“Io, Dio e Bin Laden”

Io Dio e Bin Laden - Poster Ufficiale Italiano
Io Dio e Bin Laden – Poster Ufficiale Italiano

“Io, Dio e Bin Laden”, distribuito da Koch Media, sarà nelle sale cinematografiche dal 25 luglio. Il film, diretto da Larry Charles (conosciuto per il successo di “Borat”), è ispirato ad un’incredibile storia realmente accaduta ed ha come protagonisti Nicolas Cage e Russel Brand.

Il film racconta la vera storia di Gary Faulkner, un ex-detenuto disoccupato, una sorta di moderno Don Chisciotte, che armato solamente di una spada comprata su un canale televisivo, si recò in Pakistan undici volte allo scopo di catturare Osama Bin Laden e di consegnarlo alla giustizia, spinto dalla convinzione che Dio in persona glielo avesse chiesto.

Seguendo Gary nei suoi viaggi, s’incontrano una miriade di personaggi diversi: i vecchi amici di Gary del Colorado, i nuovi amici che incontra in Pakistan, i nemici che si fa nella CIA, persino Dio, e Osama in persona.

E tutti non potranno fare altro che lasciarsi ispirare e cambiare profondamente quando entreranno in contatto con una forza della natura come Gary.

Io, Dio e Bin Laden è, in definitiva, la celebrazione di chi sa sognare in grande e di come il sogno di un uomo pieno di passione lo abbia trasformato da povero sen¬zatetto a supereroe internazionale.

Zelig Cabaret : “Io, Ippolita Roberta Lucia”

locandina IPPOLITA BALDINI
locandina IPPOLITA BALDINI

Se è vero che gli uragani più devastanti hanno nomi femminili tenetevi forte lei ne ha tre!
Roberta Ippolita Lucia, in arte Ippolita Baldini è in cerca del suo centro di gravità, lavora come attrice, cerca l’uomo della sua vita, magari anche tra gli spettatori, non si sa mai.

E’ in continuo movimento perché non è facile avere tre nomi, non è facile avere tre personalità e saperle gestire con equilibrio in un mondo come quello di oggi, così pieno di stimoli e false libertà, ma soprattutto non è facile avere una mamma Marchesa!.

Tutto questo in due serate, venerdì 26 e sabato 27 Gennaio a Zelig Cabaret (viale Monza 140 – Milano) in uno spettacolo stupefacente, interpretato da un’attrice in ascesa brillante e divertente che si mette a nudo, senza paura, raccontando di sé, quindi di noi.

Teatro Litta, Milano: “Io, Ludwig Van Beethoven”

corrado B
corrado B

Prosegue con molto successo sia da parte della critica e dal pubblico, lo spettacolo Io, Ludwig Van Beethoven di e con Corrado d’Elia,  che sarà in scena fino al 14 gennaio con due repliche straordinarie.
sabato 13 gennaio ore 18.00
domenica 14 gennaio ore 18.30

Ludwig van Beethoven fu uno dei più grandi geni musicali mai esistiti.
Non si può comprendere il genio con occhi normali, non rientra in nessuna categoria e la sua complessità non si può afferrare. Indagarne la vita vuol dire accostarsi ad altezze umanamente insolite, rubarne per un istante la grandezza e la follia per raggiungere ebrezze ed emozioni insperate.

Così, partendo da una passione antica, ci accostiamo a Beethoven con emozione per indagarne i tanti misteri, la sordità, i rapporti col padre e con il suo tempo, il suo talento, gli amori, profondi e contrastati, le sue durezze e soprattutto la sua musica, la sua musica immortale. E quella Nona Sinfonia, quei quattro movimenti così conosciuti e amati che hanno cambiato la storia della musica per sempre.
Perché Beethoven aspettò dieci anni per comporre la Nona avendone la musica già in testa?
Cosa successe in quei dieci anni?
Cosa cambiò nel mondo che lo circondava e cosa successe dentro di lui, e, soprattutto, come si preparò alla serata della prima rappresentazione, a Vienna, il 7 maggio del 1824?

