Il turismo ai tempi del Covid-19

20-05-18 Locandina Webinar Turismo Università Europea di Roma
20-05-18 Locandina Webinar Turismo Università Europea di Roma

Il turismo ai tempi del Covid-19: (l’incertezza) delle regole, traiettorie di sviluppo sostenibile e nuovi modelli di business.
Il primo Webinar sul Turismo che riunisce accademici, ricercatori, istituzioni e professionisti del settore. Sono intervenuti come relatori il Presidente di Federturismo Confindustria Marina Lalli e il Presidente di ENIT, Giorgio Palmucci.
Roma, 18 maggio 2020- Come sarà il turismo dopo il Covid-19? Questo l’argomento principale del convegno virtuale organizzato dal corso di Laurea Turismo e valorizzazione del territorio dell’Università Europea di Roma.
Un Webinar, quello di UER, primo di un ciclo dedicato al turismo e all’inclusione, che si pone l’obiettivo di creare un dialogo tra le parti, per riflettere sul futuro del turismo in Italia e in Europa. A moderare l’incontro è stato il Vicedirettore del TgLa7, Andrea Pancani che ha aperto il dibattito con una riflessione “Oggi tutto il paese riparte, ma ancora non sappiamo se riusciremo ad andare in vacanza”. In questa ottica si aprono i lavori del primo Webinar che vede interagire tutti gli attori del comparto turismo.
Il primo a prendere la parola è stato il Magnifico Rettore Prof. Padre Pedro Barrajón, L.C. che ha portato i suoi saluti e ha dichiarato: “4-5 anni fa abbiamo istituito il corso di Laurea in Turismo perché da sempre consapevoli del ruolo primario del Turismo nel nostro paese; volontà e creatività sono sicuramente le parole chiave da cui ripartire”. Queste le parole scelte dal Magnifico Rettore che nella giornata è stato coadiuvato dalla Coordinatrice del Corso di Laurea in Turismo e valorizzazione del Territorio, la professoressa Loredana Giani. Il convengo è stato suddiviso in due parti; nella prima sezione si è trattato il tema dell’incertezza delle regole del Turismo post Coronavirus e sono intervenuti: Marcella Gola, professore ordinario di Diritto Amministrativo presso Università degli Studi di Bologna, Ruggiero Dipace, professore ordinario di Diritto Amministrativo dell’Università degli Studi del Molise e Giovanna Iacovone, professore associato Diritto Amministrativo Università degli Studi della Basilicata. Nella seconda sezione si è discusso sul tema delle traiettorie di sviluppo sostenibile e dei nuovi modelli di business e hanno preso parte al dibattito il Presidente di ENIT, Giorgio Palmucci che ha posto l’accento sugli strumenti di supporto introdotti dell’Agenzia nazionale del Turismo: “ENIT ha creato un cruscotto di crisis management finalizzato ad aiutare tutti gli imprenditori e le associazioni ad avere un quadro realistico della situazione del turismo in Italia e in Europa. Stiamo, inoltre, lavorando sinergicamente con gli assessori regionali per realizzare una campagna di comunicazione che valorizzi il nostro territorio”. È quindi intervenuta Marina Lalli, Presidente Federturismo Confindustria, che ha ribadito la necessità di un cambiamento nei modelli di business del settore e ha dichiarato: “I due principi fondamentali per arrivare ad un rinnovamento del settore sono il capitale umano e l’interazione tra le aziende; dobbiamo, quindi, trovare nuovi metodi per far conoscere il nostro paese e andare incontro agli obiettivi di sostenibilità.”
All’evento hanno partecipato: Paolo Giuntarelli Direzione regionale Istruzione, Formazione e Ricerca alla Regione Lazio, Cristina Storti, Agenzia regionale del Turismo alla Regione Lazio, Barbara Casillo, Direttore regionale Associazione Italiana Confindustria Alberghi, Valentina Castello, docente di reti e sistemi turistici locali e marketing del turismo all’Università Europea di Roma e, infine, Filippo Brunetti, Avvocato. Le conclusioni del convegno sono state formulate dalla Professoressa Loredana Giani che ha dichiarato: “Il dibattito sulle parole chiave della ripartenza del Turismo, condiviso con gli attori del sistema, ha fatto emergere anche la necessità di un’unitarietà delle regole, non nel senso di una sottrazione di competenze alle Regioni, ma nel senso di una univocità delle norme in favore della certezza. Una definizione condivisa di valori ed obiettivi; elementi su cui si fonda la fiducia dei cittadini-consumatori e delle imprese, essenziale per il sistema turistico, che ricopre un ruolo di primaria importanza per l’economia del paese”. L’Università Europea di Roma è l’Ateneo che ha maggiormente investito nell’alta formazione per il management turistico il corso di Laurea in Scienze del Turismo e valorizzazione del Territorio costituisce, per la sua attenzione all’innovazione, ad oggi un unicum nel panorama accademico della capitale.
NOTA PER L’EDITORE L’Università Europea di Roma è un’Università italiana non statale che fa parte del sistema universitario pubblico e rilascia titoli di studio aventi valore legale. Offre Corsi di Studio in: Economia, Giurisprudenza, Psicologia, Scienze della Formazione Primaria e Turismo e Valorizzazione del territorio. Nel 2019 ha superato i 1500 studenti con una crescita annua del 25% ed è posizionata 1° a Roma tra le piccole università non statali nella classifica Censis 2019 della Università Italiane.
www.universitaeuropeadiroma.it
___________________________________________________________________________________________________________

