“Mamma Roma” – Emiliano Raya

mamma-roma-scaled
mamma-roma-scaled

Dal 17 luglio sarà disponibile in rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali “MAMMA ROMA”, singolo d’esordio di EMILIANO RAYA che ne anticipa il primo album.
Palazzi intorno al cortile che non esistono più, memorie e suoni che si snodano nella periferia di Roma, e poi l’impellente necessità di staccarsi dalle proprie origini per cercare un riscatto altrove: il brano di debutto di EMILIANO RAYA, dal titolo “MAMMA ROMA”, parla di tutto questo, descrivendo il forte senso d’appartenenza alla città d’origine.

Un vero e proprio iter spirituale tra desiderio di riscatto e consapevolezza del legame ancestrale che lega i romani alla città eterna.
«“Mamma Roma” è il mio personale omaggio alla mia città, la capitale italiana, che è una delle città più belle del mondo, carica di memoria e di immagini, suoni ed echi che rimandano ai tanti strati di civiltà che l’attraversano – spiega l’autore a proposito del suo primo singolo – La suggestione che vivo quando cammino per le strade, in ogni angolo, dal centro alle periferie. Nel testo parlo del difficile rapporto di chi, come me, è stato costretto anni fa a lasciare la propria città per cercare fortuna all’estero e che poi ha sentito la nostalgia della propria terra d’origine».

Il videoclip ufficiale di “Mamma Roma”, diretto da Fabio Massimo Iaquone, include una sequenza di immagini animate che trasmette, insieme alle sonorità e al testo, la poesia di un personaggio, calandolo in atmosfere e luoghi che evocano la città di Roma, dal centro storico alle periferie. Un omaggio alla capitale italiana con l’augurio che possa tornare ad essere la meta più ambita e amata dai turisti di tutto il mondo.

Marvasi, singolo d’esordio “Tratti di vernice”

1be7ef15-4fa6-4a00-a70d-a7891b508c49
1be7ef15-4fa6-4a00-a70d-a7891b508c49

Marvasi
Singolo d’esordio
“Tratti di vernice”
In radio e nei digital store da venerdì 26 giugno

Sarà disponibile in radio e nei digital store da venerdì 26 giugno “Tratti di vernice” singolo d’esordio del cantautore romano Marvasi.

“Tratti di vernice” parla di una storia d’amore appena finita, raccontando la quotidianità di un ragazzo che ha perso da poco improvvisamente un punto di riferimento, una certezza nella sua vita.

Racconta Marvasi: “Ho deciso di scrivere le strofe in terza persona ed il ritornello e l’intro in prima per dare un distacco netto e coerente con la storia che ho raccontato. Le strofe del brano descrivono dettagliatamente gli stati d’animo di un ragazzo dopo una rottura: “fu la prima volta che apprezzò il sapore delle sue lacrime…. Passano i mesi ma rimangono i ricordi vivi… come si fa ad essere forti quando la forza si fa in due e all’improvviso ti ritrovi per le tue…”. Il ritornello, invece, descrive le conseguenze di questi stati d’animo:“ e quando mi risveglierò sarai un tratto di vernice su quel muro sporco di noi…”. I tratti di vernice sono una metafora per descrivere quello che rimarrà di lei, di noi: un tratto di vernice lascia un segno che rimane, che non si cancella facilmente”.

Il singolo è accompagnato da un video per la regia di Iulian Purice, la cui protagonista femminile è la giovane attrice Micol Mineo.

Decisivo nel percorso di Marvasi è stato l’incontro con il produttore Leonardo Magara che ha saputo unire la parte compositiva prettamente cantautorale di Marvasi con sonorità elettroniche, avendo come genere di riferimento l’indie-pop. Il risultato finale è un mix di influenze musicali che hanno contribuito a rendere il brano accattivante.
“Tratti di vernice” è un punto di partenza nel percorso musicale di Marvasi che è impegnato in studio alla lavorazione dei prossimi singoli previsti in uscita dopo l’estate.

