Area Sanremo 2019

area-sanremo-2019
area-sanremo-2019

Si svolgerà in due fasi Area Sanremo. La città dei fiori ospiterà nei giorni 18/20 e 25/27 ottobre la prima fase di corsi, audizioni eliminatorie; nella fase successiva invece dall’8 al 10 novembre, si terrà la finale che decreterà gli 8 vincitori. Da questi ultimi, la commissione Rai sceglierà i 2 partecipanti alle Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2020.

L’intera manifestazione anche quest’anno sarà gratuita in tutte le sue fasi grazie all’intervento di un importante sponsor.

Confermata la proficua collaborazione con il CPM Music Institute come Educational Partner che organizzerà tutti i corsi di Area Sanremo.

Primo importante e necessario criterio per iscriversi al concorso è avere un brano inedito, per i dettagli consultare l’intero regolamento.

Il sindaco di Sanremo Albero Biancheri attesta: «L’edizione 2019 di Area Sanremo sarà all’insegna del rinnovamento. Congiuntamente, Comune e Orchestra Sinfonica, hanno deciso di rimodulare l’evento al fine di consolidarlo e poter ripartire con maggiori ambizioni. La garanzia dei due posti al Festival e la copertura dei costi di iscrizione da parte di uno sponsor, di cui presto comunicheremo il nome, sono i punti fermi per un nuovo inizio».

Il neo presidente dell’Orchestra Sinfonica di Sanremo, Livio Emanueli, dichiara: «Si parte con grande entusiasmo per un’Area Sanremo di qualità. Presto verrà comunicata la composizione della Commissione di Valutazione dei ragazzi che sarà composta da cinque musicisti di fama. Nonostante l’assenza di selezioni sul territorio nazionale, siamo fiduciosi che gli iscritti al concorso saranno numerosi anche quest’anno e che a Sanremo si comincerà presto a respirare aria di Festival».

Il direttore artistico di Area Sanremo sarà ancora Massimo Cotto, giornalista, scrittore e speaker di Virgin Radio, che afferma: «Si ricomincia, finalmente. Con grande entusiasmo, con la voglia di scoprire nuovi talenti, di condividere esperienze, suoni e visioni, anche grazie ai corsi affidati nuovamente a Franco Mussida. Ai ragazzi dico una cosa soltanto, perché alle parole preferisco i fatti: ci sono due posti liberi al Festival di Sanremo. Uno può essere vostro. Dovete solo iscrivervi e dimostrarci che lo meritate».

P

Noemi. “La Luna”

Noemi - ph-credit-Julian-Hargreaves_
Noemi – ph-credit-Julian-Hargreaves_

Arrivato a due anni distanza dall’ultimo “Cuore d’artista”, “LA LUNA” è un album variegato e versatile, in cui convivono diversi arrangiamenti e generi: il rock, l’elettronica, ma anche il blues, il cantautorato e perfino il country come in “My good, bad and ugly”.

Un disco molto femminile, coraggioso e sentito, dove una Noemi inedita si rimette in gioco sperimentando nuove sonorità e rivelando al pubblico lati inaspettati. L’album è composto da 13 brani inediti, tra cui “Non smettere mai di cercarmi”, canzone presentata sul palco della 68a edizione del Festival di Sanremo.

«Tra i tanti motivi per cui ho scelto il titolo “La Luna” – racconta Noemi – è perché, come dice Vasco Rossi in «Dillo alla luna», mi piace l’idea di poter parlare alla luna, sperando che porti fortuna. E poi anche perché la luna è un po’ diva, proprio come voglio vivere anch’io questo album.»

A fine maggio, inoltre, Noemi sarà protagonista di due esclusive date live a Milano e Roma per presentare dal vivo i brani contenuti nell’album, oltre ai suoi più grandi successi: il 29 maggio al Teatro degli Arcimboldi di Milano e il 30 maggio all’Auditorium Parco della Musica di Roma.

I biglietti per le date, prodotte e organizzate da F&P Group, sono disponibili in prevendita su TicketOne (www.ticketone.it) e nei punti vendita abituali (info: www.fepgroup.it).

RTL 102.5 è media partner del tour.

Noemi è attualmente impegnata in un instore tour nelle principali città italiane per incontrare il pubblico e presentare il disco.

Queste le prossime date:
24 marzo al Mediaworld del Centro Commerciale Etnapolis di Catania (ore 17.00),
25 marzo alla Feltrinelli di Palermo (Via Cavour – ore 16.00),
8 aprile al Centro Commerciale LatinaFiori di Latina (ore 17.00),
14 aprile al Centro Commerciale I Portali di Cosenza (ore 17.00),
15 aprile al Centro Commerciale Le Fontane (ore 17.00).

