Elisa Raho: il nuovo singolo è “Milano”

Elisa Raho
Elisa Raho

Elisa Raho: il nuovo singolo è “Milano”

Si intitola “Milano”, il nuovo singolo di Elisa Raho che torna dopo la pubblicazione di

Insopportabile”, canzone scritta a quattro mani con Valter Sacripanti (noto autore, produttore artistico e batterista).

La cantautrice romana ha calcato il palco della audizioni di Musicultura nel 2018, finalista al prestigioso Premio Bianca d’ Aponte, ha collaborato con grandi autori della musica italiana come Francesco Gazzè e Giuseppe Anastasi.

Google Play: https://bit.ly/2XxZwoJ

Amazon: https://amzn.to/2X8q9Sg

Apple Music: https://apple.co/36C8Tb1

Spotify: https://spoti.fi/3hkVBEU

Youtube Music :https://bit.ly/2M33jFh

“Milano” simboleggia una vita che solitamente corre e che nella sua bellissima velocità travolge. Ci sono poi momenti (come questo in cui ci siamo dovuti fermare) che creano l’occasione per riuscire a capire cosa ha davvero importanza per noi.

“Milano” è una canzone che Elisa definisce “multistrato”, può suggerire tante cose diverse:dipende dallo stato d’animo che abbiamo, in un tempo che apparentemente si ferma e ci obbliga ad ascoltare più profondamente la nostra vita, possiamo vedere cose nuove, trovando il nostro “posto giusto” pur rimanendo fermi dove siamo.

“Il singolo porta il nome di una città che è rappresentativa di una vita che di solito lì corre e che, nella sua bellissima velocità travolge. Poi ci sono momenti, come quello appena passato, in cui siamo obbligati ad ascoltare più profondamente la nostra vita, in cui possiamo osservarci dentro e osservare quello che ci circonda. Alle volte, con un po’ di fortuna, riusciamo a capire cosa è importante davvero per il nostro cuore e cosa desideriamo veramente: nulla di straordinario, di sconvolgente, è solo il modo di dare il posto giusto alle cose e a noi stessi pur rimanendo apparentemente fermi.” ha dichiarato la cantautrice romana.

Co-autore e batterista della canzone è Valter Sacripanti, Docente presso CET scuola autori di Mogol, che Ha calcato grandi palchi in Italia, Europa e Sud America in tournée con Nek, Simone Cristicchi, Frankie HNR, Loredana Bertè, Ricky Portera, Ivan Graziani e molti altri.

Alla realizzazione del brano, hanno partecipato David Pieralisi alle chitarre e Cristian Pratofiorito alle tastiere.

https://www.instagram.com/elisaraho/

https://www.youtube.com/channel/UCokz64Qlo6qZ4r5ZDioWfjQ

https://www.facebook.com/Raho.Elisa/

“Sindrome di Tôret Tour”: Willie Peyo

Willie Peyote
Willie Peyote

Dopo l’esibizione sul palco del Concerto del Primo Maggio a Roma e il successo del lungo tour indoor, che ha collezionato ben 26 sold out in 45 concerti con un’accoglienza da parte del pubblico sempre crescente, Willie Peyote annuncia le prime date estive del suo “Sindrome di Tôret Tour”.

Tra gli appuntamenti previste anche importanti partecipazioni a rassegne nazionali ed internazionali tra cui Musicultura 2018 e Sziget Festival.

