Diodato – Accendiamo la Musica

Diodato, Arena di Verona
Diodato, Arena di Verona

Europe shine a light – Accendiamo la Musica
L’Europa unita sotto il segno di Eurovision

Diodato
Il vincitore del Festival di Sanremo 2020 e del Premio David di Donatello
Accende l’Arena di Verona sulle note di Fai Rumore
L’anteprima su Rai1 alle 20.35

#esc2020
#europeshinealight

DIODATO rappresenterà l’Italia nello show televisivo EUROPE SHINE A LIGHT – ACCENDIAMO LA MUSICA, in onda in eurovisione il 16 maggio. L’anteprima partirà su Rai1 alle 20.35 e dalle 21.00 lo show andrà in onda anche su Rai Radio2, Rai4 e RaiPlay.
La musica non si ferma e si unisce sotto il segno di Eurovision, l’evento che con la sola forza delle canzoni riesce a trasmettere un fortissimo sentimento di appartenenza all’Europa, oltre ogni confine nazionale.

DIODATO ha deciso di prendere parte allo show olandese, suonando in un luogo che per l’Italia e per il mondo rappresenta la musica: l’Arena di Verona.
Luogo storico e centro di una delle più belle città italiane che ospita il balcone di Romeo e Giulietta, l’Arena di Verona per questa occasione è stata riaperta non al pubblico ma alla musica, nel segno della cultura, dell’arte e della bellezza.

Quest’anno la più importante competizione mondiale canora non ci sarà, per la prima volta nella sua storia dal 1956. Al suo posto andrà in onda lo show EUROPE SHINE A LIGHT – ACCENDIAMO LA MUSICA, un evento ideato con lo scopo di unire tutti i paesi d’Europa attraverso la musica, di cui saranno protagonisti i 41 artisti di Eurovision Song Contest 2020.

DIODATO ha scelto di partecipare a Europe Shine A Light – Accendiamo La Musica decidendo di cantare Fai Rumore con cui ha vinto Sanremo 2020, in un luogo che potesse rappresentare l’Italia.
In questi tre mesi la canzone che ha vinto il Festival di Sanremo ha percorso nuove strade, è diventata degli italiani ancora di più durante l’emergenza sanitaria attuale, che l’hanno fatta propria cantandola in ogni forma e colore nelle loro case e fuori dai balconi durante il lockdown che in queste settimane sta obbligando all’isolamento miliardi di persone nel mondo.
È proprio da questo pensiero che prende vita Europe Shine a Light – Accendiamo La Musica, e dall’ispirazione che ha tratto Cornald Maas, consulente creativo di ESC 2020, dai video in cui gli Italiani cantano dai loro balconi Fai Rumore.

Il 16 maggio andranno in onda le immagini esclusive di DIODATO che canterà Fai Rumore da solo all’Arena di Verona, contribuendo a Europe Shine a Light con una cartolina inedita.
Una immagine storica che unirà l’Italia all’Europa, un segnale di resilienza, unione e forza che arriverà a tutti dal tempio della musica italiana.

“Riaccendere le luci dell’Arena di Verona, di un tempio della musica mondiale, è stato un grande privilegio. Quando canti in un luogo storico, da solo, circondato da un silenzio che ti respira intorno, senti risuonare la tua voce, la senti ritornare dopo aver compiuto un viaggio temporale, con un bagaglio diverso e hai davvero la sensazione di essere in un tempo sospeso. Spero che l’Arena e tutti i luoghi di cultura possano tornare presto a riempirsi di vita, vibrare di emozioni, perché è per quello che sono nati”, racconta Diodato.

DIODATO ha vinto con Fai Rumore il Festival di Sanremo 2020, il Premio della critica Mia Martini Sanremo 2020, il Premio sala stampa radio tv e web Sanremo 2020 e il Premio Lunezia per il valore musical-letterario del brano. L’8 maggio gli è stato assegnato il premio David di Donatello “Miglior canzone originale” per il brano “Che vita Meravigliosa”, scritto da Diodato per il film La Dea Fortuna di Ferzan Ozpetek.
È l’unico artista italiano solista ad aver vinto sia il Festival di Sanremo che il Premio David, per di più nello stesso anno e con due canzoni diverse.

