“Genova: l’assist Gruppo Mascio alla ricostruzione”

Gruppo Mascio
Gruppo Mascio

GENOVA: l’assist del Gruppo Mascio alla ricostruzione

 (ex Ponte Morandi). Il progetto riguarda la realizzazione del nuovo nodo stradale della città. Ma non solo: il gruppo guidato da Stefano Mascio è coinvolto nei lavori di bonifica e demolizione degli ex padiglioni della Fiera di Genova, in vista del più ampio intervento del Waterfront di Genova Levante.Il Gruppo Mascio – cooptato per l’efficienza della sua flotta, la sua capacità organizzativa e la sua vocazione tecnologica – è impegnato nei lavori di carico e smaltimento della straordinaria mole di detriti che saranno prodotti dalle demolizioni: ben 30 bilici al giorno. Un lavoro enorme, garantita dal Gruppo Mascio in tempi davvero brevi.

Il progetto Genova sta molto a cuore all’imprenditore, fondatore del Gruppo Stefano Mascio: “In soli quattro mesi porteremo via da Genova 68mila tonnellate di materiale, entrando in una zona importante della città all’interno di un progetto di riqualificazione urbana di altissimo livello. Nel rispetto del centro urbano del capoluogo ligure metteremo a disposizione solo mezzi Euro 6, di ultimissima generazione quindi, in grado di garantire un impatto ambientale minimo, in adesione allo spirito aziendale volto ad assicurare un trasporto su gomma il più possibile pulito, oltre che sicuro. Sono orgoglioso dell’incarico affidato in esclusiva al nostro Gruppo”.

L’incarico è stato conferito al Gruppo Mascio dalla DAF DEMOLIZIONI (Gruppo Donzelli). La scelta non è casuale. Un appalto con volumi così importanti e da realizzare in tempi brevissimi richiede il coinvolgimento di un’azienda molto strutturata. E il parco mezzi Mascio non ha pressoché uguali in Italia: 430 veicoli, cui si aggiungerà una pompa per calcestruzzo di 61 m, realizzata esclusivamente per Mascio. La pompa, che verrà allestita su una motrice a 5 assi Volvo, è in grado di raggiungere i 61 metri di raggio d’azione. L’utilizzo di questo macchinario all’avanguardia permetterà di ridurre notevolmente i tempi di lavoro, gli spostamenti dei mezzi e la qualità del servizio offerto. “LA CIFA, azienda leader nella costruzione di pompe per calcestruzzi,– ha spiegato Stefano Mascio–ha prodotto questa pompa su nostra specifica richiesta”.

Oltre al parco mezzi, per la maggior parte Euro 6, con parziale o totale automazione tramite l’uso di sensori e telecamere, il Gruppo Mascio garantisce il controllo delle lavorazioni da remoto attraverso un APP, che rivela il peso e la velocità di carico e scarico dei materiali, nonché altri dati sui servizi, resi disponibili in tempo reale sia per il Cliente sia per gli addetti nei cantieri. L’APP è in fase di implementazione e a breve andrà ad automatizzare ulteriormente il ciclo produttivo. Con lo Smartphone sarà possibile digitalizzare tutti i documenti cartacei – bolle e rapporti giornalieri degli autisti – e monitorare i tempi dei processi lavorativi.

L’APP sarà collegata direttamente agli automezzi che indicheranno l’inizio e la fine dello scarico dei materiali, ma anche l’inizio e la fine dei turni di lavoro. Gli autisti inseriranno digitalmente la propria scheda tachigrafica permettendo all’APP di generare un report dettagliato su tutto il ciclo di lavoro, la velocità ed i consumi medi dei mezzi, oltre che su eventuali anomalie.

Tecnologia avanzata, sistemi digitali, certificazione dei processi e sicurezza nei cantieri e sulle strade.Move fast, safe, green: ecco l’assist del Gruppo Mascio, per ridisegnare il volto di Genova.

