo al 1 aprile, e poi al Teatro Argentina di Roma dal 10 al 29 aprile.

Calendario rappresentazioni

Torino, Teatro Carignano 20 marzo – 1 aprile 2012

Prima nazionale 20/3 – 21/3 – 27/3 – 28/3

Viaggio durata

:  

22/3 – 23/3 – 29/3 – 30/3

Naufragio durata: Atto I 52` | Atto II 52`

24/3 – 25/3 – 31/3 – 1/4

Salvataggio durata: Atto I 54` | Atto II 1h 20`

Info

: www.teatrostabiletorino.itRoma, Teatro Argentina 10 – 29 aprile 2012

dal 10/4 al 15/4

Viaggio durata

:  

dal 17/4 al 22/4

Naufragio durata: Atto I 52` | Atto II 52`

dal 24/4 al 29/4

Salvataggiodurata: Atto I 54` | Atto II 1h 20`

Info

: www.teatrodiroma.net

Atto I 54` | Atto II 1h 10`

Atto I 54` | Atto II 1h 10`

di Tom Stoppard è una trilogia (Viaggio-Naufragio-Salvataggio) scritta nel 2002 e