Biografia
Luca Marvasi è nato a Roma il 3 ottobre 1996. Nel 2004, all’età di 8 anni, inizia a scrivere i primi testi di genere hip-hop ispirandosi ad artisti italiani quali Fabri Fibra, i Club Dogo e J-AX. Nel 2006, incide le sue prime canzoni ed inizia a studiare chitarra. La passione per la musica lo spinge a prendere parte di una band (King’s Of Pop) formata da altri 3 musicisti suoi coetanei. Inizia ad esibirsi, cantando le proprie canzoni, all’età di 12 anni in situazioni quali concerti scolastici e locali privati. Dal 2012 al 2014, fa parte di un duo chiamato “Sinz Yesterday” per il quale escono 2 singoli su YouTube. Nel 2013 esce il primo ed ultimo album dei Sinzyesterday chiamato “10 punti fondamentali”. Terminato il progetto Sinzyesterday, decide di prendersi del tempo per sperimentare nuove sonorità ed affinare le sue doti compositive. Si avvicina molto al cantautorato italiano, studiando i testi di artisti quali Lucio Battisti (e Mogol), Franco Battiato, Ivano Fossati, Fabrizio De Andrè e molti ancora. Nel 2018 decide di studiare canto per migliorare il proprio controllo ed estensione vocale. Nel 2019 incontra Leonardo Magara, suo attuale produttore, con il quale inizia il primo progetto ufficiale con il nome d’arte “MARVASI”. Il primo singolo “Tratti di Vernice” sarà in radio e su tutte le piattaforme digitali dal 26 giugno.

 

 

Malje, “The Game” il singolo d’esordio

Malje-The-Game-copertina-singolo-b-photo-by-Mario-Boccuni
Malje-The-Game-copertina-singolo-b-photo-by-Mario-Boccuni

Malje

Dal 16 giugno in radio e digitale “The Game” il singolo d’esordio

Da martedì 16 giugno in radio e digitale “The Game” (One & Music), il singolo d’esordio di Malje. Il brano divertente e spensierato, racconta di come la vita sia un gioco, quindi bisogna essere curiosi per giocare al meglio.

«Ho voluto dare voce ad una categoria che solitamente non viene enunciata: le donne libere. Coloro le quali vengono additate come nuove streghe. Donne che scevre dai formalismi educazionali decidono di esplorare la loro natura e ne fanno scopo di vita», commenta la cantautrice.

Il videoclip (https://youtu.be/qXFoO9Ff4x8) diretto da Mario Boccuni e Davide Riccardi, è stato girato al Banano Tzunami e in uno studio fotografico di Genova.

«Il video è incentrato su una falsa sensazione di sicurezza, che molte persone provano quando escono il venerdì e il sabato sera. La protagonista inizialmente formale e atteggiata conosce diversi personaggi. Successivamente viene attratta da un nerd che spogliato dai formalismi è sé stesso», affermano i registi.

Cresciuta in una famiglia piena di musica, Elena Cretella in arte MALJE ha dedicato la vita allo studio della voce.

Dalle voci di risonanza alle quadriplonie alle voci sciamaniche di guarigione (Tuva).

Ha composto per il teatro, musicato Shakespeare, Pirandello ed Euripide.

Ha collaborato con jazzisti importanti tra i quali Red Halloway, Shawn Monteiro, Bobby Durham.

Produttrice teatrale e musicale ha insegnato l’uso della voce a cantanti e attori anche televisivi.

Ultimamente collabora con La Furnasetta per produzioni di musica industrial e ha all’attivo tre compilation due delle quali per l’etichetta Inglese Industrial Coast.

Il 16 giugno pubblica “The Game”, il singolo d’esordio che anticipa l’uscita del nuovo album.

https://www.facebook.com/MaljeMusic/