L’Avvento alpino nella terra di Mozart: tutto il fascino di Salisburgo e i suoi dintorni nella stagione invernale

Salisburgo_Avvento alpino
Salisburgo_Avvento alpino

Romantico e pittoresco, il Salisburghese d’inverno mostra il suo lato più folcloristico grazie ai tipici mercatini d’Avvento, i cortei di maschere, le squisite prelibatezze e l’artigianato locale che da sempre caratterizzano quell’atmosfera frizzante, tipica del magico periodo che precede il Natale: dal Lungau Salisburghese alla valle di Grossarl e al naturalistico Salzkammergut, il periodo dell’avvento regala panorami e scorci mozzafiato nella cornice incantatata delle Alpi Austriache.
Nel Salisburghese, land che spicca per la sua varietà paesaggistica, il periodo del Natale è un’occasione irrinunciabile per andare alle scoperta delle usanze e delle tradizioni che colorano di folklore i villaggi e le località più pittoresche di questa incantevole regione dell’Austria. Oltre ai paesaggi, vi è un mondo di consuetudini tutto da scoprire, che affascina i visitatori e che contraddistingue l’unicità del patrimonio culturale del Salisburghese.
Tra le tradizioni più curiose, che non smettono di sorprendere turisti e visitatori, i cortei di maschere “Krampus” e “Perchten”, nella mitologia cristiana rappresentano i demoni sconfitti da San Nicola e perciò costretti a servirlo;; per le strade del Salisurghese inoltre non è difficile imbattersi in figure caratteristiche come i danzatori “Tresterer” e gli scampanatori “Anglöckler”, che regalano al pubblico l’occasione di conoscere e vedere da vicino le secolari tradizioni di questa destinazione.
Tra le località imperdibili per trascorrere una perfetta fuga invernale, il Lungau Salisburghese è il luogo ideale in cui unire il piacere di andare alla scoperta del territorio alle tradizioni natalizie. A circa 100 km da Salisburgo e racchiusa fra i monti Radstädter Tauern a nord e i monti Nockberge a sud, questa regione è conosciuta per i suoi castelli, come le fortezze medievali di Mauterndorf o di Moosham, splendide testimonianze di un’eredità sopravissuta attraverso il tempo e che arrichisce di fascino e bellezza l’offerta di questa incantevole regione del Land. Per chi decide di regalarsi un soggiorno nel Lungau Salisburghese durante il periodo di Natale può usufruire del pacchetto Magia d’Avvento, valido dal 29 novembre al 22 dicembre, per scopire gli invitanti aromi di cannella, di pandolce “Kletzenbrot”, di biscotti “Lebkuchen” che dalle bancarelle dei mercatini si spandono per le vie, allietando il romantico parco Schlosspark nel distretto di Tamsweg. L’attrazione che rende il Lungau Salisburghese un luogo ideale per festeggiare il Natale è il romantico sentiero d’avvento del Katschberg a 1.750 metri: tra luci e profumi, questa via del Natale è un luogo suggestivo, immerso nella neve e nel silenzio del bosco.
Un’altra regione del Land che nel periodo dell’Avvento esprime tutto il suo fascino è la valle di Grossarl grazie all’Avvento Alpino Salisburghese. Dal 29 novembre al 22 dicembre, In circa 30 piccole baite alpine vengono proposte specialità tipiche e oggetti d’artigianato locale. Cantori, musicisti e bambini in veste di piccoli pastori offrono un programma di esibizioni ricco di poesia e divertimento. Tra le particolarità dell’Avvento a Grossarl vi è il presepe con statue in legno intagliato a grandezza naturale, che segna il punto di partenza e arrivo del suggestivo sentiero dei presepi. Inoltre, la forneria per i biscotti, il laboratorio di Gesù Bambino, la sala delle fiabe e l’ufficio postale degli angeli offrono un programma vario anche per i piccoli visitatori. In questo periodo dell’anno è possibile usufruire di un pacchetto speciale, che comprende 2 pernottamenti, la visita ai mercatini, 1 tazza di vin brulé o punch con tazza d’Avvento in omaggio e 1 ingresso al concerto d’Avvento.
Tra i luoghi più romantici e pittoreschi in cui celebrare l’avvento nel Salisburghese, vi è il Salzkammergut con il suo vastissimo patrimonio naturale e culturale.
Dopo un’escursione in montagna al sole e all’aria fresca, una gita con le ciaspole, una passeggiata sulla sponda del lago oppure una romantica gita in slitta a cavalli, aumenta la voglia di godersi la calda atmosfera dei rifugi, dei ristoranti tipici e dei paesini in cui sono vive tutte le tradizioni folkloristiche. Con le tante proposte per la gastronomia, lo sport e il wellness, il Lacus Felix ovvero il lago Traunsee e i suoi dintorni è l’ideale per una vacanza tra folklore, natura e cultura. Il pacchetto Avvento dei castelli e Natale sul lago Traunsee è valido dal 22 novembre al 15 dicembre e comprende 2 notti in formula bed and breakfast, gita in battello sul lago, visita guidata del centro storico di Gmunden, e ingresso all’esperienza dell’Avvento sul lago Traunsee.
Infine, il capoluogo Salisburgo è una meta irrinunciabile per qualunque itinerario nel Land. La città natale di Mozart è perfetta per romantiche passeggiate invernali, visite dei musei e dei mercatini di Natale. Gli appuntamento culturali non mancano mai neanche nella stagione invernale: dall’incantevole Festival circense ai concerti di S.Silvestro, fino alla Settimana Mozartiana internazionale. Dall’1 dicembre al 31 dicembre sarà valido il pacchetto Salzburg Card 48 ore, che include due notti in Hotel 3 o 4 stelle, l’ingresso gratuito per le attrazioni principali, l’utilizzo dei mezzi trasporti, riduzioni per le manifestazioni di interesse culturali, mete ed escursioni.
Perla delle Alpi, il Salisburghese è l’ideale per scoprire le tradizioni natalizie e i luoghi più romantici e pittoreschi per una perfetta fuga tra natura e cultura, in cui lasciarsi sorprendere e da paesaggi da sogno, usanze secolari, prodotti genuini e natura incontaminata.

