Giro Rosa 2018 in Valtellina

Giro Rosa Valtellina 11-12 luglio 2018
Giro Rosa Valtellina 11-12 luglio 2018

“Le tappe che fanno la differenza”. Questo lo slogan scelto per il Giro Rosa 2018 in Valtellina.
Due tappe, e due giornate di festa in provincia di Sondrio, quelle previste per l’11 e il 12 luglio, che si annunciano come momenti clou per indossare la maglia rosa.

Mercoledì 11 luglio la sesta tappa, lunga 114 km, da Sovico salirà in Valgerola per il primo arrivo in vetta.

Il lungo tratto pianeggiante del percorso di giornata sarà il preludio all’ascesa conclusiva, con pendenze costanti, verso Gerola Alta, con traguardo presso il Palagerola, a 1.050 metri di altitudine.
Una salita inedita per il Giro Rosa, dove le concorrenti potranno fare la differenza.

Giovedì 12 luglio un’altra tappa inedita per il Giro Rosa 2018 (la settima).
Una cronoscalata individuale che da Lanzada porta verso la diga di Campo Moro, ad oltre 2.000 metri di quota, ai piedi del Bernina.

Una salita molto ripida con oltre 1.000 metri di dislivello in soli 15 Km.
La maglia rosa tornerà quindi in Valmalenco 30 anni dopo la Bergamo – Chiesa in Valmalenco del 4 giugno 1988.

Ricco weekend pasquale tra Sondrio e Valmalemco

Mostra zootecnica Valmalenco
Mostra zootecnica Valmalenco

Arriva il lungo weekend pasquale e come sempre non mancano eventi in grado di offrire una visione affascinante sulle radici tradizionali di Sondrio e Valmalenco, con finestre aperte su quanto di meglio possa offrire la primavera nel territorio: natura, panorami, sentieri, cultura, borghi e sapori.

Si parte la vigilia di Pasqua con la 31ª Mostra zootecnica mandamentale. A Caspoggio, nel piazzale delle scuole nel centro del paese malenco, inizia la tradizionale rassegna dedicata all’allevamento e alla scoperta di sapori e tradizioni locali. Una delle mostre zootecniche più antiche della Lombardia, e sempre molto partecipata, che vedrà la presenza di una ventina di allevatori e di un’ottantina di capi (sondrioevalmalenco.it/mostrazootecnica.htm).

Dal 1986 è un’occasione per ammirare dal vivo i bovini di “razza bruna” e conoscere la filiera zootecnica, che inizia dalla stalla e passa per la trasformazione, creando piccole produzione di alta qualità. Chicche di genuinità che saranno esposte in vendita diretta e acquistabili fino ad esaurimento. A completare il programma non potevano mancare gare di mungitura, dimostrazioni di arte casearia e i concorsi “tagliere di formaggi” e “Caprino della Valmalenco”.

Quest’ultimo è un formaggio cremoso, a pasta molle o semidura, ricavato dal latte di capra e che sta trovando sempre più spazio nella valle del Mallero. Non mancheranno, inoltre, le occasioni per conoscere il territorio, anche grazie alle visite guidate nelle aziende agricole malenche, vere protagoniste della giornata. E si potrà concludere in bellezza la giornata degustando, sia sabato che domenica, i menù a tema proposti dai numerosi ristoranti aderenti all’iniziativa.

Ma sabato 31 marzo è anche il giorno in cui si apre uno degli eventi turistici e culturali più conosciuti della Valtellina. Fino al 6 maggio la “Ponte in Fiore” caratterizzerà, per la 41ª volta, lo splendido borgo di Ponte in Valtellina. E lo farà in un periodo in cui si apprezza ancora di più la bellezza del paese: incontri corali, concerti di bande, mostre d’arte e fotografiche, spettacoli teatrali e di danza, proiezioni di documentari, convegni un festival letterario per ragazzi che vedrà ospiti autori e illustratori tra i più noti del mondo dell’editoria per ragazzi (biblioponte.eu).

A Pasquetta, come sempre imperdibile, la visita in notturna all’interno della Miniera della Bagnada di Lanzada (ore 18) seguita da cena tipica (sondrioevalmalenco.it/notturnainminiera.htm).
Senza dimenticare che in Valmalenco la neve non manca mai e tutte le piste e gli impianti dell’Alpe Palù sono aperti anche a Pasqua. Per concludere alla grande una stagione record per la Ski Area delle Funivie al Bernina (valmalencoskiresort.com).

