Altro Festival Valmalenco

Camminare in Valmalenco
Camminare in Valmalenco

Meno di venti giorni alle esperienze in cammino di Altro Festival.
Il 5 e 6 ottobre 2019, tra Sondrio e Valmalenco, la montagna va in città con due giorni di:
– natura per provare ad osservare il mondo con occhi diversi;
– sport per esplorare pareti e massi nascosti;
– esperienze per risvegliare il rapporto innato con l’ambiente;
– incontri per condividere con cuore aperto il proprio cammino.

Ogni viandante potrà scegliere il proprio sentiero: boulder e arrampicata, racconti d’autore, percorsi di scoperta, musica e sapori, esperienze in natura o semplicemente cammino.

Si partirà da Sondrio per risalire la Valmalenco fino a Chiareggio al cospetto del Disgrazia, a piedi o in bicicletta, percorrendo tutti quei luoghi che si attraversano abitualmente in auto. La traccia di cammino segue il sentiero Rusca. Lungo il cammino accompagneranno il viandante appuntamenti diffusi, incontri e spazi inesplorati: www.altrofestivalvalmalenco.it/programma.

Tutti gli appuntamenti del festival saranno gratuiti, ma è gradita l’iscrizione. Boulder meeting, percorso di esperienza sensoriale, sculture di pietra in equilibrio sul greto del Mallero, performance e laboratorio di stone balancing, percorsi di scoperta sulle suggestioni dal vademecum dell’errante, raccolto di storie in natura, esibizioni e laboratorio di slack-line, concerti, scoperta delle pareti dello Scerscen, racconti attorno al fuoco e in cammino, pic-nic diffuso, silent disco, street boulder nelle contrade e tanto altro. La manifestazione si terrà con qualsiasi condizione meteorologica.

Informazioni
altrofestivalvalmalenco.it
facebook.com/altrofestivalvalmalenco
instagram.com/altrofestivalvalmalenco
info@altrofestivalvalmalenco.it

Altro Festival Valmalenco: la montagna va in città

Altro Festival Valmalenco
Altro Festival Valmalenco

Il 5 e 6 ottobre 2019, tra Sondrio e Valmalenco, la montagna va in città.
“Altro Festival” nasce dal desiderio di far conoscere la Valmalenco fuori dagli schemi consueti,
scoprendo angoli nascosti e dimenticati, dettagli poco appariscenti e assaporando ogni luogo per la
sua unicità e bellezza.

Un evento diffuso, a stretto contatto con l’ambiente, nel quale l’auto non sarà necessaria.
Ogni viandante potrà scegliere il proprio sentiero: boulder e arrampicata, racconti d’autore,
percorsi di scoperta, musica e sapori, esperienze in natura o semplicemente cammino.

Ad “Altro Festival” il territorio è un teatro da esplorare e da vivere con il proprio passo, ritmo e
attitudine, il cui centro focale sarà il percorso, dimenticando la necessità di avere una meta.
Si partirà da Sondrio per risalire la Valmalenco fino a Chiareggio al cospetto del Disgrazia, a piedi o
in bicicletta, percorrendo tutti quei luoghi che si attraversano abitualmente in auto.

La traccia di
cammino segue il sentiero Rusca. Lungo il cammino accompagneranno il viandante appuntamenti
diffusi, incontri e spazi inesplorati.

Eventi
Pic-nic diffuso.
Silent disco.
Street boulder nelle contrade.
Boulder meeting lungo la strada Cavallera – Sentiero Rusca.
Percorso di esperienza sensoriale nel bosco con Andrea Mori.
Sculture di pietra in equilibrio sul greto del Mallero, performance e laboratorio di stone balancing
con Andrea Mei.
Percorsi di scoperta sulle suggestioni dal vademecum dell’errante.
“100 Storie” con Gianni Manfredini. Raccolto di storie in natura.
Esibizioni e laboratorio di slack-line con Slackline Bologna.
Concerto di Handpan con Paolo Borghi.