Dice di Lui Ozpetek: “Antonio è stato per me una folgorazione ben prima della vittoria di Sanremo. Mi ricordo con un po’ di nostalgia, un pomeriggio in cui ho ascoltato per la prima volta la canzone di un certo Diodato, che Vita meravigliosa. Ho smesso di ascoltarla dopo 30 secondi e ho detto alla produzione: eccola, è questa che metteremo nel mio film La Dea Fortuna. Finalmente abbiamo trovato la canzone dei titoli di coda! Così ho conosciuto il grande artista di rara sensibilità e modestia”.

Nel corso della serata Europe Shine a Light verranno mandati in onda alcuni contributi musicali di tutti i partecipanti degli altri paesi Europei e sarà ricordato Domenico Modugno, che partecipò a Eurovision in Olanda proprio nel 1958 con “Nel blu dipinto di blu”. Tempi e luoghi che riportano DIODATO, anche lui pugliese, negli stessi posti percorsi dal grande mito della musica italiana 62 anni fa. Entrambi fanno parte di Carosello Records, etichetta italiana indipendente che ha scritto alcune delle pagine più importanti della storia della musica nazionale negli ultimi 60 anni.

Eurovision Song Contest è stato fondato con l’idea di unire l’Europa “post-bellica” attraverso la musica che, ancor di più questo momento, sta salvando il mondo con la sua capacità e potenza di creare un legame universale; anche distanti possiamo sentirci uniti attraverso le canzoni.
È l’evento non sportivo più visto al mondo: l’anno scorso gli spettatori della trasmissione televisiva della finale sono stati 182 milioni, mentre il canale Youtube ha registrato nella settimana eurovisiva 40 milioni di visualizzazioni da 225 territori. A partecipare sono i Paesi appartenenti all’European Broadcasting Union e l’Australia, invitata perché da anni trasmette con successo la manifestazione. Quest’anno le nazioni collegate saranno 45: oltre a quelle dei Paesi partecipanti, anche Bosnia Erzegovina, Kazakistan, Kosovo e Montenegro.
L’Italia ha vinto due volte, nel 1964 ed esattamente trent’anni fa, nel 1990. Anche se non siamo ancora tornati a conquistare il trofeo, negli ultimi dieci anni (dal 2011, anno in cui l’Italia è tornata in gara) siamo il secondo Paese per punti totalizzati e piazzamenti. Sempre dal 2011, la rappresentanza italiana è quella che ha ottenuto i migliori risultati tra i “big five” (i Paesi di diritto alla finale): sette volte nella top ten e ben tre podi nel 2011, 2015 e 2019.

Segui Diodato su: Sito web – Facebook – Instagram – Twitter

ARENA DI VERONA

DIODATO ACCENDE IL TEMPIO DELLA MUSICA
Il video esclusivo registrato in solitaria tra gli allestimenti interrotti

L’Arena di Verona, anfiteatro risalente al I secolo d.C. e centro della città patrimonio mondiale dell’UNESCO, è un tempio internazionale dell’Opera e della musica rock, pop e di grandi eventi televisivi.
Vi si sono esibiti i più grandi artisti italiani e del mondo: da Maria Callas a Luciano Pavarotti, da Frank Sinatra ai Pink Floyd, da Bob Dylan a Elton John, da Andrea Bocelli a Adriano Celentano, Ligabue, Zucchero.
L’esibizione di Diodato è stata ripresa al centro dell’Anfiteatro davanti agli allestimenti previsti per gli spettacoli estivi interrotti il 13 marzo allo scatenarsi dell’emergenza coronavirus.

The Arena di Verona, an Amphitheatre dating back to 1 AD and the heart of the city that is a UNESCO World Heritage site, is an international shrine of Opera, rock and pop music and great television events.
It has hosted performances by top Italian and international artists: from Maria Callas to Luciano Pavarotti, Frank Sinatra to Pink Floyd, Bob Dylan to Elton John, Andrea Bocelli to Adriano Celentano, Ligabue and Zucchero.
The performance by Diodato was recorded in the centre of the Amphitheatre, in front of the scenery designed for the summer shows, on which work stopped on March 13th, when the Coronavirus emergency broke out.

Festival di Sanremo: approda M¥SS KETA

Myss Keta
Myss Keta

M¥SS KETA

alla 70° edizione del Festival di Sanremo

Ogni sera a L’Altro Festival su RaiPlay con Nicola Savino

e il 6 febbraio sul palco dell’Ariston in duetto con Elettra Lamborghini

Tutti i giorni su Rai Radio2

le incursioni di M¥SS in La versione delle due
con Andrea Delogu e Silvia Boschero e il suo racconto del festival sui social del canale.