 

Tornano The Offspring

Theoffspring
Theoffspring

IN USCITA IL 16 APRILE SU CONCORD RECORDS 

OGGI DISPONIBILE IL PRIMO SINGOLO

Una delle più quotate punk rock band di tutti i tempi, THE OFFSPRING annuncia la data di uscita del nuovo album, dopo quasi dieci anni di silenzio discografico. Let The Bad Times Roll – decimo album realizzato in studio – uscirà su Concord Records il 16 aprile.  Il primo singolo eponimo “Let The Bad Times Roll” è disponibile già da oggi: ascoltalo QUI.

Leggende e innovatori della scena punk rock della California del Sud, The Offspring hanno venduto più di 40 milioni di dischi in tutto il mondo, vinto innumerevoli premi, e si sono esibiti senza risparmiarsi (più di 500 show nel solo ultimo decennio). La loro musica ha avuto un impatto considerevole anche in film, in televisione e in non pochi videogame, ma alla fine la band (il cantante Dexter Holland, il chitarrista Noodles, il batterista Pete Parada ed il nuovo bassista Todd Morse) ha deciso di concentrarsi sull’uscita di un nuovo album nel 2021.

La nuova musica è stata scritta e registrata a più riprese nel corso degli ultimi anni, in luoghi differenti (incluso lo studio californiano della band, ad Huntington Beach). L’album è il terzo capitolo della collaborazione con il produttore Bob Rock, una leggenda nell’ambiente del rock.

Fedele all’irriverenza graffiante tipica del punk rock, la band e l’autore dei testi Dexter Holland hanno tenuto presenti tematiche attuali, non tirandosi indietro di fronte a vari e diversi argomenti. La traccia che dà il titolo all’album, scritta a fine 2019 e registrata nel 2020, è un riflesso delle sfide fronteggiate dagli Stati Uniti. Dice Holland: “Penso che siamo in un periodo storico unico, in cui i leader mondiali anziché promettere ‘faremo del nostro meglio’ sembrano dirti ‘vai a farti f…”, e questo fa davvero paura.”

Come afferma il chitarrista Noodles: “La gente dice che se tutto deve andare all’inferno, sarebbe il caso – almeno – di farlo alla grande, magari divertendoci. ‘Let the Bad Times Roll!’”

TRACKLISTING

This Is Not Utopia

Let the Bad Times Roll

Behind Your Walls

Army of One

Breaking These Bones

Coming for You

We Never Have Sex Anymore

In the Hall of the Mountain King

The Opioid Diaries

Hassan Chop

Gone Away

Lullaby

Viola Nocenzi, “Viola”