“SINDROME DI TÔRET TOUR”
25/05 Milano – MiAmi Festival
07/06 Bologna – Biografilm Park
08/06 Padova – Sherwood Festival
09/06 Livorno – Deep Festival – Fortezza Vecchia
10/06 Nocera Inferiore (SA) – Campania Eco Festival – NUOVA DATA
15/06 Macerata – Musicultura 2018 – NUOVA DATA
16/06 Cosenza – Be Alternative Festival
17/06 Bisceglie (BT) – Baia delle Sirene
21/06 Cannaiola (PG) – AntiFestival
30/06 Cremona – Porte Aperte Festival meets Tanta Robba Festival
05/07 Roma – Villa Ada – NUOVA DATA
13/07 Collegno (TO) – Flowers Festival
14/07 Arezzo – Mengo Music Fest
15/07 Palazzolo sull’Oglio (BS) – Resta in Festa
20/07 Vicenza – JamRock Festival
21/07 Fucecchio (FI) – Reality Bites Festival – NUOVA DATA
25/07 Montecosaro (MC) – Mind Festival
26/07 Torrita di Siena (SI) – Festa de L’Unità
27/07 Verucchio (RN) – Verucchio Music Festival
28/07 Alassio (SV) – Riviera Music Fest
31/07 Filago (BG) – Filagosto Fest
04/08 Lamezia Terme (CZ) – Color Fest
08/08 Budapest – Sziget Festival
13/08 Nemoli (PZ) – WoodSound Festival
22/08 Canicattì (AG) – Moca Festival
07/09 Fiorenzuola d’Arda (PC) – Why not Festival

Nei suoi concerti la componente musicale viene valorizzata dalla Sabauda orchestra precaria formata da Dario Panza alla batteria, Luca Romeo al basso, Danny Bronzini alla chitarra e Frank Sativa (produttore dell’intero disco insieme a Kavah) alle tastiere e samples.

“Leggimi la mano”, nuovo singolo di Francesca Sarasso

Francesca Sarasso cover singolo
Francesca Sarasso cover singolo

A partire da venerdì 12 gennaio sarà in rotazione radiofonica “Leggimi la mano”, nuovo singolo di Francesca Sarasso, scritto dalla stessa cantautrice piemontese insieme a Giulio Nenna. Coprodotto da Rosso di Sera e Babrù Music S.r.l, con la produzione artistica di Giulio Nenna e Andrea DB Debernardi, il brano anticipa l’album d’esordio attualmente in lavorazione. Da oggi è disponibile su YouTube il videoclip del brano.

Questo brano è legato fortemente con l’esperienza del singolo precedente, “Non c’incontriamo mai”, con cui Francesca è arrivata in finale a Musicultura 2017, vincendo il Premio della Critica e il Premio per la Miglior Musica:

“ ‘Leggimi la mano’ è un brano che, con ironia e leggerezza, prova a dipingere l’incertezza, il dubbio e la vista sfocata di orizzonti lontani – racconta Francesca Sarasso -. È una canzone frutto di un incontro avvenuto nelle Marche, durante i sei mesi in gara a Musicultura 2017. Mi è stata presentata, tramite amicizie comuni, una donna, descrittami come una persona che io, da assoluta profana del mondo esoterico, potrei definire molto semplicisticamente come “dotata di una sensibilità particolare”. Ricordo perfettamente il momento in cui le ho chiesto di leggermi la mano. Ho ben impressa quell’immensa curiosità che mi divorava, la voglia di risposte e la paura di ottenerle.

Ricordo di aver persino ammesso guardandola negli occhi di non credere in tutto ciò che non è materiale. Per una questione di piccole coincidenze, non le è stato possibile trovare il tempo necessario per leggermi la mano e ci siamo salutate, con la promessa di ritrovarci. Nel lasso di tempo che mi ha divisa da quello che sarebbe stato il momento in cui l’avrei rivista, è nata “Leggimi la mano”.

Di notte, nel silenzio più totale, nel tentativo di ascoltarmi il più attentamente possibile, ho immaginato e idealizzato il nostro incontro, scrivendo nero su bianco tutto ciò che avrei desiderato chiederle. Scrivere questo brano mi è servito ad accettare ed esorcizzare le mie paure ed è stato utile a ricordarmi che la vita, che è la scommessa più grande, che volenti o nolenti siamo costretti ad affrontare, merita di essere vissuta senza sapere cosa ci accadrà domani. Non a caso, a quella donna, pur avendola reincontrata con piacere, non ho più chiesto nulla del mio futuro.