Tyrollienne e guadi, scoperta delle pareti dello Scerscen con Guide Alpine Valmalenco.
Concerto di musica Klezmer con Baraccone Express.
“Racconti attorno al fuoco” e “Racconti in cammino”con Franco Michieli, Davide Sapienza e Andrea
Mori.
“Montagna e cambiamenti climatici” con Riccardo Scotti Servizio Glaciologico Lombardo.

Giro Rosa 2018 in Valtellina

Giro Rosa Valtellina 11-12 luglio 2018
Giro Rosa Valtellina 11-12 luglio 2018

“Le tappe che fanno la differenza”. Questo lo slogan scelto per il Giro Rosa 2018 in Valtellina.
Due tappe, e due giornate di festa in provincia di Sondrio, quelle previste per l’11 e il 12 luglio, che si annunciano come momenti clou per indossare la maglia rosa.

Mercoledì 11 luglio la sesta tappa, lunga 114 km, da Sovico salirà in Valgerola per il primo arrivo in vetta.

Il lungo tratto pianeggiante del percorso di giornata sarà il preludio all’ascesa conclusiva, con pendenze costanti, verso Gerola Alta, con traguardo presso il Palagerola, a 1.050 metri di altitudine.
Una salita inedita per il Giro Rosa, dove le concorrenti potranno fare la differenza.

Giovedì 12 luglio un’altra tappa inedita per il Giro Rosa 2018 (la settima).
Una cronoscalata individuale che da Lanzada porta verso la diga di Campo Moro, ad oltre 2.000 metri di quota, ai piedi del Bernina.

Una salita molto ripida con oltre 1.000 metri di dislivello in soli 15 Km.
La maglia rosa tornerà quindi in Valmalenco 30 anni dopo la Bergamo – Chiesa in Valmalenco del 4 giugno 1988.

Ricco weekend pasquale tra Sondrio e Valmalemco

Mostra zootecnica Valmalenco
Mostra zootecnica Valmalenco

Arriva il lungo weekend pasquale e come sempre non mancano eventi in grado di offrire una visione affascinante sulle radici tradizionali di Sondrio e Valmalenco, con finestre aperte su quanto di meglio possa offrire la primavera nel territorio: natura, panorami, sentieri, cultura, borghi e sapori.

Si parte la vigilia di Pasqua con la 31ª Mostra zootecnica mandamentale. A Caspoggio, nel piazzale delle scuole nel centro del paese malenco, inizia la tradizionale rassegna dedicata all’allevamento e alla scoperta di sapori e tradizioni locali. Una delle mostre zootecniche più antiche della Lombardia, e sempre molto partecipata, che vedrà la presenza di una ventina di allevatori e di un’ottantina di capi (sondrioevalmalenco.it/mostrazootecnica.htm).

Dal 1986 è un’occasione per ammirare dal vivo i bovini di “razza bruna” e conoscere la filiera zootecnica, che inizia dalla stalla e passa per la trasformazione, creando piccole produzione di alta qualità. Chicche di genuinità che saranno esposte in vendita diretta e acquistabili fino ad esaurimento. A completare il programma non potevano mancare gare di mungitura, dimostrazioni di arte casearia e i concorsi “tagliere di formaggi” e “Caprino della Valmalenco”.

Quest’ultimo è un formaggio cremoso, a pasta molle o semidura, ricavato dal latte di capra e che sta trovando sempre più spazio nella valle del Mallero. Non mancheranno, inoltre, le occasioni per conoscere il territorio, anche grazie alle visite guidate nelle aziende agricole malenche, vere protagoniste della giornata. E si potrà concludere in bellezza la giornata degustando, sia sabato che domenica, i menù a tema proposti dai numerosi ristoranti aderenti all’iniziativa.

Ma sabato 31 marzo è anche il giorno in cui si apre uno degli eventi turistici e culturali più conosciuti della Valtellina. Fino al 6 maggio la “Ponte in Fiore” caratterizzerà, per la 41ª volta, lo splendido borgo di Ponte in Valtellina. E lo farà in un periodo in cui si apprezza ancora di più la bellezza del paese: incontri corali, concerti di bande, mostre d’arte e fotografiche, spettacoli teatrali e di danza, proiezioni di documentari, convegni un festival letterario per ragazzi che vedrà ospiti autori e illustratori tra i più noti del mondo dell’editoria per ragazzi (biblioponte.eu).