Al via con la posa della prima pietra la Factory of the Future di Sanpellegrino

posa della prima pietra del nuovo stabilimento Sanpellegrino
la posa della prima pietra del nuovo stabilimento Sanpellegrino

In occasione dei 120 anni dell’acqua S.Pellegrino partono i lavori del nuovo stabilimento di uno dei brand italiani più conosciuti nel Mondo. Un mix di design, innovazione e sostenibilità ambientale e sociale firmato dall’archistar danese Bjarke Ingels. Un’opera che contribuirà ad un ulteriore sviluppo del territorio lombardo portandolo in tutto il Mondo e quindi all’attrazione turistica della città.
Una struttura innovativa e tecnologicamente avanzata, capace di armonizzare l’estetica dello stabilimento con il territorio circostante e apportare benefici per le persone che vi lavorano. In occasione del suo 120° anniversario, S. Pellegrino regala alle sue persone e all’intera comunità locale la “Factory of the Future”, un’opera di design che valorizza il territorio e migliora la qualità del lavoro, una casa-gioiello che continuerà ad ”imbottigliare” momenti memorabili da vivere per i prossimi anni. La posa della prima pietra è avvenuta questa mattina, venerdì 27 settembre, alla presenza dall’AD di Sanpellegrino Federico Sarzi Braga, del Sindaco di Sanpellegrino Terme Vittorio Milesi e dell’archistar danese Bjarke Ingels, capo dello studio di architettura internazionale BIG (Bjarke Ingels Group) che ha curato lo sviluppo della Future Factory. Il progetto, la cui conclusione è prevista per il 2022, ha richiesto un investimento complessivo di 90 milioni di Euro in opere civili, impianti per il reparto produttivo e logistico oltre che per il restyling e per l’espansione della fabbrica.
“Oggi poniamo la prima pietra della Factory of the Future che ci proietta ufficialmente verso il futuro – afferma Federico Sarzi Braga, AD del Gruppo Sanpellegrino – un gioiello di design ed innovazione capace di attrarre turisti da tutto il mondo. La filosofia con la quale viene realizzata la nuova struttura rappresenta al meglio i valori della marca e l’impegno dell’azienda ambasciatrice del Made in Italy: raccontare un bene straordinario e non delocalizzabile quale l’acqua minerale S. Pellegrino, generare valore condiviso con le comunità in cui operiamo, migliorare la qualità del lavoro delle nostre persone.”
La Factory of the Future di Sanpellegrino porta la firma di BIG (Bjarke Ingels Group) uno studio di architettura di fama internazionale che ha sviluppato un design dalle linee moderne rielaborando la tradizione liberty locale. Archi in calcestruzzo architettonico a faccia vista faranno da cornice alla fabbrica, regalando nuovi scorci sulle Orobie. La nuova viabilità ed il ponte d’accesso allo stabilimento ridurranno il transito di mezzi pesanti dal centro abitato. Inoltre, la presenza di pannelli fotovoltaici, di impianti ad alta efficienza energetica e di sistemi di recupero delle acque per un consumo razionale delle risorse idriche, sono tutte iniziative coerenti con le politiche aziendali di sostenibilità e rispetto dell’ambiente.
