Teatro Verdi di Milano: “Urlando Furiosa”

rita pelusio
rita pelusio

Vale la pena battersi per battaglie considerate perse?
“cos’è un gesto Epico?” chiese Urlando alla Luna.
“E’ un’impresa più grande di te che sai che potrebbe anche finire male ma che decidi ugualmente di compiere”
“ah” rispose Urlando e tornò a dormire.

Urlando Furiosa è un buffone poetico e irriverente nato dalla fantasia di Rita Pelusio, attrice e autrice che da anni sperimenta un teatro che sappia essere al contempo comico e civile.
Lo spettacolo che gioca con l’immaginario dell’epica, ci presenta un’eroina all’incontrario, piena di dubbi, in crisi, perennemente bastonata dalla realtà.

Attraverso le sue riflessioni e il racconto delle sue battaglie perse si interroga sulle contraddizioni del presente e si chiede se ha ancora senso credere nell’incredibile, sfidare il cinismo e la disillusione, immaginare il futuro con più incanto.

TEATRO VERDI MILANO, via Pastrengo 16

Orari:
da martedì a sabato ore 20.30
domenica ore 16.30
lunedì riposo

Info e prenotazioni:
02 6880038 prenotazioni@teatrodelburatto.it

da martedì a venerdì dalle 15.00 alle 18.30 e solo nei giorni di spettacolo dalle 18.30 alle 20.30
sabato dalle 17.00 alle 20.30 (solo nei giorni di spettacolo)
domenica dalle 14.00 alle 16.30 (solo nei giorni di spettacolo)

Prezzi:
da 20€ a 10€
giovedì posto unico 10€

Rassegna”Sensi d’Estate 2016″: Mamme, suocere e … vajasse

foto porcaro
foto porcaro

Mercoledì 20 Luglio primo appuntamento con “Sensi d’estate”, la rassegna culturale estiva promossa dal Museo Tattile Statale Omero. Alle ore 21,30 nella corte della Mole Vanvitelliana è di scena l’attrice comica Rosalia Porcaro in “Mamme suocere e … vajasse”, uno spaccato comico-musicale della Napoli di ieri e di oggi con musiche dal vivo del trio Ánema, che interpreta in modo originale sia i titoli più conosciuti, sia i motivi della grande tradizione popolare. Regia Massimo Puliani.

La Porcaro dall’Ottavo nano di Raidue dove interpretava la famosa cantante neomelodica con la hit “Sesso senza cuore” fino al personaggio di Samatha nell’ultimo film di Aldo, Giovanni e Giacomo “Il ricco, il povero e il maggiordomo” è sulla scena comica e cabarettistica italiana da quasi vent’anni.

Lo spettacolo “Mamme suocere e … vajasse” si articola in monologhi grotteschi attraverso persone incontrate tra i vicoli, nelle case popolari e borghesi di Napoli, nelle fabbriche dove i diritti sono “interpretati”. Attraverso Veronica, l’operaia; Carmela, la delusa dai politici, rassegnata a giocare tra i cassonetti; Natascia, cantante neomelodica, l’aspirante escort e la Suocera.

Lo spettacolo propone una galleria di personaggi: con donne dalle mille speranze, sognanti e disincantate al tempo stesso, rappresentative di una Napoli pronta a trovare nella disperazione la forza di reagire e d’inventarsi la vita. Persino la signora “Assundham” sfuggita ai missili americani, vive con assoluto ottimismo la precarietà della vita tanto da trasformare così, la tragicità del suo mondo, in un divertentissimo paradosso.

L’ingresso allo spettacolo è libero. In caso di pioggia si svolgerà al Teatro Sperimentale L. Arena di Ancona

Incontro con Valentina Cortese

 

Grande ritorno di Valentina Cortese nel “suo” Piccolo Teatro per un’occasione unica: l’uscita del libro Quanti sono i domani passati (Mondadori), nel quale l’“ultima Diva” si spoglia degli abiti di scena e si racconta.

L’incontro con la grande attrice si terrà mercoledì 11 aprile alle 20,30 al Piccolo Teatro Studio Expo, via Rivoli, 6 – Milano (Fermata M2 Lanza). A conversare con lei Lina Sotis e il critico cinematografico Maurizio Porro. Interverranno per un saluto il direttore del Piccolo, Sergio Escobar, e l’assessore Stefano Boeri. La serata, che prevede anche letture e proiezioni di spezzoni di film, è promossa dal Piccolo Teatro e da Mondadori in collaborazione con il Comune di Milano, Assessorato Cultura, Moda e Design, ed è a cura di Stefano de Luca.

Come ritirare i biglietti gratuiti

L’ingresso è gratuito con ritiro del biglietto e assegnazione del posto, fino ad esaurimento delle disponibilità. I biglietti possono essere ritirati alla biglietteria del Piccolo Teatro Strehler, Largo Greppi, tutti i giorni dalle 9,45 alle 18,45, domenica dalle 13,00 alle 18,30.

 

Il Libro

Valentina Cortese

quanti sono i domani passati

Mondadori  –   in libreria da aprile 2012

 “Sono un’attrice vecchio stile, con la voce flautata. Nella vita, lo so, cerco di fare il clown, cerco di tenermi questa etichetta che mi hanno messo addosso della diva un po’ evanescente, e che in fondo mi va bene, mi protegge e mi fa comodo.” Così si descrive Valentina Cortese, un mito del teatro e del cinema di tutto il mondo. Una grande attrice, come forse non ce ne sono più. Un’artista che ha perseguito gli ideali di grazia e bellezza: “A essi, come a me stessa, voglio restare fedele. Io mi dissocio dal presente distratto che non vede le cose essenziali. Non aderisco alla bruttezza e alla volgarità, perché non posso.” Ma Valentina, tolti gli abiti di scena, è soprattutto una donna, con la sua gioia e la sua disperazione di vivere. “Io amo la vita anche se la vita spietatamente ci scaraventa là, così, subito, brutalmente nel caos.” E la sua vita, raccontata in questo libro, sembra quasi una favola hollywoodiana, che inizia allo scoccare del nuovo anno in una Milano d’altri tempi, per passare alle rive dell’Adda imbiancato, fino a Torino, Roma, Cinecittà, Hollywood, e poi al palcoscenico del Piccolo Teatro. Una storia di grandi amori con uomini altrettanto grandi: Victor de Sabata, Giorgio Strehler; di incontri e amicizie straordinarie: da Fellini a Marilyn Monroe, da Truffaut ad Alda Merini.

Collana                                                                Ingrandimenti

Pagine                                                                    204

Prezzo                                                                    17,00 euro