Pierangelo Greggio racconta il Polì

Pierangelo Greggio
Il Polì ha festeggiato l’anno scorso dieci anni di attività e punta sempre di più alla fidelizzazione delle persone.
Nel frattempo il nostro regalo ricevuto è stata l’affiliazione alla FIN (Federazione Italiana Nuoto), le recenti medaglie d’oro nazionali nel nuoto agonistico, l’acquisizione del Presidio Sanitario e gli ottimi risultati di quella che per polì è una delle attività sportive di maggiore lustro: la Pallanuoto con i suoi oltre 120 atleti.

Una coincidenza che può solo fare piacere, quella di ricevere il benestare da parte della federazione Italiana di nuoto per la qualità del lavoro fatto in piscina proprio in questi anni.
Quando sono stato chiamato alla presidenza del Poli, il centro era in una situazione delicata.
C’erano gravissimi problemi amministrativi, questioni con il personale, nella gestione dei corsi e della società in genere, oltre che un degrado del patrimonio immobiliare.
Non voglio tediare nessuno con i particolari delle vicende societarie, ma è importante e bene sapere che il cammino percorso per acclarare la legalità è sfociato nell’emanazione non di uno, non di due, ma bensì cinque sentenze a favore del Polì che hanno messo in chiaro e fortunatamente impedito che questa struttura venisse tolta ai cittadini novatesi per diventare un club privato destinato a pochi.
Queste sentenze hanno evidenziato ammanchi per centinaia e centinaia di migliaia di Euro, in danno alla Società e quindi alla cittadinanza.
Da allora sono stati fatti molti lavori per fare ritornare il Polì una struttura con il “fiore all’occhiello”.
Con la rilevazione della società da parte dell’Amministrazione Comunale è stato riqualificato il personale avviando dei programmi di formazione periodica, sono stati rinnovati i corsi ampliandone il palinsesto e la programmazione, ed è stato creato un villaggio estivo con ombrelloni, lettini, eventi a bordo piscina.
All’interno del centro sono stati sostituiti gli attrezzi della palestra, gli impianti e gli spogliatoi sono stati migliorati e dotati di sauna.
Abbiamo sostituito tutti i sistemi di filtrazione e controllo delle acque con nuove centraline per garantire un elevato standard qualitativo e sanitario dell’acqua.
L’idea di essere sempre più vicini al cittadino e a tutte le esigenze sono state condivise anche con il comune novatese che ha acquistato la totalità delle quote societarie.
Dopo un’attenta analisi sull’evoluzione della società compiuto INSIEME all’Amministrazione Comunale in questi ultimi anni è emerso, al Polì, un nuovo bisogno:
Porre attenzione allo sport come nuovo, potenziale diritto di cittadinanza inteso come una concreta e innovativa strategia dell’inclusione.

Lo sport può e deve diventare un elemento di socialità ed aggregazione
facilmente inseribile, dunque, nella cornice delle politiche sociali orientate all’inclusione e alla costruzione di una comunità territoriale fortemente coesa, aperta ed accogliente.

Quindi la Vision del Polì è divenuta quella di porsi come centro di aggregazione, aperto tutto il giorno, in cui convivano intere famiglie nelle loro attività sociali e sportive.
Partendo da questo presupposto al Polì si è posto l’accento proprio sullo sviluppo di quello che viene definito “Sport Sociale” inteso come: “Un insieme di programmi e buone prassi motorie e sportive rivolte allo sviluppo integrale delle persone, alla crescita della loro autonomia e della loro qualità di vita“ .