A Pasquetta, come sempre imperdibile, la visita in notturna all’interno della Miniera della Bagnada di Lanzada (ore 18) seguita da cena tipica (sondrioevalmalenco.it/notturnainminiera.htm).
Senza dimenticare che in Valmalenco la neve non manca mai e tutte le piste e gli impianti dell’Alpe Palù sono aperti anche a Pasqua. Per concludere alla grande una stagione record per la Ski Area delle Funivie al Bernina (valmalencoskiresort.com).

Infine, ultima, ma non per importanza, è di queste ore la presentazione ufficiale della tappa del Giro Rosa 2018 che l’11 luglio, esattamente 30 anni dopo la Bergamo – Chiesa in Valmalenco, riporterà in valle la maglia rosa. Prevista la cronometro Lanzada-Campo Moro, che sarà sicuramente un momento clou per la definizione della classifica finale della corsa.

Eventi primaverili e estivi tra Sondrio e Valmalenco

Pizzo Scalino Valmalenco
Pizzo Scalino Valmalenco

Mentre si avvia un altro weekend di eventi, tra Sondrio e Valmalenco si inizia a guardare anche ai prossimi mesi e ad alcune manifestazioni in grado di stuzzicare l’appetito dei turisti e non solo, tra primavera ed estate.

Si parte domani e domenica 18 a Berbenno di Valtellina, il paese di Arianna Fontana, con “San Giusep tanti mestè” e “BerbenBio 2018”, due giorni di eventi che precedono e accompagnano la tradizionale fiera di San Giuseppe, legati all’artigianato, alla cultura gastronomica e ai produttori biologici e biodinamici (sondrioevalmalenco.it/sangiusep.htm).

Sempre domenica, dalle 10 alle 16, la festa dell’Ecomuseo del monte Rolla e passeggiata sui meravigliosi sentieri della montagna sopra Sondrio.
Ricordiamo che sabato 17 si può ciaspolare in Val Poschiavina, mentre domenica è grande l’attesa per la gara del Pizzo Scalino.

Ampliando lo sguardo un po’ più in là cominciamo a parlare di alcuni momenti che caratterizzeranno i prossimi mesi tra Sondrio e Valmalenco. Iniziando dalla “Ponte in Fiore”, che dal 31 marzo al 6 maggio caratterizzerà lo splendido borgo di Ponte in Valtellina, per passare all’ormai mitica “Valtellina Vertical Tube Race”, il chilometro più duro al mondo il 7 maggio sulle condotte di Montagna in Valtellina.

In maggio in Valmalenco la X giornata nazionale delle miniere. Doppio appuntamento invece in giugno: Lanzada ospiterà il campionato mondiale (allievi) e italiano (cadetti) di corsa in montagna (16 giugno), a Caspoggio la seconda edizione della festa 3 Days (22-24 giugno).

L’11 luglio il Giro d’Italia femminile arriverà in Valmalenco e toccherà il tragitto Lanzada-Campo Moro. Sempre a Lanzada, sul finire dell’estate, la terza edizione di “Dreamland Music Festival”, dedicato all’electronic dance music e organizzato all’interno dello spettacolo paesaggistico della Valmalenco (7 e 8 settembre).

Senza dimenticare che estate significa anche summer camp: torna “English summer camp”, la tua vacanza studio in inglese, ma in montagna (sondrioevalmalenco.it/nfgkifd.htm).

Ma in Valmalenco la neve non manca mai e anche per questo è arrivato sulle piste del Palù il primo servizio di glamping in alta quota: il primo gatto delle nevi “2 cuori in pista”. Una romantica ed emozionante notte in montagna e il risveglio sarà da togliere il fiato. Una notte che non dimenticherete mai (valmalencoskiresort.com).