Viola-Nocenzi
Viola-Nocenzi

Uscito il 12 febbraio
VIOLA
Secondo singolo della compositrice e cantante
tratto dal disco omonimo “Viola Nocenzi”, tra le migliori novità italiane 2020
È ONLINE IL VIDEOCLIP
Un grido di speranza e bellezza per il nostro paese
che lotta mantenendo intatta la sua meraviglia
https://youtu.be/vz8-P60rJqE
Esce oggi, 12 febbraio, Viola, suggestivo secondo singolo estratto dal disco di esordio di Viola
Nocenzi (pubblicato lo scorso dicembre su etichetta Santeria e distribuito da Audioglobe). Il
brano è accompagnato da un videoclip, online al link https://youtu.be/vz8-P60rJqE
Cantante e compositrice figlia d’arte, Viola Nocenzi è una rivelazione nel panorama
musicale attuale, e il suo primo lavoro una delle migliori novità italiane del 2020. Personalità
fuori dagli schemi, autentica e molto comunicativa, grazie ad un lavoro coraggioso e interessante,
ha ricevuto l’apprezzamento del pubblico e della critica italiana e internazionale, sia per le
doti compositive e vocali della sua autrice che per la produzione di Gianni Nocenzi, genio
riconosciuto del sound design. Viola è riuscita a convincere sia come artista che come persona.
“Un cielo viola d’autunno demodé, un po’ retrò” canta in questo brano, fotografia dell’attesa di un
amore, veicolo per ritrovare se stessi e la propria parte migliore. Le seducenti linee vocali della
canzone si impongono qui su una metrica che spezza parole e accenti. Composto dalla stessa
Nocenzi su testo di Alessio Pracanica, Viola è anche un grido di speranza: “Anche se le cose
vanno male o sembra tutto difficile, la magia esiste, e la salvezza arriva per chi lavora su se
stesso, per chi ci mette del suo e vede il mondo con la propria anima, i propri valori e ideali.
Bisogna essere unici” racconta l’artista.
Il videoclip di Viola è stato girato sul lago di Como, in due strutture ricettive di grande fascino,
a picco sul lago (Vista Palazzo Lago di Como e Hotel Terminus) con l’obiettivo di sottolineare la
bellezza del nostro paese, che in un momento di grande difficoltà come quello che sta
attraversando lotta per rimanere in piedi mantenendo intatta la sua meraviglia. Una scelta di
solidarietà a favore di coloro che custodiscono e promuovono il nostro patrimonio paesaggistico, di
bellezza e di arte.
Pur muovendosi tra gli spazi del Pop, Viola Nocenzi ha voluto cercare una strada che la
rappresentasse con autenticità, tracciando un cammino poco convenzionale e di grande
suggestione. Un’artista con una sua personalissima cifra stilistica, libera dalle regole del music
business e in grado di dare vita a un genere musicale inedito.
VIOLA NOCENZI
Figlia del fondatore e da sempre anima del Banco del Mutuo Soccorso, Vittorio Nocenzi, Viola inizia a suonare il
pianoforte all’età di quattro anni, in seguito si dedica allo studio del violino e intraprende poi quello del canto
d’opera, affiancandogli successivamente anche l’attività di insegnamento. La sua formazione umanistica e le
stimolanti frequentazioni artistiche all’interno dell’ambiente familiare nel quale è cresciuta, hanno contribuito a
plasmare la personalità di Viola, che si rivela in un intrigante mix di estro, sensibilità e ironia. Laureata in
filosofia del linguaggio, unisce alla sua passione per il cinema d’essai quello per la comunicazione, rimanendo
fedele a quello che per lei è un vero e proprio mantra, oltre che uno stile di vita: “lo studio non è mai
abbastanza”. Conduce, inoltre, una rubrica radiofonica, “Il posto della Viola”, ed è seguitissima sui social grazie
anche al suo prezioso fan club, che porta il medesimo nome. Si definisce “una ragazza tutto rock e d’altri tempi”
e afferma: “Questa terra mi interessa relativamente, ho deciso di essere qui solo per le note. Spero però
di poterla rendere un po’ più bella e quantomeno non disturbare”.
Viola Nocenzi Official
http://www.violanocenzi.com/
https://www.facebook.com/viola.nocenzi/
https://www.instagram.com/nocenziviola/

Non siete soli: corso online gratuito

Nonsietesoli_Confederazione Parkinson
Nonsietesoli_Confederazione Parkinson

Dall’11 febbraio al 10 giugno, ogni giovedì alle ore 17 

Non siete soli: corso online gratuito per le persone con Parkinson e i loro familiari

Diritti, alimentazione, attività fisica e molto altro: in tutto 18 appuntamenti tematici organizzati da Confederazione Parkinson Italia e Fresco Parkinson Institute 

Quali sono i diritti di una persona con Parkinson?

Come si può affrontare la diagnosi e comunicarla alla propria famiglia?

L’attività fisica e una corretta alimentazione servono per contrastare l’avanzare della malattia?

Quali sono le conseguenze psicologiche della pandemia sulle persone con Parkinson?

Queste e molte altre sono le domande a cui rispondono i 18 appuntamenti online gratuiti tenuti da un gruppo multidisciplinare composto dai massimi esperti in campi della neurologia, psicologia, medicina riabilitativa e diritto, e pensati per familiari e caregiver delle persone con Parkinson. Il corso offre gli strumenti e le competenze necessarie a stimolare la partecipazione attiva nella gestione a domicilio della malattia, migliorando il benessere e la qualità di vita dell’intero nucleo familiare.