Dopo lo straordinario successo del suo ultimo album PAPRIKA che l’ha definitivamente consacrata come nuova icona pop, l’angelo dall’occhiale da sera e dal volto velato M¥SS KETA approda alla 70° edizione del Festival di Sanremo per portare un po’ di Porta Venezia nella cittadina ligure.

Subito dopo la fine di ogni puntata della kermesse canora, la Diva Definitiva affiancherà Nicola Savino nella conduzione de L’Altro Festival, il nuovo dopo-festival trasmesso da RaiPlay, per offrire una lettura anticonvenzionale della manifestazione ed esibirsi in alcune performance.

Ma non finisce qui, giovedì 6 febbraio, M¥SS KETA salirà sul palco dell’Ariston insieme a Elettra Lamborghini per interpretare la cover di Non succederà più, storica canzone di Claudia Mori presentata al pubblico nell’edizione del festival del 1982, un brano ancora oggi amato anche dai più giovani.

Tutti i pomeriggi inoltre, la dirompente M¥SS sarà ospite fissa su Rai Radio2, radio ufficiale del Festival di Sanremo 2020, nel programma La versione delle due – in diretta dalle 14 alle 15 – con Andrea Delogu e Silvia Boschero.

Sui canali Social della radio sarà invece possibile seguire le sue avventure sanremesi attraverso video racconti e stories originali.

Elettra Lamborghini: svelata la tracklist

Elettra Lamborghini
Elettra Lamborghini

Elettra Lamborghini

Twerking Queen

El resto es nada

Svelata la tracklist

Da oggi in pre-order su Itunes e presave su Spotify

Contiene musica (e il resto scompare)

Il brano in gara al 70esimo Festival di Sanremo

E non succederà più
In duetto con Myss Keta

Svelata oggi la tracklist di Twerking Queen – El resto es nada (Island Records) di Elettra Lamborghini, in uscita negli store e sulle piattaforme digitali il 14 febbraio, che seguirà la sua partecipazione alla 70esima edizione del Festival di Sanremo e disponibile già in pre-order su Amazon e da oggi anche in pre-order su Itunes e in presave su Spotify.

Oltre alle 10 tracce di Twerking Queen, album d’esordio uscito per Island Records nel giugno scorso e già disco d’oro Fimi, il disco conterrà le nuove versioni di Maldito Dia e di Te Quemas, remixate rispettivamente da Rrkomi e Samurai Jay & Mambolosco, la cover di Non succederà più realizzata per il duetto sanremese con Myss Keta e due brani totalmente inediti: uno sarà proprio Musica (E il resto scompare), la canzone che Elettra Lamborghini presenterà sul palco del Teatro Ariston, e l’altro è Bombonera, scritti successivamente all’uscita dell’ultimo disco.

Qui la tracklist completa:

Original Version

Tocame with Pitbull, Childsplay

Corazon Morado feat. Sfera Ebbasta

Pem Pem

Fanfare feat. Guè Pequeno

Fuerte

Te Quemas feat. MC G15

Pegaditos

Maldito Dia

Ven

Mala

El resto es nada

Musica (e il resto scompare)

Musica (el resto es nada)

Non succederà più feat. Myss Keta

Maldito Dia – Remix feat. Rkomi

Te Quemas – Remix feat. Samurai Jay & Mambolosco

Bombonera

Le vibrazioni: in gara al Festival di Sanremo

Le Vibrazioni_Foto di Chiara Mirelli
Le Vibrazioni_Foto di Chiara Mirelli

Dopo il successo del tour del ventennale, LE VIBRAZIONI tornano per il terzo anno al Festival di Sanremo, in gara nella sezione Campioni con il brano “Dov’è”.

Le Vibrazioni, formate da Francesco Sarcina, Stefano Verderi, Marco Castellani Garrincha e Alessandro Deidda, sono una delle band italiane più longeve con i loro 20 anni di carriera, in cui si sono imposti nella scena pop rock italiana conquistando le classifiche radiofoniche con i loro singoli.
Hanno all’attivo 5 album che contano complessivamente più di un milione di copie vendute. Nel 2019 hanno girato l’Italia con 80 concerti, davanti a un totale di oltre 600 mila persone, compreso un live speciale al Mediolanum Forum di Assago, Milano.

