Bioetica e Diritto alla Salute. Donare per la Vita

Locandina DONARE PER LA VITA
Locandina DONARE PER LA VITA

Si terrà sabato 12 maggio 2018, ore 18.30 – 21:00, presso l’Isola Lo Scoglio, il convegno “Bioetica e Diritto alla Salute. Donare per la Vita”, organizzato dalla FIDAS Porto Cesareo in collaborazione con la FIDAS Leccese, l’ADISCO (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale) e l’ADMO (Associazione Donatori Midollo Osseo).

Cosimo Damiano ARNESANO, presidente FIDAS Porto Cesareo, dice: “Questo convegno apre il calendario delle attività previste per la terza edizione dell’Alto Riconoscimento VIRTU’ E CONOSCENZA”, che vanta il patrocinio oltre che del Comune di Porto Cesareo e della Regione Puglia, anche del MIUR – Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia, della Provincia di Lecce, dell’Università degli Studi di Bari e dell’Università del Salento, dell’Università di Foggia e dell’UNIMED – Unione delle Università del Mediterraneo”.

E aggiunge: “In Italia non ci sono donatori sufficienti per aiutare chi ha bisogno. L’obiettivo di questo convegno, pertanto, è quello di informare e sensibilizzare a compiere un gesto di solidarietà che in molti casi può salvare la vita.

Si parlerà non solo di donazione del sangue, indispensabile per molte terapie e situazioni di emergenza, ma anche di donazione di organi e di tessuti, di donazione di cellule staminali attraverso prelievi dal midollo osseo, dal cordone ombelicale e dalla placenta, utilizzate per curare leucemie, talassemie ed altri gravi patologie”.

Dopo il benvenuto di Salvatore ALBANO (Sindaco di Porto Cesareo), daranno i saluti Emanuele GATTO (Presidente FIDAS Leccese), Cosima SERGI (Presidente FIDAS Puglia), Maria STEA (Presidente ADMO Puglia) e Giuseppe GARRISI (Presidente Nazionale ADISCO). Introdurrà e modererà Laura TUNDO FERENTE (Docente di Filosofia Morale e Bioetica all’Università del Salento). E’ prevista la testimonianza di alcune persone trapiantate.

INTERVERRANNO:
– Angelo OSTUNI (Responsabile del Centro Trasfusionale del Policlinico di Bari e Direttore della Struttura Regionale di Coordinamento della Medicina Trasfusionale della Puglia), si soffermerà su “Il Reclutamento e la gestione del donatore”;
– Nicola CASCAVILLA (Direttore del Dipartimento di Oncoematologia e Trapianto del Midollo Osseo dell’Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni Rotondo), parlerà di “Trapianto del midollo osseo. Scenario attuale e prospettive future;
– Nicola DI RENZO (Direttore Immunoematologia e medicina trasfusionale dell’Ospedale “Vito Fazzi” di Lecce), darà “Indicazioni al trapianto di cellule staminali”;
– Michele SANTODIROCCO (Medical Director della Banca del Cordone Ombelicale della Regione Puglia) tratterà “La funzione della banca del sangue cordonale. Le malattie curabili con l’utilizzo delle cellule del sangue staminale”;
– Vanessa DE PACE (Ricercatrice in Chirurgia Generale Trapianti c/o Ospedale Sant’Orsola di Bologna), relazionerà su “Incremento del donator pool nel trapianto di fegato e rene”.

Concluderà Maurizia PIERRI (Docente Diritto Pubblico Comparto all’Università del Salento), che a 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione della Repubblica Italiana si soffermerà sul diritto alla salute.

Per l’occasione saranno consegnate le Onorificenze ai donatori FIDAS Porto Cesareo, mentre ai giovani che compiono la maggiore età nel 2018 sarà consegnata, in omaggio, una copia della Costituzione della Repubblica Italiana.
L’ingresso è libero.

Porto Cesareo: Giornata Donazione Sangue

Locandina
Locandina

La sezione FIDAS Porto Cesareo organizza per domenica 12 novembre 2017, dalle 08.00 alle 11.30, in Via Piccinni – Largo Scuole Medie, una Giornata di donazione del sangue con l’utilizzo dell’Emoteca della ASL Lecce e, quindi, con la presenza del personale medico ed infermieristico del reparto di Medicina Trasfusionale dell’Ospedale “San Giuseppe” di Copertino.

Donare sangue significa donare una parte di sé e della propria energia vitale a qualcuno che sta soffrendo, ma significa anche garantire al donatore un controllo costante del suo stato di salute.
Si confida nella generosità dei cittadini di Porto Cesareo, e di quanti in questo fine settimana si trovino a trascorrere una vacanza, affinché possano essere raggiunti lusinghieri risultati in termini di donazioni.

Il dio Thot simbolo dell’Alto Riconoscimento “Virtù e Conoscenza”

Virtù e Conoscenza
Virtù e Conoscenza

Si terrà sabato 25 giugno, ore 21:00, sul lungomare di Ponente di Porto Cesareo, la Cerimonia per la consegna dell’Alto Riconoscimento “VIRTU’ E CONOSCENZA”. La serata, condotta da Fabiana PACELLA (Giornalista de “Il Sole 24 Ore”), sarà animata dalla musica degli EUPHONIC (vincitori indiscussi del Premio Barocco band 2016).

Tra gli ospiti Simone Fanizza e Stefano Carlino dei NEVENERA (protagonisti dell’ultima edizione di Amici – Canale 5), RAISSA (la cantante salentina il cui singolo “L’amore in un attimo” è destinato a divenire il tormentone della prossima estate), Franco SGURA (trombettista jazz di fama internazionale) e le ragazze EMOTION DANCE.

In tale occasione, personalità del mondo accademico, ecclesiale, politico e sociale, consegneranno ai vincitori l’Alto Riconoscimento “VIRTÙ E CONOSCENZA”: riproduzione, dal valore simbolico, di una statuetta rappresentante il dio Thot, divinità egizia della scienza e della sapienza, risalente al VI secolo a.C., ora esposta nel Museo Nazionale della Magna Grecia di Taranto.

Le statuette, la cui produzione è stata finanziata dalla BCC di Leverano e da altre aziende sensibili all’iniziativa, sono state realizzate in fibra di cellulosa da Lidiana MIOTTO e Cosimo RACANIELLO, grazie ad un brevetto del Centro Restauro del Materiale Cartaceo di Lecce, per essere consegnate a coloro che con l’ingegno e la loro opera meritoria hanno dato lustro alla terra salentina e mediterranea.

Il Prof. Giuliano VOLPE (Presidente del Consiglio Superiore del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), in qualità di Presidente della Giuria Tecnica che ha avuto il compito di scegliere le personalità da premiare, ha riferito: “E stata una bella esperienza. La Giuria, composta da 30 persone, ha svolto un lavoro esemplare, a porte aperte, quindi fondato sulla trasparenza, correttezza ed imparzialità. Ogni giurato, dopo attenta lettura della documentazione presentata a corredo della candidatura, ha potuto dare due preferenze per ogni sezione del Premio. Il voto è stato segreto ed espresso in decimi. Il “Virtù e Conoscenza”, esaminate le 88 candidature pervenute, è stato così assegnato a chi ha conseguito il punteggio medio più alto”: