Leburn Maddox e Fabio Rossato a TrentinoInJazz

Leburn Maddox
Leburn Maddox

Un giovedì di soul, funk, blues e jazz al TrentinoInJazz 2018. Giovedì 19 luglio la rassegna ospita due appuntamenti diversissimi, ma proprio questo è il segreto del TrentinoInJazz: alle 12 a Moena il travolgente rock blues di LeBurn Maddox, alle 21 a Sanzeno il sofisticato jazz della fisarmonica di Fabio Rossato.

Il primo dei due concerti riguarda Panorama Music, la sezione del festival che si svolge nel palcoscenico naturale delle Dolomiti della Val di Fassa, organizzata dalle società di impianti a fune della Val di Fassa, con la direzione artistica Enrico Tommasini.

La carriera di Leburn Maddox è iniziata negli anni ’70, con collaborazioni con giganti quali James Brown e George Clinton. In qualità di membro del JCB, Leburn ha condiviso i palchi con artisti di fama mondiale come John Lee Hooker, Chaka Khan, Patti La Belle, Lionel Ritchie, Bill Withers, Kool & the Gang, Gil Scott Heron, Chic, KC & The Sunshine Band e la sorprendente Larry Graham & Graham Central Station. Ha suonato ancora con Debbie Harry e Blondie, Marcus Malone, Lightnin Willie e molti altri.

Per l’occasione Leburn sarà accompagnato da Francesco Zucchi (basso) e Jacopo Coretti (batteria). I concerti Panorama Music sono gratuiti. Il biglietto di andata/ritorno degli impianti di risalita è a carico dei partecipanti. In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno dello Chalet Valbona.

In serata si passa a Sanzeno per la sezione Valli del Noce con Fabio Rossato, uno dei più eclettici fisarmonicisti sulla scena internazionale contemporanea e performer di fama consolidata nel mondo della musica classica.

Fabio Rossato da più di un decennio sta esplorando come compositore e arrangiatore il linguaggio del Jazz, guadagnando riconoscimenti entusiasti dalla critica e dal pubblico.

Fabio ha avuto il privilegio di suonare per il celebre Astor Piazzolla il quale, sbalordito dal suo talento e dalle incredibili potenzialità della fisarmonica, differente per quanto familiare dal bandoneòn del Tango argentino, ha dedicato i suoi Tre Preludi proprio a Rossato e alla sua fisarmonica. Per il TrentinoInJazz, Rossato sarà in duo con la collega fisarmonicista Silvia de Boni.

Mercoledì Musicali: Piazzolla, per quartetto d’archi

Quartetto Orchestra da camera Fiorentina
Quartetto Orchestra da camera Fiorentina

Da Fritz Kreisler ad Astor Piazzolla, da Sting ai Beatles. Un programma brillante, votato al contemporaneo e in particolare alle danze, quello scelto dal Quartetto d’Archi dell’Orchestra da Camera Fiorentina per il concerto di mercoledì 13 giugno all’auditorium FCRF di Firenze, nell’ambito dei Mercoledì Musicali della Fondazione Cr Firenze.

A tratteggiare arie di valzer, tango e pop saranno i violini di Marco Lorenzini e Claudio Freducci, la viola di Sabrina Giuliani e il violoncello di Sandra Bacci: musicisti con curricula prestigiosi oltre che solisti e prime parti dell’Orchestra da Camera Fiorentina.

Il programma si apre con la prima assoluta di “Quartetto per archi” di Marco Lorenzini. A seguire “Liebesfreud”, dalle “Antiche melodie viennesi” di Fritz Kreisler, mentre a portarci nella swinging London dei ’60 saranno “Michelle” e “Hey Jude” dei Beatles. Ancora un salto, stavolta nei barrios di Buenos Aires, insieme ad Astor Piazzolla e al suo “Four for Tango” e a “Roxanne” di Sting, nella versione tanguera tratta dal musical “Moulin Rouge”.

E’ previsto un biglietto simbolico di 5 euro, è consigliata la prenotazione al numero 055.538.4001 o via mail a ricevimento@entecarifirenze.it, dal lunedì al venerdì in orario d’ufficio. Il ricavato è devoluto all’associazione Astrolabio.

Tutte le informazioni sui Mercoledì Musicali della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze sono disponibili al sito www.fondazionecrfirenze.it. La rassegna è organizzata dalla stessa fondazione, con la direzione artistica di Giuseppe Lanzetta.