“Come l’acqua minerale – commenta l’archistar danese Bjarke Ingels – anche la nuova Factory of the Future di Sanpellegrino sarà costruita in completa armonia con il territorio d’origine, creando continuità tra l’ambiente circostante, le attività produttive e il benessere dei lavoratori e della comunità locale.”
Il progetto della nuova Factory of the Future di Sanpellegrino ruota intorno al design e all’innovazione e vede il proprio concept rivisitato in funzione delle attività logistiche e produttive del sito con un’esperienza diretta che accoglierà visitatori da tutto il mondo, contribuendo a rendere la Valle Brembana più attrattiva dal punto di vista turistico. Le superfici vetrate che andranno a ricoprire l’esterno della Factory ricorderanno simbolicamente i diversi stati fisici dell’acqua. Il benessere quotidiano di tutti i dipendenti sarà incrementato dalla completa ristrutturazione degli uffici e degli spogliatoi, dalla realizzazione di una nuova mensa aziendale, di una nuova area break e di una palestra. Con i nuovi spazi dedicati alle attività produttive, di circa 2.800 metri quadrati, la futura fabbrica saprà accogliere l’aumento di produttività previsto per i prossimi anni. Il progetto, che interessa i territori di San Pellegrino Terme e Zogno, nasce anche nell’ottica di un rapporto virtuoso con le comunità locali verso cui il Gruppo Sanpellegrino, da sempre, si pone in una posizione di ascolto, sostegno e cooperazione.
“Questo progetto è il segno del forte legame e dell’attenzione concreta che il Gruppo Sanpellegrino ha verso il nostro territorio – afferma Vittorio Milesi, Sindaco di San Pellegrino Terme – La nuova Factory of the Future si inserisce nel tema dello sviluppo turistico della nostra cittadina e crediamo fortemente che, insieme alle altre progettualità che si stanno attuando, possa rilanciare l’immagine di San Pellegrino Terme e della Valle Brembana in tutto il mondo. Una preziosa opportunità per valorizzare e riproporre aggiornata la grande storia della nostra cittadina che trova nell’acqua nelle sue diverse espressioni, l’elemento che ne caratterizza e qualifica il territorio.“
La posa della prima pietra della Factory of the Future si inserisce all’interno degli eventi speciali di quest’anno realizzati in occasione dei 120 anni dalla fondazione dell’acqua S. Pellegrino, dal 1899 ambasciatrice del gusto, della qualità, dei valori e dello stile di vita italiano in oltre 150 Paesi. Un’icona di eccellenza, eleganza e stile, portavoce dell’arte di vivere all’italiana. L’acqua S.Pellegrino rappresenta un modo di interpretare la vita che esalta lo stile e la bellezza e che coltiva la voglia di stare insieme. Un messaggio internazionale reso ancor più esplicito attraverso la creazione della Factory of the Future, un nuovo modo di intendere l’industria nel panorama italiano e mondiale.

South Australia on the road: 5 glamping in cui soggiornare almeno una volta nella vita

South Australia_5 migliori glamping
South Australia_5 migliori glamping

NELLA VITA
Non solo Eco Tent e Bell Tent, ma anche Swagon, Bubble Tent ed Heli-Swag: ecco i cinque glamping in South Australia in cui vivere esperienze davvero uniche al mondo.