Infine, ultima, ma non per importanza, è di queste ore la presentazione ufficiale della tappa del Giro Rosa 2018 che l’11 luglio, esattamente 30 anni dopo la Bergamo – Chiesa in Valmalenco, riporterà in valle la maglia rosa. Prevista la cronometro Lanzada-Campo Moro, che sarà sicuramente un momento clou per la definizione della classifica finale della corsa.

Eventi primaverili e estivi tra Sondrio e Valmalenco

Pizzo Scalino Valmalenco
Pizzo Scalino Valmalenco

Mentre si avvia un altro weekend di eventi, tra Sondrio e Valmalenco si inizia a guardare anche ai prossimi mesi e ad alcune manifestazioni in grado di stuzzicare l’appetito dei turisti e non solo, tra primavera ed estate.

Si parte domani e domenica 18 a Berbenno di Valtellina, il paese di Arianna Fontana, con “San Giusep tanti mestè” e “BerbenBio 2018”, due giorni di eventi che precedono e accompagnano la tradizionale fiera di San Giuseppe, legati all’artigianato, alla cultura gastronomica e ai produttori biologici e biodinamici (sondrioevalmalenco.it/sangiusep.htm).

Sempre domenica, dalle 10 alle 16, la festa dell’Ecomuseo del monte Rolla e passeggiata sui meravigliosi sentieri della montagna sopra Sondrio.
Ricordiamo che sabato 17 si può ciaspolare in Val Poschiavina, mentre domenica è grande l’attesa per la gara del Pizzo Scalino.

Ampliando lo sguardo un po’ più in là cominciamo a parlare di alcuni momenti che caratterizzeranno i prossimi mesi tra Sondrio e Valmalenco. Iniziando dalla “Ponte in Fiore”, che dal 31 marzo al 6 maggio caratterizzerà lo splendido borgo di Ponte in Valtellina, per passare all’ormai mitica “Valtellina Vertical Tube Race”, il chilometro più duro al mondo il 7 maggio sulle condotte di Montagna in Valtellina.

In maggio in Valmalenco la X giornata nazionale delle miniere. Doppio appuntamento invece in giugno: Lanzada ospiterà il campionato mondiale (allievi) e italiano (cadetti) di corsa in montagna (16 giugno), a Caspoggio la seconda edizione della festa 3 Days (22-24 giugno).

L’11 luglio il Giro d’Italia femminile arriverà in Valmalenco e toccherà il tragitto Lanzada-Campo Moro. Sempre a Lanzada, sul finire dell’estate, la terza edizione di “Dreamland Music Festival”, dedicato all’electronic dance music e organizzato all’interno dello spettacolo paesaggistico della Valmalenco (7 e 8 settembre).

Senza dimenticare che estate significa anche summer camp: torna “English summer camp”, la tua vacanza studio in inglese, ma in montagna (sondrioevalmalenco.it/nfgkifd.htm).

Ma in Valmalenco la neve non manca mai e anche per questo è arrivato sulle piste del Palù il primo servizio di glamping in alta quota: il primo gatto delle nevi “2 cuori in pista”. Una romantica ed emozionante notte in montagna e il risveglio sarà da togliere il fiato. Una notte che non dimenticherete mai (valmalencoskiresort.com).

Sondrio e Valmalenco

Sci di fondo in Valmalenco
Sci di fondo in Valmalenco

Marzo, un mese tutto da scoprire tra Sondrio e Valmalenco. Non si è ancora conclusa la stagione della neve, presente come non mai sui monti valtellinesi, e iniziano anche le prime manifestazioni che richiamano la primavera e la voglia di stare in montagna e all’aria aperta. E come sempre c’è l’imbarazzo della scelta per partire e venire a trovarci.

Inizia oggi a Castello Dell’Acqua, e prosegue fino a domenica, la Sagra di Marzo. Rassegne corali, spettacoli teatrali, bancarelle, prodotti tipici e buon cibo nella struttura coperta e riscaldata a poche centinaia di metri dalla strada statale 38 (sondrioevalmalenco.it/SagradiMarzo.htm).
Weekend gustoso anche a Sondrio con Choco Fest (sondrioevalmalenco.it/sondriochocofest.htm).

