NUOVE AREE PEDONALI, CICLABILI

Buenos Aires
Buenos Aires

 

Realizzare nuovi percorsi ciclabili anche in sola segnaletica; incrementare le strade a velocità moderata e le zone 30 e le strade residenziali a prevalente mobilità pedonale e ciclabile; ampliare i percorsi pedonali attraverso l’allargamento di marciapiedi; prevedere pedonalizzazioni temporanee nei quartieri ampliando l’offerta per il gioco e l’attività fisica dei bambini; realizzare nuovi interventi di urbanistica tattica nell’ambito del progetto Piazze Aperte; facilitare la possibilità di posare tavolini per bar e ristoranti sulle aree di sosta ai fini di recuperare parte della capienza persa all’interno per il distanziamento.

Sono le azioni chiave di “Strade Aperte”, il piano del Comune per ripensare la mobilità e lo spazio pubblico nei prossimi mesi. Una strategia che vede convergere la visione di una città più sostenibile e vivibile, cui l’Amministrazione sta lavorando attraverso molteplici azioni dall’inizio del mandato, con le temporanee esigenze di distanziamento sociale e sicurezza legate all’emergenza sanitaria in corso. L’obiettivo è realizzare strade più protette e fruibili da parte di tutti, offrendo nuovi spazi pubblici per grandi e bambini e incentivando gli spostamenti a piedi, in bicicletta e monopattino per le percorrenze su scala urbana attraverso un’offerta diversificata, complementare e alternativa al trasporto pubblico e all’auto privata.

“Strade Aperte accelera il processo di rigenerazione della città che stavamo già attuando prima del Coronavirus, a partire dall’attuazione di progetti pensati per il miglioramento della qualità dello spazio pubblico e della vita nei quartieri – dichiara l’assessore all’Urbanistica Pierfrancesco Maran -. Creare nuove piazze e servizi nel quartiere, incentivare modalità di spostamento sostenibili, garantire ai bambini spazi per il gioco sono obiettivi già previsti nel Piano di Governo del Territorio. La necessità di cambiare i ritmi della città nella ricerca di un ‘nuovo ordinario’  è la leva per velocizzare il raggiungimento di questi obiettivi, individuando soluzioni temporanee, più economiche ed efficienti”.

“Stiamo lavorando per mettere in sicurezza il trasporto pubblico – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità – ma è importante anche riuscire a contenere il numero di auto in circolazione e la congestione e limitare il più possibile l’aumento dell’inquinamento atmosferico cittadino. In questi giorni abbiamo provato a pensare alla nostra città dopo le fasi più dure di questa emergenza, facendo tesoro di quanto imparato e con uno sguardo di lungo respiro che però parte dalle urgenti risposte ai problemi di oggi. I nuovi tempi e spazi della città, un modo nuovo di muoversi, la necessità di riprendere subito il lavoro e l’impegno a non lasciare indietro nessuno: ne è nato un piano straordinario di nuovi percorsi ciclabili e zone 30″.

Molteplici dunque le azioni comprese all’interno di Strade Aperte, per cui sono già stati individuati alcuni interventi puntuali che verranno realizzati entro la fine dell’anno. L’obiettivo delle prossime settimane, anche grazie al contributo dei cittadini nell’ambito del percorso di partecipazione di Milano 2020, è incrementare le azioni diffuse sul territorio.

Quartieri in 15 minuti, i progetti pilota Lazzaretto e Isola

Lazzaretto e Isola saranno i progetti pilota di una città che ripensa i suoi ritmi a partire da quartieri che offrono servizi e qualità della vita entro lo spazio dei 15 minuti a piedi dalla propria abitazione. Attraverso interventi di temporanea pedonalizzazione di alcune strade, allargamento dei marciapiedi, istituzione di zone 30, connessioni con le piste ciclabili esistenti, posa di dehor, si libererà spazio pubblico prezioso da dedicare alla vita all’aperto di grandi e bambini. In particolare, al Lazzaretto saranno temporaneamente pedonalizzate via Lecco, largo Bellintani e via Benedetto Marcello, creando connessioni ciclopedonali con la futura ciclabile di corso Buenos Aires, il percorso lungo i Bastioni e la pista in segnaletica di viale Tunisia. All’Isola il cuore dell’intervento sarà via Toce, che verrà pedonalizzata e trasformata in una playstreet per il gioco dei bambini in connessione con le aree verdi di fronte alla scuola e quelle del giardino Bruno Munari.