“Crime Passionnel” in scena allo Spazio Teatro No’hma

Crime Passionnel_Mario Cei
Crime Passionnel_Mario Cei

Mercoledì 7 e Giovedì 8 Febbraio (ore 21) lo Spazio Teatro No’hma per la rassegna Armonie e Suoni presenta Crime passionnel – Opera musicale per un uomo solo, composta nel 1981 dal paroliere francese Pierre Philippe su musiche di Astor Piazzolla.

Opera poco nota anche tra gli specialisti, Crime passionnel rivela lo straordinario talento del padre del tango argentino moderno anche come autore teatrale. Dalla sua collaborazione con Pierre Philippe è infatti scaturita una splendida opera da camera con una struttura compiuta, in cui i testi sono perfettamente “rivestiti” e sostenuti dalla “musica di velluto viola” del compositore argentino, come la definì l’autore stesso.

Crime passionnel è un canto di solitudine e un lamento d’amore.
Più di trent’anni dopo le prime messe in scena negli anni Ottanta a Parigi con Jean Guidoni come interprete e un raro adattamento in inglese presentato da Jérôme Pradon al Festival di Edimburgo nel 2001, Mario Cei ha deciso di proporre per la prima volta in Italia Crime passionnel, con l’accompagnamento musicale di Alessandro Sironi e la regia di Roberto Recchia.

INFORMAZIONI AL PUBBLICO
SPAZIO TEATRO NO’HMA TERESA POMODORO
via Andrea Orcagna 2 – 20131 Milano (MM2 linea verde – fermata Piola)

Ingresso libero e gratuito con prenotazione obbligatoria
Infoline e prenotazioni: 02.45485085 / 02.26688369
È possibile prenotare anche collegandosi al sito www.nohma.org

In scena a Milano i versi di Cesare Pavese e melodie di Astor Piazzolla,

Da sx Piercarlo Sacco, Federica Fracassi e Andrea Dieci
Da sx Piercarlo Sacco, Federica Fracassi e Andrea Dieci

Venerdì 17 novembre alle ore 20.00 si accenderanno le luci del proscenio di Après-coup con Federica Fracassi, gioiello prezioso del teatro contemporaneo, accompagnata da un duo di musicisti di fama internazionale: Piercarlo Sacco (violino) e Andrea Dieci(chitarra classica).

In scena a Milano i potenti versi di Cesare Pavese abbracceranno le melodie raffinate di Astor Piazzolla, per creare un ponte immaginario fra le Langhe, la terra-madre mitizzata dal poeta, e quell’Argentina magnetica, dove il tango passionale e aggressivo è elemento immutabile di un popolo.

La voce intensa di Federica Fracassi e le note di Piercarlo Sacco e Andrea Dieci intrecceranno l’arte di due monumenti della cultura contemporanea, entrambi arditi e vitali, eppure al contempo malinconici e passionali, in una scelta artistica che amplificherà la forza delle dodici poesie di Pavese, così come l’intensità degli undici brani di Piazzolla scelti fra le pagine meno note della sua produzione e riarrangiati magistralmente da Sacco e Dieci.

Durante la serata gli ospiti di Après-coup potranno nutrire spirito e corpo, e godersi il piacere di stare insieme seduti a un tavolo art déco, degustando vini tipici piemontesi e assaggi di cibi della terra tanto cara a Pavese.
Al termine del melologo, sarà possibile condividere con gli artisti sensazioni, emozioni e impressioni, magari sorseggiando un bicchiere di vermouth.

Le poesie di Cesare Pavese in ordine di recitazione:
Senza titolo (luglio 1928); La puttana contadina (da Lavorare stanca, novembre 1937); Passerò per Piazza di Spagna (da Verrà la morte e avrà i tuoi occhi, marzo 1950); Tre poesie senza titolo (da La terra e la morte, novembre/dicembre 1945); Profumi (agosto 1927); Senza titolo (settembre 1927); Le maestrine (ottobre 1931); Il Blues dei blues (novembre 1931); Senza titolo (gennaio 1928); I pensieri di Dina (poesia censurata, in origine nella raccolta Lavorare stanca); Poggio Reale (da Lavorare stanca, settembre 1935);
La casa (agosto/settembre 1940).

I brani di Astor Piazzolla per violino e chitarra classica in ordine di esecuzione:
La Calle 92; Psicosis; Calambre; Milonga en Re; Suavidad; Jeanne y Paul;
Fièvre (Fiebre de tango); Made in USA; Fracanapa; Dernier Lamento; Detresse.