Arriva il bonus vacanze da 150 a 500 euro

Spiagge
Spiagge

Nel Decreto Rilancio si parla anche di un tema che fino ad  ora ha avuto parecchi punti interrogativi. Il turismo. andremo in vacanza? Si potrà andare al mare, montagna, lago e altri posti nella nostra Italia ?

Se diversi sono i parerei dei virologi sul possibile andamento del Covid-19, più ferma la posizione del Governo che ha pensato di mettere a disposizione il bonus , aumentando anche il limite, per le famiglie che lo richiedono,  dell’Isee da 35 a 40.000 euro.

L’obiettivo è quello di rilanciare la promozione del turismo italiano delle strutture alberghiere e ricettive del Paese ed il credito è utilizzabile al 90% in forma di sconto sul corrispettivo dovuto anticipato dai fornitori in cui è stata sostenuta la spesa. Il restante 10% in forma di detrazione di imposta al momento della dichiarazione dei redditi.

Perchè i bonus variano da 150 a 500 euro?  La risposta è semplice. 150 euro per chi è da solo nel nucleo familiare, 300 euro per due persone, 500 euro per le famiglie e sarà utilizzabile dal 1° luglio al 31 dicembre 2020.

Turismo e vacanze in questa estate saranno ovviamente soggette ad alcune restrizioni, come il divieto di assembramento, cibo e bevande da asporto, distanze di sicurezza.

Grado: l’Isola che c’è

01 Grado Aerea (1)_Ph.Fabio Papalettera
01 Grado Aerea (1)_Ph.Fabio Papalettera

Grado: l’Isola che c’è
Respirare benessere e natura in questa estate di rinnovamento
Sicurezza, salute, ampi spazi, attività all’aria aperta
per vacanze di tutto relax nell’affascinante località di mare friulana,
sulla quale sventolano la Bandiera Blu, la Bandiera Verde e la Bandiera Gialla