Ecco che “Nasce Idro-kinesioPolì, il Villaggio della Salute di Polì”.
L’Amministrazione Comunale, già dallo scorso anno aveva deciso di internalizzare nella propria Società, le attività “sociali” che, nel periodo di gestione privata della partecipata, erano state affidate ad una cooperativa che faceva riferimento all’ex socio privato ed in tal senso mi aveva invitato ad operare in sintonia all’indirizzo assunto.
Conclusa la vicenda, che ricordiamo anche in questo caso ha percorso un complesso iter giudiziario, con il 1 gennaio di quest’anno, abbiamo salutato Idro-kinesioPolì ponendoci come nuovo obiettivo l’espansione dell’offerta dei servizi Sanitari e di idrochinesiologia alla Cittadinanza ed all’utenza, possibile sia attraverso l’unica gestione del Centro Polivalente e quindi delle strutture ed impianti in esso presenti, sia inserendo nuove professionalità diversificate e specializzate in relazione ai programmi definiti a favore dell’utenza.
Ecco che, ragionando sulle specificità del Cittadino e dei bisogni del territorio, oltre ai già conosciuti servizi di idro chinesiologia in acqua per l’infanzia e l’età evolutiva, la riabilitazione ortopedica e neurologica, sono state introdotte ed in fase di definizione altre specializzazioni Mediche che, partendo dalla Direzione Sanitaria e coadiuvati da Fisioterapisti e personale qualificato, offrono consulenze e visite, dalla valutazione preliminare dei piani terapeutici alla Consulenza Medica Ambulatoriale; servizi destinati non solo a coloro che frequentano e già conoscono la struttura, ma anche al privato Cittadino che necessita una visita specialistica od un programma riabilitativo e rieducativo.
Ed ancora, percorso in acqua per gestanti, accoglienza e definizione di specifici protocolli d’intervento, sia in acqua, sia a terra, destinati a persone con diversa abilità, dalle patologie neurologiche, cognitive, a quelle fisiche e motorie.
Il tutto, come detto, seguiti da solidi Professionisti ed in un ambiente predittivo, lontano dalle logiche e schemi ambulatoriali, calato invero in un contesto gradevole ed a misura della Persona.
Lo sport risulta, inoltre, fondamentale per migliorarsi non solo fisicamente ma anche per crescere mentalmente, socialmente e spiritualmente; per questo al Polì si è pensato di sviluppare dei programmi di allenamento sportivo e competizioni atletiche per persone, ragazzi ed adulti, con disabilità intellettiva.
In merito a questa tematica ci adoperiamo affinché al Polì si approfondiscano in tale senso i programmi non solo per il territorio di Novate Milanese, ma anche per le zone limitrofe.
Stiamo percorrendo infatti in questi mesi, insieme ad una altra realtà del territorio Novatese, UKKIA Pet Shop, un programma di Pet Therapy destinato agli alunni con disabilità intellettiva dell’IPS Paolo Frisi di Quarto Oggiaro, Milano.
Ancora, Gruppi di cammino per i residenti della terza età, attività in piscina e palestra destinate alle scuole del territorio e, con sempre maggiore attenzione alle categorie e fasce protette, associazioni, tra le quali ANFFAS, NAZARETH, MONDODISABILE.IT, L’ALBERO DELLA VITA.
Crediamo, poi, nei giovani e per questo motivo abbiamo avviato programmi motori e sportivi nelle scuole primarie e secondarie di Novate Milanese, con il quale insegniamo a genitori e bambini che frequentano le scuole primarie, come fare attività fisica e la corretta alimentazione, attraverso percorsi ludico-sportivi.
Il camp estivo da tre anni raggiunge ottimi risultati, di presenze e di organizzazione.
“L’intenzione è quella di render il Centro Polì un punto di incontro per i novatesi e non solo.
Un posto dove si possa pensare al benessere psico-fisico e dove poter anche trovarsi per un incontro di lavoro o semplicemente per bere un caffè”.
Quindi una grande sinergia tra il Comune e Società per garantire la continuità dei servizi e del Presidio Sanitario, ampliandone l’offerta con l’obiettivo di proporre ai Cittadini ed all’Utenza un Centro per tutte le attività motorie, non solo sportive, non solo riabilitative, non solo mediche, non solo fisioterapiche, non solo idro chinesiologiche, non solo ludiche, non solo agonistiche, ma bensì l’insieme di tutto ciò, in una visione unificata e paritetica della Persona, dell’Individuo e della Collettività.
Per concludere voglio dirvi che non viviamo nella consapevolezza di essere i migliori, ma nella certezza di lavorare ogni sacrosanto giorno per migliorarci e migliorare i servizi a favore dell’utenza, della Comunità, dei Cittadini.

Grazie,

Pierangelo Greggio