Ci vuole tempo per raccontare la bellezza.
Chiudiamo gli occhi e ascoltiamo come mai abbiamo fatto prima.

“Lontana da te” nuovo singolo di Syria

Syria
Syria

“LONTANA DA TE” il nuovo singolo in radio dal 31 marzo
anticipa l’album “IO+IO” in uscita il 28 aprile

Sarà in radio dal 31 marzo il nuovo singolo di Syria “LONTANA DA TE”. La canzone scritta da Il Cile è tratta dall’ album “IO+IO”, in uscita il prossimo 28 aprile su etichetta Universal Music.

“IO+IO” contiene i brani interpretati da Syria durante il concerto evento “Vent’anni in una notte” tenutosi tempo fa al Teatro Grande di Brescia per celebrare i vent’anni di carriera musicale. Con Syria sul palco quella sera c’erano tanti amici e un’orchestra di cinquanta elementi diretta dal maestro Bruno Sartori. Syria ha ripercorso qui le tappe più importanti di una carriera eclettica iniziata nel 1996 quando, poco più che diciottenne, trionfò a Sanremo Giovani con il brano “Non ci sto”, dimostrando ancora una volta grande capacita di spaziare dalle melodie di Mattone, al pop-rock di Biagio Antonacci… dalla spensieratezza di Jovanotti all’elettronica del suo alter ego, Airys.

Il privilegio più grande in questi vent’anni di carriera è aver avuto la possibilità di sperimentare e mettermi al servizio della musica con grande libertà, racconta Syria.

In “IO+IO” l’artista duetta con Emma, Noemi, Paola Turci, Francesca Michielin, Ghemon ed Emiliano Pepe. L’album, che si apre con la lettura di una favola scritta dalla Pina e dedicata personalmente a Syria, contiene anche cinque inediti e la cover di un brano di Ambra, “Io Te Francesca e Davide”.

Syria inizia la sua carriera musicale nel 1996 vincendo la sezione Giovani del festival di Sanremo con il brano “Non ci sto” prodotto da Claudio Mattone. Partecipa altre tre volte al Festival di Sanremo nel 1997 con il brano “Sei tu”, nel 2001 con “Fantasticamente Amore” e nel 2003 con il brano “L’amore è”. Nel 1996 pubblica il suo primo album, seguono il secondo album “L’ANGELO” e “STATION WAGON” nel 1998. Nel 2000 esce “COME UNA GOCCIA D’ACQUA” prodotto da Biagio Antonacci e Il singolo “Se t’amo o no” diventa uno dei brani più suonati dell’estate. Nel 2002 esce “LE MIE FAVOLE” e nel 2005 “NON È PECCATO”. Nel 2008 Syria prepara “UN’ALTRA ME”, disco di cover di band indipendenti italiane con la collaborazione di Cesare Malfatti dei La Crus. Contemporaneamente con lo pseudonimo di Airys pubblica un ep di elettrodance “Vivo, Amo, Esco”. Nel 2011 esce il nuovo lavoro discografico, “SCRIVERE AL FUTURO” e l’anno seguente “Come non detto”, singolo interpretato da Syria con la partecipazione del rapper italiano Ghemon, tema principale dell’omonimo film diretto da Ivan Silvestrini. Due anni dopo pubblica il suo decimo album “Syria 20”, anticipato dal singolo “Odiare”. Nel dicembre 2015 Syria ha festeggiato i suoi vent’anni di carriera con l’orchestra Filarmonica Italiana diretta dal maestro Bruno Santori al teatro Grande di Brescia. Diverse amiche hanno condiviso il palco con lei per questa importante occasione da Emma a Paola Turci, da Noemi a Francesca Michielin, Ghemon e La Pina. Nel 2016 ha partecipato come giudice al programma di Italia Uno “TOP DJ”.