“Dov’è” (Artist First) è una ballad che va dritta al cuore, firmata dallo stesso Francesco Sarcina con Roberto Casalino e Davide Simonetta, che racconta la capacità di rialzarsi dopo una brutta caduta.
Nella serata speciale di Sanremo 70, giovedì 6 febbraio, Le Vibrazioni porteranno la cover di “Un’emozione da poco” di Anna Oxa (che si classificò al secondo posto al Festival di Sanremo 1978) con ospiti speciali sul palco i Canova.
Dirigerà l’orchestra il Maestro Peppe Vessicchio.
La band sul palco sarà vestita Dolce & Gabbana. Stylist Susanna Ausoni.

Partirà il 17 marzo dal Teatro Golden di Palermo “LE VIBRAZIONI IN ORCHESTRA DI E CON PEPPE VESSICCHIO”, il nuovo tour de Le Vibrazioni nei più importanti teatri d’Italia. Uno spettacolo unico, in cui presenteranno tutti i loro più grandi successi in una chiave inedita, accompagnati da un’orchestra di 20 elementi, con nuovi arrangiamenti ideati e realizzati per l’occasione dal Maestro PEPPE VESSICCHIO.

Queste le date: 17 marzo al Teatro Golden di PALERMO, 18 marzo al Teatro Impero di MARSALA (Trapani), 19 marzo al Teatro Metropolitan di CATANIA, 23 marzo al Teatro Alfonso Rendano di COSENZA, 24 marzo al Teatro Apollo di LECCE, 25 marzo al Teatro Team di BARI, 30 marzo al Teatro Massimo di PESCARA, 2 aprile al Teatro Augusteo di NAPOLI, 3 aprile al Gran Teatro Geox di PADOVA, 7 aprile al Teatro Tuscanyhall di FIRENZE, 8 aprile al Teatro Nazionale di MILANO, 15 aprile al Teatro Politeama Genovese di GENOVA, 16 aprile al Teatro Europauditorium di BOLOGNA, 17 aprile al Teatro Colosseo di TORINO e 20 aprile al Auditorium Parco Della Musica – Sala Sinopoli di ROMA.

I biglietti dei concerti sono disponibili in prevendita su Ticketone.it e in tutti i punti vendita autorizzati. I biglietti per la data di Cosenza sono disponibili in prevendita su InPrimaFila (www.inprimafila.net), mentre quelli per la data di Padova su Ticketmaster (www.ticketmaster.it).
Il tour è prodotto da 432, Color Sound e Therea Omnis.

Elodie: uscito l’inedito “Mal di testa” la nuova anticipazione di “This is Elodie” feat. Fabri Fibra

Elodie
Elodie

Elodie: uscita la nuova anticipazione di “This is Elodie” “Mal di Testa” feat. Fabri Fibra. Neffa produce e impreziosisce il brano con un cameo

Uscito venerdì 24 gennaio su tutte le piattaforme digitali “Mal di testa” feat. Fabri Fibra e prodotto da Neffa, l’inedito di Elodie che, dopo “Non è la fine” feat. Gemitaiz, anticipa l’album “THIS IS ELODIE”, disponibile in streaming e digital download dal 31 gennaio e nei negozi, con il disco fisico, dal 7 febbraio.

La linea melodica data da Elodie si alterna al flow inconfondibile di Fabri Fibra, leggenda del rap italiano, arricchendosi grazie a un cameo di Neffa, che chiosa il brano in perfetto stile anni 90.

È ora disponibile su YouTube anche il vertical video di “Mal di testa” (Hangover video), una chat tra amici che commentano le pazzie della notte precedente. Gli amici in questione sono: Fabri Fibra, Neffa, Mahmood, Marracash, Lazza, Carl Brave, Stash, Myss Keta, Margherita Vicario, Beba, Belen Rodriguez, Stefano De Martino, Diletta Leotta, Annie Mazzola, Marta Losito, Emi’s life e Elisa Maino.

Il brano è la seconda anticipazione di “THIS IS ELODIE”, il nuovo progetto discografico di Elodie che, tra qualche giorno, calcherà il palcoscenico del Teatro Ariston, per partecipare alla 70esima edizione del Festival di Sanremo, con il brano “Andromeda”. In primavera poi, la cantante si esibirà live in due concerti interamente dedicati al suo percorso musicale, il 16 aprile a Milano e il 18 aprile a Roma.