Eventi primaverili e estivi tra Sondrio e Valmalenco

Pizzo Scalino Valmalenco
Pizzo Scalino Valmalenco

Mentre si avvia un altro weekend di eventi, tra Sondrio e Valmalenco si inizia a guardare anche ai prossimi mesi e ad alcune manifestazioni in grado di stuzzicare l’appetito dei turisti e non solo, tra primavera ed estate.

Si parte domani e domenica 18 a Berbenno di Valtellina, il paese di Arianna Fontana, con “San Giusep tanti mestè” e “BerbenBio 2018”, due giorni di eventi che precedono e accompagnano la tradizionale fiera di San Giuseppe, legati all’artigianato, alla cultura gastronomica e ai produttori biologici e biodinamici (sondrioevalmalenco.it/sangiusep.htm).

Sempre domenica, dalle 10 alle 16, la festa dell’Ecomuseo del monte Rolla e passeggiata sui meravigliosi sentieri della montagna sopra Sondrio.
Ricordiamo che sabato 17 si può ciaspolare in Val Poschiavina, mentre domenica è grande l’attesa per la gara del Pizzo Scalino.

Ampliando lo sguardo un po’ più in là cominciamo a parlare di alcuni momenti che caratterizzeranno i prossimi mesi tra Sondrio e Valmalenco. Iniziando dalla “Ponte in Fiore”, che dal 31 marzo al 6 maggio caratterizzerà lo splendido borgo di Ponte in Valtellina, per passare all’ormai mitica “Valtellina Vertical Tube Race”, il chilometro più duro al mondo il 7 maggio sulle condotte di Montagna in Valtellina.

In maggio in Valmalenco la X giornata nazionale delle miniere. Doppio appuntamento invece in giugno: Lanzada ospiterà il campionato mondiale (allievi) e italiano (cadetti) di corsa in montagna (16 giugno), a Caspoggio la seconda edizione della festa 3 Days (22-24 giugno).

L’11 luglio il Giro d’Italia femminile arriverà in Valmalenco e toccherà il tragitto Lanzada-Campo Moro. Sempre a Lanzada, sul finire dell’estate, la terza edizione di “Dreamland Music Festival”, dedicato all’electronic dance music e organizzato all’interno dello spettacolo paesaggistico della Valmalenco (7 e 8 settembre).

Senza dimenticare che estate significa anche summer camp: torna “English summer camp”, la tua vacanza studio in inglese, ma in montagna (sondrioevalmalenco.it/nfgkifd.htm).

Ma in Valmalenco la neve non manca mai e anche per questo è arrivato sulle piste del Palù il primo servizio di glamping in alta quota: il primo gatto delle nevi “2 cuori in pista”. Una romantica ed emozionante notte in montagna e il risveglio sarà da togliere il fiato. Una notte che non dimenticherete mai (valmalencoskiresort.com).

In arrivo gli eventi tra Sondrio e Valmalenco

Valmalenco prima neve
Valmalenco prima neve

Mentre sale l’attesa per Big Air and the City che vedrà la Valmalenco protagonista a Milano, il territorio tra Sondrio e Valmalenco, appena imbiancato in quota dalla recente nevicata, si avvicina all’inaugurazione della stagione invernale con un’offerta imperdibile.
Per il secondo anno la Coppa del Mondo di snowboard e freestyle nell’area che ospitò Expo sarà una grande occasione di promozione per lo sci malenco, grazie anche al fatto che nello snowboard il Big Air è diventato sport olimpico e debutterà alle prossime Olimpiadi Invernali.

Si comincia il 10-11-12 novembre con il Big Air Snowboard. Si raddoppia il 17-18-19 novembre con il FreeSki. Tante le attività che coinvolgeranno giovani e meno giovani, sportivi e famiglie. Il campo di battaglia rimane lo stesso: lo spettacolare trampolino alto 40 metri (www.bigairmilan.com).
Nel frattempo non mancheranno le proposte per i turisti che arriveranno in Valtellina.