È questo l’obiettivo dei 18 webinar del corso Non siete soli, promosso da Confederazione Parkinson Italia e Fresco Parkinson Institute ogni giovedì (h.17) a partire dall’11 febbraio fino al 10 giugno.

La malattia di Parkinson è una malattia neurodegenerativa grave, spesso invalidante, caratterizzata da un disturbo progressivo e cronico; si calcola che in Italia colpisca circa 250mila persone, un dato sottostimato poiché non considera le molte persone che, a causa dello stigma sociale, non dichiarano la propria malattia. L’emergenza sanitaria ha colpito in modo particolare le persone con Parkinson, per le quali isolamento forzato e perdita dei tradizionali punti di riferimento, come terapie e visite mediche, hanno portato in molti casi all’aggravarsi della malattia e all’aumento di disturbi “non motori” come insonnia, ansia, depressione, fino a compromettere l’efficacia delle cure.

Molti studi hanno dimostrato che il coinvolgimento attivo del caregiver al percorso di cura rappresenta un importante fattore in grado di rallentare la progressione della malattia e ridurre la sofferenza delle persone con Parkinson. Il corso Non siete soli ha proprio l’obiettivo di fornire ai familiari caregiver le competenze necessarie per la gestione quotidiana a domicilio del malato, per diventare importanti figure di raccordo tra tutti gli specialisti che si occupano della cura della persona con Parkinson: medici, operatori socio-assistenziali e volontari del mondo dell’associazionismo.

Da questo approccio nascono i webinar che forniscono informazioni pratiche secondo un approccio clinico, psicologico e sociale alla malattia; il programma è articolato in tre cicli di incontri settimanali.

Si parte con il ciclo, che va dall’11 febbraio all’11 marzo, “Malattia di Parkinson ed emergenza sanitaria da Covid-19: linee operative”: dai disturbi cognitivi a quelli affettivi si analizzano le conseguenze neurologiche e psicologiche che la pandemia ha avuto sulle persone con Parkinson, dando consigli su come gestirle e affrontarle al meglio.

Dal 18 marzo all’8 aprile seguono gli incontri nell’ambito “La riabilitazione nella malattia di Parkinson”: vengono date informazioni pratiche sulla riabilitazione, sui benefici che l’attività fisica porta alle persone con Parkinson, con esempi concreti di esercizi utili fino all’uso della tecnologia.

Dal 15 aprile al 27 maggio è il turno del ciclo “Aspetti sociali nella malattia di Parkinson”: vengono affrontati temi quali la percezione della malattia da parte della società, i diritti delle persone con Parkinson, l’importanza della terapia occupazionale per la loro qualità di vita e l’eventuale reinserimento lavorativo, la corretta alimentazione e le cure palliative.

In chiusura, il 3 e 10 giugno, 2 appuntamenti realizzati in collaborazione con la Fondazione Zoè, che si occupa di promuovere la corretta comunicazione nell’ambito medico-sanitario, per suggerire come affrontare la diagnosi e come migliorare la comunicazione all’interno del nucleo familiare, con particolare attenzione al rapporto con figli minori.

Nell’anno terribile della pandemia abbiamo visto che la possibilità di proseguire le attività di stimolazione motoria e cognitiva grazie alla Tele Assistenza ha permesso alle persone con Parkinson di ridurre il rischio di isolamento legato al lockdown. #nonsietesoli raccoglie questa necessità promuovendo numerose attività per aiutare le persone con Parkinson e i loro caregiver a migliorare la capacità di occuparsi della propria salute. – commenta Giangi Milesi, presidente di Confederazione Parkinson Italia – Siamo molto contenti della collaborazione con Fresco Parkinson Institute che si occupa di formazione multidisciplinare dedicata ai familiari e si è dotata di una piattaforma appositamente progettata per favorire il ruolo proattivo e protagonista dei partecipanti”.