Ciclabilità: San Babila-Sesto Marelli e Bisceglie-Bande Nere-Sardegna-Buonarroti

La ciclabilità va incentivata quale mezzo alternativo all’automobile e al trasporto pubblico. E’ partita ieri da corso Venezia la tracciatura dei 35 km di nuove piste ciclabili che arriveranno progressivamente in città in estate ed entro la fine dell’anno. Tra i primi interventi, oltre all’itinerario San Babila – Sesto Marelli che verrà realizzato in sola segnaletica, quello più strutturato da Bisceglie a Buonarroti lungo l’asse Legioni Romane-Berna -Zurigo che poi prolunga in Caterina da Forlì, Sardegna e Buonarroti. In partenza nelle prossime settimane anche interventi sui controviali, con la moderazione della velocità a 30 km/h, lungo le direttrici viale Certosa, viale Zara – viale Testi, viale Romagna – viale Campagna – viale Molise, viale Famagosta – via Faenza. Altri interventi per la ciclabilità riguardano la riqualificazione urbana ad esempio lungo la direttrice Bussa – Farini – Cimitero Monumentale.

Piazze aperte: da piazza Sicilia a Piazza Minniti

Nuove aree pedonali fruibili in sicurezza, nuovi spazi pubblici di qualità per il quartiere. Il progetto di urbanistica tattica “Piazze Aperte” che nell’ultimo anno e mezzo ha rigenerato 15 piazze della città attraverso interventi veloci ed economici, sbarcherà in una decina di nuove località selezionate tra le 65 proposte presentate dai cittadini e associazioni. Tra gli  interventi previsti, quello in piazza Sicilia, dove verrà così garantita maggior sicurezza anche all’uscita dei bambini da scuola, e in piazza Minniti, che si andrà a connettere con il quadrilatero di via Toce all’Isola.

Zone 30

Per migliorare la qualità dello spazio urbano e la sicurezza stradale verranno istituite nuove zone in cui il limite massimo di velocità è di 30 km/h. Tra i primi interventi, quelli lungo l’asse via Padova-Nolo e QT8.

Interventi per la pedonalità: via Marghera

Parte da via Marghera la strategia che vedrà l’allargamento di alcuni marciapiedi che verosimilmente vedranno un maggior flusso di pedoni. L’obiettivo è garantire il distanziamento sociale e la fruizione in sicurezza delle strade, riducendo le carreggiate senza modifiche alla viabilità.

Abbabula Festival 2018

abbabula 2018
abbabula 2018

Parte domani la 20ª edizione di Abbabula, in programma dal 10 al 14 luglio a Sassari. Sul palco quest’anno anche MOTTA, MALDESTRO, WILLIE PEYOTE, JOHN DE LEO, IOSONOUNCANE + PAOLO ANGELI, SCARDA.

ABBABULA, festival musicale organizzato ininterrottamente ormai da 4 lustri dalla Cooperativa Le Ragazze Terribili, compie 20 anni: un compleanno speciale merita un’edizione speciale.

Una location nuova di zecca, l’Arena Concerti che sarà appositamente costruita in piazzale Segni: spazio da vivere anche oltre i concerti – apertura giornaliera cancelli fissata alle ore 19,30 – in piena filosofia ABBABULA.
Quattro giornate in musica, che fra il 10 e il 14 luglio porteranno a Sassari le più interessanti espressioni delle nuove tendenze della scena italiana.

Le Ragazze Terribili, organizzatrici di Abbabula Festival da 20 anni, sono un esempio di imprenditoria culturale al femminile in Italia. Organizzando anche due festival letterari, Sulla Terra Leggeri e Florinas in Giallo sempre in Sardegna, promulgano la creazione di eventi culturali di rilievo regionale, che negli anni hanno richiamato migliaia di spettatori da tutta l’isola, investendo impegno, idee e risorse nella realizzazione di profitti originali e di qualità.

Notte Lilla al quartiere Isola di Milano

Notte Lilla quartiere Isola
Notte Lilla quartiere Isola

Giovedì 12 luglio sarà la “NOTTE LILLA DELL’ISOLACARD”, un’occasione straordinaria di vivere il quartiere Isola con tanti negozi aperti fino alle ore 23, nella settimana dei saldi, con la possibilità di ottenere gratuitamente l’ISOLACARD, una tessera che consente di raccogliere punti e sconti nei negozi convenzionati, con palloncini e spille lilla in omaggio per essere tutti cittadini del quartiere “lilla”.

Nello specifico, è stato organizzato un circuito di attività culturali e di intrattenimento (musica dal vivo, dj set, presentazioni, mostre ma non solo) a partire dalle 18.30 e fino alle 24.