Lanzada infatti dedicherà domenica 12 novembre agli appassionati di sport, ai giovani e ai golosi di castagne. Dalle ore 9 in località Pradasc la quarta prova del campionato provinciale di corsa campestre. Nel pomeriggio, alle ore 14:15, l’Oratorio San Giovanni Bosco organizza la tradizionale castagnata, un momento di svago con bambini e ragazzi, a seguire castagne per tutti.
Sempre domenica 12 a Triangia, Pradella e Triasso “Rigira il torchio”: visita ai torchi delle contrade di Sondrio (ecomuseomonterolla@gmail.com).

Sabato 18 novembre “Pizzarmonica” a Chiesa in Valmalenco. Dalle 19:30 al palazzo dello sport pizzoccherata con grandi artisti della musica e l’esibizione del campione mondiale di fisarmonica.
Senza dimenticare domenica 19 novembre lo “slalom alle piramidi” di Postalesio. Corsa in montagna non competitiva di 9 km e camminata di 4 km all’interno della riseva naturale protetta che ospita le piramidi di erosione (slalomallepiramidi@gmail.com).

E se non vi basta potete sempre venire ad osservare le stelle in Valmalenco grazie alle perla dell’Osservatorio astronomico ValMalenco. Due cupole perfettamente automatizzate e operative in alta Valmalenco, a 1670 metri di quota in località Braciascia-San Giuseppe, nel cuore delle Alpi Retiche (www.cieloinvalmalenco.it).

Ottobre all’insegna di sport, castagne e stelle tra Sondrio e Valmalenco

Osservatorio Astronomico Giuseppe Piazzi San Bernardo - Ponte in Valtellina
Osservatorio Astronomico Giuseppe Piazzi San Bernardo – Ponte in Valtellina

Sempre ricco in questo periodo dell’anno tra Sondrio e Valmalenco il panorama di eventi di richiamo per i turisti.
Si parte dallo sport giovanile domenica 8 ottobre, nello splendido centro sportivo di Chiuro, dove torna il “Trofeo delle Province”: manifestazione di atletica leggera che vedrà in pista centinaia di atleti, di 12 e 13 anni, provenienti dai comitati provinciali FIDAL lombardi e non solo.

Si cambia completamente scenario il weekend successivo con “Ponte sotto le stelle”. Da venerdì 13 a domenica 15 ottobre a Ponte in Valtellina sarà possibile osservare il cielo con il telescopio, fare visite guidate e assistere a conferenze all’Osservatorio Astronomico Piazzi a San Bernardo.

La Giornata FAI d’Autunno, che quest’anno cade domenica 15 ottobre, è il giorno in cui è possibile visitare e scoprire luoghi raccontati con una prospettiva diversa, grazie alla voce dei giovani del FAI. In Valtellina tocca a Chiuro svelarsi e presentare i suoi tesori. A partire dalle ore 10 e fino alle ore 17, con accoglienza in piazza Stefano Quadrio, inizierà l’itinerario guidato che toccherà cortili, palazzi e case private.

Aperture straordinarie mostreranno palazzo Andres Flematti, palazzo Quadrio de Maria Pontaschelli, torre di Castionetto e chiesa di Sant’Antonio.
Sempre domenica 15 la PoliFaedo organizza, con ritrovo alle ore 14 presso la piazza della Chiesa di San Carlo di Faedo Valtellino, una castagnata e caccia al tesoro.
Castagne protagoniste anche a Berbenno di Valtellina il 15 ottobre, ma abbinate ad una cronoscalata fino a Monastero, con partenza alle ore 14:30: un momento di festa accompagnato da musica popolare in piazza Monumento, grazie al Bici Club Berbenno.
Aperte inoltre le prenotazioni (obbligatorie) per una visita guidata gratuita alla miniera attiva Brusada

Ponticelli di Lanzada, in programma per sabato 28 ottobre.
Il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco propone a tal fine una promo per ottobre, quando i boschi si tingono di mille sfumature. Stagione ideale per scoprire la montagna, i suoi borghi antichi e i suoi sapori più autentici.