“La nostra missione è sicuramente complementare a quella della Confederazione Parkinson Italia dato che il nostro impegno a contribuire con tutte le nostre risorse alla lotta contro il Parkinson è focalizzato sull’obiettivo principale di migliorare la qualità di vita dei pazienti in tutte le forme possibili. – sottolinea l’avvocato Paolo Fresco di Fresco Parkinson Institute – In particolare, pensiamo che l’educazione dei familiari e dei caregivers come infermieri, badanti e logopedisti nonché i corsi specialistici per dottori nei vari profili professionali per affrontare le complesse esigenze della persona con Parkinson, siano complementari alle attività che Parkinson Italia, e le organizzazioni ad essa confederate, portano avanti. Siamo felici di poter intraprendere questa collaborazione come un importante passo verso il nostro sforzo comune”.

Per il programma completo: www.parkinson-italia.itwww.frescofoundation.eu

Per partecipare: compilare il form sul sito https://www.frescoparkinsoninstitute.com/academy/corsi-e-convegni/

Per info: segreteria@parkinson-italia.itinfo@frescoparkinsoninstitute.it

Riapre Palazzo Reale e tutte le mostre nel Comune di Milano

Inside_Ph. Lorenzo Passoni
Inside_Ph. Lorenzo Passoni

CULTURA. DA DOMANI RIAPRONO PALAZZO REALE E TUTTE LE MOSTRE NELLE SEDI DEL COMUNE DI MILANO
Consigliata (ma non obbligatoria) la prenotazione online, apertura dal martedì al venerdì, a partire dalle ore 10

Milano, 8 febbraio 2021 – Il programma di apertura degli istituti culturali civici prevede a partire da domani, martedì 9 febbraio, la riapertura di tutte le mostre già inaugurate o allestite nelle sedi espositive e museali del Comune di Milano.

Saranno quindi riaperte al pubblico le mostre già inaugurate e poi chiuse al pubblico dal 4 novembre scorso: “Divine e Avanguardie. Le donne nell’arte russa” e “Prima, donna. Margaret Bourke-White” a Palazzo Reale (orario 10-19.30), “Carla Accardi. Contesti” al Museo del Novecento (orario 10-19.30), “Sotto il Cielo di Nut. Egitto divino” al Museo Archeologico (orario 10-17.30).

Apriranno al pubblico anche le esposizioni temporanee allestite durante il periodo di lockdown e mai aperte al pubblico: “Giuseppe Bossi e Raffaello” al Castello Sforzesco (orario 10-17.30) e l’installazione artistica “Interazioni Antologiche” di Francesco Panozzo presso Casa della Memoria (orario 10-17.30), che sono state raccontate al pubblico attraverso video e immagini sul web. Mentre saranno inaugurate martedì tre nuove mostre: “La prima stagione di Gianni Dova” alla Casa Boschi di Stefano (orario 10-17.30), “Orticanoodles. Inside” allo Studio Museo Francesco Messina (orario 10-17.30), e “Qhapaq Ñan. La grande strada inca” al Mudec – Sala Khaled Assad (orario 10-19.30). Aperte anche “Frida Khalo. Il caos dentro” alla Fabbrica del Vapore e “Philippe Daverio a Milano” alla Cittadella degli Archivi (giorni e orari di apertura sui siti delle mostre).

Le disposizioni vigenti consentono la riapertura di musei e sedi espositive solo nei giorni feriali, pertanto le mostre resteranno aperte dal martedì al venerdì. La prenotazione non è necessaria ma fortemente consigliata per evitare attese, visto il contingentamento imposto dai protocolli di sicurezza, e garantirsi l’ingresso nelle sale.

La mostra “Luisa Lambri. Autoritratto”, allestita al PAC Padiglione d’Arte Contemporanea, aprirà al pubblico martedì 16 (orario 10-19.30).