Al Teatro Carcano: “Matti da slegare”

matti da slegare -teatro
Al Teatro Carcano di Milano da mercoledì 24 febbraio a domenica 13 marzo, Giobbe Covatta  Enzo Iacchetti in “MATTI DA SLEGARE” di Axel Hellstenius Con Irene Serini, Gisella Szaniszlò Adattamento e regia Gioele Dix -Coproduzione Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano – Mismaonda

Una commedia delicata e divertente sul tortuoso, complicato ed esaltante reinserimento nella società di due ex pazienti psichiatrici. Un leggero e intenso ritratto di vita e di amicizia senza nessuna traccia di retorica o patetismo.

La serata di giovedì 25 febbraio sarà dedicata a Fondazione Progetto Arca, onlus che opera per il sostegno delle persone più fragili e per il loro reinserimento sociale, di cui Enzo Iacchetti è da anni sostenitore e testimonial. La replica di martedì 8 marzo sarà invece riservata all’iniziativa “Una poltrona per te” promossa dal Comune di Milano – Settore Cultura.

Teatro Carcano di Milano
da mercoledì 24 febbraio a domenica 13 marzo 2016

Orari da martedì a giovedì e sabato ore 20,30 – venerdì ore 19,30 – domenica ore 16
Durata 2 ore + intervallo – Prezzi euro 34,00/25,00 – E’ valido “Invito a Teatro”
Per prenotazioni 02 55181377 – 02 55181362       www.teatrocarcano.com

Gioele Dix “Il Malato Immaginario”

 

malato-immaginario-bg
Dal 24 novembre al 20 dicembre Gioele Dix torna in scena al Teatro Franco Parenti con Il Malato Immaginario.

Un mese di sold out la scorsa stagione per questo spettacolo nato come omaggio a Franco Parenti a 25 anni dalla scomparsa. Il protagonista Argan, interpretato con intelligenza e ironia da  Gioele Dix, spreca la sua vita fra poltrona, lettino, toilette, clisteri, salassi.

Sotto la candida cuffia a pizzi, nella vestaglia bianca, nelle calze bianche molli sui piedi ciabattanti, si trova una debolezza a volte innata, un’incapacità genetica di prendere qualsiasi decisione.

Il suo alter ego è Antonietta, detta anche Tonina, interpretata da Anna Della Rosa, una cameriera tuttofare, che il padrone vive spesso come un incubo, superpresente impicciona che vede tutto e tiene in mano tutto, a partire dal destino dei padroni.

La raffinata regia di Andrèe Ruth Shammah, “senza tempo e di tutti i tempi” , si sofferma sulle nevrosi ipocondriache del protagonista, in una continua tensione tragicomica mirabilmente costruita che continua ancora oggi ad affascinare e a stupire gli spettatori.

PREZZO
Biglietti
intero I e II settore 32€;III settore 25€;convenzionati 22,50€;under26/over60 18€;(prev.1,50 €)

ORARI
lun riposo- mar,sab h20.30-merc,ven h19.30- gio h21- dom h15.30

INFO
Tel : 02 59 99 52 06; biglietteria@teatrofrancoparenti.it;
Fb : http://www.facebook.com/teatrofrancoparenti
Tw: http://www.twitter.com/teatrofparenti
Sito : http://www.teatrofrancoparenti.it

Il malato immaginario

03_IL MALATO IMMAGINARIO Gioele Dix , Anna Della Rosa, Linda Gennari_ph_ Fabio Artese

Al Teatro Carignano di Torino, martedì 27 ottobre 2015, alle ore 19.30, debutterà IL MALATO IMMAGINARIO di Molière, nella traduzione di Cesare Garboli, con la regia di Andrée Ruth Shammah.

Lo spettacolo è interpretato da Gioele Dix, Anna Della Rosa, Marco Balbi, Valentina Bartolo, Francesco Brandi, Piero Domenicaccio, Linda Gennari, Pietro Micci, Alessandro Quattro, Francesco Sferrazza Papa. Le scene e costumi sono di Gianmaurizio Fercioni, le luci di Gigi Saccomandi e le musiche di Michele Tadini, Paolo Ciarchi. Lo spettacolo, prodotto dal Teatro Franco Parenti, sarà replicato al Carignano per la Stagione in abbonamento del Teatro Stabile di Torino fino a domenica 8 novembre.

Si ricompone il gruppo artistico di uno storico Malato immaginario diretto da Andrée Ruth Shammah, con Franco Parenti nei panni di Argan, ruolo ora interpretato da Gioele Dix, che incarna con intelligenza e ironia gli eterni impulsi di angoscia e solitudine dell’uomo. Accanto a lui Anna Della Rosa, giovane ma affermata attrice di prosa con Toni Servillo e Massimo Popolizio, già nel cast de La grande bellezza di Paolo Sorrentino, e qui nei panni di una servetta capace di amare il padrone nonostante gli alterni umori, le angherie e le invettive.