Esiste un’isola, nel mare del Friuli Venezia Giulia, con 10 km di spiaggia sabbiosa, circondata da 16.000 ettari di laguna punteggiata da oltre 100 isolotti, da esplorare pedalando lungo i suoi 40 km di piste ciclabili (sui quali sventola la Bandiera Gialla della Fiab con 5 bike smile, ottenuti solo da 6 Comuni in Italia) e da godersi praticando uno dei tanti sport all’aria aperta che vengono proposti da un nutrito numero di operatori. Quell’isola che c’è si chiama Grado e si sta attrezzando per affrontare nel modo più adeguato e sicuro la stagione estiva, e accogliere i turisti con il suo consueto alto standard di ospitalità, per rendere la loro vacanza piacevolissima, unica e realmente salutare.
Sicurezza, salute e benessere sono da sempre declinati a Grado, dichiarata dagli Asburgo spiaggia imperiale fin dal 1892 e stazione termale riconosciuta a livello internazionale, grazie anche alla presenza del Centro sabbiature unico in Italia, che sfrutta i positivi effetti della sabbia ricca di minerali benefici. E la prossima stagione sarà certamente all’altezza della sua storia che racconta anche di 30 Bandiere Blu (per la gestione sostenibile delle spiagge e per la qualità delle acque) e 11 Bandiere Verdi (assegnate dai pediatri europei).
Già a partire da giugno, in virtù degli agli ampi spazi aperti che caratterizzano la località balneare, per i visitatori sarà possibile vivere una vacanza all’insegna del relax, dello sport, della scoperta delle ricchezze d’arte e storia di cui Grado e dintorni sono straordinariamente ricchi. Sarà possibile fare vela, kite surf, golf, tennis, padel, canoa, kayak, sup, skateboard, roller, yoga, windsurf, nuoto, slackline, nordic walking ed esplorazioni subacquee, nella massima sicurezza. Si tratta, infatti, di attività motorie e discipline sportive con un indice di pericolosità molto basso, visto il naturale distanziamento con il quale vengono praticate. Per chi ama la lentezza e la mobilità green, è disponibile inoltre un nuovo servizio di bike sharing che, grazie a una App gratuita, permette di noleggiare online la bicicletta con guida virtuale, che non abbandona mai il turista e lo accompagna a scoprire i santuari naturali dell’Isola della Cona (coi suoi cavalli Camargue) e di Valle Cavanata (splendida oasi dove hanno trovato il loro habitat naturale molte specie di uccelli) e quelli spirituali, come le stupende chiese paleocristiane del caratteristico centro storico di Grado o la basilica di Aquileia, distante una decina di km dall’isola. Per raggiungere l’antico e venerato santuario di Barbana sull’omonima isoletta della laguna, invece, si può utilizzare il comodo e sicuro servizio di taxi boat o noleggiare una barca.
Suggestivo borgo di pescatori dall’antichissima storia, trasformatosi negli anni in una vivace ed elegante località turistica, Grado è oggi conosciuta come l’“Isola del Sole” ed è la perla delle località marine del Friuli Venezia Giulia. Con la sua prestigiosa tradizione di ospitalità come località salutare e di benessere, mette a disposizione degli ospiti il più ampio ventaglio di strutture ricettive, adatte a ogni singola esigenza e particolarmente impegnate nella gestione delle necessarie sanificazioni, in grado di garantire indipendenza di relazioni e distanze: alberghi, aparthotel, appartamenti proposti dalle agenzie immobiliari, campeggi, aree camper e villaggi turistici, che offrono soluzioni all’aria aperta, per una vacanza poco affollata, personalizzata e in mezzo alla natura.

Anche per la stagione 2020, Grado attende i turisti con la sua interminabile spiaggia rivolta a sud e sempre assolata, l’aria ionizzata del mare, gli ampi spazi dove poter godere una vacanza serena e en plen air. Uno straordinario mix benefico servito con la giusta dose di ottima cucina marinara, prodotti a km zero, buon vino, riposo, divertimento e relax: l’elisir di lunga vita in un indimenticabile “luogo dell’anima”, come lo definì il grande regista e poeta Pier Paolo Pasolini, un autentico innamorato dell’Isola, che scelse la sua laguna per girare Medea, uno dei suoi capolavori.
Informazioni: Consorzio Grado Turismo
www.grado.it – info@gradoturismo.org
www.grado.info – turismo@comunegrado.it

Val Gardena: pronta a ripartire per l’estate 2020

Val Gardena
Val Gardena

La Val Gardena è pronta a ripartire per l’estate 2020
Dopo aver dichiarato la volontà di riaprire il prossimo 4 Giugno, ecco quali sono le iniziative per la prossima estate, ormai alle porte.