Con le sue tre penisole che si protendono nell’Oceano, 3.200 chilometri di costa, le affascinanti distese dell’Outback, le fertili regioni vitivinicole e i numerosi parchi nazionali, il South Australia si afferma come meta turistica “must see” in un viaggio downunder, da sola o in combinazione con una o più città e regioni australiane.
La sua straordinaria varietà paesaggistica, una produzione vinicola apprezzata in tutto il mondo e una dinamica scena gastronomica, la biodiversità endemica unica di Kangaroo Island e la possibilità di vivere emozionanti esperienze a stretto contatto con la natura più autentica e selvaggia, rendono il South Australia la meta perfetta per ogni tipologia di viaggiatore.
Per chi vuole vivere un’esperienza a stretto contatto con la natura ma senza rinunciare al lusso e ai maggiori comfort, assolutamente da non perdere è il soggiorno in uno dei glamping disseminati in tutto il South Australia, dalle colline di Adelaide Hills fino ai territori più interni dell’Outback. Ormai da diversi anni, stanno rivoluzionando l’idea di campeggio in tutto il mondo: dotati di ogni comfort, i glamping spopolano tra giovani e famiglie, ma solo alcuni regalano agli ospiti esperienze insolite da vivere almeno una volta nella vita.

1. DORMIRE IN UNA BOLLA TRA I VIGNETI DEL COONAWARRA
Per tutti gli amanti del buon vino e della natura, ma anche per chi vuole provare l’emozione di dormire in una stanza unica ed esclusiva, con vista privilegiata sul cielo stellato, da non perdere è un soggiorno nella Bubble Tent del Coonawarra Bush Holiday Park, l’unico glamping che offre questo tipo di accomodation in tutto il South Australia. Create con un’apposita plastica resistente e con una bizzarra quanto unica forma di bolla, le Bubble Tent sono uniche nel loro genere: tenute gonfie con un silenziosissimo ventilatore, sono studiate per garantire al loro interno aria fresca e lasciare all’esterno ogni tipo di insetto. Una tenda assicura la privacy più assoluta mentre gli arredamenti moderni, il bagno privato il letto king size rendono l’ambiente davvero confortevole.

2. SOGGIORNARE IN UN WAGON NELL’EYRE PENINSULA
Vivere un’esperienza unica è possibile soggiornando al Kangaluna Camp Site, nell’Eyre Peninsula. Da qui si può godere di una vista sui bellissimi e scoscesi Gawler Ranges ma senza rinunciare ai comfort di una camera d’albergo. Situato nel mezzo dell’Outback, a circa due ore da Port Lincoln, questo glamping è anche casa di emù e canguri, veri e propri padroni di casa che regalano agli ospiti un’accoglienza e un soggiorno non convenzionali. Per un’esperienza ancora più speciale, l’ideale è soggiornare nel rustico e caratteristico Kangaluna Swagon, un vero carro trasformato in una stanza e coperto da un tetto trasparente, perfetto per ammirare le stelle.

3. VIVERE CON I CANGURI SULLE COLLINE DELLA MCLAREN VALE
Per chi vuole immergersi completamente nella natura e godere dei suoi profumi, suoni e colori in un ambiente pressoché incontaminato, circondato dai canguri e dai famosi gum trees, l’ideale è un soggiorno a Tent On A Hill, che offre una vista privilegiata sulla McLaren Vale e i suoi vigneti grazie alla sua posizione sulla cima delle colline. Le Bell Tent sono disseminate proprio nel mezzo del bosco e permettono agli ospiti di abbandonare la quotidianità entrando in stretto contatto con la natura, ma in tutta comodità. Sorseggiando un bicchiere di vino locale proprio fuori dalla propria tenda è possibile osservare i canguri mentre si aggirano tra gli alberi e si nutrono dell’erba, o ammirare l’incredibile spettacolo del cielo stellato durante la notte.

4. ABBANDONARSI ALLA NATURA E RISCOPRIRE SÉ STESSI NEI FLINDERS RANGES
Nascosto in un angolo quasi incontaminato dei Flinders Ranges, il Flinders Bush Retreats è il glamping che regala un modo unico e diverso di vivere l’Outback a seconda delle proprie esigenze. Un soggiorno in un’Eco Tent permette non solo di vivere a stretto contatto con canguri ed emù, ma anche di lasciarsi alle spalle lo stress della vita quotidiana. Posizionata su una piccola altura tra le più antiche colline dei Flinders Ranges, questa Eco Tent ha tutto il necessario per una vacanza confortevole ma a impatto quasi zero sull’ambiente: un angolo cottura e barbecue, un bagno privato eco-friendly e acqua calda a gas. Non c’è elettricità e l’illuminazione è fornita da lanterne a batteria, mentre luci fiabesche adornano il soffitto in tela. Per la sua posizione isolata, nell’Eco Tent il telefono non prende: niente di meglio per fare del proprio soggiorno una vacanza digital detox e riscoprire sé stessi.