«Tutto il vostro sapere è una chimera» dice Argan, e a risultargli incomprensibile è la realtà che lo circonda, in cui la conoscenza medica non è che la diretta dimostrazione della vulnerabilità umana. La paura della
malattia e la convinzione di aver bisogno di medici strampalati rendono cieco il protagonista, incapace di comprendere la falsità delle persone intorno a lui, così come di apprezzare chi realmente lo ama.

Dopo oltre tre secoli di rappresentazioni e riletture, rimane inalterato il fascino delle opere di Molière, incarnazione piena del teatro: autore, regista e interprete delle proprie opere, fustigatore dei vizi della società.

INFO: Tel. 011 5169555 – Numero verde 800235333
Orari: martedì e sabato ore 19.30. Mercoledì, giovedì, venerdì ore 20.45. Domenica ore 15.30.
Lunedì riposo. Prezzi dei biglietti, Settore A: Intero € 36,00. Ridotto di legge € 33,00
Settore B: Intero € 30,00. Ridotto di legge € 27,00
Biglietteria del Teatro Stabile di Torino | Teatro Gobetti – via Rossini 8, Torino
orari: dal martedì al sabato ore 13.00/19.00 – Vendita on-line: www.teatrostabiletorino.it

 

Sogno di una notte di mezza estate

Come è noto, nella magia notturna del suo Sogno, Shakespeare intreccia abilmente i destini di molti personaggi eterogenei. L’altezzoso principe di Atene in procinto di sposare la sua regina delle Amazzoni. I quattro giovani innamorati confusi e in costante conflitto fra loro. Il re e la regina delle Fate più che mai umorali e sfuggenti. Gli sprovveduti artigiani componenti una bizzarra compagnia amatoriale.

In un gioco teatrale e poetico ricchissimo di equivoci, sberleffi, allusioni e colpi di scena, prende forma uno scenario fantastico di ineguagliabile potenza evocativa, che è da sempre occasione per le più svariate interpretazioni registiche.

Gioele Dix ha deciso di affrontare la sua regia del Sogno formando una compagnia composta interamente da giovani comici di successo e coinvolgendo nella messinscena un duo musicale di straordinaria e raffinata versatilità.

L’idea nasce dalla convinzione che proprio un testo classico possa essere il terreno ideale per artisti abituati a dare un corpo del tutto singolare e inimitabile alle parole e ai suoni che si trovano a interpretare.

Comici e musicisti sono spiriti liberi, eppure meticolosi. Sono improvvisatori e scienziati. Sanno andare in profondità senza perdere leggerezza. Sono soprattutto ricchi di un potenziale a volte inespresso e il loro talento si esalta alle prese con una materia teatrale fertile e densa.

In questa versione del Sogno, ambientata in una sorta di selva periferica post industriale, le tradizionali gerarchie fra i personaggi vengono sovvertite. È la compagnia dei comici artigiani a dominare la scena, a impadronirsi a sorpresa di tutti i ruoli e a diventare il perno essenziale attorno a cui ruota l’intera vicenda.

E così il gruppo di fragili, ma combattivi, mestieranti della risata cercherà di mantenersi integro nella lunga e famigerata notte di metà estate, fra esuberanze giovanili e promesse non mantenute, oscuri presagi e provocazioni, colpi di genio e cialtronerie, amori che muoiono troppo in fretta e sostanze proibite che minacciano il loro già precario equilibrio.

Lo spettacolo è dunque nel segno della fedeltà e della continuità con Shakespeare, senza tradimenti al testo, alla sua carica vitalistica, alle sue preziose ambiguità, alla sua fantasiosa e dirompente comicità. 

Ma, nel contempo, grazie alle qualità dei protagonisti, alla loro singolare sensibilità, all’originalità del loro stile espressivo, ne re-inventa il linguaggio e lo smarca dal rischio della convenzione.

Una sfida teatrale alla quale – non a caso – tutti i partecipanti hanno aderito con disponibilità ed entusiasmo.

Dopo il debutto al Teatro Romano di Verona del 6 -7-8 -9 luglio 2011 lo spettacolo prosegue:

 GENNAIO

18 e 19 Verona Teatro Nuovo

20  Padova Gran Teatro Geox

28 e 29 Bologna Teatro delle Celebrazioni

FEBBRAIO

2 -5  Trento Auditorium Santa Chiara

8-12 Forlì Teatro Diego Fabbri

14 Assisi Teatro Lyrick

15 Montecatini

16 e 17 Legnago Teatro Salieri

18 Crema Teatro San Domenico

24 Varese Teatro Mario Apollonio

MARZO

1 e 2 Torino Teatro Colosseo

3 Lugano Palazzo dei Congressi

15 -18 Firenze Teatro Verdi

20 – 1 aprile  Milano Teatro Nuovo