Sondrio e Valmalenco, nel cuore della Valtellina, è un territorio caratterizzato da una natura selvaggia, ma generosa, incastonato tra le Alpi Orobiche e Retiche, tra cui svetta, con i suoi 4.050 metri, il pizzo Bernina. Regno della neve d’inverno con 50 km di piste da sci, uno snowpark e una sconfinata offerta di attività all’aria aperta, tra montagne bellissime e maestose, sa regalare una scenografia di colori, profumi e sapori che mutano ad ogni stagione. Non mancano bellezze naturali, artistiche, storiche e scenari unici, come i terrazzamenti vitati, sul versante retico dell’Adda, sui quali si producono pregiati vini che ben si accompagnano ai migliori prodotti della tradizione enogastronomica valtellinese.

Per ulteriori informazioni: www.sondrioevalmalenco.it

2° Festival Internazionale delle Bande

Sondrio
Sondrio

Tutto pronto per il 2° Festival Internazionale delle Bande

Sondrio, 21 giugno 2017. Torna tra Sondrio e Valmalenco, dopo il successo del 2016, la seconda

edizione del “Festival Internazionale delle Bande”.

Dal 1° al 4 luglio Castione Andevenno, Castello dell'Acqua e Caspoggio saranno i teatri delle

esibizioni della blasonata banda belga “Fanfare Royale Saint-Cécile d’Assesse”, affiancata dal

Corpo Bandistico di Castione Andevenno e dal Gruppo Musicale “Nuova Melodia” di Ponte in

Valtellina.

Tanta musica da ascoltare in un intreccio di riti e suoni. Da godere gratuitamente, assaporando

magari prodotti valtellinesi e scoprendo piccole realtà locali che sempre più vogliono curare la

propria tipicità.

Gemme turistiche da raggiungere anche con una gita 100% sostenibile, grazie a “Train&Bike

Sondrio e Valmalenco”: prima il treno e poi la bici, tutto in un unico biglietto.

E se non potete partecipare al Festival? Nessun problema: tradizioni, cultura, musica, sport, arte,

giochi, feste, gusto e molto altro ancora vi aspettano per la vostra estate tra Sondrio e Valmalenco.

Il programma del Festival della Bande è strutturato su 3 giorni con esibizioni aperte al pubblico che

dureranno circa 30 minuti per ogni banda. Ingresso libero.

Sabato 1° luglio, Caspoggio, Zenith – Centro della Montagna, ore 20:45:

-Fanfare Royale Sainte Cècile di Assesse (presente anche durante la Messa delle ore 16:45).

Lunedì 3 luglio, Castione Andevenno, Auditorium “Leone Trabucchi” ex Chiesa di San Rocco, ore

20:30:

-Corpo Bandistico di Castione Andevenno e Fanfare Royale Sainte Cècile di Assesse.

Martedì 4 luglio, Castello dell'Acqua, Mulino di Cà dell’Albert, ore 20:30:

-Gruppo Musicale “Nuova Melodia” di Ponte in Valtellina e Fanfare Royale Sainte Cècile di Assesse;

previsto servizio navetta (info).

La Fanfare Royale Sainte Cècile di Assesse sarà presente domenica 2 luglio alle ore 18:30

all'anteprima di AmbriaJazz 2017, presso l’Ostello Guicciardi di Boffetto, frazione di Piateda.

Sondrio e Valmalenco, nel cuore della Valtellina, è un territorio caratterizzato da una natura selvaggia, ma

generosa, incastonato tra le Alpi Orobiche e Retiche, tra cui svetta, con i suoi 4.050 metri, il pizzo Bernina.

Regno della neve d'inverno con 50 km di piste da sci, uno snowpark e una sconfinata offerta di attività

all'aria aperta, tra montagne bellissime e maestose, sa regalare una scenografia di colori, profumi e sapori

che mutano ad ogni stagione. Non mancano bellezze naturali, artistiche, storiche e scenari unici, come i

terrazzamenti vitati, sul versante retico dell'Adda, sui quali si producono pregiati vini che ben si

accompagnano ai migliori prodotti della tradizione enogastronomica valtellinese.

Olimpia Milano EA7 – Legnano Knights 87 – 73

Milano Legnano Pentagono Bormio 28 agosto 2016
Milano Legnano Pentagono Bormio 28 agosto 2016

Dopo i primi giorni di atletica, pesi e allenamenti in palestra agli ordini di coach Jasmin Repesa, iniziano le partite del quarto ritiro consecutivo a Bormio dell’Olimpia Milano, che in precedenza hanno​ prodotto due scudetti per le scarpette rosse milanesi.