Val Gardena, 08 maggio 2020 – La Val Gardena si sta preparando ad accogliere nuovamente gli ospiti e sta predisponendo una grande macchina organizzativa in grado di adottare tutte le misure che saranno necessarie per garantire la sicurezza di tutti, dal distanziamento tra le persone all’igiene dei luoghi pubblici, al chiuso e all’aperto.

Nelle ultime settimane sono state intraprese due iniziative per offrire ulteriori garanzie. Ad Aprile è stato fatto un test di immunità contro il SARS-CoV-2, esteso alla popolazione, dove sono state analizzate 962 persone fra i 6 e i 88 anni d’età e si è scoperto che il 49% è risultato positivo (e quindi immune al virus), come confermato dal dottor Simon Kostner, che ha seguito il progetto.
Inoltre, è stato effettuato un sondaggio su 2.251 abitanti della valle (circa il 20% dei residenti) e anche in questo caso è emerso che oltre il 48,78% ha avuto almeno tre sintomi. Una parziale immunità di gregge, a ulteriore salvaguardia di tutti gli ospiti e dei valligiani.

Inoltre, ci sono numerose iniziative di esercenti e albergatori volte a garantire un ancor maggiore livello di attenzione.
Negli alberghi si preparano attività come il Fast Check-in, gli orari differenziati per pranzo e cena, le colazioni in giardino con ceste e i kit personalizzati di igiene.
Molte strutture si sono dotate di macchine all’ozono per la sanificazione, per rendere sterile ogni ambiente, tra un soggiorno e il seguente.
Un albergatore della valle ha anche dotato di Ipad ogni camera per ordinare prodotti, piatti, bevande, in ogni momento della giornata, comodamente dalla propria camera.

Molte anche le iniziative all’aperto per gli ospiti, come le gite e i trekking per piccoli gruppi con pranzo formato pic-nic, presso le baite, che hanno comunque tanto spazio a disposizione e distanzieranno anche i posti seduti, per consentire di pranzare a tavola.

Negozi e ristoranti si sono attrezzati con servizi take-away e delivery presso l’alloggio e un ristorante ha organizzato un servizio di drive-in, per ordinare il pasto in auto.

Inoltre, tutti i tre paesi sono stati sanificati con un progetto di un’azienda altoatesina che ha convertito i cannoni di innevamento artificiali in strumenti per sanificare tutto il territorio. Partendo dalla tecnologia utilizzata per l’innevamento tecnico, ha trasformato un generatore neve in un sistema mobile di igienizzazione.

Ma oltre a prepararsi nel migliore dei modi per tutelare la salute delle persone che visiteranno la valle la prossima imminente estate, i gardenesi hanno lavorato con passione e dedizione anche su tutto il territorio.
I sentieri sono di nuovo puliti e in ordine, i fiori sbocciano da ogni balcone, i rifugi, gli hotel, i ristoranti, i negozi sono pronti ad accogliere tutti coloro che amano questa valle e hanno voglia di trascorrere un periodo estivo sereno, lontano dai grandi centri urbani.

Tutta la comunità sta lavorando con molto impegno, per offrire un eccellente livello di ospitalità, con grande attenzione per ogni singolo particolare.

La tanta voglia e il desiderio di ripartire sono stati anche sintetizzati in una campagna dal titolo #RestartAltoAdigeNOW

Gli aggiornamenti sulle varie attività e le principali proposte sono disponili sul sito, sulla app e sui canali social della Val Gardena.