5. DORMIRE TRA LE STELLE CON AI PIEDI LA CHACE RANGE E I FLINDERS RANGES
Parte dell’esperienza di un soggiorno si vive già durante il viaggio: è quello che accade se si sceglie di campeggiare nella Chace Range. Gli ospiti possono saltare su un elicottero e vivere l’esperienza unica e magica dell’Heli-swag durante la notte con Helivista, che li porterà a destinazione passando in volo sopra i Flinders Ranges. Ammirare dall’alto la bellezza dell’Outback, di Rawnsley Bluff e Wilpena Pound diventa così un’esperienza complementare al soggiorno stesso e permette di scoprire tutti i segreti più nascosti delle terre del South Australia. Ammirare il sole al tramonto e la via lattea nel limpido cielo invernale sono solo gli antipasti di una cena da gustare sotto una coltre di stelle.

Livigno per la prevenzione del tumore al seno con 24h in rosa

Livigno-24h-in-rosa-2019
Livigno-24h-in-rosa-2019

In occasione dell’inizio di ottobre, mese dedicato alla prevenzione del tumore al seno, sabato 28 settembre Livigno ospiterà presso la pista di atletica di Aquagranda Active You! la 24h in Rosa, una corsa o camminata di 24 ore sostenuta dalle donne per le donne.
In ottobre saranno diversi i Comuni e le realtà italiane che ospiteranno eventi e appuntamenti per la sensibilizzazione alla prevenzione del tumore al seno e alla diagnosi precoce. Anche quest’anno Livigno sosterrà la causa organizzando un’occasione unica in cui sport, amicizia e divertimento si uniranno per sensibilizzare sul tema della prevenzione.
Il 28 e 29 settembre 2019, Livigno e Aquagranda Active You!, insieme ad ATS della Montagna e al suo Direttore, la Dottoressa Cecconami, organizzano la 24h in Rosa, una corsa lungo l’appena inaugurata pista d’atletica di cui le protagoniste assolute saranno le donne. A partire dalle 10.30 di sabato, le donne di tutte le età sono invitate a prendere parte ad una corsa di ventiquattro ore alternandosi tra loro, singolarmente o a gruppi, correndo ciascuna per un minimo di 15 minuti: non serve essere atlete o amatori, chiunque può partecipare decidendo di correre o di camminare, ma l’obiettivo è che ci sia sempre almeno una donna in pista. La corsa terminerà esattamente un giorno dopo, alle 10.30 di domenica 29 settembre: durante l’ultima ora a scendere in pista saranno atlete ed ex atlete italiane.
Il ritrovo sarà sabato 28 alle 10.00 presso la pista di atletica e a dare inizio alla 24h in Rosa sarà l’intervento di autorità e istituzioni. La corsa proseguirà tutto il giorno e durante la notte, per poi concludersi alle 10.30 di domenica 29; a seguire, tutti sono attesi sulla terrazza di Aquagranda per un light buffet aperto a tutto il pubblico. Le donne che avranno partecipato alla corsa potranno accedervi gratuitamente, mentre il prezzo al pubblico sarà di 10 euro.
In occasione della 24h in Rosa, l’area Bar&Bistrot e gli spogliatoi saranno aperti per tutta la durata della corsa e a sostegno della causa del mese rosa l’intero centro di Aquagranda Active You! offrirà a tutte le donne l’accesso gratuito alle sue sei aree per entrambe le giornate di sabato 28 e domenica 29 settembre. Inoltre, durante la giornata di sabato 28 settembre, dalle 10.30 fino alle 15.30, ATS della Montagna sarà presente presso Aquagranda con “Piccoli gesti quotidiani per guadagnare in salute”, un corner speciale in cui effettuare esami di controllo e check-up, per sensibilizzare la popolazione sull’importanza di adottare stili di vita sani.
Tutte le donne che parteciperanno alla corsa riceveranno una canotta by Jaked e avranno l’accesso gratuito al buffet di domenica 29, oltre ad un buono per accedere gratuitamente ad Aquagranda Active You! utilizzabile qualsiasi giorno e in qualsiasi momento entro il 31.12.19.
L’iscrizione alla 24h in Rosa è gratuita ma obbligatoria e da effettuarsi presso Aquagranda Active You! o contattando il centro all’indirizzo email info@aquagrandalivigno.com o telefonicamente al numero +39 0342 970277.
Per tutte le informazioni sulla 24h in Rosa, su Aquagranda Active You! e sulle novità e appuntamenti da non perdere nel Piccolo Tibet: livigno.eu

Assistenza in pedagogia della natura nei Familienhotels Südtirol.