Ma la neve non manca di certo in Valmalenco e domani all’Alpe Palù si potrà sciare con Giorgio Rocca: tutti in pista col campione (sondrioevalmalenco.it/SciaconRocco.htm).

Domenica 11 marzo doppio appuntamento a San Giuseppe con il 57° trofeo Morelli, gara di sci di fondo a staffetta (centrosportivovalmalenco.it), e l’8° trofeo “La vita è un dono”, gara di sci e snowboard aperta a tutti (lavitaeundono.org).

Sabato 17 marzo si può ciaspolare in Val Poschiavina (sondrioevalmalenco.it/ciapolata.htm), mentre domenica 18 appuntamento con lo scialpinismo e un classico per gli amanti dello sport e della montagna: la gara del Pizzo Scalino (sondrioevalmalenco.it/garadelpizzoscalino.htm).

Sempre domenica 18 l’evento dedicato alle donne a Torre di Santa Maria con la “Camminata in rosa”. Tragitto non competitivo di 7 km, adatto ad ogni età, su sentieri e strade carrozzabili alla scoperta delle località di Ciappanico, Conti, Cà di Risc e Sant’Anna (camminatainrosa@gmail.com).

A fine mese toccherà invece a Caspoggio ospitare la 31ª Mostra Zootecnica Mandamentale.
Sabato 31 marzo, nel piazzale delle scuole, la storica manifestazione riservata al bestiame di razza bruna allevato nei comuni del mandamento sondriese. Previsti concorsi di formaggi, mercatini di prodotti locali, dimostrazione di antichi mestieri, polenta per tutti e menù a tema nei ristoranti aderenti (sondrioevalmalenco.it/mostrazootecnica.htm).

Da segnalare inoltre che il 13 marzo verrà presentato il nuovo sito web del Museo Miniera della Bagnada di Lanzada www.minieradellabagnada.it.
Non mancano quindi i motivi per venire in questo periodo tra Sondrio e Valmalenco, magari approfittando della promozione speciale “End season”, valida dal 15 marzo fino a domenica 8 aprile (Pasqua compresa), per la vacanza che hai sempre sognato, dove la neve non manca mai. (sondrioevalmalenco.it/01_promozioni/endseason.html).

La Valmalenco sul catalogo delle Olimpiadi di PyeongChang

Press Release PyeongChang
Press Release PyeongChang

Gradita sorpresa alla Borsa Internazionale del Turismo per il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco, presente a Milano presso lo stand di Regione Lombardia (postazione 39).

Durante le giornate meneghine, tra un incontro e l’altro con i rappresentanti dei tour operator internazionali, il direttore Roberto Pinna ha scovato nella press release delle Olimpiadi invernali di PyeongChang, distribuita a Milano, una foto dell’Half Pipe dell’Alpe Palù. Non solo.

In questa sorta di catalogo di presentazione del programma e delle specialità olimpiche vengono citati gli ultimi mondiali della Valmalenco come importante appuntamento di preparazione alle gare a cinque cerchi di questi giorni in Corea.

Una notizia che non può che far piacere al territorio tra Sondrio e Valmalenco dove nel weekend si chiude con successo la Sagra di San Bello (sagradisanbello.it). Ultimo fine settimana a Monastero di Berbenno in Valtellina per la festa popolare di origine medioevale istituita per festeggiare il fondatore della prima chiesa del borgo.

Gettonatissime, come sempre, le immancabili pietanze a base di gallina accompagnate dal Maroggia DOCG, all’interno di stand riscaldati. Domenica 18 sono in programma anche una corsa non competitiva e una camminata, in uno splendido percorso panoramico, aperte a tutti e a scopo benefico pro Lega Italiana per la lotta contro i tumori.

Ma prima arriva San Valentino e il Consorzio ha pensato ad offerte sul sito (sondrioevalmalenco.it) sia per il giorno degli innamorati (a Chiareggio) che per il giorno successivo, tra voli in elicottero alla scoperta del massiccio del Bernina e la suggestiva fiaccolata del Palù.
E come se non bastasse sabato 17 con una “notte in miniera” si potrà visitare in notturna la “Bagnada” seguita da una cena tipica, sempre a Lanzada.