In particolare, numerosi locali, bar, ristoranti, pizzerie, pub e negozi ospiteranno concerti e performance, selezionati da Antonio Ribatti, direttore artistico dell’iniziativa.

Per quanto riguarda la musica, si potranno ascoltare il chitarrista e cantante brasiliano Nenè Ribeiro, il gruppo samba-rock Liga O Motoradio, noti dj come King Raphael e Lele Di Mitri e noti jazzisti della scena milanese come il sassofonista Michele Bozza, oltre a swing band che vi faranno ballare per strada.

Il motto che lega queste manifestazioni – e che sta alla base della filosofia di AH-UM – è sempre lo stesso: CULTURA È DIVERTIMENTO. Il fine è quello di sperimentare un sistema di “isole pedonali temporanee” in luoghi significativi per la vita, lo sviluppo e la valorizzazione dell’Isola, a favore di una socialità basata sulla condivisione di attività culturali, musicali, artistiche e ricreative di alto profilo, oltre a promuovere forme di turismo “di vicinato” e di cultura “a portata di mano”, a beneficio della città nel suo complesso e dei suoi abitanti.

A Verissimo,Paola di Benedetto

 

PAOLA DI BENEDETTO A VERISSIMO
PAOLA DI BENEDETTO A VERISSIMO

SABATO 19 MAGGIO, ALLE ORE 16.10 SU CANALE 5
Paola Di Benedetto, ospite di Verissimo, parla per la prima volta in tv della fine della storia d’amore con Francesco Monte e commossa ha spiegato:

“Sto soffrendo. É stata una storia breve ma tanto forte. Pensavo andasse tutto bene, invece da un giorno all’altro mi ha detto: ‘Non sento questo sentimento crescere’. Ci siamo presi una pausa e quando ci siamo rivisti mi ha detto: ‘Hai tutto ma voglio restare solo’. Evidentemente quello che è nato sull’Isola non si è trasformato in amore in Italia. Oggi mi manca molto. Ci sentiamo ogni tanto per lavoro ed è freddo e distaccato nei miei confronti. Mi è dispiaciuto non ci sia stato il modo di conoscerci nel profondo però credo molto nel destino: a volte, gli amori fanno grandi giri e poi magari ritornano. Domani per il suo compleanno gli manderò gli auguri. Non spero di tornarci insieme: cerco un uomo che mi voglia con tutto se stesso. I mezzi termini non li voglio”.

A Silvia Toffanin, Paola ha confessato inoltre di cercare ancora delle spiegazioni: “Francesco dentro di se deve archiviare situazioni importanti della sua vita. Penso sia attaccato al ricordo di Cecilia (Rodriguez). Non l’ha ancora superata e non è pronto ad aprire il suo cuore a un’altra persona. Non è pronto a condividere la sua vita con un’altra donna”.

Infine, in merito al suo ex Matteo Gentili, concorrente del Grande Fratello ha aggiunto: “Sono entrata nella Casa per chiarire. Ho trovato una persona che non ho riconosciuto: arrabbiata, spenta, dura. Avevo chiesto a Francesco un consiglio lui aveva detto che non sarebbe stato il caso di entrare. Tramite terze persone ho saputo che il mio ingresso gli ha dato molto, molto fastidio. Ma a me non l’ha mai manifestato, altrimenti non sarei andata”.

Le dichiarazioni di Franco Terlizzi a Striscia la notizia

TERLIZZI
TERLIZZI

Stasera a Striscia la notizia (Canale 5, ore 20.35) Valerio Staffelli incontra Franco Terlizzi che conferma il fatto che altri naufraghi si erano detti disposti ad appoggiare Eva Henger nella sua denuncia del canna-gate, proprio come dichiarato dalla Henger stessa. Terlizzi dichiara infatti: «Qualcuno ha detto a Eva, quando era sull’isola:“Secondo me le devi dire ‘ste cose qui”».

E chi, tra i naufraghi, lo avrebbe fatto? «Craig per primo ha detto: “Tu devi dire ‘ste cose qua”». Incalzato da Staffelli, poi, aggiunge: «Parecchia gente appoggiava Eva» e fa anche il nome di Giucas Casella.

Terlizzi dà anche un giudizio sul comportamento di Francesco Monte e sul fatto che avrebbe portato la droga sul pulmino che trasportava i naufraghi: «Se devo dire una cosa a Francesco Monte allora dico: “Hai fatto una grandissima ca**ata”».