 

CartOrange: 600 mila euro ai suoi consulenti di viaggio

6072_web_Gianpaolo Romano_ADCartOrange
6072_web_Gianpaolo Romano_ADCartOrange

600 mila euro ai suoi consulenti di viaggio da CartOrange
«Sostegno ai nostri collaboratori fermi per l’emergenza Covid-19»
L’azienda, specializzata in viaggi esperienziali su misura, erogherà subito gli anticipi sulle commissioni future. In questo periodo tante attività di formazione e aggiornamento professionale
Il CEO Gianpaolo Romano: «Siamo certi che l’investimento sarà presto ripagato alla ripartenza»

In un momento di gravissima crisi per il turismo dovuta all’emergenza Covid19 CartOrange, la più grande azienda italiana di consulenti di viaggio con oltre 450 collaboratori su tutto il territorio nazionale, ha deciso di sostenere finanziariamente i propri consulenti, che da un giorno all’altro hanno visto bloccata la propria attività e i loro mezzi di sostentamento, erogando oltre 600.000 euro complessivi di anticipi su commissioni future.

«A causa delle cancellazioni e del blocco delle vendite –spiega il fondatore e CEO di CartOrange Gianpaolo Romano– i Consulenti per Viaggiare si sono trovati a non poter più contare su nuove entrate. CartOrange è dunque intervenuta distribuendo sulle cancellazioni e su tutte le partenze in via di annullamento una parte delle commissioni normalmente previste. In questo modo, tutti i consulenti che avevano effettuato delle vendite hanno potuto beneficiare di un anticipo finanziario, mantenendo così una buona fetta degli incassi attesi nonostante le cancellazioni ».
Il grande sforzo economico sopportato da CartOrange ha anche il fine di far comprendere ai propri consulenti quanto l’azienda voglia essere vicina ai loro bisogni. «Lavorare in CartOrange significa far parte di una famiglia e quindi condividere un legame che deve rafforzarsi soprattutto nei momenti difficili -afferma sempre Romano-. Affrontiamo questa crisi forti di anni di crescita a doppia cifra e questo ci ha consentito di intervenire in soccorso dei nostri consulenti; lo sforzo è consistente ma siamo certi che questo investimento sarà presto ripagato alla ripartenza. Il nostro modello infatti è quello che meglio coniuga il bisogno di sicurezza e relazione con la flessibilità ed il digital, elementi fortemente richiesti dal mercato; fare il consulente di viaggio significa interfacciare i consumatori in modo assai diverso dal tradizionale modo dell’agente di viaggio e per raggiungere traguardi significativi è indispensabile poter contare su un’azienda solida economicamente, in grado di fare continui investimenti, e di grande esperienza nell’assistenza specialistica ai consulenti, come CartOrange, che da più di 20 anni porta al successo i propri Consulenti».

Oltre a pianificare un sostegno economico per i propri consulenti, CartOrange ha messo in campo numerose iniziative in questo periodo di mancate vendite per i propri collaboratori. «Abbiamo intensificato tutte le attività a favore dei consulenti realizzando, grazie alla nostra Academy, ogni settimana numerosi eventi di formazione attraverso webinar, aule digitali, e tutorial -prosegue Gianpaolo Romano-. Ogni giovedì, inoltre, realizziamo un webinar, divenuto un appuntamento fisso e molto atteso, dal titolo Vendere viaggi al tempo del Coronavirus, in cui presentiamo le informazioni di attualità utili per gestire il momento difficile e coltivare la relazione con i clienti. E siamo al lavoro per presentare le prossime novità di prodotto e di marketing, perché crediamo che sia proprio nei momenti di crisi che si debbano cogliere le opportunità di cambiamento e di miglioramento».

CartOrange – Viaggi su misura (www.cartorange.com) è la più grande azienda di Consulenti per Viaggiare®, attiva in Italia dal 1998 con 450 Consulenti e svariate filiali sul territorio nazionale. Un servizio personalizzato per proporre viaggi su misura unici e ricchi di esperienze, alla scoperta dei luoghi più belli del pianeta.