News di Angelica Schiatti

angelica schiatti
angelica schiatti

Angelica Schiatti, voce della band Santa Margaret, ha co-firmato la title track del nuovo album di Ermal Meta, Non Abbiamo Armi, uscito il 9 febbraio.
La giovane cantautrice racconta così l’esperienza vissuta al fianco del neo vincitore del Festival di Sanremo:

“Quando ho fatto sentire per la prima volta questo pezzo ad Ermal, è successo qualcosa di magico nella stanza. Lui ha colto immediatamente quello che volevo dire, mi ha presa per mano e siamo entrati insieme nel profondo di questa canzone.

Da che “Non abbiamo armi contro il cambiamento” era una fase dedicata a mio padre, è diventata qualcosa di molto più grande, universale.
Quel pomeriggio, in fondo, siamo usciti dallo studio sapendo che quel pezzo avrebbe dovuto cantarlo lui e non io…e così è stato!”

Dopo un anno di immersione nella scrittura e sperimentazione di nuovi mondi sonori, Angelica è in procinto di registrare il primo album da solista. Il primo brano teaser uscirà in primavera, accompagnato da alcuni appuntamenti live.

Lorenzo Baglioni – primo disco : “Bella,prof!”

Lorenzo Baglioni - ph Gianluca Zati
Lorenzo Baglioni – ph Gianluca Zati

In gara al Festival di Sanremo 2018 (categoria Nuove Proposte) con il brano “Il Congiuntivo”, Lorenzo Baglioni presenta il suo primo disco “BELLA, PROF!”, distribuito da Sony a partire dal 16 febbraio 2018!

L’appuntamento con la “sua” Firenze è fissato per mercoledì 21 marzo all’Obihall

I biglietti saranno disponibili in prevendita da venerdì 26 gennaio nei punti Box Office Toscana http://www.boxofficetoscana.it/punti-vendita tel. 055.210804 e online su www.boxol.it e www.ticketone.it.

Lorenzo e la sua band proporranno un energico concerto live, alternando canzoni a monologhi comici. Ad affiancare il cantante, attore e comico fiorentino saranno Emanuele Bonechi alla batteria, Marco Caponi al sax, Alessandro Cianferoni al basso, Lorenzo Furferi alle tastiere, Damiano Sardi al pianoforte e alla voce e Daniele Vettori alla chitarra.

Musica: “Pop simpatico simpatico con venature tragiche”

pop_simpatico_con_venature_tragiche-cover-RGB-01-2

Esce a fine gennaio 2016 “Pop simpatico con venature tragiche” il primo album ufficiale di Irene  Ghiotto  cantautrice  nata e cresciuta nella provincia di Vicenza.

Dopo aver ricevuto diversi riconoscimenti e aver calcato palchi importanti come quello dell’Ariston in occasione della 63esima edizione del Festival di Sanremo (categoria ‘Nuove Proposte’), Irene Ghiotto è ora pronta per il suo primo disco ufficiale, scritto, suonato e arrangiato da lei con la collaborazione della violoncellista Valentina Cacco.

“Il primo disco non si scorda mai” racconta Irene “In particolare quando arriva a trent’anni, dopo tentennamenti, strade a senso unico, inversioni di marcia, sterrato con scarponi e pantofole su parquet. Arriva lento e compie il giro di boa con una calma irritante, una serenità incurante. Inizia il suo viaggio, fresco come una rosa, mentre io barcollo sotto l’effetto della stanchezza e si mette in marcia con un tempismo perfetto, simultaneo al mio insonne e agognato riposo. E’ frutto di un intimo rapporto dialettico, sicuramente tormentato e anche un po’ disfunzionale, con il pop.”

“Pop simpatico con venature tragiche” è stato registrato, mixato e masterizzato da Max Trisotto presso True Colours Studio e Franz.Studio e contiene dieci brani inediti.
La produzione del disco è costruita attraverso il meccanismo del loop ritmico, maggiormente composto da schiocchi di dita, mani, labbra, lingua e soffi e sbuffi d’aria.

Il fiato e il battito appoggiati uno sopra l’altro contribuiscono a tessere la trama, la geometria su cui si intrecciano i fili del canto. La voce racconta, si fa piccola, urla di rabbia e piange di dolore, attorno a mille altre voci che incollano e inchiodano la canzone alla nuda pelle e la avvolgono come una sciarpa morbida e spessa.

Pochi strumenti, usati come variazioni tonali, dentro al grande astuccio dei colori primari: forti, accesi, diretti ma anche sfumati con le dita e impiastricciati di carta pesta.
Questa la tracklist del disco: “Una Mosca”, “La strada sbagliata”, “La filastrocca della sera”, “Ciglia”, “Cinque anni” , “Canzone inutile”, “Gioco di parole”, “Lieto fine”, “La sposa”, “Il nostro orizzonte”.