Gremito in ogni ordine di posti il Pentagono, con folta rappresentanza di tifosi legnanesi, saliti in Valtellina per assistere ad una prima storica per i Knights, allenati per il secondo anno da Mattia Ferrari, contro i campioni d’Italia.

Parziali (Milano – Legnano): 18-20, 22-19, 31-16, 16-18

1° quarto.Milano parte con Mc Lean, Gentile, Cinciarini, Abass e Sanders. I primi due punti sono di Legnano, che allunga fino all’8 a 0 con due tiri da tre. Primo punto della stagione di Milano firmato captina Gentile per il 9 a 1 Legnano.

Primo cambio EA7 Hickmanper Cinciarini e primo time out della stagione per Repesa dopo 5 minuti sul 9 a 3 Legnano. Entrano Pascolo e Fontecchio: ampia rotazione da subito per l’EA7, che soffre però la freschezza di Legnano che doppia Milano sul 16 a 8. Milano aumenta i giri e rientra sul 18 a 20. Si vedono i carichi di lavoro nelle gambe delle scarpette rosse. Legnano finora in controllo e più reattiva.

2° quarto. Cerella in quintetto per Gentile. Hickman per il primo pareggio sul 22 a 22. Primo vantaggio EA7 sul 24 a 22, la partita seguo lo stesso canovaccio fino al 29 a 27 Milano. Entra anche La Torre. Bomba di Frassinetti per il nuovo vantaggio di Legnano 32 a 31. In campo ora anche Gentile.
Serie di vantaggi alternati: regna l’equilibrio fino al 39 a 37 Milano a 1′ minuto dal riposo. Fine secondo quarto si chiude 40 a 39 Milano. Legnano finora alla pari con i campioni d’Italia.

3° quarto. Milano parte con Abass, Gentile, Cinciarini, Mclean e Sanders.EA7 parte forte, con un’altra intensità in difesa. Time out Legnano sul 39 a 46. Pascolo per Mclean. Tre minuti senza fare canestro per i Knights fino al 41 a 48 firmato Frassinetti. Adesso è Legnano ad aumentare la reattività sulle palle vaganti fino al 48 a 50. Milano a folate in questo quarto. Rientra Kickman con Cerella e Mclean. Proprio Hickman da fuori per il 52 a 48 al 5′. Ora è partita vera. Milano 59 a 53.
Legnano dà spazio anche alla panchina. Cerella in contropiede per il massimo vantaggio EA7 65 a 53. Il quarto si conclude sul 71 a 55. Milano ha preso il largo, con solo 2 fali commessi e una difesa che ha lasciato poco spazio ai legnanesi. 31 punti per Milano nel quarto, molti in contropiede su palle rubate.

4° quarto.​ Sanders. Abass, Cerella, Pascolo e Cinciarini. Si prosegue sulla falsariga del 3° quarto. Subito Abass per il 74 a 55. Ora Milano in difesa non fa passare nulla.
Legnano un po’ sulle gambe.
Time out coach Ferrari sul meno 19. Reazione Knights che si porta fino al meno 10 sul 68 a 78 al 37′. Spazio anche per La Torre nel finale. Abass allunga sull’83 a 70. Ancora Pascolo per l’85 a 71.

Finisce 87 a 73 per Milano tra gli applausi del Pentagono di Bormio, esaurito ancora una volta

In casa Milano i più positivi Mclean, Abass e in particolare Pascolo, Hickman ha fatto intravedere le sue qualità. Legnano, ​finchè le rotazioni hanno tenuto, alla pari con Milano. Per i Knights William Mosley ha impressionato, soprattutto atleticamente e per l’impegno sui due lati del campo. Buona prova offensiva anche di Frassinetti

Ricordiamo le assenze in casa Milano di Kalnietis, Dragic, Macvan, Simon e Raduljica, impegnati nelle Olimpiadi di Rio e Dragic nelle qualificazioni europee.

In casa Legnano out capitan Maiocco, per una botta rimediata al viso in settimana.