Familienhotels Südtirol
Familienhotels Südtirol

Nei Familienhotels Südtirol, le 25 strutture top per la vacanza in famiglia in Alto Adige, il binomio vincente è “famiglia e natura”. Il Divertimento e la serenità di bimbi e genitori sono al primo posto per gli assistenti all’infanzia specializzati in pedagogia naturalistica, come Rudi del Famiy Hotel Biancaneve e Fini dell’Aktiv & Familienhotel Adlernest. Il loro compito è creare il giusto equilibrio tra le diverse esigenze di grandi e piccini. Da un lato essi coinvolgono i bambini in entusiasmanti attività ludiche e didattiche all’aria aperta, consentendo ai genitori di ricaricare le energie, dall’altro con programmi per tutta la famiglia nella natura, insegnano a genitori e figli a condividere momenti molto speciali.

Alto Adige (BZ) 19 settembre 2019 – Se i Familienhotels Südtirol sono considerati gli specialisti delle vacanze in famiglia nella natura, c’è un motivo molto semplice: sono convinti che i figli e la natura siano fonte di felicità. Nelle 25 strutture situate tra i più bei paesaggi dell’Alto Adige, ogni famiglia può davvero vivere una vacanza unica, grazie a una ricca offerta di attività dentro e fuori dagli hotel e supportata dalla presenza di personale esperto e formato. Mentre i piccoli si divertono in un ambiente sicuro e lontano dai pericoli, i genitori possono dedicarsi alla coppia e ricaricare le energie. Gli assistenti in pedagogia della natura, come Fini dell’Aktiv & Familienhotel Adlernest (Val Senales) e Rudi del Family Hotel Biancaneve (Selva di Val Gardena) raccontano come il loro ruolo e i programmi sapientemente calibrati sulle esigenze individuali di bambini e adulti, aiuti le famiglie a sentirsi pienamente felici, appagate e rilassate in vacanza.

BIMBI FELICI, GENITORI RILASSATI – Fini dell’Aktiv&Familienhotel Adlernest (Val Senales)
Madre di due bambini, Fini, dopo una lunga attività come parrucchiera ha scelto di lavorare come babysitter. Per affrontare al meglio la nuova sfida, ha arricchito le sue conoscenze pedagogiche con la lettura di libri e acquisito varie competenze con corsi di formazione e aggiornamento. L’esperienza all’Aktiv & Familienhotel Adlernest è iniziata nel 2007 e prosegue tutt’oggi. «Con impegno e dedizione cerco di creare un’atmosfera in cui le famiglie possano sentirsi a proprio agio e godersi in tranquillità la propria vacanza» spiega Fini «I genitori hanno finalmente del tempo per sé, mentre i bambini giocano tra di loro e fanno amicizia. Tutti insieme condividiamo il momento dei pasti, facciamo dei lavoretti a mano e ci divertiamo nella natura. Cerco di trasmettere loro il mio amore per l’ambiente, attraverso diverse attività (escursioni e attività/giochi specifici) insegnando ad esplorarlo e a salvaguardarlo al meglio».

FAMIGLIE A TUTTA NATURA – Rudi del Family Hotel Biancaneve (Selva di Val Gardena)
Rudi lavora come assistente al Familienhotel Biancaneve dal 2008, dopo essersi formato presso un istituto alberghiero ad indirizzo turistico ed essersi specializzato in pedagogia. Il suo compito è quello di creare un programma per le famiglie che riesca a coinvolgerle nella scoperta della natura delle Dolomiti in modo innovativo e approfondito. «Lo scopo e punto di forza del mio ruolo è quello di far vivere la montagna a 360° gradi, trasmettendo l’amore per la natura a grandi e piccini. Questo consente alle famiglie di condividere assieme dei momenti unici, imparando a guardare il mondo naturale con occhi nuovi e attenti. Tali esperienze hanno fatto nascere delle bellissime e durature amicizie».

Tutti gli hotel citati fanno parte del gruppo Familienhotels Südtirol: www.familienhotels.com